Tipi di grafico disponibili in Office

Quando si crea un grafico in un foglio di lavoro di Excel, in un documento di Word o in una presentazione di PowerPoint, sono disponibili diverse opzioni. Sia che si usi uno dei grafici consigliati per i dati o uno scelto nell'elenco di tutti i grafici, può essere utile raccogliere qualche informazione su ogni tipo di grafico.

Fare clic qui per iniziare a creare un grafico.

Selezionare un tipo di grafico per altre informazioni

Per una descrizione di ogni tipo di grafico, selezionare un'opzione dall'elenco a discesa seguente.

Nota : Alcuni tipi di grafico sono disponibili solo nelle applicazioni di Office 2013 e 2016.

I dati disposti in colonne o righe in un foglio di lavoro possono essere rappresentati in un istogramma. Un istogramma visualizza in genere le categorie lungo l'asse orizzontale (categoria) e i valori lungo l'asse verticale (valore), come mostrato di seguito:

Istogramma raggruppato

Tipi di istogramma

  • Istogramma raggruppato e istogramma raggruppato 3D   

    Grafici istogramma raggruppato e istogramma raggruppato 3D

    Un istogramma raggruppato mostra i valori in colonne 2D. Un istogramma raggruppato 3D mostra le colonne in formato 3D, ma non usa un terzo asse dei valori (asse antero-posteriore). Usare questo grafico in presenza di categorie che rappresentano:

    • Intervalli di valori, ad esempio conteggi di elementi.

    • Scale specifiche (ad esempio la scala di Likert che prevede voci quali "Molto d'accordo", "Abbastanza d'accordo", "Neutrale", "Abbastanza in disaccordo" o "Molto in disaccordo”).

    • Nomi non disposti in un ordine specifico, ad esempio nomi di elementi, nomi geografici o nomi di persona.

  • Istogramma in pila e istogramma in pila 3D     Un istogramma in pila mostra i valori in colonne in pila 2D. Un istogramma in pila 3D mostra le colonne in pila in formato 3D, ma non usa un asse antero-posteriore. Usare questo grafico in presenza di più serie di dati e si desidera mettere in rilievo il totale.

    Grafici istogramma in pila e istogramma in pila 3D

  • Istogramma in pila 100% e istogramma in pila 100% 3D    Un istogramma in pila 100% mostra i valori in colonne 2D impilate per rappresentare il 100%, Un istogramma in pila 100% 3D mostra le colonne in formato 3D, ma non usa un asse antero-posteriore. Usare questo grafico in presenza di due o più serie di dati e si desidera mettere in rilievo il contributo rispetto al totale, specialmente se il totale è lo stesso per ogni categoria.

    Grafici istogramma in pila 100% e istogramma in pila 100% 3D

  • Istogramma 3D    Gli istogrammi 3D usano tre assi modificabili, ovvero orizzontale, verticale e antero-posteriore, e confrontano le punti dati lungo gli assi orizzontale e antero-posteriore. Usare questo grafico per confrontare i dati rispetto alle categorie e alle serie di dati.

    Istogramma 3D

I dati disposti in colonne o righe di un foglio di lavoro possono essere tracciati in un grafico a linee. In un grafico a linee, i dati delle categorie vengono distribuiti in modo uniforme lungo l'asse orizzontale e i dati dei valori vengono distribuiti in modo uniforme lungo l'asse verticale. I grafici a linee mostrano dati continui nel tempo su un asse in scala e sono pertanto ideali per mostrare le tendenze nei dati a intervalli uguali, come mesi, trimestri o anni fiscali.

Grafico a linee con marcatori

Tipi di grafici a linee

  • A linee e a linee con marcatori    Mostrati con o senza indicatori per indicare singoli valori di dati, i grafici a linee possono mostrare le tendenze nel tempo o categorie con spaziatura uniforme, soprattutto in presenza di molte coordinate e quando l'ordine in cui sono presentate è importante. Se sono presenti molte categorie o i valori sono approssimativi, usare un grafico a linee senza marcatori.

