Condivisione di calendari in Office 365

Stiamo apportando alcuni miglioramenti alla sincronizzazione dei calendari condivisi in Office 365 in tutte le applicazioni. Questo articolo è destinato agli amministratori IT, ai quali fornisce informazioni utili per comprendere le modifiche in fase di distribuzione.

I miglioramenti sono previsti solo per i calendari condivisi tra persone che usano Exchange Online. Non ci sono variazioni riguardanti i calendari condivisi quando il calendario di una persona è ospitato in Exchange locale.

Ecco i vantaggi previsti per amministratori IT e utenti delle loro organizzazioni al termine di tutti i miglioramenti:

Questi miglioramenti verranno implementati nel corso del prossimo anno. Questo articolo si concentra sulle modifiche già disponibili oggi e fornisce dettagli sui piani futuri. Per una rapida panoramica dei tempi previsti, vedere Sequenza temporale dei miglioramenti ai calendari nei vari client più avanti in questo articolo.

Non si è un amministratore IT? Se non si è amministratori IT e si cercano solo istruzioni su come condividere o delegare un calendario, vedere gli articoli seguenti:

Condividere un calendario

Il primo miglioramento consiste nel fatto che gli utenti possono condividere il calendario da qualsiasi versione di Outlook e avere le stesse opzioni di autorizzazione in tutte le versioni. La tabella seguente mostra lo stato attuale delle attività finalizzate a semplificare la condivisione del calendario.

Applicazione Outlook

Possibilità di condividere un calendario

Autorizzazioni coerenti e semplici durante la condivisione

Note

Outlook per PC

Disponibile a partire dalla versione 1805.

Outlook per Mac

Disponibile a partire dalla versione 16.23.326.1.

Outlook sul Web

Outlook per iOS

Outlook per Android

Calendario di Outlook per Windows 10

✔ Vedere le note

La condivisione di un calendario è abilitata solo per Windows 10 su PC e non verrà rilasciata per Windows 10 Mobile.

Accettare un calendario condiviso

Il secondo miglioramento è che gli utenti possono accettare facilmente gli inviti ai calendari condivisi da qualsiasi applicazione Outlook e vedere i calendari condivisi in tutti i loro dispositivi. La tabella seguente mostra lo stato attuale delle attività finalizzate a semplificare l'accettazione di un invito per un calendario condiviso.

Applicazione Outlook

Possibilità di accettare un calendario condiviso

Quando viene accettato, il calendario condiviso viene sincronizzato in tutti i dispositivi

Note

Outlook per PC

Disponibile a partire dalla versione 1805.

Outlook per Mac

Disponibile a partire dalla versione 16.23.326.1.

Outlook sul Web

Outlook per iOS

Outlook per Android

Calendario di Outlook per Windows 10Calendario per Windows 10

✔ Vedere le note

Non ancora abilitato per tutti gli utenti di Windows 10 Mobile.

Sincronizzare e modificare i calendari condivisi

Il terzo miglioramento è che gli utenti possono visualizzare tutti i loro calendari condivisi in qualsiasi dispositivo o applicazione di calendario. Se qualcuno modifica un calendario condiviso, tutte le altre persone che condividono il calendario vedranno immediatamente le modifiche. Gli utenti noteranno anche miglioramenti delle prestazioni durante la visualizzazione e la modifica dei calendari condivisi. L'uso di un calendario condiviso sarà veloce e affidabile come la gestione di un calendario personale.

Quando un utente condivide il calendario oggi, le persone che accettano l'invito vedranno l'esperienza migliorata del calendario condiviso. Se invece il calendario è stato condiviso prima dell'introduzione di queste modifiche, i miglioramenti non saranno disponibili automaticamente.

Per aggiornare i calendari condivisi esistenti alla nuova esperienza del calendario condiviso, chiedere agli utenti di seguire le istruzioni in Aggiornare un calendario condiviso esistente al nuovo modello più avanti in questo articolo. Dopo che gli utenti avranno eseguito l'aggiornamento al nuovo modello, i calendari condivisi verranno sincronizzati con i loro telefoni cellulari. In futuro, i calendari condivisi esistenti verranno aggiornati automaticamente, ma il processo di aggiornamento automatico non è ancora stato pianificato.

