Domande frequenti sui domini

Nota: Riteniamo importante fornire il contenuto della Guida più recente non appena possibile, nella lingua dell'utente. Questa pagina è stata tradotta automaticamente e potrebbe contenere errori di grammatica o imprecisioni. L'intento è quello di rendere fruibile il contenuto. Nella parte inferiore della pagina è possibile indicare se le informazioni sono risultate utili. Questo è l'articolo in lingua inglese per riferimento.

Questo articolo fornisce le risposte alle domande frequenti sui domini in Office 365.

Se non si riesce a trovare una risposta a una domanda, lasciare un commento per segnalare la risposta mancante, che verrà aggiunta all'elenco.

Ultimo aggiornamento: 3/28/2018

Cos'è la priorità MX?

La posta viene recapitata al server Mail Exchange con il numero di preferenza più basso (priorità più alta), quindi il record MX usato per il routing della posta deve avere il numero di preferenza più basso, in genere 0, o priorità Alta.

  • Quando si crea un record MX, la maggior parte dei provider di hosting DNS richiede di impostare il numero della preferenza.

  • Alcuni provider presentano una casella chiamata preferenza e altri priorità.

  • Alcuni richiedono di specificare un numero mentre altri richiedono di selezionare il livello di priorità basso, medio o alto.

  • Se è presente un solo record MX, è possibile specificare qualsiasi valore per la priorità o la preferenza.

  • Se sono presenti più record MX, accertarsi che quello usato per il routing della posta abbia una priorità più alta rispetto a quello usato per la conferma della proprietà del dominio.

Come si fa a convalidare i record SPF per un dominio?

È importante avere o creare solo un record TXT per SPF. Se si dispone già di un record SPF, è consigliabile aggiungere i nuovi valori Office 365, anziché crearne uno nuovo. Dopo aver aggiunto o aggiornato il record SPF per la posta elettronica Office 365, è necessario controllare per assicurarsi che la sintassi sia corretta con uno di questi strumenti:

Come Office 365 gestisce i record DNS?

Sono disponibili due opzioni per la gestione del DNS con Office 365:

  1. Modificare i record dei server dei nomi (NS) e quindi Office 365 si occupa di tutti i record specifici del servizio, ad esempio la configurazione il record MX per la posta elettronica. (Scelta consigliata)

  2. Aggiungere i record DNS per la posta elettronica e altri servizi Office 365 presso l'host DNS personalmente. (Solo esperti)

1: Office 365 crea e ospita i record DNS

 2: I record DNS vengono gestiti autonomamente

Vantaggi

  • Non è necessario preoccuparsi di commettere errori nei valori che immessi per i record DNS per i servizi di Office 365.

  • Si ottiene una maggiore flessibilità nella scelta del registrar e dell'host DNS. Si può scegliere qualsiasi provider che consenta di cambiare i record del server dei nomi, anche se non supporta tutti i tipi di record necessari.

  • Quando Office 365 aggiunge nuovi record DNS, non è necessario effettuare aggiornamenti.

Svantaggi

  • Non è possibile modificare i propri record DNS per ospitare la posta elettronica all'esterno di Office 365.

  • Se si utilizza già un sito Web pubblico con il proprio dominio per il proprio indirizzo, ad esempio www.fourthcoffee.com, è necessario reindirizzare persone all'indirizzo da Office 365. Configurare il reindirizzamento, è necessario un indirizzo IP statico, non è sempre facilmente disponibile per i siti Web pubblici.

  • Se il registrar corrente non consente di modificare i record del server dei nomi del dominio, è necessario cambiare registrar per usare questa opzione di gestione DNS.

Vantaggi

  • È possibile controllare i record DNS per i servizi di Office 365.

  • Se si dispone di un sito Web pubblico con il proprio dominio per il proprio indirizzo, ad esempio www.fourthcoffee.com, non è necessario usare il reindirizzamento per assicurarsi che sia ancora raggiungibile al sito Web dopo aver configurato il dominio in Office 365.

  • Si dispone della flessibilità necessaria per ospitare la posta elettronica in un'altra posizione, ad esempio su un server di Exchange locale.

Svantaggi

  • È necessario configurare i record DNS per i servizi di Office 365 personalmente (a meno che non si dispone di un dominio GoDaddy).