    Grafici a linee e a linee con marcatori

  • A linee in pila e a linee in pila con marcatori    Mostrati con o senza marcatori per indicare singoli valori di dati, i grafici a linee in pila possono la tendenza del contributo di ciascun valore nel tempo o in categorie con spaziatura uniforme.

    Grafici a linee in pila e a linee in pila con marcatori

  • A linee in pila 100% e a linee in pila 100% con marcatori    Mostrati con o senza marcatori per indicare singoli valori di dati, i grafici in pila 100% possono mostrare la tendenza della percentuale a cui ogni valore contribuisce nel tempo o categorie con spaziatura uniforme. Se le categorie sono molte o i valori sono approssimativi, usare un grafico a linee in pila 100% senza indicatori.

    Grafici a linee in pila 100% e a linee in pila 100% con marcatori

  • A linee 3D    I grafici a linee 3D presentano ogni riga o colonna di dati come nastro 3D. In un grafico a linee 3D sono presenti gli assi orizzontale, verticale e antero-posteriore che è possibile modificare.

    Grafico a linee 3D

    Note : 

    • I grafici a linee sono i più appropriati quando si dispone di più serie di dati. Se è presente una sola serie, valutare l'uso di un grafico a dispersione.

    • I grafici a linee in pila sommano i dati, comportamento che potrebbe non corrispondere al risultato desiderato. Poiché potrebbe non essere semplice riconoscere che le linee sono in pila, è consigliabile usare un tipo di grafico a linee diverso o un grafico ad area in pila.

In un grafico a torta possono essere tracciati i dati che in un foglio di lavoro sono disposti in una sola colonna o in una sola riga. La dimensione degli elementi di un'unica serie di dati viene presentata nei grafici a torta in modo proporzionale rispetto alla somma degli elementi. I punti dati in un grafico a torta vengono visualizzati come percentuale dell'intera torta.

Grafico a torta

L'utilizzo di un grafico a torta è consigliabile nelle circostanze descritte di seguito.

  • È presente un'unica serie di dati.

  • Nessuno dei valori dei dati è negativo.

  • Quasi nessuno dei valori dei dati è uguale a zero.

  • Non sono presenti più di sette categorie, le quali rappresentano parti dell'intera torta.

Tipi di grafici a torta

  • A torta e a torta 3D    Nei grafici a torta, il contributo di ogni valore rispetto al totale viene visualizzato in formato 2D o 3D. Per mettere in evidenza le sezioni di un grafico a torta, è possibile estrarle manualmente.

    Grafici a torta e a torta 3D

  • A torta della torta e a barre della torta    La torta del grafico a torta o le barre della torta mostrano grafici a torta con valori più bassi, inseriti in un grafico a barre in pila o a torta secondario per renderli più facilmente distinguibili.

    Grafici a torta della torta e a barre della torta

Grafici ad anello

I dati disposti solo in colonne o righe di un foglio di lavoro possono essere tracciati in un grafico ad anello. Analogamente a un grafico a torta, un grafico ad anello mostra la relazione tra le parti di un intero, ma può contenere più di una serie di dati.

Grafico ad anello

Tipi di grafici ad anello

  • Ad anello    I grafici ad anello mostrano i dati in anelli, dove ogni anello rappresenta una serie di dati. Se le percentuali vengono mostrate in etichette di dati, ogni anello darà il 100%.

    Grafico ad anello

    Nota :  I grafici ad anello non sono di facile lettura, quindi è consigliabile usare un istogramma in pila o un grafico a barre in pila.

In un grafico a barre è possibile tracciare i dati che in un foglio di lavoro sono disposti in colonne o in righe. I grafici a barre rappresentano i confronti tra singoli elementi. In un grafico a barre le categorie sono in genere organizzate lungo l'asse verticale e i valori lungo l'asse orizzontale.

