Determinare se la distribuzione centralizzata dei componenti aggiuntivi funziona per l'organizzazione di Office 365

Nota:  Riteniamo importante fornire il contenuto della Guida più recente non appena possibile, nella lingua dell'utente. Questa pagina è stata tradotta automaticamente e potrebbe contenere errori di grammatica o imprecisioni. L'intento è quello di rendere fruibile il contenuto. Nella parte inferiore della pagina è possibile indicare se le informazioni sono risultate utili. Questo è l' articolo in lingua inglese per riferimento.

La distribuzione centralizzata è il metodo consigliato e più ricco di funzionalità per la maggior parte dei clienti per distribuire i componenti aggiuntivi per Office agli utenti e ai gruppi all'interno dell'organizzazione di Office 365. Gli amministratori di Office 365 possono usare queste istruzioni per determinare se il tenant e gli utenti soddisfano i requisiti per poter usare la distribuzione centralizzata.

Requisiti

Distribuzione centralizzata dei componenti aggiuntivi richiede che gli utenti abbiano Exchange Online e attivo cassette postali di Exchange Online e Office 365 ProPlus. In particolare i seguenti sono i requisiti necessari per utilizzare la funzione di distribuzione centralizzata:

  • Gli utenti devono con Office 2016 ProPlus nei sistemi operativi seguenti:

    • Su Windows: Creazione di Office 16.0.8067 o versioni successive

    • Su Mac: Creazione di Office 15.34.17051500 o versioni successive

  • Per Outlook devono usare una delle versioni seguenti:

    • Versione 2013 A portata di clic: 15.0.4819.1000 o successive

    • Versione 2013 MSI: 15.0.4937.1000 o successive*

    • Versione 2016 A portata di clic: 16.0.7726.5702 o successive

    • Versione 2016 MSI: 16.0.4494.1000 o successive*

    * Nella versione MSI di Outlook, i componenti aggiuntivi installati dall'amministratore verranno visualizzati nell'apposita barra multifunzione in Outlook ma non sono presenti nella sezione "Miei componenti aggiuntivi"

  • La directory deve essere federata con Azure Active Directory.

  • Gli utenti devono accedere a Office 2016 con il proprio ID aziendale.

  • La cassetta postale di Exchange dell'utente deve avere OAuth abilitato.

La distribuzione centralizzata non supporta quanto segue:

  • Componenti aggiuntivi per Word, Excel o PowerPoint in Office 2013

  • Servizio di directory locale

  • Distribuzione di componenti aggiuntivi in SharePoint

  • Distribuzione di componenti aggiuntivi in Office Online Server

  • Distribuzione dei componenti aggiuntivi Component Object Model (COM) o Visual Studio Tools per Office (VSTO)

  • Distribuzioni di Office 365 che non includono Exchange, come Office 365 Business

Requisiti del cliente

La tabella seguente mostra i client che attualmente supportano la funzionalità Distribuzione centralizzata.

Applicazione di Office

2016 - Windows

Office Online

2016 - Mac

Word

segno di spunta

segno di spunta

segno di spunta

Excel

segno di spunta

segno di spunta

segno di spunta

PowerPoint

segno di spunta

segno di spunta

segno di spunta

Outlook

segno di spunta

segno di spunta

segno di spunta

Office Online è supportato per tutti i piani per le aziende di Office 365. Le distribuzioni di Office 365 ProPlus sono supportate solo per i client desktop. Per usare Office 365 ProPlus, è necessario che l'utente abbia un account di Office 365 e che gli sia stata assegnata una licenza. Per altre informazioni, vedere Panoramica di Office 365 ProPlus.

Verifica compatibilità della distribuzione centralizzata di Office 365

Con Verifica compatibilità della distribuzione centralizzata di Office 365, è possibile verificare se gli utenti del tenant sono configurati per l'uso della distribuzione centralizzata per Word, Excel e PowerPoint. Verifica compatibilità non è necessario per il supporto di Outlook. Scaricare Verifica compatibilità qui.