Con la sincronizzazione immediata abilitata, le modifiche apportate da altre persone sono immediatamente visibili nel calendario condiviso. Attualmente, la sincronizzazione immediata non è supportata da tutti i tipi di calendari condivisi. Le sezioni seguenti illustrano i tipi di calendari condivisi e le applicazioni di calendario che supportano la sincronizzazione immediata.

La sincronizzazione immediata è abilitata solo se entrambi gli utenti si trovano nello stesso tenant di Office 365 oppure se il calendario viene condiviso da un utente di Outlook.com.

La tabella seguente include altri dettagli sui tipi di configurazione che supportano la sincronizzazione immediata. In futuro, la sincronizzazione immediata verrà abilitata per tutti i calendari condivisi tra utenti di Office 365 e Outlook.com.

Proprietario del calendario

Destinatario del calendario condiviso

Sincronizzazione immediata abilitata

Note

Office 365

Office 365
(stesso tenant)

Attualmente la sincronizzazione immediata avviene solo quando il calendario viene condiviso direttamente con il destinatario.

Se il destinatario ha le autorizzazioni tramite l'utente predefinito dell'organizzazione, non riceverà gli aggiornamenti di sincronizzazione immediata. Stiamo lavorando a una modifica di questo comportamento. Per questi destinatari, la sincronizzazione viene eseguita all'incirca ogni tre ore.

Office 365

Office 365
(tenant diversi)

La sincronizzazione viene eseguita all'incirca ogni tre ore.

Se la condivisione esterna non è consentita per il tenant del proprietario del calendario, viene considerata come una condivisione del calendario con un utente di terze parti.

Office 365

Outlook.com o
servizio di terze parti come Gmail.com

Questa configurazione attualmente genera un URL di sottoscrizione di calendari Internet (ICS). Il destinatario del calendario condiviso aggiunge il calendario condiviso usando l'URL ICS e l'intervallo di sincronizzazione è determinato dal servizio di calendario del destinatario.

Ad esempio, se il destinatario usa Outlook.com, il calendario verrà aggiornato ogni tre ore circa. Se il destinatario usa Gmail.com, il calendario potrebbe essere aggiornato ogni 24-48 ore.

Outlook.com

Outlook.com

Outlook.com

Office 365

Outlook.com

Servizio di terze parti come Gmail.com

Questa configurazione genera attualmente un URL ICS. Il destinatario aggiunge il calendario condiviso usando l'URL ICS e l'intervallo di sincronizzazione è determinato dal servizio di calendario del destinatario.

Ad esempio, se il destinatario usa Outlook.com, il calendario verrà aggiornato ogni tre ore circa. Se il destinatario usa Gmail.com, il calendario potrebbe essere aggiornato ogni 24-48 ore.

La tabella seguente include altri dettagli sulle applicazioni che supportano la sincronizzazione immediata.

Applicazione

Supporta la sincronizzazione immediata

Note

Outlook per PC

Non ancora disponibile, vedere Note.

La distribuzione della sincronizzazione immediata è prevista nel 2019 per gli utenti di Office 365 nel canale di aggiornamento mensile.

Outlook per Mac

Disponibile a partire dalla versione 16.23.326.1.

Outlook sul Web

Outlook per iOS

Outlook per Android

Calendario di Outlook per Windows 10

Applicazioni REST

Applicazioni Exchange ActiveSync

Nota: Exchange L'API Web Services (EWS) non supporterà la sincronizzazione immediata.

Per usare la sincronizzazione immediata, è necessario che il calendario condiviso sia abilitato per la sincronizzazione immediata e che l'applicazione calendario sia aggiornata.

Se il calendario condiviso è abilitato per la sincronizzazione immediata e l'utente lo sta visualizzando in Outlook sul Web, Outlook per iOS o Outlook per Android, viene usata la nuova esperienza di sincronizzazione.

Se l'utente visualizza il calendario in Outlook per Mac, vedrà la nuova esperienza di sincronizzazione se il calendario è stato aggiunto accettando un invito alla condivisione. Tuttavia, se l'utente ha aggiunto il calendario condiviso tramite File > Apri cartella di altro utenteo se l'utente ha aggiunto l'account come account delegato, vedrà l'esperienza di sincronizzazione precedente. Le modifiche potrebbero comparire più velocemente in Outlook sul Web, Outlook per iOS e Outlook per Android.