  • Se l'host DNS corrente non supporta tutti i tipi di record necessari per Office 365, alcune caratteristiche Office 365 non saranno disponibili e potrebbe essere necessario passare a un host DNS diverso. Informazioni sui potenziali limitazioni del servizio.

  • Quando Office 365 cambia i requisiti per i record DNS o aggiunge nuovi servizi, è necessario effettuare gli aggiornamenti manualmente presso l'host DNS.

Cos'è un nome di dominio?

Un dominio è un nome univoco che viene visualizzata dopo il segno @ di indirizzi di posta elettronica e www. negli indirizzi web. In genere utilizza il formato del nome dell'organizzazione e un suffisso Internet standard, ad esempio yourbusiness.com o stateuniversity.edu.

Utilizzo di un dominio personalizzato, ad esempio "rob@contoso.com" con Office 365 consente di compilazione attendibilità e riconoscimento vocale per il marchio.

È possibile acquistare un dominio in Office 365 e lasciare che venga configurato automaticamente oppure acquistarne uno o trasferirne uno già esistente presso un registrar.

È possibile trasferire il dominio all'esterno di Office 365 a un altro provider?

Sì, ma non è possibile trasferire un dominio Office 365 a un altro registrar fino a 60 giorni dopo aver registrato con Office 365.

Seguire la procedura seguente per ottenere il codice Office 365 e quindi passare alla sezione altri del sito Web del registrar per impostare il trasferimento del nome di dominio per tale registrar.

  1. Nell'interfaccia di amministrazione, passare alla pagina domini o scegliere configurazione > domini.

    Se si usa Office 365 Germania, passare alla pagina domini .

    Se si usa Office 365 gestito da 21Vianet, accedere alla pagina domini .

  2. Nella pagina domini selezionare il dominio Office 365 che si desidera trasferire in un altro registrar e scegliere impostazioni di dominio.

  3. In Impostazioni privacy scegliere Abilita trasferimento del dominio.

  4. Seguire la procedura per preparare il trasferimento del dominio.

  5. Dopo aver ottenuto il codice, passare al sito Web del registrar in cui si vuole gestire il nome del dominio in futuro e seguire le istruzioni visualizzate per trasferirlo (cercare la Guida sul sito Web).

  6. Se è necessario visualizzare di nuovo il codice nella pagina Impostazioni dominioOffice 365, scegliere Visualizza il codice di autorizzazione per il trasferimento di dominio.

  7. Dopo avere inserito il trasferimento, è necessario rinnovare il dominio presso il registrar nuovo.

  8. Per completare il processo, tornare alla pagina domini interfaccia di amministrazione e scegliere Il trasferimento di dominio completo.

Come è possibile modificare la modalità di gestione dei record DNS in Office 365 ?

Spostare la gestione del DNS su un host DNS esterno Office 365

  1. Modificare i server dei nomi:

    1. Accedere al registrar del proprio dominio. 

    2. Sul sito Web del registrar trovare l'area in cui vengono aggiornati i record dei server dei nomi e aggiornare i server dei nomi in modo che puntino all'host DNS del dominio. L'host DNS corrisponde spesso al registrar.

  2. Visitare un collegamento per passare alla configurazione guidata del dominio:

    1. Nell'interfaccia di amministrazione, passare alla pagina domini o scegliere configurazione > domini.

      Se si usa Office 365 Germania, passare alla pagina domini .

      Se si usa Office 365 gestito da 21Vianet, accedere alla pagina domini .

    2. Nella pagina domini selezionare il dominio attiva, quindi scegliere Gestione DNS.

  3. Scegliere l'opzione per gestire i record DNS del dominio:

    1. Nella configurazione guidata domini nella pagina configurare i servizi in linea scegliere sarà gestire i propri record DNS e quindi scegliere Avanti.

    2. Aggiungere i record DNS suggeriti dalla procedura guidata nella pagina Aggiornare il DNS al sito Web del registrar. 

    3. Dopo aver aggiunto i record, tornare a Office 365 e scegliere verifica.

Spostare la gestione del DNS per Office 365

  1. Visitare un collegamento per passare alla configurazione guidata del dominio:

    1. Nell'interfaccia di amministrazione, passare alla pagina domini o scegliere configurazione > domini.

      Se si usa Office 365 Germania, passare alla pagina domini .

      Se si usa Office 365 gestito da 21Vianet, accedere alla pagina domini .