Per eseguire Verifica compatibilità, seguire questa procedura:

  1. Avviare PowerShell.exe.

  2. Eseguire il comando Invoke-CompatibilityCheck, che chiede di specificare i valori per  TenantDomain, ad esempio TailspinToysIncorporated.onmicrosoft.com, e le credenziali di TenantAdmin, quindi richiede il consenso dell'utente.

Nota: A seconda del numero di utenti nel tenant, la verifica potrebbe richiedere minuti o ore.

Al termine dell'esecuzione dello strumento, viene generato un file di output in formato CSV (valori separati da virgola). Il file di output contiene le informazioni seguenti:

  • Nome utente

  • ID utente (indirizzo di posta elettronica dell'utente)

  • Distribuzione centralizzata pronta: se gli elementi rimanenti sono veri

  • SKU di Office: lo SKU di Office per cui è stata assegnata la licenza

  • Office attivato: se Office è stato attivato

  • Cassetta postale supportata: se la cassetta postale è abilitata per OAuth

Scoprire se Office 365 ProPlus è installato

Il modo più semplice per rilevare se un utente ha installato Office 365 ProPlus e lo ha usato di recente consiste nell'usare il report Attivazioni di Microsoft Office, disponibile nell'Interfaccia di amministrazione di Office 365. Il report fornisce un elenco di tutti gli utenti che hanno attivato Office 365 ProPlus negli ultimi 7, 30, 90 o 180 giorni. Ai fini della distribuzione centralizzata, le attivazioni desktop per Windows o Mac rappresentano le colonne più importanti del report. È possibile esportare il report in Excel. Per altre informazioni sul report, vedere Report di Office 365 nell'interfaccia di amministrazione - Attivazioni di Microsoft Office.

Se non si vuole usare il report Attivazioni, è possibile chiedere a un utente di aprire un'applicazione di Office nel proprio computer, ad esempio Word, e quindi scegliere File > Account. In informazioni sui prodotti dovrebbe essere visualizzato Prodotto a sottoscrizione e Microsoft Office 365 ProPlus, come mostrato nell'immagine seguente.

Screenshot di una parte della sezione Informazioni sui prodotti in un'applicazione di Office. Mostra che l'applicazione è un prodotto a sottoscrizione per Office 365 ProPlus.

Per assistenza con Office 365 ProPlus, vedere Suggerimenti per la risoluzione dei problemi per Office 365 ProPlus.

Requisiti di Exchange

Microsoft Exchange archivia i manifesti del componente aggiuntivo all'interno del tenant dell'organizzazione. L'amministratore che distribuisce i componenti aggiuntivi e gli utenti che li ricevono devono avere una versione di Exchange Server che supporta l'autenticazione OAuth. Per impostazione predefinita, le distribuzioni multi-tenant o vNext dedicato di Exchange supportano OAuth. Le distribuzioni legacy dedicate e locali ibride di Exchange possono essere configurate per supportare OAuth. Tuttavia, non è la configurazione predefinita.

Contattare l'amministratore di Exchange dell'organizzazione per sapere quale configurazione è in uso. La connettività OAuth per ogni utente può essere verificata usando il cmdlet di PowerShell Test-OAuthConnectivity.

Assegnazioni di utenti e gruppi

La funzionalità Distribuzione centralizzata attualmente supporta la maggior parte dei gruppi supportati da Azure Active Directory, tra cui Gruppi di Office 365, le liste di distribuzione e i gruppi di sicurezza.

Nota: I gruppi di sicurezza non abilitati alla posta elettronica non sono attualmente supportati.

La tabella seguente mostra le assegnazioni supportate nella distribuzione centralizzata, presupponendo che gli utenti supportino i requisiti client e server accennati in precedenza. La distribuzione centralizzata supporta gli utenti in gruppi di primo livello o in gruppi senza gruppi padre, ma non gli utenti in gruppi annidati o in gruppi con gruppi padre.