Se l'utente visualizza il calendario condiviso in Outlook per PC, vedrà la nuova esperienza di sincronizzazione indipendentemente dal modo in cui è stato aggiunto il calendario. Attualmente, per lo stesso calendario condiviso, le modifiche potrebbero comparire più velocemente in Outlook sul Web, Outlook per iOS, Outlook per Android e Outlook per Mac rispetto a Outlook per PC.

Dettagli tecnici sui miglioramenti relativi ai calendari condivisi

Questa sezione illustra come sono stati realizzati questi miglioramenti e cosa è cambiato nell'architettura dei calendari condivisi in Office 365.

Terminologia

Ecco alcuni termini che verranno usati in questa spiegazione:

  • Calendario condiviso: un calendario condiviso con autorizzazioni di visualizzazione, modifica o delega

  • Proprietario: la persona da cui viene condiviso il calendario

  • Destinatario: la persona con cui viene condiviso il calendario

  • Modello precedente: il comportamento precedente dei calendari condivisi

  • Nuovo modello: il nuovo comportamento dei calendari condivisi

I miglioramenti sono applicabili solo per i calendari condivisi tra gli utenti in Exchange Online. Non ci sono variazioni riguardanti i calendari condivisi quando uno degli utenti è ospitato in Exchange locale.

Attributo

Modello precedente

Nuovo modello

Modalità di archiviazione del calendario condiviso

Nella cassetta postale del destinatario viene archiviata una voce, simile a un collegamento ipertestuale. La voce punta alla cassetta postale del proprietario, ma non archivia dati del calendario nella cassetta postale del destinatario.

Nella cassetta postale del destinatario viene creato un nuovo calendario che contiene una copia del calendario del proprietario (a partire da un anno prima della data di accettazione).

Modalità di accesso del destinatario al calendario condiviso

Legge e scrive direttamente dalla cassetta postale del proprietario.

Legge e scrive dalla copia locale del calendario condiviso archiviata nella cassetta postale del destinatario.

Modalità di sincronizzazione delle modifiche al calendario condiviso

L'applicazione esamina periodicamente la cassetta postale del proprietario per rilevare eventuali modifiche e sincronizzarle.

Il servizio sincronizza immediatamente le modifiche nella copia locale del destinatario. Questo attiva una notifica push all'applicazione che sincronizza immediatamente le modifiche.

Applicazioni che il destinatario può usare per accedere al calendario condiviso

  • Outlook per PC

  • Outlook per Mac

  • Outlook sul Web

  • Outlook per PC

  • Outlook per Mac

  • Outlook sul Web

  • Outlook per iOS

  • Outlook per Android

  • Calendario di Outlook per Windows 10

  • Tutte le applicazioni REST ed EAS

Per altri dettagli, vedere Differenze di funzionalità nei calendari condivisi nel nuovo modello più avanti in questo articolo.

Gli utenti che accettano un nuovo invito per un calendario condiviso da una versione aggiornata di Outlook inizieranno automaticamente a usare il nuovo modello di condivisione del calendario.

Il modo più semplice per gli utenti di verificare se hanno i miglioramenti, ovvero il nuovo modello di condivisione del calendario, consiste nel verificare se il calendario viene visualizzato sul cellulare. In caso affermativo, il calendario condiviso è già aggiornato al nuovo modello.

Se si preferisce usare MFCMapi, verificare che:

  • Nel sottoalbero Calendar sia inclusa una cartella locale per il calendario condiviso.

  • Sia presente una voce nella tabella Common Views > Associated Contents. Il nome della proprietà denominata della voce è SharingCalendarGroupEntryAssociatedLocalFolderId e punterà all'ID della cartella del calendario condiviso locale.

Per avvalersi di questi miglioramenti nei calendari condivisi esistenti, gli utenti devono ricreare il calendario condiviso usando una delle due opzioni seguenti:

  1. Chiedere al proprietario del calendario di condividere nuovamente il calendario con loro. Possono farlo da qualsiasi applicazione Outlook, inclusi Outlook per iOS o Outlook per Android. Devono quindi accettare l'invito al calendario condiviso con una versione aggiornata di Outlook. È importante che l'utente accetti l'invito da una versione aggiornata di Outlook. Se accetta l'invito con una versione precedente di Outlook, i miglioramenti non saranno disponibili nel calendario condiviso. Non è necessario rimuovere i calendari condivisi esistenti prima di accettare nuovamente.

