Tipi di grafico

Parte del contenuto di questo argomento potrebbe non essere applicabile per alcune lingue.

Quale applicazione Office si usa?

Word

PowerPoint

Excel

Word

Con la caratteristica per la creazione di grafici di Office è possibile creare un interessante grafico in Excel e quindi aggiungerlo a un documento.

Sono disponibili molti tipi di grafico per consentire la visualizzazione dei dati in modo che risultino significativi per i destinatari. Ecco alcuni esempi dei tipi di grafico più comuni e di come possono essere usati.

Istogramma

istogramma

I dati disposti in colonne o righe in un foglio di Excel possono essere rappresentati con un istogramma. Negli istogrammi le categorie sono in genere organizzate lungo l'asse orizzontale e i valori lungo l'asse verticale.

Gli istogrammi sono utili per illustrare il variare dei dati nel tempo o per confrontare più elementi.

Sono disponibili i sottotipi di istogramma descritti di seguito.

  • Istogramma a colonne raggruppate    Confronta i valori tra categorie visualizzandoli in rettangoli verticali in 2D. La variante 3D visualizza i dati con una prospettiva tridimensionale.

  • Istogramma in pila     Mostra le relazioni dei singoli elementi rispetto all'insieme, confrontando il contributo di ciascun valore al totale di tutte le categorie. In un istogramma in pila i valori sono visualizzati in rettangoli verticali in 2D in pila. La variante 3D visualizza i dati con una prospettiva tridimensionale. Tale prospettiva non corrisponde esattamente a un grafico 3D in quanto non viene usato un asse con un terzo valore (asse antero-posteriore).

  • Istogramma a colonne in pila 100%    Confronta la percentuale di ciascun valore rispetto al totale di tutte le categorie. In un istogramma a colonne in pila 100% i valori sono visualizzati in rettangoli verticali in 2D in pila al 100%. La variante 3D visualizza i dati con una prospettiva tridimensionale. Tale prospettiva non corrisponde esattamente a un grafico 3D in quanto non viene usato un asse con un terzo valore (asse antero-posteriore).

  • Istogramma 3D     Usa tre assi che è possibile modificare (orizzontale, verticale e antero-posteriore). Vengono confrontati punti dati lungo gli assi orizzontale e antero-posteriore.

  • Grafico a cilindro, a cono o a piramide     Disponibile nei tipi raggruppato, in pila, in pila 100% e 3D come per gli istogrammi a colonne rettangolari. Rappresentano e confrontano i dati nello stesso modo. L'unica differenza sta nel fatto che questi tipi di grafico includono forme cilindriche, coniche e piramidali invece di rettangoli.

Grafico a linee

grafico a linee

In un grafico a linee possono essere tracciati i dati che in un foglio di Excel sono disposti in colonne o in righe. Nei grafici a linee è possibile visualizzare dati continui nel tempo, impostati in base a una scala comune, pertanto questo tipo di grafico è ideale per la presentazione di tendenze nei dati a intervalli uguali. In un grafico a linee i dati di categoria vengono distribuiti uniformemente lungo l'asse orizzontale e tutti i dati dei valori vengono distribuiti uniformemente lungo l'asse verticale.

Il grafico a linee è consigliabile quando le etichette di categoria sono costituite da testo e rappresentano valori con spaziatura uniforme, ad esempio mesi, trimestri o anni fiscali.

Sono disponibili i sottotipi di grafico a linee descritti di seguito.

  • Grafico a linee con o senza indicatori     Visualizza le tendenze nel tempo o categorie ordinate, specialmente quando sono disponibili molti punti dati e l'ordine in cui sono presentati risulta importante. Se le categorie sono numerose o i valori sono approssimati, usare un grafico a linee senza indicatori.

  • Grafico a linee in pila con o senza indicatori     Mostra la tendenza del contributo di ciascun valore nel tempo o in categorie ordinate. Se le categorie sono numerose o i valori sono approssimati, usare un grafico a linee in pila senza indicatori.

  • Grafico a linee in pila 100% con o senza indicatori     Questo grafico mostra la tendenza del contributo percentuale di ciascun valore nel tempo o in categorie ordinate. Se le categorie sono numerose o i valori sono approssimati, usare un grafico a linee in pila 100% senza indicatori.

  • Grafico a linee 3D    Presenta ogni riga o colonna di dati come nastro 3D. In un grafico a linee 3D sono presenti gli assi orizzontale, verticale e antero-posteriore che è possibile modificare.

Grafico a torta

grafico a torta

In un grafico a torta possono essere tracciati i dati che in un foglio di Excel sono disposti in una sola colonna o riga. La dimensione degli elementi di una serie di dati viene presentata nei grafici a torta in modo proporzionale rispetto alla somma degli elementi. I punti dati di un grafico a torta vengono visualizzati come percentuale dell'intera torta.

Usare un grafico a torta quando si deve rappresentare una sola serie di dati, i valori da rappresentare non sono negativi, quasi nessuno dei valori da rappresentare è pari a zero, sono presenti meno di sette categorie e le categorie rappresentano parti dell'intera torta.

