Esportare un report Ricerca contenuto

Nota:  Riteniamo importante fornire il contenuto della Guida più recente non appena possibile, nella lingua dell'utente. Questa pagina è stata tradotta automaticamente e potrebbe contenere errori di grammatica o imprecisioni. L'intento è quello di rendere fruibile il contenuto. Nella parte inferiore della pagina è possibile indicare se le informazioni sono risultate utili. Questo è l' articolo in lingua inglese per riferimento.

Invece di esportare il set completo di risultati di ricerca da una ricerca di contenuto nel Centro sicurezza e conformità di Office 365 (e da un contenuto associato a un caso di eDiscovery), è possibile semplicemente esportare gli stessi report che vengono generati quando si esportano i risultati della ricerca.

Quando si esporta un report, viene scaricato in una cartella con lo stesso nome della ricerca di contenuto, con l'aggiunta di _ReportsOnly. Ad esempio, se la ricerca di contenuto è denominata ContosoCase0815, il report viene scaricato in una cartella denominata ContosoCase0815_ReportsOnly. Per un elenco dei documenti inclusi nel report, vedere Contenuto del report

Prima di iniziare

  • Per esportare un report di Ricerca contenuto, è necessario avere il ruolo di gestione dell'esportazione nel Centro sicurezza e conformità di Office 365. Questo ruolo viene assegnato al gruppo di ruoli Responsabile di eDiscovery. Non viene assegnato per impostazione predefinita al gruppo di ruoli Gestione organizzazione. Per altre informazioni, vedere Assegnare autorizzazioni di eDiscovery in Centro sicurezza e conformità di Office 365.

  • Quando si esporta un report, i dati vengono archiviati temporaneamente in un'area di archiviazione di Azure Windows univoca nel cloud Microsoft prima di scaricarla nel computer locale. Assicurarsi che l'organizzazione è possibile connettersi all'endpoint in Azure, ossia *. blob.core.windows.net (il carattere jolly rappresenta un identificatore univoco per l'esportazione). Dati dei risultati della ricerca viene eliminati dall'area di archiviazione Azure due settimane dopo averlo creato.

  • Il computer usato per esportare i risultati della ricerca deve soddisfare i requisiti di sistema seguenti:

    • Windows 7 a 32 o 64 bit e versioni successive

    • Microsoft .NET Framework 4.7

    • Un browser supportato:

      • Microsoft Edge

        o

      • Microsoft Internet Explorer 10 e versioni successive

      Nota: Microsoft non produce estensioni di terze parti o componenti aggiuntivi per le applicazioni ClickOnce. Esportazione dei risultati di ricerca utilizzando un browser non supportato con le estensioni di terze parti o componenti aggiuntivi non sono supportata.

Generare e scaricare un report di Ricerca contenuto

La procedura per generare e scaricare un report di Ricerca contenuto è molto simile a quella per esportare risultati di ricerca.

Passaggio 1: Generare il report da esportare

Il primo passaggio consiste nel preparare il report per l'esportazione nel computer. Quando si prepara il report, i documenti del report vengono caricati in un'area di archiviazione di Azure nel cloud Microsoft.

  1. Passare a https://protection.office.com.

  2. Accedere a Office 365 usando l'account aziendale o dell'istituto di istruzione.

  3. Nel riquadro sinistro del Centro sicurezza e conformità fare clic su Ricerche e indagini > Ricerca di contenuto.

  4. Nella pagina Ricerca contenuto selezionare una ricerca.

  5. Nel riquadro dei dettagli, in Esporta il rapporto in un computer, fare clic su Genera rapporto.

    Nota: Se i risultati di una ricerca risalgono a più di 7 giorni, verrà chiesto di aggiornarli. In questo caso, annullare l'esportazione, fare clic su Aggiorna i risultati della ricerca nel riquadro dei dettagli per la ricerca selezionata e quindi avviare di nuovo l'esportazione del report dopo l'aggiornamento dei risultati.

  6. Nella pagina esportare un report in includere questi elementi dalla ricerca, scegliere una delle opzioni seguenti:

    • Esportare solo elementi indicizzati

    • Esportare elementi indicizzati e non indicizzati

    • Esportare solo elementi non indicizzati

    Per altre informazioni su queste opzioni, vedere Elementi non indicizzati nella ricerca di contenuto.

  7. Scegliere di includere le statistiche di ricerca per tutte le versioni dei documenti di SharePoint. Questa opzione viene visualizzata solo se le origini contenuto per la ricerca includono siti di SharePoint o OneDrive for Business.

  8. Fare clic su Genera rapporto.

    Il report dei risultati della ricerca viene preparato per il download, ovvero i documenti del report verranno caricati nell'area di archiviazione di Azure nel cloud Microsoft. Quando il report è pronto per il download, viene visualizzato il collegamento Scarica il rapporto in Esporta il rapporto in un computer nel riquadro dei dettagli.

Nota: Si può anche esportare un report per una ricerca di contenuto associata a un caso di eDiscovery. A questo scopo, passare a Ricerche e indagini > eDiscovery, selezionare un caso e fare clic su Modifica Icona Modifica . Nella pagina Ricerche selezionare una ricerca, quindi fare clic su Esporta Icona Esporta risultati ricerca > Esporta un rapporto.

