Video illustra come importare file PST dell'organizzazione per Office 365

Importante :  Il presente articolo è stato tradotto automaticamente, vedere la dichiarazione di non responsabilità. Per visualizzare la versione inglese dell'articolo, fare clic qui.

Vedere uno degli argomenti seguenti per ottenere istruzioni dettagliate per i file PST dell'organizzazione a Office 365 l'importazione in blocco.

Caricamento nel cloud

Usare il caricamento tramite rete per importare file PST in Office 365

Disco rigido

Usare la spedizione unità per importare file PST in Office 365

Suggerimento : Gli argomenti precedenti erano rivolti agli amministratori. Se si intende importare file PST nella propria cassetta postale, vedere Importare posta elettronica, contatti e calendario da un file PST di Outlook

È possibile usare il servizio di importazione nel Centro sicurezza e conformità di Office 365 per importare rapidamente i file PST in blocco nelle cassette postali di Exchange Online nell'organizzazione di Office 365. Per importare file PST in Office 365 sono disponibili due procedure:

Caricamento nel cloud

Caricamento tramite rete

Caricare i file PST tramite la rete in una posizione di archiviazione temporanea di Azure nel cloud Microsoft. Usare quindi il servizio di importazione di Office 365 per importare i dati PST nelle cassette postali dell'organizzazione di Office 365.

Disco rigido

Spedizione unità

I file PST vengono copiati in un disco rigido con crittografia Bitlocker, che viene quindi spedito fisicamente a Microsoft. Quando Microsoft riceve il disco rigido, il personale del datacenter carica i dati in una posizione di archiviazione temporanea di Azure nel cloud Microsoft. Si usa quindi il servizio di importazione di Office 365 per importare i dati nelle cassette postali dell'organizzazione di Office 365.

Ecco un'illustrazione e una descrizione del processo di importazione PST completo. La figura mostra il flusso di lavoro principale ed evidenzia le differenze tra i metodi di caricamento tramite rete e di spedizione unità.

Flusso di lavoro del processo di importazione PST
  1. Scaricare la chiave e gli strumenti di importazione PST in una posizione di archiviazione privata di Azure   Il primo passaggio consiste nello scaricare la chiave di accesso e lo strumento usati per caricare i file PST o nel copiarli in un disco rigido. Per ottenerli, usare la pagina di importazione nel Centro sicurezza e conformità di Office 365. La chiave fornisce all'utente o al personale del datacenter Microsoft, nel caso di una spedizione unità, le autorizzazioni necessarie per caricare i file PST in una posizione di archiviazione di Azure privata e sicura. Questa chiave di accesso è univoca per l'organizzazione e consente di impedire l'accesso non autorizzato ai file PST dopo il caricamento nel cloud Microsoft. L'importazione di file PST in Office 365 non richiede un altro abbonamento a Azure per l'organizzazione.

  2. Caricare o copiare i file PST   Il passaggio successivo è diverso a seconda che si usi il caricamento tramite rete o la spedizione unità per importare i file PST. In entrambi i casi si userà lo strumento e la chiave di archiviazione sicura ottenuti nel passaggio precedente.

    • Caricamento tramite rete   Lo strumento AzCopy.exe, scaricato nel passaggio 1, viene usato per caricare e archiviare i file PST in una posizione di archiviazione di Azure nel cloud Microsoft. La posizione di archiviazione di Azure in cui si caricano i file PST si trova nello stesso datacenter Microsoft locale in cui si trova l'organizzazione di Office 365.

      Per caricarli, i file PST da importare in Office 365 devono trovarsi in una condivisione file o in un file server dell'organizzazione.

    • Spedizione unità   Lo strumento WAImportExport.exe, scaricato nel passaggio 1, viene usato per copiare i file PST sul disco rigido. Questo strumento crittografa il disco rigido con BitLocker e copia i file PST nel disco rigido. Come per il caricamento tramite rete, i file PST da copiare nel disco rigido devono trovarsi in una condivisione file o in un file server dell'organizzazione.

    Suggerimento :  Per trovare i file PST dell'organizzazione per poterli copiare in una condivisione file o in un file server, è possibile usare il nuovo strumento Raccolta PST. Per altre informazioni, vedere Usare lo strumento Raccolta PST per trovare, copiare ed eliminare file PST nell'organizzazione.