Grafico a barre

È consigliabile utilizzare un grafico a barre nelle circostanze descritte di seguito.

  • Le etichette di asse sono lunghe.

  • I valori presentati sono costituiti da durate.

Tipi di grafici a barre

  • A barre raggruppate e a barre raggruppate 3D    Un grafico a barre raggruppate mostra le barre in formato 2D. Un grafico a barre raggruppate 3D mostra le barre in formato 3D e non usa un asse antero-posteriore.

    Grafici a barre raggruppate e a barre raggruppate 3D

  • A barre in pila e a barre in pila 3D    I grafici a barre in pila mostrano le relazioni dei singoli elementi rispetto all'intero nelle barre 2D. Un grafico a barre in pila 3D mostra le barre in formato 3D e non usa un asse antero-posteriore.

    Grafici a barre in pila e a barre in pila 3D

  • A barre in pila 100% e a barre in pila 100% 3D    Un grafico a barre in pila 100% mostra le barre 2D che confrontano il contributo percentuale di ciascun valore al totale in più categorie. Un grafico a barre in pila 100% 3D mostra le barre in formato 3D e non usa un asse antero-posteriore.

    Grafici a barre in pila 100% e a barre in pila 100% 3D

In un grafico ad area possono essere tracciati i dati che in un foglio di lavoro sono disposti in righe o in colonne. I grafici ad area possono essere usati per tracciare la variazione nel tempo e focalizzano l'attenzione sul valore totale in una tendenza. Mostrando la somma dei valori tracciati, un grafico ad area mostra la relazione tra le parti di un intero.

Grafico ad area

Tipi di grafici ad area

  • Area e area 3D    Mostrati in formato 2D o 3D, i grafici ad area mostrano la tendenza dei valori nel tempo o dati di altre categorie. I grafici ad area 3D usano tre assi modificabili, ovvero orizzontale, verticale e antero-posteriore. In linea di massima usare un grafico a linee anziché un grafico ad area non in pila perché i dati di una serie potrebbero essere nascosti da quelli di altre serie.

    Grafici ad area e ad area 3D

  • Area in pila 2D e area in pila 3D    I grafici ad area in pila mostrano la tendenza del contributo di ogni valore nel tempo o dati di altre categorie in formato 2D. Un grafico ad area in pila 3D mostra i dati nello stesso modo, ma mostra le aree in formato 3D senza usare un asse antero-posteriore.

    Grafici ad area in pila 2D e ad area in pila 3D

  • Area in pila 100% e area in pila 100% 3D    I grafici ad area in pila 100% mostrano la tendenza della percentuale di contributo di ogni valore nel tempo o dati di altre categorie. Un grafico ad area in pila 100% 3D mostra i dati nello stesso modo, ma mostra le aree in formato 3D senza usare un asse antero-posteriore.

    Grafici ad area in pila 100% e ad area in pila 100% 3D

In un grafico a dispersione (xy) possono essere tracciati i dati che in un foglio di lavoro sono disposti in righe e colonne. Inserire i valori x in una riga o colonna e immettere i valori y corrispondenti nelle righe o colonne adiacenti.

Un grafico a dispersione presenta due assi dei valori, un asse orizzontale (x) e un asse verticale (y). Combina i valori x e y in singole coordinate e li mostra in intervalli irregolari o gruppi. I grafici a dispersione vengono in genere usati per mostrare e confrontare valori numerici, quali dati scientifici, statistici e ingegneristici.

Grafico a dispersione

È consigliabile utilizzare un grafico a dispersione nelle circostanze descritte di seguito.

  • Per modificare la scala dell'asse orizzontale.

  • Per utilizzare l'asse orizzontale come scala logaritmica.

  • I valori dell'asse orizzontale non presentano una spaziatura uniforme.

  • Sull'asse orizzontale è presente un numero elevato di coordinate.