Sono disponibili i sottotipi di grafico a torta descritti di seguito.

  • Grafico a torta    Il contributo di ogni valore rispetto al totale viene visualizzato in formato 2D o 3D. Per mettere in evidenza le sezioni di un grafico a torta, è possibile estrarle manualmente.

  • Grafico a torta della torta e a barre della torta     Visualizza grafici a torta con valori definiti dall'utente, estratti dal grafico a torta principale e combinati in un grafico a torta o a barre in pila secondario. Questi tipi di grafico sono utili quando si vuole rendere più facilmente distinguibili le sezioni piccole del grafico a torta principale.

  • Grafico a torta esplosa     Rappresenta il contributo di ogni valore rispetto al totale, mettendo contemporaneamente in evidenza i singoli valori. I grafici a torta esplosa possono essere visualizzati in formato 3D. È possibile modificare l'impostazione dell'esplosione della torta per tutte le sezioni e per singole sezioni, ma non è possibile spostare manualmente le sezioni di una torta esplosa.

Grafico a barre

grafico a barre

In un grafico a barre possono essere tracciati i dati che in un foglio di Excel sono disposti in colonne o in righe.

Usare i grafici a barre per rappresentare confronti tra singoli elementi.

Sono disponibili i sottotipi di grafico a barre descritti di seguito.

  • Grafico a barre raggruppate    Confronta i valori tra categorie. Nei grafici a barre raggruppate le categorie sono in genere organizzate lungo l'asse verticale e i valori lungo l'asse orizzontale. In un grafico a barre raggruppate 3D i rettangoli orizzontali sono visualizzati in formato 3D, ma i dati non vengono visualizzati su tre assi.

  • Grafico a barre in pila    Mostra le relazioni dei singoli elementi rispetto all'intero. In un grafico a barre in pila 3D i rettangoli orizzontali sono visualizzati in formato 3D, ma i dati non vengono visualizzati su tre assi.

  • Grafico a barre in pila 100% normale e in 3D     Confronta la percentuale di contributo di ogni valore rispetto al totale di tutte le categorie. In un grafico a barre in pila 100% in 3D i rettangoli orizzontali sono visualizzati in formato 3D, ma i dati non vengono visualizzati su tre assi.

  • Grafico a cilindro, a cono o a piramide orizzontale     Disponibile nei tipi raggruppato, in pila e in pila 100% come per i grafici a barre rettangolari. Rappresentano e confrontano i dati nello stesso modo. L'unica differenza sta nel fatto che questi tipi di grafico includono forme cilindriche, coniche e piramidali invece di rettangoli orizzontali.

Grafico ad area

grafico ad area

In un grafico ad area possono essere tracciati i dati che in un foglio di Excel sono disposti in colonne o in righe. Visualizzando la somma dei valori tracciati, un grafico ad area mostra anche la relazione tra le parti rispetto a un intero.

I grafici ad area sottolineano la grandezza delle variazioni nel tempo e possono essere usati per attirare l'attenzione sul valore totale di una tendenza. Ad esempio, i dati che rappresentano il profitto nel tempo possono essere rappresentati in un grafico ad area per sottolineare il profitto totale.

Sono disponibili i sottotipi di grafico ad area descritti di seguito.

  • Grafico ad area 3D    Mostra la tendenza dei valori nel tempo o dati di altre categorie. I grafici ad area 3D usano tre assi modificabili, ovvero orizzontale, verticale e antero-posteriore. In linea di massima è meglio scegliere un grafico a linee anziché un grafico ad area non in pila perché i dati di una serie potrebbero essere oscurati da quelli di altre serie.

  • Grafico ad area in pila    Mostra la tendenza del contributo di ogni valore nel tempo o dati di altre categorie. Un grafico ad area in pila in 3D è visualizzato allo stesso modo, ma usa una prospettiva 3D. Tale prospettiva non corrisponde esattamente a un grafico 3D in quanto non viene usato un asse con un terzo valore (asse antero-posteriore).

  • Grafico ad area in pila 100%    Visualizza la tendenza della percentuale di contributo di ogni valore nel tempo o dati di altre categorie. Un grafico ad area in pila 100% in 3D è visualizzato allo stesso modo, ma usa una prospettiva 3D. Tale prospettiva non corrisponde esattamente a un grafico 3D in quanto non viene usato un asse con un terzo valore (asse antero-posteriore).

Grafico a dispersione (XY)

grafico a dispersione

In un grafico a dispersione (XY) possono essere tracciati i dati che in un foglio di Excel sono disposti in colonne e in righe. Un grafico a dispersione ha due assi dei valori. Rappresenta un set di dati numerici lungo l'asse orizzontale (asse x) e un altro lungo l'asse verticale (asse y). Combina questi valori in punti dati singoli e li visualizza in intervalli irregolari o gruppi.

I grafici a dispersione mostrano le relazioni tra i valori numerici in varie serie di dati oppure tracciano due gruppi di numeri come serie unica di coordinate XY. Questi grafici vengono in genere usati per visualizzare e confrontare valori numerici, come dati scientifici, statistici e di progettazione.