  3. Creare un file di mapping dell'importazione PST   

    Dopo aver caricato i file PST nella posizione di archiviazione di Azure o averli copiati in un disco rigido, il passaggio successivo consiste nel creare un file con valori separati da virgola (CSV) che specifica in quali cassette postali degli utenti verranno importati i file PST. I file PST possono essere importanti nella cassetta postale principale dell'utente o nella cassetta postale di archiviazione. Il servizio di importazione di Office 365 userà le informazioni per importare i file PST.

  4. Creare un processo di importazione PST   Il passaggio successivo consiste nel creare un processo di importazione PST nella pagina Importa del Centro sicurezza e conformità e nell'inviare il file di mapping dell'importazione PST creato nel passaggio precedente. Poiché i file PST sono stati caricati in Azure, per il caricamento tramite rete Office 365 analizza i dati nei file PST e offre la possibilità di impostare filtri per controllare i dati effettivamente importati nelle cassette postali specificate nel file di mapping dell'importazione PST.

    Per la spedizione unità, a questo punto del processo vanno considerati altri fattori.

    • Il disco rigido viene spedito fisicamente al datacenter Microsoft (l'indirizzo di spedizione per il datacenter Microsoft viene visualizzato quando viene creato il processo di importazione)

    • Quando Microsoft riceve il disco rigido, il personale del datacenter carica i file PST del disco rigido nella posizione di archiviazione di Azure per l'organizzazione. Come spiegato in precedenza, i file PST vengono caricati in una posizione di archiviazione di Azure che si trova nello stesso datacenter Microsoft locale in cui si trova l'organizzazione di Office 365.

      Nota : I file PST sul disco rigido vengono caricati in Azure entro 7 a 10 giorni dopo che Microsoft ha ricevuto il disco rigido.

      Come nel processo di caricamento in rete, Office 365 analizza i dati nei file PST e offre la possibilità di impostare filtri per controllare i dati effettivamente importati nelle cassette postali specificate nel file di mapping dell'importazione PST.

    • Microsoft rispedisce il disco rigido al mittente.

  5. Filtrare i dati PST che saranno importati nelle cassette postali   Dopo aver creato il processo di importazione e aver caricato i file PST da un processo di spedizione unità alla posizione di archiviazione di Azure, Office 365 analizza i dati nei file PST in modo sicuro identificando l'età degli elementi e i diversi tipi di messaggio inclusi nei file PST. Quando l'analisi è completa e i dati sono pronti per l'importazione, è possibile scegliere di importare tutti i dati contenuti nei file PST o selezionare i dati importati impostando dei filtri che controllano quali file importare.

  6. Avviare il processo di importazione PST   Dopo l'avvio del processo di importazione, Office 365 usa le informazioni nel file di mapping dell'importazione PST per importare i file PST dalla posizione di archiviazione di Azure alle cassette postali degli utenti. Le informazioni sullo stato del processo di importazione, incluse quelle relative a ogni file PST da importare, vengono visualizzate nella pagina Importa nel Centro sicurezza e conformità. Al termine del processo di importazione, lo stato del processo è impostato su Completato.

Inizio pagina

Questo articolo contiene alcune domande frequenti relative all'uso del servizio di importazione di Office 365 per importare in blocco i file PST nelle cassette postali di Office 365.

Domande frequenti sull'uso del caricamento tramite rete per l'importazione di file PST

Domande frequenti sull'uso della spedizione unità per l'importazione di file PST

Uso del caricamento tramite rete per l'importazione di file PST

Quali autorizzazioni sono necessarie per creare processi di importazione nel Servizio importazione dati per Office 365?

Per importare file PST nelle cassette postali di Exchange Online, è necessario avere il ruolo di importazione/esportazione di cassette postali di Office 365. Per impostazione predefinita, questo ruolo non è assegnato ad alcun gruppo di ruoli in Exchange Online. È possibile aggiungere il ruolo di importazione/esportazione di cassette postali al gruppo di ruoli Gestione organizzazione. In alternativa, è possibile creare un nuovo gruppo di ruoli, assegnare il ruolo di importazione/esportazione di cassette postali e quindi aggiungere se stessi o altri utenti come membri. Per altre informazioni, vedere le sezioni "Aggiungere un ruolo a un gruppo di ruoli" o "Creare un gruppo di ruoli" in Gestire i gruppi di ruoli in Exchange Online.

