Creare un riferimento esterno (collegamento) a un intervallo di celle in un'altra cartella di lavoro

Nota: Riteniamo importante fornire il contenuto della Guida più recente non appena possibile, nella lingua dell'utente. Questa pagina è stata tradotta automaticamente e potrebbe contenere errori di grammatica o imprecisioni. L'intento è quello di rendere fruibile il contenuto. Nella parte inferiore della pagina è possibile indicare se le informazioni sono risultate utili. Questo è l'articolo in lingua inglese per riferimento.

È possibile fare riferimento al contenuto delle celle di un'altra cartella di lavoro creando un riferimento esterno. Un riferimento esterno (detto anche collegamento) è un riferimento a una cella o a un intervallo in un foglio di lavoro in un'altra cartella di lavoro di Excel oppure un riferimento a un nome definito in un'altra cartella di lavoro. È possibile fare riferimento all'intervallo di celle specifico, un nome definito per l'intervallo di celle o definire un nome per il riferimento esterno.

  1. Aprire la cartella di lavoro che includerà il riferimento esterno, ovvero la cartella di lavoro di destinazione, e la cartella di lavoro contenente i dati con cui si desidera stabilire il collegamento, ovvero la cartella di lavoro di origine.

  2. Nella cartella di lavoro di origine fare clic su Salva Icona del pulsante sulla barra di accesso rapido.

  3. Selezionare la cella o le celle in cui si vuole creare il riferimento esterno.

  4. Digitare = (segno di uguale). Per eseguire calcoli o funzioni sul valore del riferimento esterno, digitare l'operatore o la funzione che deve precedere il riferimento esterno.

  5. Passare alla cartella di lavoro di origine e quindi fare clic sul foglio di lavoro che include le celle alle quali creare il collegamento.

  6. Selezionare la cella o le celle con cui si desidera stabilire il collegamento.

  7. Tornare alla cartella di lavoro di destinazione. Si noti che il riferimento viene aggiunto automaticamente alla cartella di lavoro di origine e alle celle selezionate nel passaggio precedente.

  8. È possibile modificare la formula nel foglio di lavoro di destinazione.

  9. Premere CTRL+MAIUSC+INVIO.

    Nota: Se si dispone di una versione corrente di Office 365, è sufficiente immettere la formula nella cella di output, quindi premere invio per confermare la formula come formula in forma di matrice dinamica. In caso contrario, la formula deve essere immessa come formula in forma di matrice legacy, digitare la formula nella cella di output o nella cella superiore sinistra dell'intervallo di output e quindi premere CTRL + MAIUSC + INVIO per confermarla. Excel inserisce le parentesi graffe all'inizio e alla fine della formula. Per ulteriori informazioni sulle formule di matrice, vedere Formule in forma di matrice: indicazioni ed esempi.

  1. Aprire la cartella di lavoro che includerà il riferimento esterno, ovvero la cartella di lavoro di destinazione, e la cartella di lavoro contenente i dati con cui si desidera stabilire il collegamento, ovvero la cartella di lavoro di origine.

  2. Nella cartella di lavoro di origine fare clic su Salva Icona del pulsante sulla barra di accesso rapido.

  3. Selezionare la cella o le celle in cui si vuole creare il riferimento esterno.

  4. Digitare = (segno di uguale). Per eseguire calcoli o funzioni sul valore del riferimento esterno, digitare l'operatore o la funzione che deve precedere il riferimento esterno.

  5. Fare clic su Cambia finestre nel gruppo Finestra della scheda Visualizza, fare clic sulla cartella di lavoro di origine e quindi fare clic sul foglio di lavoro contenente le celle da collegare.

    Gruppo finestra sulla barra multifunzione

  6. Premere F3 e selezionare il nome da collegare.

  1. Aprire la cartella di lavoro di destinazione e la cartella di lavoro di origine.

  2. Nel gruppo Nomi definiti della scheda Formule della cartella di lavoro di destinazione fare clic Definisci nome.

    Gruppo nomi definiti sulla barra multifunzione

  3. Nella casella Nome della finestra di dialogo Nuovo nome digitare un nome per l'intervallo.

  4. Nella casella Riferito a eliminare il contenuto e quindi mantenere il cursore nella casella.

    Se il nome contiene una formula, immettere la formula e quindi posizionare il cursore nel punto in cui si desidera inserire il riferimento esterno. Ad esempio, digitare =SOMMA() e quindi posizionare il cursore tra le parentesi.

  5. Fare clic su Cambia finestre nel gruppo Finestra della scheda Visualizza, fare clic sulla cartella di lavoro di origine e quindi fare clic sul foglio di lavoro contenente le celle da collegare.