Sono disponibili i sottotipi di grafico a dispersione descritti di seguito.

  • Grafico a dispersione solo con indicatori     Confronta coppie di valori. I grafici a dispersione con indicatori ma senza linee sono indicati per le situazioni in cui i punti dati sono molti e le linee di connessione complicherebbero la lettura dei dati. È anche possibile usare questo tipo di grafico quando non è necessario mostrare le connessioni dei punti dati.

  • Grafico a dispersione con linee smussate con o senza indicatori    Mostra una linea curva smussata che connette i punti dati. Le linee smussate possono essere visualizzate con o senza indicatori. Usare una linea curva senza indicatori se sono presenti molti punti dati.

  • Grafico a dispersione con linee rette con o senza indicatori    Mostra linee rette di connessione tra i punti dati. Queste linee possono essere visualizzate con o senza indicatori.

Grafico a bolle

grafico a bolle

Un grafico a bolle è un tipo di grafico a dispersione (XY) in cui la dimensione della bolla rappresenta il valore di una terza variabile.

Sono disponibili i sottotipi di grafico a bolle descritti di seguito.

  • Grafico a bolle normale o con effetto 3D     Confronta set di tre valori anziché due. Il terzo valore determina la dimensione della bolla. È possibile scegliere di visualizzare le bolle in formato 2D o con un effetto 3D.

Grafico azionario

grafico azionario

In un grafico azionario possono essere tracciati i dati che in un foglio di Excel sono disposti in colonne o in righe con un ordine specifico.

Come indica il nome, i grafici azionari di solito vengono utilizzati per illustrare la fluttuazione dei prezzi delle azioni, anche se possono essere usati per dati scientifici. È ad esempio possibile usare un grafico azionario per indicare la fluttuazione delle temperature giornaliere o annuali.

Sono disponibili i sottotipi di grafico azionario descritti di seguito.

  • Grafico per quotazioni azionarie massime, minime e di chiusura     Illustra i prezzi delle azioni. Richiede tre serie di valori nell'ordine seguente: quotazione massima, minima e di chiusura.

  • Grafico per quotazioni azionarie di apertura, massime, minime e di chiusura    Richiede quattro serie di valori nell'ordine seguente: quotazione di apertura, massima, minima e di chiusura.

  • Grafico per volume degli scambi e quotazioni azionarie massime, minime e di chiusura    Richiede quattro serie di valori nell'ordine seguente: volume degli scambi, quotazione massima, minima e di chiusura. Il volume viene misurato usando due assi di valori, uno per le colonne che misurano il volume e l'altro per i prezzi delle azioni.

  • Grafico per volume degli scambi e quotazioni azionarie di apertura, massime, minime e di chiusura    Richiede cinque serie di valori nell'ordine seguente: volume degli scambi, quotazione di apertura, massima, minima e di chiusura.

Grafico a superficie

grafico a superficie

In un grafico a superficie possono essere tracciati i dati che in un foglio di Excel sono disposti in colonne o in righe. Come in una carta topografica, i colori e i motivi indicano le aree che sono nello stesso intervallo di valori.

I grafici a superficie sono utili per trovare combinazioni ottimali tra due set di dati.

Sono disponibili i sottotipi di grafico a superficie descritti di seguito.

  • Grafico a superficie 3D    Mostra le tendenze dei valori su due dimensioni con una curva continua. Le bande di colori di un grafico a superficie non rappresentano le serie di dati, ma indicano la differenza tra i valori. Questo grafico mostra una vista 3D dei dati, che può essere immaginata come un foglio di gomma steso su un istogramma 3D. Viene in genere usato per mostrare le relazioni tra grandi quantità di dati che altrimenti sarebbero difficili da vedere.

  • Grafico a superficie 3D a reticolo    Mostra solo le linee. Un grafico a superficie 3D a reticolo non è facile da leggere, ma è utile per tracciare in modo più veloce set di dati di grandi dimensioni.

  • Grafico isometrico    Si tratta di un grafico a superficie visualizzato dall'alto, in modo analogo a una carta topografica 2D. In un grafico isometrico le bande di colori rappresentano intervalli di valori specifici. Le linee nel grafico isometrico collegano punti interpolati di uguale valore.

  • Grafico a reticolo    Si tratta di un grafico a superficie visualizzato dall'alto senza bande di colori. In un grafico a reticolo vengono visualizzate solo linee. I grafici isometrici a reticolo non sono di facile lettura. Si consiglia in alternativa di usare un grafico a superficie 3D.

Grafico ad anello

grafico ad anello

Come il grafico a torta, il grafico ad anello mostra le relazioni delle parti rispetto a un intero, ma può contenere più serie di dati. Ogni anello del grafico rappresenta una serie di dati.

Sono disponibili i sottotipi di grafico ad anello descritti di seguito.

  • Grafico ad anello     Mostra i dati in anelli, dove ogni anello rappresenta una serie di dati. Se le percentuali vengono mostrate in etichette di dati, ogni anello darà il 100%.