  2. Aprire il calendario da Outlook per iOS o Outlook per Android. Questa opzione non richiede che il proprietario ripeta la condivisione del calendario. L'utente deve semplicemente usare Outlook per iOS o Outlook per Android per aggiungere il calendario condiviso e il calendario verrà aggiornato automaticamente. L'opzione per aggiungere un calendario condiviso è disponibile sotto il modulo del calendario: Fare clic sull'immagine del profilo nell'angolo superiore sinistro per visualizzare l'elenco dei calendari, fare clic sull'icona + in alto a sinistra e selezionare Aggiungi calendari condivisi.

    Nota: Quando un calendario condiviso viene aperto cercando il proprietario del calendario nella directory, viene aggiunto con il modello di condivisione precedente.

In futuro, i calendari condivisi verranno aggiornati al nuovo modello indipendentemente dal metodo scelto dall'utente. Tuttavia, non è ancora stata definita una tempistica per la modifica.

Metodi per sincronizzare i calendari condivisi

Questa sezione illustra dove e quando si verifica la sincronizzazione immediata allo stato attuale. La tabella seguente indica i tipi di sincronizzazione che esistono per i calendari condivisi nel nuovo modello.

Metodo di aggiornamento

Modalità di sincronizzazione delle modifiche

Calendari supportati (attualmente)

Aggiornamenti immediati

Le modifiche vengono sincronizzate immediatamente. Questo vale per i calendari condivisi tra utenti nello stesso tenant di Office 365 o condivisi da un utente di Outlook.com.

  • Condivisi da un utente di Outlook.com con un utente di Outlook.com o Office 365.

  • Condivisi direttamente tra utenti di Office 365 nello stesso tenant.

Aggiornamenti periodici

Le modifiche vengono sincronizzate periodicamente (entro tre ore nella maggior parte dei casi). I destinatari non vedranno immediatamente le modifiche apportate a un calendario condiviso, ma la copia verrà aggiornata a intervalli di alcune ore.

  • Condivisi indirettamente tra utenti di Office 365 nello stesso tenant (usando le autorizzazioni predefinite o tramite un gruppo di sicurezza con più di 100 membri).

  • Condivisi tra utenti di Office 365 in tenant diversi, con la condivisione esterna abilitata.

Sottoscrizione ICS

Quando viene condiviso il calendario, viene generato un URL di sottoscrizione di calendari Internet (ICS). Il destinatario può usare questo URL per aggiungere il calendario condiviso a qualsiasi servizio di calendario. Con gli URL ICS, il servizio di calendario del destinatario decide quando sincronizzare il calendario per la ricezione di nuovi aggiornamenti. Se il destinatario è un utente di Outlook.com, la sincronizzazione verrà eseguita ogni tre ore circa.

  • Condivisi tra utenti di Office 365 in tenant diversi, con la condivisione esterna disabilitata.

  • Condivisi da un utente di Office 365 con un utente di Outlook.com.

  • Condivisi da un utente di Office 365 o Outlook.com con una persona che usa un servizio di calendario di terze parti, ad esempio Gmail.

A un utente può essere concesso l'accesso a un calendario condiviso in uno dei modi seguenti:

  • Autorizzazioni dirette: il proprietario del calendario ha condiviso direttamente con il destinatario e quest'ultimo è inserito singolarmente nell'elenco di autorizzazioni del proprietario del calendario.

  • Autorizzazioni di gruppo: il proprietario del calendario ha condiviso il calendario con un gruppo di sicurezza di cui fa parte il destinatario.

  • Autorizzazioni predefinite: il proprietario del calendario ha impostato un'autorizzazione predefinita per gli utenti della stessa organizzazione e il destinatario ha accesso tramite l'autorizzazione predefinita.

Attualmente la sincronizzazione immediata è abilitata solo per le autorizzazioni dirette e per le autorizzazioni di gruppo, se il gruppo include meno di 100 membri. In futuro, la sincronizzazione immediata verrà abilitata per tutti e tre i tipi di autorizzazione. Inoltre, se l'utente ha condiviso con più di 500 destinatari (ogni persona o gruppo conta come un destinatario), la sincronizzazione immediata non verrà abilitata.