Inoltre, per creare processi di importazione nel Centro sicurezza e conformità di Office 365, una delle condizioni seguenti deve essere vera:

  • All'utente deve essere assegnato il ruolo Destinatari di posta in Exchange Online. Per impostazione predefinita, questo ruolo viene assegnato ai gruppi di ruoli Gestione organizzazione e Gestione destinatari.

    Oppure

  • L'utente deve essere un amministratore globale dell'organizzazione di Office 365.

Suggerimento : È consigliabile creare un nuovo gruppo di ruoli in Exchange Online dedicato in modo specifico all'importazione di file PST in Office 365. Per il livello minimo di privilegi necessari per importare i file PST, assegnare i ruoli di importazione/esportazione di cassette postali e Destinatari di posta al nuovo gruppo di ruoli, quindi aggiungere i membri.

Dove è disponibile il caricamento tramite rete?

Il caricamento tramite rete è attualmente disponibile negli Stati Uniti, nonché in Canada, Brasile, Regno Unito, Europa, India, Asia orientale, Asia sud-orientale, Giappone, Repubblica di Corea e Australia. Questa caratteristica sarà presto disponibile in altre aree geografiche.

Quanto costa importare file PST con il caricamento tramite rete?

L'uso del caricamento tramite rete per l'importazione di file PST è gratuito.

Significa anche che, dopo essere stati eliminati dall'area di archiviazione di Azure, i file PST non vengono più visualizzati nell'elenco dei file per un processo di importazione completato nell'interfaccia di amministrazione di Office 365. Anche se un processo di importazione potrebbe essere ancora presente nella pagina Importa dati in Office 365, l'elenco dei file PST potrebbe essere vuoto quando si visualizzano i dettagli dei processi di importazione precedenti.

Quale versione del formato di file PST è supportata per l'importazione in Office 365?

Sono disponibili due versioni del formato di file PST: ANSI e Unicode. Si consiglia di importare i file che usano il formato di file PST Unicode. Tuttavia, i file che usano il formato di file PST ANSI, ad esempio quelli per le lingue che usano un set di caratteri a due byte (DBCS), possono anche essere importati in Office 365. Per altre informazioni sull'importazione di file PST ANSI, vedere il passaggio 4 in Usare il caricamento tramite rete per importare file PST in Office 365 .

È anche possibile importare i file PST di Outlook 2007 e versioni successive in Office 365.

Dopo il caricamento dei file PST nell'area di archiviazione di Azure, per quanto tempo vengono conservati in Azure prima dell'eliminazione?

Quando si usa il metodo di caricamento tramite rete per importare i file PST, i file vengono caricati in un contenitore BLOB di Azure denominato ingestiondata. Se non ci sono processi di importazione in corso, tutti i file PST nel contenitore ingestiondata vengono eliminati 30 giorni dopo la creazione del processo di importazione più recente.

Significa anche che, dopo essere stati eliminati dall'area di archiviazione di Azure, i file PST non vengono più visualizzati nell'elenco dei file per un processo di importazione completato nell'interfaccia di amministrazione di Office 365. Anche se un processo di importazione potrebbe essere ancora presente nella pagina Importa dati in Office 365, l'elenco dei file PST potrebbe essere vuoto quando si visualizzano i dettagli dei processi di importazione precedenti.

Quanto tempo è necessario per importare un file PST in una cassetta postale?

Dipende dalla capacità della rete, ma in genere sono necessarie diverse ore per ogni terabyte (TB) di dati da caricare nell'area di archiviazione di Azure per l'organizzazione. Una volta copiati i file PST nell'area di archiviazione di Azure, un file PST viene importato in una cassetta postale di Office 365 a una velocità di almeno 1 GB all'ora. Se questa velocità non soddisfa le proprie esigenze, è consigliabile ricorrere ad altri metodi per la migrazione dei dati di posta elettronica a Office 365. Per altre informazioni, vedere Modalità di migrazione di più account di posta elettronica a Office 365.

Se si importano file PST diversi in cassette postali di destinazione diverse, il processo di importazione verrà eseguito in parallelo, ovvero ogni coppia di file PST e cassetta postale verrà importata contemporaneamente. Se però si importano più file PST nella stessa cassetta postale, i singoli file PST vengono accodati e importati nella cassetta postale uno alla volta. In un aggiornamento futuro sarà possibile importare più file PST contemporaneamente nella stessa cassetta postale.