  • Grafico ad anello esploso     Rappresenta il contributo di ogni valore rispetto al totale, mettendo contemporaneamente in evidenza i singoli valori, ma può contenere più serie di dati.

Grafico radar

grafico radar

In un grafico radar ogni categoria ha il proprio asse dei valori che parte dal punto centrale. Le linee collegano tutti i valori della stessa serie.

I grafici radar sono utili per confrontare i valori aggregati di diverse serie di dati.

Sono disponibili i sottotipi di grafico radar descritti di seguito.

  • Grafico radar     Visualizza le variazioni dei valori in relazione a un punto centrale.

  • Grafico radar con riempimento     Visualizza le variazioni dei valori in relazione a un punto centrale e riempie l'area coperta da una serie di dati con un colore.

Vedere anche

Creare un grafico

Modificare i dati di un grafico

Aggiungere un asse secondario a un grafico

Creare un organigramma

PowerPoint

Con la caratteristica per la creazione di grafici di Office è possibile creare un interessante grafico in Excel e quindi aggiungerlo a una presentazione.

Sono disponibili molti tipi di grafico per consentire la visualizzazione dei dati in modo che risultino significativi per i destinatari. Ecco alcuni esempi dei tipi di grafico più comuni e di come possono essere usati.

Istogramma

istogramma

I dati disposti in colonne o righe in un foglio di Excel possono essere rappresentati con un istogramma. Negli istogrammi le categorie sono in genere organizzate lungo l'asse orizzontale e i valori lungo l'asse verticale.

Gli istogrammi sono utili per illustrare il variare dei dati nel tempo o per confrontare più elementi.

Sono disponibili i sottotipi di istogramma descritti di seguito.

  • Istogramma a colonne raggruppate    Confronta i valori tra categorie visualizzandoli in rettangoli verticali in 2D. La variante 3D visualizza i dati con una prospettiva tridimensionale.

  • Istogramma in pila     Mostra le relazioni dei singoli elementi rispetto all'insieme, confrontando il contributo di ciascun valore al totale di tutte le categorie. In un istogramma in pila i valori sono visualizzati in rettangoli verticali in 2D in pila. La variante 3D visualizza i dati con una prospettiva tridimensionale. Tale prospettiva non corrisponde esattamente a un grafico 3D in quanto non viene usato un asse con un terzo valore (asse antero-posteriore).

  • Istogramma a colonne in pila 100%    Confronta la percentuale di ciascun valore rispetto al totale di tutte le categorie. In un istogramma a colonne in pila 100% i valori sono visualizzati in rettangoli verticali in 2D in pila al 100%. La variante 3D visualizza i dati con una prospettiva tridimensionale. Tale prospettiva non corrisponde esattamente a un grafico 3D in quanto non viene usato un asse con un terzo valore (asse antero-posteriore).

  • Istogramma 3D     Usa tre assi che è possibile modificare (orizzontale, verticale e antero-posteriore). Vengono confrontati punti dati lungo gli assi orizzontale e antero-posteriore.

  • Grafico a cilindro, a cono o a piramide     Disponibile nei tipi raggruppato, in pila, in pila 100% e 3D come per gli istogrammi a colonne rettangolari. Rappresentano e confrontano i dati nello stesso modo. L'unica differenza sta nel fatto che questi tipi di grafico includono forme cilindriche, coniche e piramidali invece di rettangoli.

Grafico a linee

grafico a linee

In un grafico a linee possono essere tracciati i dati che in un foglio di Excel sono disposti in colonne o in righe. Nei grafici a linee è possibile visualizzare dati continui nel tempo, impostati in base a una scala comune, pertanto questo tipo di grafico è ideale per la presentazione di tendenze nei dati a intervalli uguali. In un grafico a linee i dati di categoria vengono distribuiti uniformemente lungo l'asse orizzontale e tutti i dati dei valori vengono distribuiti uniformemente lungo l'asse verticale.

Il grafico a linee è consigliabile quando le etichette di categoria sono costituite da testo e rappresentano valori con spaziatura uniforme, ad esempio mesi, trimestri o anni fiscali.

Sono disponibili i sottotipi di grafico a linee descritti di seguito.

  • Grafico a linee con o senza indicatori     Visualizza le tendenze nel tempo o categorie ordinate, specialmente quando sono disponibili molti punti dati e l'ordine in cui sono presentati risulta importante. Se le categorie sono numerose o i valori sono approssimati, usare un grafico a linee senza indicatori.

  • Grafico a linee in pila con o senza indicatori     Mostra la tendenza del contributo di ciascun valore nel tempo o in categorie ordinate. Se le categorie sono numerose o i valori sono approssimati, usare un grafico a linee in pila senza indicatori.

  • Grafico a linee in pila 100% con o senza indicatori     Questo grafico mostra la tendenza del contributo percentuale di ciascun valore nel tempo o in categorie ordinate. Se le categorie sono numerose o i valori sono approssimati, usare un grafico a linee in pila 100% senza indicatori.