  • Si desidera regolare le scale degli assi indipendenti di un grafico a dispersione per fornire informazioni più esaustive sui dati che includono coppie o insiemi raggruppati di valori.

  • Si intende illustrare le analogie tra insiemi estesi di dati piuttosto che le differenze tra le coordinate.

  • Si desidera confrontare un numero elevato di coordinate senza tenere conto del tempo. In un grafico a dispersione il confronto risulta più efficace quando la quantità di dati inseriti è maggiore.

Tipi di grafici a dispersione

  • A dispersione    Questo grafico mostra i punti dati senza connettere linee per confrontare coppie di valori.

    Grafico a dispersione

  • A dispersione con linee smussate e marcatori e a dispersione con linee smussate    Questo grafico mostra una linea curva smussata che connette i punti dati. Le linee smussate possono essere visualizzate con o senza marcatori. Usare una linea curva senza marcatori se sono presenti molti punti dati.

    Grafici a dispersione con linee smussate e marcatori e a dispersione con linee smussate

  • A dispersione con linee rette e marcatori e a dispersione con linee rette    Questo grafico mostra linee rette di connessione tra i punti dati. Queste linee possono essere visualizzate con o senza marcatori.

    Grafici a dispersione con linee rette e marcatori e a dispersione con linee rette

Grafici a bolle

In modo molto simile a un grafico a dispersione, un grafico a bolle aggiunge una terza colonna per specificare le dimensioni delle bolle che mostra per rappresentare le coordinate nella serie di dati.

Grafico a bolle

Tipi di grafici a bolle

  • A bolle o a bolle con effetto 3D    Entrambi questi grafici a dispersione confrontano set di tre valori anziché due, mostrando bolle in formato 2D o 3D (senza usare un asse antero-posteriore). Il terzo valore specifica le dimensioni del marcatore della bolla.

    Grafici a bolle o a bolle con effetto 3D

In un grafico azionario possono essere tracciati i dati che in un foglio di lavoro sono disposti in righe o in colonne in un ordine specifico. I grafici azionari, come il nome stesso suggerisce, mostrano la fluttuazione dei prezzi delle azioni, ma può essere usato anche per altri dati come le temperature annuali o le precipitazioni giornaliere. Assicurarsi di organizzare i dati nell'ordine corretto per creare un grafico azionario.

Per creare un semplice grafico azionario con le quotazioni massime, minime e di chiusura, ad esempio, è necessario organizzare i dati usando le diciture Massimo, Minimo e Chiusura come intestazioni di colonna nell'ordine indicato.

Grafico azionario

Tipi di grafici azionari

  • Per quotazioni azionarie massime, minime e di chiusura    Questo grafico azionario usa tre serie di valori nell'ordine seguente: quotazione massima, minima e di chiusura.

    Grafico per quotazioni azionarie massime, minime e di chiusura

  • Per quotazioni azionarie d'apertura, massime, minime e di chiusura    Questo grafico azionario usa quattro serie di valori nell'ordine seguente: quotazione d'apertura, massima, minima e di chiusura.

    Grafico per quotazioni azionarie di apertura, massime, minime e di chiusura

  • Volume degli scambi e quotazioni azionarie massime, minime e di chiusura    Questo grafico azionario usa quattro serie di valori nell'ordine seguente: volume degli scambi, quotazione massima, minima e di chiusura. Il volume viene misurato usando due assi di valori, uno per le colonne che misurano il volume e l'altro per i prezzi delle azioni.

    Grafico per volume degli scambi e quotazioni azionarie massime, minime e di chiusura

  • Volume degli scambi e quotazioni azionarie di apertura, massime, minime e di chiusura    Questo grafico azionario usa cinque serie di valori nell'ordine seguente: volume degli scambi, quotazione di apertura, massima, minima e di chiusura.