È previsto un limite alle dimensioni del messaggio durante l'importazione dei file PST?

Sì. Gli elementi della cassetta postale con dimensioni maggiori di 35 MB vengono ignorati durante il processo di importazione.

Le proprietà del messaggio, ad esempio la data/ora di invio o ricezione del messaggio, l'elenco dei destinatari e altre proprietà, vengono mantenute quando i file PST vengono importati in una cassetta postale di Office 365?

Sì. I metadati del messaggio originale non vengono modificati durante il processo di importazione.

È previsto un limite al numero di livelli in una gerarchia di cartelle per un file PST da importare in una cassetta postale?

Sì. Non è possibile importare un file PST che contiene più di 300 livelli di cartelle annidate.

È possibile usare il caricamento tramite rete per importare file PST in una cassetta postale inattiva in Office 365?

Sì, questa funzionalità è ora disponibile.

È possibile usare il caricamento tramite rete per importare file PST in una cassetta postale di archiviazione online di una distribuzione ibrida di Exchange?

Sì, questa funzionalità è ora disponibile.

Inizio pagina

Uso della spedizione unità per l'importazione di file PST

Quali autorizzazioni sono necessarie per creare processi di importazione nel Servizio importazione dati per Office 365?

Per importare file PST nelle cassette postali di Office 365, è necessario che sia assegnato il ruolo di importazione/esportazione di cassette postali. Per impostazione predefinita, questo ruolo non è assegnato ad alcun gruppo di ruoli in Exchange Online. È possibile aggiungere il ruolo di importazione/esportazione di cassette postali al gruppo di ruoli Gestione organizzazione. In alternativa, è possibile creare un nuovo gruppo di ruoli, assegnare il ruolo di importazione/esportazione di cassette postali e quindi aggiungere se stessi o altri utenti come membri. Per altre informazioni, vedere le sezioni "Aggiungere un ruolo a un gruppo di ruoli" o "Creare un gruppo di ruoli" in Gestire i gruppi di ruoli in Exchange Online.

Inoltre, per creare processi di importazione nel Centro sicurezza e conformità di Office 365, una delle condizioni seguenti deve essere vera:

  • All'utente deve essere assegnato il ruolo Destinatari di posta in Exchange Online. Per impostazione predefinita, questo ruolo viene assegnato ai gruppi di ruoli Gestione organizzazione e Gestione destinatari.

    Oppure

  • L'utente deve essere un amministratore globale dell'organizzazione di Office 365.

Suggerimento : È consigliabile creare un nuovo gruppo di ruoli in Exchange Online dedicato in modo specifico all'importazione di file PST in Office 365. Per il livello minimo di privilegi necessari per importare i file PST, assegnare i ruoli di importazione/esportazione di cassette postali e Destinatari di posta al nuovo gruppo di ruoli, quindi aggiungere i membri.

Dove è disponibile la spedizione unità?

La spedizione unità è attualmente disponibile negli Stati Uniti, nonché in Brasile, Europa, India, Asia orientale, Asia sud-orientale, Giappone, Repubblica di Corea e Australia. Questa caratteristica sarà presto disponibile in altre aree geografiche.

Quali contratti di licenza commerciali supportano la spedizione unità?

La spedizione unità per importare i file PST in Office 365 è disponibile con un contratto Microsoft Enterprise Agreement (EA). La spedizione unità non è disponibile con un contratto Microsoft Products and Services Agreement (MPSA).

Quanto costa usare la spedizione unità per importare file PST in Office 365?   

Il costo della spedizione unità per importare file PST in cassette postali di Office 365 è pari a 2 dollari USA per GB di dati. Se ad esempio si spedisce un'unità disco rigido contenente 1000 GB (1 TB) di file PST, il costo sarà 2000 dollari USA. Per versare la quota di importazione, è anche possibile rivolgersi a un partner. Per informazioni su come trovare un partner, vedere Trovare il partner o il rivenditore di Office 365.

Quali tipi di dischi rigidi sono supportati per la spedizione unità?   