  • Grafico a linee 3D    Presenta ogni riga o colonna di dati come nastro 3D. In un grafico a linee 3D sono presenti gli assi orizzontale, verticale e antero-posteriore che è possibile modificare.

Grafico a torta

grafico a torta

In un grafico a torta possono essere tracciati i dati che in un foglio di Excel sono disposti in una sola colonna o riga. La dimensione degli elementi di una serie di dati viene presentata nei grafici a torta in modo proporzionale rispetto alla somma degli elementi. I punti dati di un grafico a torta vengono visualizzati come percentuale dell'intera torta.

Usare un grafico a torta quando si deve rappresentare una sola serie di dati, i valori da rappresentare non sono negativi, quasi nessuno dei valori da rappresentare è pari a zero, sono presenti meno di sette categorie e le categorie rappresentano parti dell'intera torta.

Sono disponibili i sottotipi di grafico a torta descritti di seguito.

  • Grafico a torta    Il contributo di ogni valore rispetto al totale viene visualizzato in formato 2D o 3D. Per mettere in evidenza le sezioni di un grafico a torta, è possibile estrarle manualmente.

  • Grafico a torta della torta e a barre della torta     Visualizza grafici a torta con valori definiti dall'utente, estratti dal grafico a torta principale e combinati in un grafico a torta o a barre in pila secondario. Questi tipi di grafico sono utili quando si vuole rendere più facilmente distinguibili le sezioni piccole del grafico a torta principale.

  • Grafico a torta esplosa     Rappresenta il contributo di ogni valore rispetto al totale, mettendo contemporaneamente in evidenza i singoli valori. I grafici a torta esplosa possono essere visualizzati in formato 3D. È possibile modificare l'impostazione dell'esplosione della torta per tutte le sezioni e per singole sezioni, ma non è possibile spostare manualmente le sezioni di una torta esplosa.

Grafico a barre

grafico a barre

In un grafico a barre possono essere tracciati i dati che in un foglio di Excel sono disposti in colonne o in righe.

Usare i grafici a barre per rappresentare confronti tra singoli elementi.

Sono disponibili i sottotipi di grafico a barre descritti di seguito.

  • Grafico a barre raggruppate    Confronta i valori tra categorie. Nei grafici a barre raggruppate le categorie sono in genere organizzate lungo l'asse verticale e i valori lungo l'asse orizzontale. In un grafico a barre raggruppate 3D i rettangoli orizzontali sono visualizzati in formato 3D, ma i dati non vengono visualizzati su tre assi.

  • Grafico a barre in pila    Mostra le relazioni dei singoli elementi rispetto all'intero. In un grafico a barre in pila 3D i rettangoli orizzontali sono visualizzati in formato 3D, ma i dati non vengono visualizzati su tre assi.

  • Grafico a barre in pila 100% normale e in 3D     Confronta la percentuale di contributo di ogni valore rispetto al totale di tutte le categorie. In un grafico a barre in pila 100% in 3D i rettangoli orizzontali sono visualizzati in formato 3D, ma i dati non vengono visualizzati su tre assi.

  • Grafico a cilindro, a cono o a piramide orizzontale     Disponibile nei tipi raggruppato, in pila e in pila 100% come per i grafici a barre rettangolari. Rappresentano e confrontano i dati nello stesso modo. L'unica differenza sta nel fatto che questi tipi di grafico includono forme cilindriche, coniche e piramidali invece di rettangoli orizzontali.

Grafico ad area

grafico ad area

In un grafico ad area possono essere tracciati i dati che in un foglio di Excel sono disposti in colonne o in righe. Visualizzando la somma dei valori tracciati, un grafico ad area mostra anche la relazione tra le parti rispetto a un intero.

I grafici ad area sottolineano la grandezza delle variazioni nel tempo e possono essere usati per attirare l'attenzione sul valore totale di una tendenza. Ad esempio, i dati che rappresentano il profitto nel tempo possono essere rappresentati in un grafico ad area per sottolineare il profitto totale.

Sono disponibili i sottotipi di grafico ad area descritti di seguito.

  • Grafico ad area 3D    Mostra la tendenza dei valori nel tempo o dati di altre categorie. I grafici ad area 3D usano tre assi modificabili, ovvero orizzontale, verticale e antero-posteriore. In linea di massima è meglio scegliere un grafico a linee anziché un grafico ad area non in pila perché i dati di una serie potrebbero essere oscurati da quelli di altre serie.

  • Grafico ad area in pila    Mostra la tendenza del contributo di ogni valore nel tempo o dati di altre categorie. Un grafico ad area in pila in 3D è visualizzato allo stesso modo, ma usa una prospettiva 3D. Tale prospettiva non corrisponde esattamente a un grafico 3D in quanto non viene usato un asse con un terzo valore (asse antero-posteriore).

  • Grafico ad area in pila 100%    Visualizza la tendenza della percentuale di contributo di ogni valore nel tempo o dati di altre categorie. Un grafico ad area in pila 100% in 3D è visualizzato allo stesso modo, ma usa una prospettiva 3D. Tale prospettiva non corrisponde esattamente a un grafico 3D in quanto non viene usato un asse con un terzo valore (asse antero-posteriore).