    2. Nella pagina domini selezionare il dominio attiva, quindi scegliere Gestione DNS.

  2. Scegliere l'opzione per gestire i record DNS del dominio:

    1. Nella configurazione guidata domini nella pagina configurare i servizi in linea scegliere Set i miei servizi online per l'utente corrente. (Scelta consigliata), quindi scegliere Avanti.

    2. Se il dominio non è ancora stato verificato, eseguire prima la procedura corrispondente.

    3. Nella pagina impostazioni DNS di aggiornamento sono elencati i server dei nomi per Office 365. Passare al registrar per il dominio e aggiornare i server dei nomi ai server dei nomi Office 365.

    4. Dopo aver aggiornato i server dei nomi, attendere almeno un'ora. Scegliere verifica indietro nella creazione guidata in Office 365.

Cosa succede se il provider DNS non supporta alcuni tipi di record?

Se si gestiscono i propri record DNS e l'host DNS non supporta tutti i record DNS che Office 365 esigenze, alcune caratteristiche Office 365 non funzionano. È consigliabile trasferire il dominio a un registrar che supporta i record DNS necessari.

Provider che supportano tutti i record DNS necessari:

  • Dynadot

  • eNomCentral

  • Europe Registry

  • GoDaddy

  • Hover

  • MyHosting.com

  • Name.com

  • Nearly Free Speech

  • Nettica

  • Network Information Center (NIC)

  • Network Solutions

  • Register.com

Record SRV se non sono supportati, le caratteristiche Office 365 seguenti non sono disponibili:

  • Skype for Business online Integrazione della presenza e messaggistica Istantanea con Outlook Web App

  • Comunicazione esterna (federazione) con gli utenti di Skype for Business online in altre organizzazioni.

  • Connettività Internet pubblica (PIC) con gli utenti di Skype for Business online che hanno effettuato l'accesso un account Microsoft (precedentemente noto come Windows Live ID).

Se non sono supportati più record CNAME, che è necessario scegliere tra le caratteristiche seguenti per Skype for Business online:

  • I client mobili e i client desktop di posta elettronica possono usare l'individuazione automatica per trovare automaticamente il servizio Exchange Online in modo che gli utenti possano accedere senza dover immettere il nome del server.

  • i client desktop Skype for Business online usare l'individuazione automatica per trovare automaticamente il servizio Skype for Business online in modo che gli utenti possano accedere senza dover immettere il nome del server.

  • client mobili Skype for Business online usare l'individuazione automatica per trovare automaticamente il servizio Skype for Business online in modo che gli utenti possano accedere senza dover immettere il nome del server.

Se i record SPF/TXT non sono supportati, altre persone potrebbero usare il dominio per inviare posta indesiderata o in altro modo dannosa. I record SPF identificano i server autorizzati a inviare posta elettronica per conto del dominio.

Come è possibile modificare il dominio predefinito in Office 365 ?

È necessario disporre almeno un dominio personalizzato che è stato aggiunto a Office 365 prima di scegliere un dominio predefinito.

  1. Nell'interfaccia di amministrazione, passare alla pagina domini o scegliere configurazione > domini.

    Se si usa Office 365 Germania, passare alla pagina domini .

    Se si usa Office 365 gestito da 21Vianet, accedere alla pagina domini .

  2. Nella pagina Domini scegliere il dominio da impostare come predefinito per i nuovi indirizzi di posta elettronica.

  3. Scegliere Imposta come predefinito.

Non è possibile modificare il nome del dominio .onmicrosoft.com iniziale.

Non è possibile modificare il nome del iniziale . onmicrosoft.de dominio.

Non è possibile modificare il nome del iniziale . partner.onmschina.cn dominio.

È possibile aggiungere sottodomini o più domini a Office 365 ?

Sì! Per aggiungere sottodomini, è necessario gestire impostazioni DNS sul sito Web del registrar. Se si consente Microsoft gestire le impostazioni DNS con i record NS, è possibile aggiungere sottodomini.

Sì! Per aggiungere sottodomini, è necessario gestire impostazioni DNS sul sito Web del registrar. Se si consente Microsoft gestire le impostazioni DNS con i record NS, è possibile aggiungere sottodomini.

Sì! Per aggiungere sottodomini, è necessario gestire impostazioni DNS sul sito Web del registrar. Se si consente 21Vianet gestire le impostazioni DNS con i record NS, è possibile aggiungere sottodomini.

In genere, è possibile aggiungere fino a 900 domini all'abbonamento Office 365.