    Grafico per volume degli scambi e quotazioni azionarie di apertura, massime, minime e di chiusura

In un grafico a superficie possono essere tracciati i dati che in un foglio di lavoro sono disposti in righe o in colonne. Questo grafico risulta utile per individuare le combinazioni ottimali tra due set di dati. Come in una carta topografica, i colori e i motivi indicano le aree che si trovano nello stesso intervallo di valori. È possibile creare un grafico a superficie quando le categorie e le serie di dati sono entrambe valori numerici.

Grafico a superficie

Tipi di grafici a superficie

  • A superficie 3D    Questo grafico mostra una vista 3D dei dati, che può essere immaginata come un foglio di gomma steso su un istogramma 3D. Viene in genere usato per mostrare le relazioni tra grandi quantità di dati che altrimenti sarebbero difficili da vedere. Le bande di colori di un grafico a superficie non rappresentano le serie di dati, ma indicano la differenza tra i valori.

    Grafico a superficie 3D

  • A superficie 3D a reticolo    Mostrato non colorato sulla superficie, un grafico a superficie 3D è denominato grafico a superficie 3D a reticolo. Questo grafico mostra solo le linee. Un grafico a superficie 3D a reticolo non è di facile lettura, ma può tracciare set di dati di grandi dimensioni molto più rapidamente rispetto a un grafico a superficie 3D.

    Grafico a superficie 3D a reticolo

  • Isometrico    I grafici isometrici sono grafici a superficie visualizzati dall'alto, in modo analogo a una carta topografica 2D. In un grafico isometrico le bande di colori rappresentano intervalli di valori specifici. Le linee nel grafico isometrico collegano punti interpolati di uguale valore.

    Grafico isometrico

  • Reticolo    Anche i grafici isometrici a reticolo sono grafici a superficie visualizzati dall'alto. In assenza di bande a colori, in un grafico a reticolo vengono visualizzate solo linee. I grafici isometrici a reticolo non sono di facile lettura, pertanto si consiglia di usare un grafico a superficie 3D.

    Grafico isometrico a reticolo

In un grafico a radar possono essere tracciati i dati che in un foglio di lavoro sono disposti in righe o in colonne. I grafici a radar confrontano i valori aggregati di più serie di dati.

Grafico radar

Tipi di grafici a radar

  • A radar e a radar con marcatori    Con o senza marcatori delle singole coordinate, i grafici radar mostrano i cambiamenti dei valori rispetto a un punto centrale.

    Grafici a radar e a radar con marcatori

  • Radar riempito    In un grafico radar riempito l'area coperta da una serie di dati è colorata.

    Grafico a radar riempito

Il grafico ad albero fornisce una visualizzazione gerarchica dei dati e un modo semplice per confrontare diversi livelli di categorizzazione. Visualizza le categorie per colore e prossimità e può mostrare facilmente grandi quantità di dati che sarebbe difficile vedere con altri tipi di grafico. I grafici ad albero possono essere tracciati quando sono presenti celle vuote all'interno della struttura gerarchica e sono utili per confrontare proporzioni all'interno della gerarchia.

Esempio di grafico mappa ad albero in Office 2016 per Windows

Sono non disponibili sottotipi per i grafici ad albero.

Il grafico radiale è ideale per visualizzare dati gerarchici e può essere tracciato quando sono presenti celle vuote nella struttura gerarchica. Ogni livello della gerarchia è rappresentato da un anello o un cerchio, con il cerchio più interno che costituisce il livello più alto della gerarchia. Un grafico radiale senza dati gerarchici (un unico livello di categorie) è simile a un grafico ad anello. Se invece ha più livelli di categorie, mostra le relazioni tra gli anelli esterni e quelli interni. Il grafico radiale risulta più efficace per visualizzare in che modo un anello è suddiviso nei componenti che lo costituiscono.

Immagine di un grafico rosa dei venti in Office 2016 per Windows

Non sono disponibili sottotipi per i grafici radiali.

I dati rappresentati in un istogramma mostrano le frequenze all'interno di una distribuzione. Ogni colonna del grafico, definita classe, può essere modificata per analizzare ulteriormente i dati.