La sincronizzazione immediata per la condivisione all'esterno del tenant non è ancora supportata. La condivisione è comunque possibile in queste configurazioni, ma la sincronizzazione verrà eseguita periodicamente. Esistono due tipi di condivisione tra tenant:

  • Tra un utente di Office 365 e un altro utente di Office 365 (se la condivisione esterna è abilitata).

    Viene creato un calendario condiviso completo ma la sincronizzazione avviene ogni tre ore circa. In futuro la sincronizzazione immediata verrà abilitata per questa configurazione.

  • Tra un utente di Office 365 e un utente di Outlook.com. Se la condivisione esterna è disabilitata, in questo gruppo rientra anche la condivisione con un altro utente di Office 365.

    Al momento della condivisione viene generato un URL ICS, che il destinatario può usare per aggiungere il calendario a qualsiasi servizio di calendario. Con una sottoscrizione ICS, il servizio di calendario del destinatario decide quando sincronizzare la sottoscrizione ICS per la ricezione di nuovi aggiornamenti. Se il destinatario è un utente di Outlook.com o Office 365, la sincronizzazione verrà eseguita ogni tre ore circa.

La condivisione con un utente in un servizio esterno, ad esempio Gmail, è un tipo diverso di condivisione del calendario. In questi scenari, viene generato un URL di sottoscrizione di calendari Internet (ICS) che rimanda al calendario del proprietario. I destinatari possono usare questo URL per visualizzare il calendario in un Web browser oppure aggiungerlo al proprio servizio di calendario aggiungendo un calendario Internet con l'URL ICS. Con le sottoscrizioni ICS, il servizio di calendario del destinatario decide quando sincronizzare la sottoscrizione ICS per la ricezione di nuovi aggiornamenti. Se il destinatario è un utente di Outlook.com, la sincronizzazione verrà eseguita ogni tre ore circa. Se il destinatario usa un altro servizio di calendario, ad esempio Gmail.com, la sincronizzazione potrebbe non avvenire con la stessa frequenza.

Differenze di funzionalità nei calendari condivisi che usano il nuovo modello

I calendari condivisi che usano il nuovo modello si differenziano dal vecchio modello in più aree di funzionalità, tra cui promemoria, autorizzazioni, riunioni delegate e client di terze parti.

Nella prima fase di miglioramento della condivisione dei calendari, i destinatari vedranno sempre "Promemoria=Nessuno" per gli elementi dei calendari condivisi, indipendentemente dal valore del promemoria effettivo per un elemento. Se un destinatario con accesso in modifica cerca di cambiare il promemoria in un elemento di un calendario condiviso, il nuovo valore del promemoria verrà salvato in locale solo per il destinatario e non per il proprietario.

Promemoria nel modello precedente: nel modello di condivisione precedente, il destinatario accedeva direttamente alla cassetta postale del proprietario del calendario. Quando visualizzava un elemento del calendario, quindi, il valore del promemoria era lo stesso che vedeva il proprietario. I client Outlook riuscivano a distinguere i calendari personali da quelli condivisi, quindi non visualizzavano promemoria popup per gli elementi dei calendari condivisi.

Modifica del comportamento nel nuovo modello: nel nuovo modello di condivisione, il calendario condiviso è archiviato in locale nella cassetta postale del destinatario. Di conseguenza, quando le applicazioni per dispositivi mobili sincronizzano questi calendari condivisi, potrebbero non verificare sempre se si tratta di un calendario condiviso. In questi casi, è emerso che sincronizzando il valore di promemoria effettivo con un destinatario che usa un client EAS o REST di terze parti, il destinatario riceve moltissimi promemoria per le riunioni di altre persone. Stiamo studiando come migliorare l'esperienza dei promemoria senza interferire con i client di terze parti.

La tabella seguente contiene alcuni esempi di come i promemoria differiscono tra i vecchi e i nuovi modelli di calendari condivisi.