Ad esempio, si può aggiungere il dominio contoso.com e contosomarketing.come quindi aggiungere sottodomini www.contoso.com, www.partners.contoso.com, www.partners.marketing.contoso.come così via.

Quando si aggiunge un sottodominio, viene automaticamente verificato in base al dominio padre in fase di verifica.

Quando si aggiungono più domini a Office 365, è possibile ospitare uno qualsiasi dei servizi (ad esempio la posta elettronica) in uno qualsiasi dei domini aggiunti. Quando si modifica la posta elettronica a Office 365, aggiornando i record MX del dominio, tutti i messaggi inviati a tale dominio inizierà a essere recapitata in Office 365.

Perché è presente un dominio "onmicrosoft.com"?

Office 365 viene creato un dominio, ad esempio contoso.onmicrosoft.com, quando si effettua l'iscrizione con il servizio. L'ID utente che è necessario creare quando si effettua l'iscrizione include il dominio, ad esempio alan@contoso.onmicrosoft.com.

Se si vuole ottenere un indirizzo di posta elettronica come luca@contoso.com: acquistare il dominio o seguire semplicemente la procedura in Aggiungere gli utenti e il dominio a Office 365 se lo si possiede già.

  • Non è possibile rinominare il dominio onmicrosoft dopo l'iscrizione. Ad esempio, se il dominio iniziale che si è scelto fourthcoffee.onmicrosoft.com, è possibile modificare in modo da essere fabrikam.onmicrosoft.com. Per utilizzare un dominio onmicrosoft.com diverso, è necessario avviare una nuova sottoscrizione con Office 365.

  • Non è possibile rinominare l'URL del sito del team. L'URL del sito del team si basa sul proprio nome di dominio onmicrosoft.com. Purtroppo, a causa l'architettura di SharePoint Online modo funziona, non è possibile rinominare il sito del team.

  • Non è possibile rimuovere il dominio onmicrosoft.Office 365 deve deve rimanere disponibile perché viene utilizzato in background per l'abbonamento. Ma non è necessario usare il dominio personalmente dopo aver aggiunto un dominio personalizzato.

Si può continuare a usare il dominio iniziale onmicrosoft.com anche dopo l'aggiunta di quello personalizzato. È infatti sempre valido per la posta elettronica e altri servizi. La scelta spetta all'utente.

Perché è necessario un dominio "onmicrosoft.de"?

Office 365 crea un dominio, ad esempio contoso.onmicrosoft.de, quando si effettua l'iscrizione con il servizio. L'ID utente che è necessario creare quando si effettua l'iscrizione include il dominio, ad esempio alan@contoso.onmicrosoft.de.

Se si vuole ricevere la posta elettronica aspetto alan@contoso.de: acquistare il dominio o se si dispone già è sufficiente eseguire i passaggi descritti in aggiungere utenti e dominio a Office 365 .

  • Non è possibile rinominare il dominio onmicrosoft dopo l'iscrizione. Ad esempio, se il dominio iniziale che scelto era fourthcoffee.onmicrosoft.de, è possibile modificare in modo da essere fabrikam.onmicrosoft.de. Per utilizzare un dominio diverso onmicrosoft.de, è necessario avviare una nuova sottoscrizione con Office 365.

  • Non è possibile rinominare l'URL del sito del team. L'URL del sito del team si basa sul proprio nome di dominio onmicrosoft.de. Purtroppo, a causa l'architettura di SharePoint Online modo funziona, non è possibile rinominare il sito del team.

  • Non è possibile rimuovere il dominio onmicrosoft.Office 365 deve deve rimanere disponibile perché viene utilizzato in background per l'abbonamento. Ma non è necessario usare il dominio personalmente dopo aver aggiunto un dominio personalizzato.

È possibile continuare a usare il dominio iniziale onmicrosoft.de anche dopo aver aggiunto il dominio. Ancora funziona per posta elettronica e altri servizi, pertanto è la scelta.

Come è possibile verificare lo stato personale organizzazioni no profit o per l'istruzione?

  1. Scegliere configurazione nell'interfaccia di amministrazione di Office 365 per avviare la procedura guidata. (Assicurarsi di accedere prima di tutto a Office 365.)

  2. Per diventare l'amministratore di Office 365 per l'istituto di istruzione, seguire questa procedura per trovare e scegliere l'opzione diventare amministratore in Office 365.