Grafico a dispersione (XY)

grafico a dispersione

In un grafico a dispersione (XY) possono essere tracciati i dati che in un foglio di Excel sono disposti in colonne e in righe. Un grafico a dispersione ha due assi dei valori. Rappresenta un set di dati numerici lungo l'asse orizzontale (asse x) e un altro lungo l'asse verticale (asse y). Combina questi valori in punti dati singoli e li visualizza in intervalli irregolari o gruppi.

I grafici a dispersione mostrano le relazioni tra i valori numerici in varie serie di dati oppure tracciano due gruppi di numeri come serie unica di coordinate XY. Questi grafici vengono in genere usati per visualizzare e confrontare valori numerici, come dati scientifici, statistici e di progettazione.

Sono disponibili i sottotipi di grafico a dispersione descritti di seguito.

  • Grafico a dispersione solo con indicatori     Confronta coppie di valori. I grafici a dispersione con indicatori ma senza linee sono indicati per le situazioni in cui i punti dati sono molti e le linee di connessione complicherebbero la lettura dei dati. È anche possibile usare questo tipo di grafico quando non è necessario mostrare le connessioni dei punti dati.

  • Grafico a dispersione con linee smussate con o senza indicatori    Mostra una linea curva smussata che connette i punti dati. Le linee smussate possono essere visualizzate con o senza indicatori. Usare una linea curva senza indicatori se sono presenti molti punti dati.

  • Grafico a dispersione con linee rette con o senza indicatori    Mostra linee rette di connessione tra i punti dati. Queste linee possono essere visualizzate con o senza indicatori.

Grafico a bolle

grafico a bolle

Un grafico a bolle è un tipo di grafico a dispersione (XY) in cui la dimensione della bolla rappresenta il valore di una terza variabile.

Sono disponibili i sottotipi di grafico a bolle descritti di seguito.

  • Grafico a bolle normale o con effetto 3D     Confronta set di tre valori anziché due. Il terzo valore determina la dimensione della bolla. È possibile scegliere di visualizzare le bolle in formato 2D o con un effetto 3D.

Grafico azionario

grafico azionario

In un grafico azionario possono essere tracciati i dati che in un foglio di Excel sono disposti in colonne o in righe con un ordine specifico.

Come indica il nome, i grafici azionari di solito vengono utilizzati per illustrare la fluttuazione dei prezzi delle azioni, anche se possono essere usati per dati scientifici. È ad esempio possibile usare un grafico azionario per indicare la fluttuazione delle temperature giornaliere o annuali.

Sono disponibili i sottotipi di grafico azionario descritti di seguito.

  • Grafico per quotazioni azionarie massime, minime e di chiusura     Illustra i prezzi delle azioni. Richiede tre serie di valori nell'ordine seguente: quotazione massima, minima e di chiusura.

  • Grafico per quotazioni azionarie di apertura, massime, minime e di chiusura    Richiede quattro serie di valori nell'ordine seguente: quotazione di apertura, massima, minima e di chiusura.

  • Grafico per volume degli scambi e quotazioni azionarie massime, minime e di chiusura    Richiede quattro serie di valori nell'ordine seguente: volume degli scambi, quotazione massima, minima e di chiusura. Il volume viene misurato usando due assi di valori, uno per le colonne che misurano il volume e l'altro per i prezzi delle azioni.

  • Grafico per volume degli scambi e quotazioni azionarie di apertura, massime, minime e di chiusura    Richiede cinque serie di valori nell'ordine seguente: volume degli scambi, quotazione di apertura, massima, minima e di chiusura.

Grafico a superficie

grafico a superficie

In un grafico a superficie possono essere tracciati i dati che in un foglio di Excel sono disposti in colonne o in righe. Come in una carta topografica, i colori e i motivi indicano le aree che sono nello stesso intervallo di valori.

I grafici a superficie sono utili per trovare combinazioni ottimali tra due set di dati.

Sono disponibili i sottotipi di grafico a superficie descritti di seguito.

  • Grafico a superficie 3D    Mostra le tendenze dei valori su due dimensioni con una curva continua. Le bande di colori di un grafico a superficie non rappresentano le serie di dati, ma indicano la differenza tra i valori. Questo grafico mostra una vista 3D dei dati, che può essere immaginata come un foglio di gomma steso su un istogramma 3D. Viene in genere usato per mostrare le relazioni tra grandi quantità di dati che altrimenti sarebbero difficili da vedere.

  • Grafico a superficie 3D a reticolo    Mostra solo le linee. Un grafico a superficie 3D a reticolo non è facile da leggere, ma è utile per tracciare in modo più veloce set di dati di grandi dimensioni.

  • Grafico isometrico    Si tratta di un grafico a superficie visualizzato dall'alto, in modo analogo a una carta topografica 2D. In un grafico isometrico le bande di colori rappresentano intervalli di valori specifici. Le linee nel grafico isometrico collegano punti interpolati di uguale valore.