Inizio pagina

Passaggio 2: Scaricare il documento

Il passaggio successivo consiste nello scaricare il report dall'area di archiviazione di Azure al computer locale.

  1. Nel riquadro dei dettagli della ricerca per cui è stato generato il report, in Esporta il rapporto in un computer, fare clic su Scarica il rapporto.

    La pagina Scarica report viene visualizzata e contiene le seguenti informazioni relative al report fino a scaricare nel computer in uso.

    • Numero di elementi che verranno scaricati.

    • Dimensioni totali stimate per gli elementi che verranno scaricati.

    • Presenza di elementi indicizzati e non indicizzati nell'esportazione. Gli elementi non indicizzati sono elementi che hanno un formato riconosciuto, sono crittografati o non sono stati indicizzati per altri motivi.

    • Esecuzione o meno del download delle versioni dei documenti di SharePoint.

    • Stato del processo di preparazione dell'esportazione. È possibile iniziare a scaricare il report anche se la preparazione del report non è stata completata.

  2. In Chiave di esportazione fare clic su Copia negli Appunti. Questa chiave verrà usata al passaggio 5 per scaricare il report.

    Importante: Dato che chiunque può installare e avviare lo strumento di esportazione di eDiscovery e quindi usare questa chiave per scaricare il report di ricerca, è importante adottare alcune precauzioni per proteggere la chiave, così come si proteggono le password o altre informazioni correlate alla sicurezza.

  3. Fare clic su Scarica il rapporto.

  4. Se viene chiesto di installare lo strumento di esportazione di eDiscovery di MicrosoftOffice 365, fare clic su Installa.

  5. Nello strumento di esportazione di eDiscovery incollare nella casella appropriata la chiave di esportazione copiata nel passaggio 2.

  6. Fare clic su Sfoglia per specificare il percorso in cui scaricare il report.

  7. Fare clic su Avvia per scaricare i risultati della ricerca nel computer.

    Lo strumento di esportazione di eDiscovery fornisce informazioni sullo stato del processo di esportazione, inclusa una stima del numero (e delle dimensioni) degli elementi ancora da scaricare. Dopo il completamento del processo di esportazione, è possibile accedere ai file nel percorso in cui sono stati scaricati.

Nota: Si può anche scaricare il report per una ricerca di contenuto associata a un caso di eDiscovery. A questo scopo, passare a Ricerche e indagini > eDiscovery, selezionare un caso e fare clic su Modifica Icona Modifica . Nella pagina Esportazioni selezionare un'esportazione di report e quindi fare clic su Scarica il rapporto nel riquadro dei dettagli.

Inizio pagina

Contenuto del report

Quando si genera e si esporta un report sui risultati di una ricerca di contenuto, vengono scaricati i documenti seguenti:

  • Riepilogo dell'esportazione: documento di Excel che contiene un riepilogo dell'esportazione. Include informazioni come il numero di origini contenuto incluse nella ricerca, il numero di risultati di ricerca da ogni posizione del contenuto, il numero stimato di elementi, il numero effettivo di elementi che verrebbero esportati e la dimensione stimata e quella effettiva degli elementi che verrebbero esportati.

    Nota: Se si includono gli elementi non indicizzati quando si esporta il report, il numero di elementi non indicizzati è incluso nel numero totale dei risultati della ricerca stimato e il numero totale dei risultati della ricerca scaricato (se si volesse esportare i risultati della ricerca) presenti nel Esportare i report di riepilogo. In altre parole, il numero totale di elementi di download è uguale al numero totale di risultati previsti e il numero totale di elementi non indicizzati.

  • Manifesto: un file manifesto (in formato XML) contenente informazioni su ogni elemento incluso nei risultati della ricerca.

  • Risultati: documento di Excel che contiene una riga con le informazioni su ogni elemento indicizzato che verrebbe esportato con i risultati della ricerca. Per la posta elettronica, il log dei risultati contiene informazioni su ogni messaggio, tra cui:

    • Posizione del messaggio nella cassetta postale di origine (incluse informazioni sul fatto che il messaggio si trovi nella cassetta postale principale o di archiviazione).

    • Data di invio o ricezione del messaggio.

    • Oggetto del messaggio.

    • Mittente e destinatari del messaggio.

    Per i documenti dei siti di SharePoint e OneDrive for Business, il log dei risultati contiene informazioni su ogni documento, tra cui:

    • URL del documento.

    • URL della raccolta siti in cui si trova il documento.

    • Data dell'ultima modifica del documento.

    • Nome del documento (nella colonna relativa all'oggetto del log dei risultati).

    Nota: Il numero di righe nel report dei risultati deve essere uguale al numero totale dei risultati della ricerca scaricati meno il numero totale di elementi elencati nel report Elementi non indicizzati .

  • Elementi non indicizzati: documento di Excel che contiene informazioni sugli elementi non indicizzati che verrebbero inclusi nei risultati della ricerca. Se si non includono gli elementi non indicizzati quando si genera il report dei risultati di ricerca, il report verrà comunque essere scaricato, ma sarà vuoto.

Inizio pagina

Amplia le tue competenze su Office
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per il feedback!

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×