Istogramma di esempio

Tipi di istogrammi

  • Istogramma    L'istogramma mostra la distribuzione dei dati raggruppati in classi di frequenza.

    Istogramma nel sottotipo di grafico Istogramma
  • Grafico di Pareto    Un grafico di Pareto è un istogramma ordinato che contiene entrambe le colonne ordinate in ordine decrescente e una riga che rappresenta la percentuale totale cumulativa.

    Grafico di Pareto disponibile nel sottotipo Istogrammi

Un grafico a scatola e baffi mostra la distribuzione dei dati in quartili, evidenziando la mediana e i valori aberranti. I rettangoli ("scatole") possono presentare linee che si estendono in verticale denominate "baffi". Queste linee indicano la variabilità all'esterno del quartile superiore e inferiore e qualsiasi punto all'esterno di tali linee o baffi è considerato un valore aberrante. Usare questo tipo di grafico quando sono presenti più set di dati con una qualche correlazione tra loro.

Esempio di grafico a scatola e baffi

Non sono disponibili sottotipi per i grafici a scatola e baffi.

Un grafico a cascata mostra un totale parziale dei dati finanziari man mano che vengono sommati o sottratti valori. È utile per comprendere l'effetto di una serie di valori positivi e negativi su un valore iniziale. Alle colonne vengono applicati colori diversi in modo da distinguere rapidamente i valori positivi da quelli negativi.

Esempio di grafico a cascata

Sono non disponibili sottotipi per i grafici a cascata.

I grafici a imbuto mostrano i valori relativi a più fasi di un processo.

Grafico a imbuto che mostra una pipeline delle vendite, con le fasi nella prima colonna e i valori nella seconda

In genere i valori diminuiscono gradualmente, dando al grafico l'aspetto di un imbuto. Altre informazioni sui grafici a imbuto.

In un grafico combinato possono essere tracciati i dati che in un foglio di lavoro sono disposti in righe o in colonne. I grafici combinati combinano due o più tipi di grafico per semplificare la comprensione dei dati, soprattutto se si tratta di dati diversi. Mostrato con un asse secondario, questo grafico è più semplice da leggere. In questo esempio, è stato usato un istogramma per mostrare il numero di case vendute tra gennaio e giugno e un grafico a linee per facilitare l'identificazione del prezzo di vendita medio per mese.

Grafico combinato con asse secondario

Tipi di grafici combinati

  • A colonne raggruppate – a linee e a colonne raggruppate – linea sull'asse secondario    Con o senza asse secondario, questo grafico combina un grafico a linee e a colonne raggruppate e mostra alcune serie di dati come colonne e altre come linee nello stesso grafico.

    Grafico istogramma raggruppato

  • Ad area in pila – a colonne raggruppate    Questo grafico combina un grafico ad area in pila e a colonne raggruppate e mostra alcune serie di dati come aree in pila e altre come colonne nello stesso grafico.

    Grafico ad area in pila – istogramma a colonne raggruppate

  • Combinazione personalizzata    È possibile combinare i tipi di grafici desiderati nello stesso grafico.

    Grafico a combinazione personalizzata

Cambiare un tipo di grafico

Se è già presente un grafico e si vuole modificarne il tipo:

  1. Selezionare il grafico, fare clic sulla scheda Progettazione e selezionare Cambia tipo di grafico.

    Pulsante Cambia tipo di grafico

  2. Scegliere un nuovo tipo di grafico nella casella Cambia tipo di grafico.

Vedere anche

Creare un grafico a imbuto

Creare un istogramma

Creare un grafico di Pareto

Creare un grafico radiale in Office 2016

Creare un grafico ad albero in Office 2016

Creare un grafico a cascata in Office 2016

Creare un grafico a scatola e baffi

Aggiungere un grafico a torta

Creare un grafico in Excel 2016 per Windows

Amplia le tue competenze
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per i tuoi commenti e suggerimenti

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×