  • Grafico a reticolo    Si tratta di un grafico a superficie visualizzato dall'alto senza bande di colori. In un grafico a reticolo vengono visualizzate solo linee. I grafici isometrici a reticolo non sono di facile lettura. Si consiglia in alternativa di usare un grafico a superficie 3D.

Grafico ad anello

grafico ad anello

Come il grafico a torta, il grafico ad anello mostra le relazioni delle parti rispetto a un intero, ma può contenere più serie di dati. Ogni anello del grafico rappresenta una serie di dati.

Sono disponibili i sottotipi di grafico ad anello descritti di seguito.

  • Grafico ad anello     Mostra i dati in anelli, dove ogni anello rappresenta una serie di dati. Se le percentuali vengono mostrate in etichette di dati, ogni anello darà il 100%.

  • Grafico ad anello esploso     Rappresenta il contributo di ogni valore rispetto al totale, mettendo contemporaneamente in evidenza i singoli valori, ma può contenere più serie di dati.

Grafico radar

grafico radar

In un grafico radar ogni categoria ha il proprio asse dei valori che parte dal punto centrale. Le linee collegano tutti i valori della stessa serie.

I grafici radar sono utili per confrontare i valori aggregati di diverse serie di dati.

Sono disponibili i sottotipi di grafico radar descritti di seguito.

  • Grafico radar     Visualizza le variazioni dei valori in relazione a un punto centrale.

  • Grafico radar con riempimento     Visualizza le variazioni dei valori in relazione a un punto centrale e riempie l'area coperta da una serie di dati con un colore.

Vedere anche

Creare un grafico

Modificare i dati di un grafico

Aggiungere un asse secondario a un grafico

Creare un organigramma

Excel

Sono disponibili molti tipi di grafico per consentire la visualizzazione dei dati in modo che risultino significativi per i destinatari. Ecco alcuni esempi dei tipi di grafico più comuni e di come possono essere usati.

Istogramma

istogramma

I dati disposti in colonne o righe in un foglio di Excel possono essere rappresentati con un istogramma. Negli istogrammi le categorie sono in genere organizzate lungo l'asse orizzontale e i valori lungo l'asse verticale.

Gli istogrammi sono utili per illustrare il variare dei dati nel tempo o per confrontare più elementi.

Sono disponibili i sottotipi di istogramma descritti di seguito.

  • Istogramma a colonne raggruppate    Confronta i valori tra categorie visualizzandoli in rettangoli verticali in 2D. La variante 3D visualizza i dati con una prospettiva tridimensionale.

  • Istogramma in pila     Mostra le relazioni dei singoli elementi rispetto all'insieme, confrontando il contributo di ciascun valore al totale di tutte le categorie. In un istogramma in pila i valori sono visualizzati in rettangoli verticali in 2D in pila. La variante 3D visualizza i dati con una prospettiva tridimensionale. Tale prospettiva non corrisponde esattamente a un grafico 3D in quanto non viene usato un asse con un terzo valore (asse antero-posteriore).

  • Istogramma a colonne in pila 100%    Confronta la percentuale di ciascun valore rispetto al totale di tutte le categorie. In un istogramma a colonne in pila 100% i valori sono visualizzati in rettangoli verticali in 2D in pila al 100%. La variante 3D visualizza i dati con una prospettiva tridimensionale. Tale prospettiva non corrisponde esattamente a un grafico 3D in quanto non viene usato un asse con un terzo valore (asse antero-posteriore).

  • Istogramma 3D     Usa tre assi che è possibile modificare (orizzontale, verticale e antero-posteriore). Vengono confrontati punti dati lungo gli assi orizzontale e antero-posteriore.

  • Grafico a cilindro, a cono o a piramide     Disponibile nei tipi raggruppato, in pila, in pila 100% e 3D come per gli istogrammi a colonne rettangolari. Rappresentano e confrontano i dati nello stesso modo. L'unica differenza sta nel fatto che questi tipi di grafico includono forme cilindriche, coniche e piramidali invece di rettangoli.

Grafico a linee

grafico a linee

In un grafico a linee possono essere tracciati i dati che in un foglio di Excel sono disposti in colonne o in righe. Nei grafici a linee è possibile visualizzare dati continui nel tempo, impostati in base a una scala comune, pertanto questo tipo di grafico è ideale per la presentazione di tendenze nei dati a intervalli uguali. In un grafico a linee i dati di categoria vengono distribuiti uniformemente lungo l'asse orizzontale e tutti i dati dei valori vengono distribuiti uniformemente lungo l'asse verticale.

Il grafico a linee è consigliabile quando le etichette di categoria sono costituite da testo e rappresentano valori con spaziatura uniforme, ad esempio mesi, trimestri o anni fiscali.

Sono disponibili i sottotipi di grafico a linee descritti di seguito.

  • Grafico a linee con o senza indicatori     Visualizza le tendenze nel tempo o categorie ordinate, specialmente quando sono disponibili molti punti dati e l'ordine in cui sono presentati risulta importante. Se le categorie sono numerose o i valori sono approssimati, usare un grafico a linee senza indicatori.