Scenario

Valore di promemoria visualizzato dal proprietario

Valore di promemoria visualizzato dal destinatario con il modello di condivisione PRECEDENTE

Valore di promemoria visualizzato dal destinatario con il NUOVO modello di condivisione

Il proprietario del calendario crea una riunione nel calendario condiviso con un promemoria di 30 minuti

30 minuti

30 minuti

Nessuno

Il destinatario del calendario crea una riunione nel calendario condiviso con un promemoria di 30 minuti

30 minuti (e i partecipanti ricevono una riunione con un promemoria di 30 minuti)

30 minuti

Nessuno

Il destinatario del calendario modifica la riunione nel calendario condiviso impostando un promemoria di 60 minuti

60 minuti (se la modifica avviene con il modello PRECEDENTE)

30 minuti (se la modifica avviene con il NUOVO modello)

60 minuti

60 minuti (il destinatario riceve un promemoria popup 60 minuti prima dell'inizio della riunione)

In passato non esistevano set coerenti di opzioni a livello di autorizzazione tra i client di Outlook. Come parte di questi miglioramenti, i client Outlook aggiornati visualizzeranno un set di livelli di autorizzazione di condivisione semplificato e coerente.

Livelli di autorizzazione legacy

Livelli di autorizzazione semplificati

Non condiviso

Non condiviso

Nessuno

Nessuno

Periodo di disponibilità

Solo disponibilità

Può visualizzare l'indisponibilità

Disponibilità, ora, oggetto, luogo

Dettagli limitati

Può visualizzare titoli e luoghi

Revisore

Dettagli completi

Può visualizzare tutti i dettagli

Supervisore

Può modificare

Proprietario

Supervisore pubblicazione

Autore pubblicazione

Autore

Autore (2)

Collaboratore

Personalizzato

Personalizzato

Delegato

Delegato

Se il proprietario usa Outlook sul Web, Outlook per iOS, Outlook per Android o Outlook per Mac per modificare le autorizzazioni, la copia del calendario del destinatario viene immediatamente risincronizzata con il nuovo livello di autorizzazione.

Se il proprietario usa un'altra applicazione per modificare le autorizzazioni, il calendario verrà risincronizzato entro qualche ora, ma non immediatamente.

Se il proprietario rimuove le autorizzazioni di qualcuno dal calendario, l'azione viene rilevata entro qualche ora e possono verificarsi tre situazioni:

  • Se il destinatario è nella stessa organizzazione e il proprietario del calendario ha impostato l'utente La mia organizzazione (impostazione predefinita) su un'autorizzazione diversa da Nessuno, il calendario del destinatario verrà aggiornato per riflettere il livello di autorizzazione predefinito dell'utente. Il calendario condiviso userà ancora il modello precedente, ma potrebbe avere un livello di autorizzazione diverso.

  • Se il destinatario è nella stessa organizzazione e il proprietario del calendario non condivide il proprio calendario per l'utente La mia organizzazione (impostazione predefinita), il calendario condiviso verrà rimosso dalla cassetta postale del destinatario. Il calendario condiviso non sarà più presente nell'elenco dei calendari del destinatario.

  • Se il destinatario si trova in un'altra organizzazione, il calendario condiviso non viene più sincronizzato ma non viene rimosso.

I delegati sono sempre stati in grado di visualizzare i messaggi di riunione delegato dal proprio cellulare perché gli inviti vengono recapitati nella posta in arrivo. In precedenza, però, i delegati non potevano in alcun modo sapere se l'invito era destinato a loro o al delegante.

Per ottimizzare questo scenario, in Outlook per iOS e Outlook per Android sono stati aggiunti elementi dell'interfaccia utente per chiarire chi sia il destinatario dell'invito a una riunione. Ad esempio "Ricevuto per Pio Milanesi" nello screenshot seguente indica che l'invito e il messaggio sono per Pio, non per il delegato.

Screenshot di schermata di dispositivo mobile con elemento invito a calendario. Screenshot di schermata di dispositivo mobile con elemento di posta elettronica.

Il nuovo modello di condivisione del calendario è diverso nei client di posta di terze parti in alcuni scenari, descritti di seguito.

  • Nei client EAS, i destinatari con autorizzazioni di sola lettura vedranno l'opzione per creare una riunione o rispondere a una riunione in quel calendario di sola lettura. In questo modo il salvataggio verrà eseguito in locale nella cache del client, ma le modifiche vengono rifiutate dal server. Le modifiche del destinatario non verranno applicate nel calendario del proprietario perché non ha le autorizzazioni di modifica. Questo problema si verifica perché i client EAS non distinguono le autorizzazioni di sola lettura da quelle di lettura-scrittura nei calendari condivisi e considerano tutti i calendari come modificabili.