    Gruppo finestra sulla barra multifunzione

  6. Selezionare la cella o l'intervallo di celle da collegare.

  7. Nella finestra di dialogo Nuovo nome fare clic su OK.

Benché i riferimenti esterni siano analoghi ai riferimenti di cella, vi sono alcune differenze importanti. I riferimenti esterni vengono utilizzati per quantità elevate di dati o formule complesse che interessano diverse cartelle di lavoro. Vengono creati mediante una procedura diversa da quella dei riferimenti di cella e vengono visualizzati in modo diverso in una cella o nella barra della formula.

I riferimenti esterni sono particolarmente utili se risulta poco pratico conservare modelli di foglio di lavoro di grandi dimensioni nella stessa cartella di lavoro.

  • Unire dati di diverse cartelle di lavoro    È possibile collegare cartelle di lavoro di diversi utenti o reparti e successivamente integrare i dati pertinenti in una cartella di lavoro di riepilogo. In questo modo, quando si apporteranno modifiche alle cartelle di lavoro di origine, non sarà necessario modificare manualmente la cartella di lavoro di riepilogo.

  • Creare visualizzazioni di dati diverse    È possibile immettere tutti i dati in una o più cartelle di lavoro di origine e quindi creare una cartella di lavoro di rapporto contenente solo i riferimenti esterni ai dati pertinenti.

  • Semplificare modelli complessi    Suddividendo un modello complicato in una serie di cartelle di lavoro interdipendenti, sarà possibile intervenire sul modello senza aprire tutti i fogli a esso correlati. Le cartelle di lavoro di dimensioni contenute sono più facili da modificare, richiedono poca memoria e minor tempo per aprirle, salvarle e calcolarle.

Se si utilizza un riferimento di cella per creare un riferimento esterno, è quindi possibile applicare formule alle informazioni. Spostandosi tra i vari tipi di riferimenti di cella, è inoltre possibile controllare le celle collegate se si sposta il riferimento esterno. Se ad esempio si utilizza un riferimento relativo, quando si sposta il riferimento esterno, la cella o le celle a cui è collegato vengono modificate per riflettere la nuova posizione nel foglio di lavoro.

Quando si crea un riferimento esterno da una cartella di lavoro a un'altra, è consigliabile utilizzare un nome per fare riferimento alle celle con cui si desidera stabilire il collegamento. È possibile creare un riferimento esterno utilizzando un nome già definito, oppure definire il nome quando si crea il riferimento esterno. Tramite l'utilizzo di un nome, è più semplice ricordare il contenuto delle celle con le quali si stabilisce il collegamento. I riferimenti esterni che utilizzano nomi definiti rimangono invariati quando vengono spostati, in quanto un nome fa riferimento a una cella o a un intervallo di celle specifico. Se si desidera che un riferimento esterno che utilizza un nome definito venga modificato quando lo si sposta, è possibile modificare il nome utilizzato nel riferimento esterno o le celle a cui il nome fa riferimento.

Le formule contenenti riferimenti esterni ad altre cartelle di lavoro vengono visualizzate in due modi, a seconda che la cartella di lavoro di origine, ovvero quella da cui provengono i dati necessari alla formula, sia aperta o chiusa.

Quando l'origine è aperta, nel riferimento esterno viene incluso il nome della cartella di lavoro tra parentesi quadre ([ ]), seguito dal nome del foglio di lavoro, da un punto esclamativo (!) e dalle celle da cui dipende la formula. La formula seguente ad esempio aggiunge le celle C10:C25 della cartella di lavoro denominata Bilancio.xlsx.

Riferimento esterno

=SOMMA([Bilancio.xlsx]Annuale!C10:C25)

Quando l'origine è chiusa, nel riferimento esterno viene incluso l'intero percorso.

Riferimento esterno

=SOMMA('C:\Report\[Bilancio.xlsx]Annuale'!C10:C25)

Nota: Se il nome dell'altro foglio di lavoro o dell'altra cartella di lavoro contiene caratteri non alfabetici, sarà necessario racchiudere il nome o il percorso tra virgolette singole.

Le formule che collegano a un determinato nome in un'altra cartella di lavoro utilizzano il nome della cartella di lavoro seguito da un punto esclamativo (!), quindi il nome. La formula seguente ad esempio aggiunge nell'intervallo denominato Vendite le celle della cartella di lavoro denominata Bilancio.xlsx.

Riferimento esterno

=SOMMA(Bilancio.xlsx!Vendite)

Servono altre informazioni?

È sempre possibile rivolgersi a un esperto nella Tech Community di Excel, ottenere supporto nella community Microsoft o suggerire una nuova caratteristica o un miglioramento in Excel UserVoice.

Amplia le tue competenze su Office
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per il feedback!

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×