Solo le unità SSD (Solid State Drive) da 2,5 pollici o i dischi rigidi interni SATA II/III da 2,5 o 3,5 pollici sono supportati per l'uso con il servizio di importazione di Office 365. È possibile usare dischi rigidi fino a 10 TB. Per i processi di importazione, verrà elaborato solo il primo volume di dati del disco rigido. Il volume di dati deve essere in formato NTFS. Quando si copiano i dati su un disco rigido, è possibile collegarlo direttamente usando un connettore SSD da 2,5 pollici o SATA II/III da 2,5 o 3,5 pollici oppure collegarlo esternamente usando una scheda SSD da 2,5 pollici o SATA II/III da 2,5 o 3,5 pollici.

Importante : Le unità disco rigido esterne con una scheda USB incorporata non sono supportate dal servizio di importazione di Office 365. Inoltre, il disco all'interno del case di un'unità disco rigido esterna non può essere usato. Non spedire unità disco rigido esterne.

Quante unità disco rigido è possibile spedire per un singolo processo di importazione?   

Per ogni processo di importazione è possibile spedire un massimo di 10 unità disco rigido.

Quanto tempo occorre affinché l'unità disco rigido spedita arrivi al datacenter Microsoft?

Dipende da vari fattori, tra cui la vicinanza al data center Microsoft e il tipo di opzione di spedizione scelta per spedire l'unità, come la consegna entro il giorno successivo, la consegna entro due giorni o quella standard. La maggior parte degli spedizionieri fornisce un apposito codice per tenere traccia dello stato della consegna.

Quale versione del formato di file PST è supportata per l'importazione in Office 365?

Sono disponibili due versioni del formato di file PST: ANSI e Unicode. Si consiglia di importare i file che usano il formato di file PST Unicode. Tuttavia, i file che usano il formato di file PST ANSI, ad esempio quelli per le lingue che usano un set di caratteri a due byte (DBCS), possono anche essere importati in Office 365. Per altre informazioni sull'importazione di file PST ANSI, vedere il passaggio 3 in Usare la spedizione unità per importare file PST in Office 365.

I file PST di Outlook 2007 e versioni successive possono essere importati anche in Office 365.

Dopo il caricamento dei file PST nell'area di archiviazione di Azure da parte di Microsoft, per quanto tempo vengono conservati in Azure prima dell'eliminazione?

Dopo aver ricevuto il disco rigido, il personale del datacenter Microsoft caricherà i file PST in un contenitore BLOB di Azure denominato ingestiondata. Tutti i file PST nel contenitore ingestiondata vengono eliminati 30 giorni dopo la creazione del processo di importazione più recente.

Significa anche che, dopo essere stati eliminati dall'area di archiviazione di Azure, i file PST non vengono più visualizzati nell'elenco dei file per un processo di importazione completato nell'interfaccia di amministrazione di Office 365. Anche se un processo di importazione potrebbe essere ancora presente nella pagina Importa dati in Office 365, l'elenco dei file PST potrebbe essere vuoto quando si visualizzano i dettagli dei processi di importazione precedenti.

Quanto tempo è necessario per importare un file PST in una cassetta postale?

I file contenuti nelle unità disco rigido ricevute presso il datacenter Microsoft vengono elaborati entro un giorno lavorativo. Il caricamento nell'area di archiviazione di Microsoft Azure per l'organizzazione richiede diverse ore per ogni terabyte (TB) di dati presenti sul disco rigido da caricare. Una volta copiati i file PST nell'area di archiviazione di Azure, un file PST viene importato in una cassetta postale di Office 365 a una velocità di almeno 1 GB all'ora. Se questa velocità non soddisfa le proprie esigenze, è consigliabile ricorrere ad altri metodi per la migrazione dei dati di posta elettronica a Office 365. Per altre informazioni, vedere Modalità di migrazione di più account di posta elettronica a Office 365.

Se si importano file PST diversi in cassette postali di destinazione diverse, il processo di importazione verrà eseguito in parallelo, ovvero ogni coppia di file PST e cassetta postale verrà importata contemporaneamente. Se però si importano più file PST nella stessa cassetta postale, i singoli file PST vengono accodati e importati nella cassetta postale uno alla volta. In un aggiornamento futuro sarà possibile importare più file PST contemporaneamente nella stessa cassetta postale.

È previsto un limite alle dimensioni del messaggio durante l'importazione dei file PST?

Sì. Gli elementi della cassetta postale con dimensioni maggiori di 35 MB vengono ignorati durante il processo di importazione.

Le proprietà del messaggio, ad esempio la data/ora di invio o ricezione del messaggio, l'elenco dei destinatari e altre proprietà, vengono mantenute quando i file PST vengono importati in una cassetta postale di Office 365?