  3. Verrà richiesto di aggiungere un record TXT DNS sul sito Web host DNS del dominio. Perché? Poiché l'accesso all'host DNS e aggiungendo un record per il dominio, si rivelino Office 365 che si possiede il nome di dominio.

  4. Dopo aver aggiunto il record, è possibile tornare al portale di Office 365 e verificare di avere aggiunto, quindi Office 365 possibile controllare.

Dispone di uno strumento no profit e si desidera ottenere Office 365 ? Verificare che l'organizzazione idoneo e quindi iscrizione al servizio.

Per ulteriori informazioni su come diventare l'amministratore di Office 365 per l'istituto? In questo video tutti illustrate.

È possibile pilota Office 365 con pochi indirizzi di posta elettronica del dominio personalizzato?

È possibile, ma presenta alcune limitazioni:

  • Il provider di posta elettronica corrente deve supportare l'inoltro dei messaggi di posta elettronica.

  • È necessario gestire i propri record DNS relativi a Office 365 presso il provider di hosting DNS, anziché con Office 365 gestisca i record. Per informazioni su questo comporta, vedere aggiungere il dominio a Office 365 quando si desidera gestire i propri record DNS.

  • Alcune caratteristiche di Office 365 non saranno disponibili:

  • Gli utenti non saranno in grado di vedere le informazioni sulla disponibilità degli utenti che usano l'altro provider di posta elettronica.

  • Gli amministratori non saranno in grado di amministrare gli account di tutti gli utenti da un'unica posizione.

  • Gli utenti non è in grado di utilizzare il filtro posta indesiderata di Office 365

  1. Accedere all'interfaccia di amministrazione di Office 365

    1. Accedere a Office 365 con l'account aziendale o dell'istituto di istruzione.

    2. Scegliere configurazione > domini.

  2. Verificare che si possiede il dominio da usare

    1. Nella pagina domini scegliere Aggiungi dominio.

    2. Digitare il dominio nel riquadro, in questo esempio cohowinery.com, e scegliere Avanti.

    3. Nella pagina verifica dominio, seguire le istruzioni dettagliate.

    4. Nell'elenco a discesa selezionare il provider di hosting DNS e seguire le istruzioni per mostrare che si è proprietari del dominio.

    5. Scegliere Verifica. L'applicazione delle modifiche apportate al DNS richiede da pochi minuti a 72 ore.

    6. Se la verifica riesce, verrà chiesto di modificare i record DNS.

  3. Contrassegnare il dominio come condiviso in Exchange Online

    1. Accedere all'interfaccia di amministrazione di Exchange (EAC).

    2. In amministrazione di Exchange, nella sezione flusso di posta , fare clic su domini accettati.

    3. Fare doppio clic sul dominio che si desidera modificare.

    4. Nella finestra visualizzata selezionare Inoltro interno.

    5. Fare clic su Salva. L'applicazione di questa impostazione può richiedere alcuni minuti.

  4. Facoltativamente, è possibile sbloccare il server di posta elettronica esistente

    1. Office 365 utilizza Exchange Online Protection (EOP) per la protezione della posta indesiderata. Exchange Online Protection rileva una quantità elevata di posta indesiderata inoltrata dal server di posta elettronica corrente, blocco, che potrebbero impedire l'inoltro dal lavoro. Se si è sicuri con la protezione della posta indesiderata viene utilizzato il provider di posta elettronica, è possibile proprietà consentite al server in Office 365. Tuttavia, sarà inoltre qualsiasi posta indesiderata che arrivano a partire tramite il server originale a vengano gestiti alle cassette postali di Office 365 e non sarà possibile calcolare come Office 365 impedisce la posta indesiderata.

    2. Passare a Amministrazione di Exchange ().

    3. In amministrazione di Exchange, scegliere protezionee quindi scegliere filtro connessioni.

    4. In Elenco indirizzi IP consentiti scegliere + e quindi aggiungere l'indirizzo IP del server della posta, che può essere richiesto al provider di posta elettronica corrente.

  5. Creare account utente e impostare l'indirizzo primario (Rispondi a)

    1. Passare all'interfaccia di amministrazione di Office 365.

    2. Nella barra di spostamento sinistra scegliere Utenti > Utenti attivi.

    3. Creare gli account utente.

    4. Per ogni account scegliere + (nuovo)e compilare le informazioni richieste.

    5. Per mantenere la posta elettronica dell'utente lo stesso come si trova attualmente, il campo nome utente deve corrispondere esattamente l'indirizzo di posta elettronica esistente dell'utente.

