Normalizzare i dati con Analizzatore tabelle

Normalizzare i dati con Analizzatore tabelle

Nota: Riteniamo importante fornire il contenuto della Guida più recente non appena possibile, nella lingua dell'utente. Questa pagina è stata tradotta automaticamente e potrebbe contenere errori di grammatica o imprecisioni. L'intento è quello di rendere fruibile il contenuto. Nella parte inferiore della pagina è possibile indicare se le informazioni sono risultate utili. Questo è l'articolo in lingua inglese per riferimento.

Quando si importano dati, a volte i dati di origine non vengono correttamente suddivisi in tabelle correlate. Per ottenere il massimo da Access, i dati devono essere normalizzati, ovvero separati in diverse tabelle, ognuna relativa a un'informazione specifica. Tali tabelle sono correlate attraverso elementi chiave di informazione. Analizzatore tabelle è utile durante l'esecuzione di attività critiche: sulla barra multifunzione fare clic su Strumenti database e quindi su Analizza tabella nel gruppo Analizza. Verrà visualizzata la Creazione guidata Analizzatore tabelle.

Nota: Le informazioni contenute in questo argomento si applicano solo a un database desktop di Microsoft Access (con estensione mdb o accdb).

Due tabelle create a partire da una tabella e la query che riporta insieme i relativi dati

1. tabella originale

2. tabelle create da Analizzatore tabelle

3. query creata da Analizzatore tabelle

4. elenco di ricerca

Se il Database di Microsoft Access include una tabella che contiene informazioni ripetitive in uno o più campi, usare Analizzatore tabelle per suddividere i dati in tabelle correlate e memorizzarli in modo più sicuro ed efficace. Questo processo viene chiamato normalizzazione.

Analizzatore tabelle divide una tabella con informazioni ripetitive in diverse tabelle in cui ogni tipo di informazione viene memorizzata una sola volta. In questo modo, il database è più efficiente e più facile da aggiornare, e ha dimensioni ridotte. Dopo che i dati sono stati suddivisi dalla Creazione guidata, è comunque possibile visualizzare e usare i dati in un'unica posizione creando una query con la Creazione guidata.

È possibile usare la query per aggiornare i dati di più tabelle contemporaneamente. La query offre anche funzionalità che fanno risparmiare tempo e aumentano l'accuratezza dei dati.

  • Se si modifica un campo che è ripetuto nella query, tutti i record con tale valore vengono automaticamente aggiornati perché si sta aggiornando solo un campo nella tabella sottostante la query.

  • Dalla nuova tabella la query eredita campi di ricerca, che consentono di modificare i valori dei campi selezionando valori in un elenco anziché digitando il valore corretto. L'elenco di ricerca cerca i valori nella tabella sottostante. Se lo stesso valore è applicabile a più record, è possibile garantire accuratezza e coerenza selezionando ogni volta tale valore nell'elenco.

  • Maschere e report basati in precedenza sulla tabella originale verrà ora automaticamente basati sulla query, in quanto la procedura guidata assegna nome della tabella originale alla query e Rinomina la tabella.

  • Le maschere e i report esistenti che si basano sulla query erediteranno gli aggiornamenti automatici dei campi. Anche le nuove maschere e i nuovi report erediteranno gli elenchi di ricerca.

Amplia le tue competenze su Office
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per il feedback!

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×