Sì. I metadati del messaggio originale non vengono modificati durante il processo di importazione.

È previsto un limite al numero di livelli in una gerarchia di cartelle per un file PST da importare in una cassetta postale?

Sì. Non è possibile importare un file PST che contiene più di 300 livelli di cartelle annidate.

È possibile usare la spedizione unità per importare file PST in una cassetta postale inattiva in Office 365?

Sì, questa funzionalità è ora disponibile.

È possibile usare la spedizione unità per importare file PST in una cassetta postale di archiviazione online di una distribuzione ibrida di Exchange?

Sì, questa funzionalità è ora disponibile.

Microsoft può cancellare i dati presenti nell'unità disco rigido prima di rispedirla al cliente?

No. Microsoft non può cancellare i dati presenti nelle unità disco rigido prima di rispedirle ai clienti. Le unità disco rigido vengono restituite nello stato in cui si trovavano quando sono state ricevute da Microsoft.

Microsoft può distruggere l'unità disco rigido invece di rispedirla al cliente?

No. Microsoft non può distruggere le unità disco rigido. Le unità disco rigido vengono restituite nello stato in cui si trovavano quando sono state ricevute da Microsoft.

Quali sono gli spedizionieri usati da Microsoft per la restituzione delle unità?

Per restituire le unità disco rigido ai clienti negli Stati Uniti, Microsoft si affida a FedEx. In tutte le altre aree geografiche Microsoft si rivolge a DHL.

Quali sono i costi di spedizione per la restituzione?

I costi di spedizione per la restituzione variano in funzione della vicinanza al data center Microsoft a cui è stata spedita l'unità disco rigido. Microsoft fatturerà i costi di spedizione dell'unità disco rigido all'account FedEx o DHL del cliente. I costi di spedizione per la restituzione dell'unità disco rigido sono a carico del cliente.

È possibile scegliere un altro servizio di spedizione, come FedEx Custom Shipping, per spedire l'unità disco rigido a Microsoft?

Sì.

Per spedire l'unità disco rigido in un altro paese sono previste particolari incombenze?

È possibile che l'unità disco rigido spedita a Microsoft debba varcare i confini internazionali. In tal caso il cliente deve assicurarsi che l'unità disco rigido e i dati in essa contenuti vengano importati e/o esportati in conformità alle leggi vigenti. Prima di spedire un'unità disco rigido, verificare con i propri consulenti che l'unità e i dati possano essere spediti al data center Microsoft specificato senza incorrere in problemi legali. Queste precauzioni consentiranno di evitare ritardi nella spedizione a Microsoft.

Inizio pagina

Perché importare dati di posta elettronica in Office 365?

  • L'importazione di file PST nelle cassette postali degli utenti è uno dei modi per eseguire la migrazione della posta elettronica dell'organizzazione a Office 365.

  • Con la caratteristica Importazione intelligente è possibile filtrare gli elementi nei file PST effettivamente importati nelle cassette postali di destinazione. Questo consente di ridurre i dati importati impostando filtri che controllano quali dati vengono inclusi nell'importazione.

  • L'importazione dei dati di posta elettronica in Office 365 consente di soddisfare le esigenze di conformità dell'organizzazione perché permette di:

  • L'importazione dei dati in Office 365 contribuisce a evitare perdite di dati. I dati importati in Office 365 ereditano le caratteristiche di disponibilità elevata di Exchange Online.

  • I dati di posta elettronica in Office 365 sono archiviati nel cloud, di conseguenza gli utenti possono accedervi da tutti i dispositivi.

È necessario importare dati di SharePoint in Office 365?

Si possono anche importare file e documenti nei siti di SharePoint e negli account di OneDrive dell'organizzazione di Office 365. Per altre informazioni, vedere Caricare contenuto locale in SharePoint Online.

Nota : Dichiarazione di non responsabilità per la traduzione automatica: Il presente articolo è stato tradotto tramite un software di traduzione automatica e non da una persona. Microsoft offre le traduzioni automatiche per consentire a coloro che non conoscono la lingua inglese di leggere gli articoli sui prodotti, sui servizi e sulle tecnologie Microsoft. Dal momento che l'articolo è stato tradotto automaticamente, potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli.

Amplia le tue competenze
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per i tuoi commenti e suggerimenti

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×