  • La logica sul lato client di alcuni client di terze parti prevede che l'utente corrente venga sempre aggiunto come partecipante alle riunioni. Di conseguenza, se l'utente usa le app calendario native del proprio telefono e visualizza una riunione nel calendario di un'altra persona, potrebbe vedere il proprio nome nell'elenco dei partecipanti. Questo accade solo se il calendario viene visualizzato in applicazioni di calendario di terze parti. Quando l'utente visualizza la stessa riunione in Outlook per iOS o Outlook per Android, non sarà incluso nell'elenco dei partecipanti.

  • I miglioramenti apportati ai calendari condivisi non sono supportati per i client basati su EWS, quindi non sono disponibili nelle applicazioni di calendario che usano EWS, ad esempio Mac OS X.

    Note: 

    • Outlook per Mac attualmente usa EWS e mostra i calendari condivisi legacy che non hanno questi miglioramenti.

    • L'app Calendario in Mac OS X usa EWS e mostra i calendari condivisi legacy che non hanno questi miglioramenti.

Domande frequenti

Non voglio che i calendari dei miei utenti vengano sincronizzati con i telefoni cellulari. Quali impostazioni posso usare per disabilitare questa funzionalità?

Non è prevista la possibilità di disabilitare i miglioramenti relativi ai calendari condivisi per i tenant.

I miei utenti sono preoccupati per il consumo dei dati quando i calendari condivisi vengono sincronizzati con i telefoni cellulari. Cosa posso dire loro a questo proposito?

Se si deseleziona l'opzione di calendario condiviso nell'elenco dei calendari, Outlook per iOS, Outlook per Android e Windows 10 Mobile non sincronizzeranno i calendari deselezionati. Questo comportamento dovrebbe essere seguito anche dalla maggior parte delle applicazioni per dispositivi mobili.

Questo vale anche per i calendari delle risorse?

Tutti i calendari condivisibili sono idonei per questi miglioramenti. Se un utente condivide il proprio calendario, un calendario della cassetta postale condivisa o un calendario della cassetta postale delle risorse e il destinatario accetta usando Outlook sul Web, Outlook per iOS o Outlook per Android, inizierà a vedere questi miglioramenti.

Esistono però alcune incoerenze, in particolare per le cassette postali delle risorse, per quanto riguarda il modo in cui le autorizzazioni vengono visualizzate nell'elenco delle autorizzazioni di Outlook e nell'elenco delle autorizzazioni dell'interfaccia di amministrazione. Ci stiamo adoperando per ottenere una visualizzazione uniforme delle autorizzazioni. La funzionalità del calendario condiviso, invece, funziona come descritto in precedenza per i calendari delle cassette postali delle risorse e il destinatario potrà visualizzare il calendario delle risorse nel proprio cellulare.

È possibile condividere un calendario con i gruppi di Office 365?

Non ancora, ma è una delle nostre priorità. Attualmente è possibile condividere calendari solo con singoli utenti o gruppi di sicurezza.

Con queste modifiche sarà più semplice per una persona avere diversi delegati per lo stesso calendario?

Questi miglioramenti, in particolare la sincronizzazione più rapida, semplificano la gestione dello stesso calendario da parte di più utenti, ma lo scenario con più delegati non è un obiettivo di questi miglioramenti iniziali. Per ottenere risultati ottimali, un solo delegato dovrebbe gestire il calendario condiviso.

Sequenza temporale dei miglioramenti ai calendari

Di seguito è riportato un riepilogo dello stato attuale dei miglioramenti relativi al calendario. Le tempistiche indicate sono soggette a variazioni.

Miglioramento

Web

PC*

Mac*

iOS

Android

Windows 10 Mobile

Condividere un calendario con autorizzazioni semplificate

✔**

✔***

Non pianificato

Accettare un calendario in modo che usi il nuovo modello

✔**

✔***

Sincronizzazione immediata con il nuovo modello

Canale mensile:
2019

✔***

*Si applica solo ai clienti che hanno acquistato Microsoft Office con un abbonamento mensile o annuale.

**Disponibile a partire dalla versione 1805.

***Disponibile a partire dalla versione 16.23.326.1.

Argomenti correlati

Condividere il calendario in Outlook sul Web per le aziende
Delega del calendario in Outlook sul Web per le aziende
Gestire il calendario di un altro utente in Outlook sul Web

Amplia le tue competenze su Office
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per il feedback!

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×