Assegnazione a un componente aggiuntivo

Supportato

Utente con assegnazione diretta

Utente con assegnazione di gruppo

Sì, se il gruppo è un gruppo di primo livello (non ha nessun gruppo padre)

No, se il gruppo è un gruppo annidato (ha gruppi padre)

Tutti gli utenti nel tenant

Esaminare l'esempio seguente, in cui Valeria, Pupetta e il gruppo Reparto vendite vengono assegnati a un componente aggiuntivo. Reparto vendite costa occidentale è un gruppo annidato, quindi Gianni e Albertino non sono assegnati a un componente aggiuntivo.

Il diagramma mostra una casella denominata Reparto vendite, che contiene i nomi Luca e Davide ed è connessa a una casella sottostante denominata Vendite costa occidentale con i nomi Gianni e Albertino. Accanto alla casella c'è una X rossa. I nomi Valeria e Pupetta si trovano in alto a destra nel diagramma.

Utente

In che modo l'amministratore assegna il componente aggiuntivo

Assegnato a un componente aggiuntivo?

Luca

Con il gruppo Reparto vendite

Si. Reparto vendite non ha gruppi padre

Davide

Con il gruppo Reparto vendite

Si. Reparto vendite non ha gruppi padre

Valeria

Assegnazione diretta dell'utente

Pupetta

Assegnazione diretta dell'utente

Gianni

Assegnazione non consentita

No. Reparto vendite costa occidentale è annidato

Albertino

Assegnazione non consentita

No. Reparto vendite costa occidentale è annidato

Scoprire se un gruppo contiene gruppi annidati

Il modo più semplice per rilevare se un gruppo contiene gruppi annidati consiste nel visualizzare la scheda contatto del gruppo in Outlook. Se si immette il nome del gruppo nel campo A di un messaggio di posta elettronica e quindi si fa clic sul nome del gruppo quando viene risolto, viene indicato se il gruppo contiene o meno utenti o gruppi annidati. Nell'esempio seguente la scheda Membri della scheda contatto di Outlook per il gruppo di test non visualizza utenti e contiene solo due sottogruppi.

Screenshot della scheda Membri della scheda contatto di Outlook per il gruppo denominato Gruppo di test. Sottogruppo 1 e Sottogruppo 2 vengono visualizzati come membri.

È possibile eseguire la query opposta risolvendo il gruppo per vedere se è un membro di un gruppo. Nell'esempio seguente nella scheda Appartenenza della scheda contatto di Outlook si vede che il sottogruppo 1 è un membro del gruppo di test.

Screenshot della scheda Appartenenza della scheda contatto di Outlook per il gruppo denominato Sottogruppo 1, in cui il Sottogruppo 1 è un membro del gruppo denominato Gruppo di test.

In alternativa, è possibile usare l'API di Azure Active Directory Graph per eseguire query per trovare l'elenco dei gruppi all'interno di un gruppo. Per altre informazioni, vedere Operazioni su gruppi | Riferimento API Graph.

Contattare Microsoft per assistenza

Se si riscontrano problemi nel caricamento del componente aggiuntivo durante l'uso di app di Office Online (Word Online, Excel Online e così via) distribuite a livello centralizzato, può essere necessario contattare il supporto tecnico Microsoft (informazioni). Specificare le informazioni seguenti sull'ambiente di Office 365 nel ticket di supporto.

Piattaforma

Informazioni di debug

Office Online

  • Log di Charles/Fiddler

  • ID tenant (informazioni)

  • ID di correlazione Visualizzare l'origine di una delle pagine di Office, cercare il valore dell'ID di correlazione per inviarlo in:

    <input name="wdCorrelationId" type="hidden" value="{BC17079E-505F-3000-C177-26A8E27EB623}">

    < nome input = "user_id" tipo = "nascosti" valore = "1003bffd96933623" >< / modulo >

Rich client (Windows, Mac)

  • Log di Charles/Fiddler

  • Numero di build dell'app client (preferibilmente come screenshot da File/Account)

Vedere anche

Distribuire i componenti aggiuntivi per Office nell'interfaccia di amministrazione di Office 365

Usare i cmdlet di PowerShell della distribuzione centralizzata per gestire i componenti aggiuntivi

Amplia le tue competenze su Office
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per il feedback!

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×