    6. Accanto a Nome utente selezionare il nome di dominio personalizzato nell'elenco a discesa.

    7. Scegliere Crea > Chiudi.

  6. Aggiornare i record DNS presso il provider di hosting DNS

    1. Accedere al sito Web del provider di hosting DNS e seguire creare record DNS presso un provider di hosting DNS per la procedura in Office 365. Rendere le eccezioni seguenti:

      1. Non creare un nuovo record MX né modificare il record MX esistente.

      2. Se si ha già un record SPF (Sender Policy Framework) per il provider di posta elettronica precedente, invece di creare un nuovo record SPF (TXT) per Exchange Online, aggiungere semplicemente "include:outlook.com" al record TXT corrente. Ad esempio, "v=spf1 mx include:adatum.com include:spf.protection.outlook.com ~all".

      3. Se non si non esiste un record SPF, modificare quello consigliato da Office 365 per includere il dominio per il provider di posta elettronica corrente più protection.outlook.com. Questo consente i messaggi in uscita da entrambi i sistemi di posta elettronica.

  7. Configurare l'inoltro di posta elettronica presso il provider corrente

    1. Presso il provider di posta elettronica corrente, impostare l'inoltro per gli utenti di account di posta elettronica per il dominio onmicrosoft.com:

    2. Cassetta postale dell'utente deve inoltrare a usera@yourcompany.onmicrosoft.com

    3. Cassetta postale dell'utente B inoltrare a userb@yourcompany.onmicrosoft.com

    4. Al completamento di questo passaggio:

    5. Tutti i messaggi inviati a usera@yourcompany.com e userb@yourcompany.com saranno disponibili in Office 365.

    6. Note:

      1. Contattare il provider di posta elettronica corrente per la procedura di configurazione dell'inoltro esatta.

      2. Non è necessario conservare una copia dei messaggi presso il provider di posta elettronica corrente.

      3. La maggior parte dei provider inoltra la posta elettronica lasciando intatto l'indirizzo di risposta del mittente, pertanto le risposte vengono recapitate al mittente originale.

  8. Verificare il flusso di posta elettronica

    1. Accedere a Outlook Web App usando le credenziali dell'utente.

    2. Eseguire i test seguenti:

    3. Test locale posta elettronica di Office 365. Ad esempio, inviare un messaggio di posta elettronica all'utente B. Questo messaggio di posta elettronica deve essere recapitato immediatamente. In questo scenario, il messaggio non verranno indirizzato alla cassetta postale dell'utente B nel server originale poiché Office 365 individua la cassetta postale come locale.

    4. Test della posta elettronica a un utente nel sistema di posta elettronica. Ad esempio, inviare un messaggio di posta elettronica a c utente. Questo messaggio di posta elettronica deve essere recapitato alla cassetta postale dell'utente C nel server di posta elettronica originale.

    5. Da un account esterno o dall'account di posta elettronica di un dipendente di altro sistema di posta elettronica, verificare che l'inoltro sia impostata correttamente nel sistema di posta elettronica. Ad esempio dall'account di utente C origninal server o un account di Hotmail, inviare l'utente tramite posta elettronica e verificare che arriva nella cassetta postale di Office 365 dell'utente.

  9. Spostare il contenuto delle cassette postali

    1. Perché non ci sono sufficienti due agli utenti di spostare e dall'utente a e B utente entrambe usano Outlook già, è possibile spostare la posta elettronica aprendo il vecchio. File PST in nuovo profilo di Outlook e la copia dei messaggi, gli elementi del calendario, contatti, e così via, come illustrato in importare elementi di Outlook da un File di dati di Outlook (pst). Una volta organizzati in posizioni corrette nella cassetta postale di Office 365, tutti gli elementi è possibile accedervi da qualsiasi dispositivo, in un punto qualsiasi.

    2. Quando sono coinvolte più cassette postali o i dipendenti non sono già usa Outlook, è possibile utilizzare gli strumenti di migrazione disponibili nell'interfaccia di amministrazione di Exchange. Per iniziare, passare di amministrazione di Exchange e seguire le istruzioni in eseguire la migrazione della posta elettronica da un Server IMAP a cassette postali di Exchange Online.

Amplia le tue competenze su Office
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per il feedback!

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×