  • Grafico a linee in pila con o senza indicatori     Mostra la tendenza del contributo di ciascun valore nel tempo o in categorie ordinate. Se le categorie sono numerose o i valori sono approssimati, usare un grafico a linee in pila senza indicatori.

  • Grafico a linee in pila 100% con o senza indicatori     Questo grafico mostra la tendenza del contributo percentuale di ciascun valore nel tempo o in categorie ordinate. Se le categorie sono numerose o i valori sono approssimati, usare un grafico a linee in pila 100% senza indicatori.

  • Grafico a linee 3D    Presenta ogni riga o colonna di dati come nastro 3D. In un grafico a linee 3D sono presenti gli assi orizzontale, verticale e antero-posteriore che è possibile modificare.

Grafico a torta

grafico a torta

In un grafico a torta possono essere tracciati i dati che in un foglio di Excel sono disposti in una sola colonna o riga. La dimensione degli elementi di una serie di dati viene presentata nei grafici a torta in modo proporzionale rispetto alla somma degli elementi. I punti dati di un grafico a torta vengono visualizzati come percentuale dell'intera torta.

Usare un grafico a torta quando si deve rappresentare una sola serie di dati, i valori da rappresentare non sono negativi, quasi nessuno dei valori da rappresentare è pari a zero, sono presenti meno di sette categorie e le categorie rappresentano parti dell'intera torta.

Sono disponibili i sottotipi di grafico a torta descritti di seguito.

  • Grafico a torta    Il contributo di ogni valore rispetto al totale viene visualizzato in formato 2D o 3D. Per mettere in evidenza le sezioni di un grafico a torta, è possibile estrarle manualmente.

  • Grafico a torta della torta e a barre della torta     Visualizza grafici a torta con valori definiti dall'utente, estratti dal grafico a torta principale e combinati in un grafico a torta o a barre in pila secondario. Questi tipi di grafico sono utili quando si vuole rendere più facilmente distinguibili le sezioni piccole del grafico a torta principale.

  • Grafico a torta esplosa     Rappresenta il contributo di ogni valore rispetto al totale, mettendo contemporaneamente in evidenza i singoli valori. I grafici a torta esplosa possono essere visualizzati in formato 3D. È possibile modificare l'impostazione dell'esplosione della torta per tutte le sezioni e per singole sezioni, ma non è possibile spostare manualmente le sezioni di una torta esplosa.

Grafico a barre

grafico a barre

In un grafico a barre possono essere tracciati i dati che in un foglio di Excel sono disposti in colonne o in righe.

Usare i grafici a barre per rappresentare confronti tra singoli elementi.

Sono disponibili i sottotipi di grafico a barre descritti di seguito.

  • Grafico a barre raggruppate    Confronta i valori tra categorie. Nei grafici a barre raggruppate le categorie sono in genere organizzate lungo l'asse verticale e i valori lungo l'asse orizzontale. In un grafico a barre raggruppate 3D i rettangoli orizzontali sono visualizzati in formato 3D, ma i dati non vengono visualizzati su tre assi.

  • Grafico a barre in pila    Mostra le relazioni dei singoli elementi rispetto all'intero. In un grafico a barre in pila 3D i rettangoli orizzontali sono visualizzati in formato 3D, ma i dati non vengono visualizzati su tre assi.

  • Grafico a barre in pila 100% normale e in 3D     Confronta la percentuale di contributo di ogni valore rispetto al totale di tutte le categorie. In un grafico a barre in pila 100% in 3D i rettangoli orizzontali sono visualizzati in formato 3D, ma i dati non vengono visualizzati su tre assi.

  • Grafico a cilindro, a cono o a piramide orizzontale     Disponibile nei tipi raggruppato, in pila e in pila 100% come per i grafici a barre rettangolari. Rappresentano e confrontano i dati nello stesso modo. L'unica differenza sta nel fatto che questi tipi di grafico includono forme cilindriche, coniche e piramidali invece di rettangoli orizzontali.

Grafico ad area

grafico ad area

In un grafico ad area possono essere tracciati i dati che in un foglio di Excel sono disposti in colonne o in righe. Visualizzando la somma dei valori tracciati, un grafico ad area mostra anche la relazione tra le parti rispetto a un intero.

I grafici ad area sottolineano la grandezza delle variazioni nel tempo e possono essere usati per attirare l'attenzione sul valore totale di una tendenza. Ad esempio, i dati che rappresentano il profitto nel tempo possono essere rappresentati in un grafico ad area per sottolineare il profitto totale.

Sono disponibili i sottotipi di grafico ad area descritti di seguito.

  • Grafico ad area 3D    Mostra la tendenza dei valori nel tempo o dati di altre categorie. I grafici ad area 3D usano tre assi modificabili, ovvero orizzontale, verticale e antero-posteriore. In linea di massima è meglio scegliere un grafico a linee anziché un grafico ad area non in pila perché i dati di una serie potrebbero essere oscurati da quelli di altre serie.

  • Grafico ad area in pila    Mostra la tendenza del contributo di ogni valore nel tempo o dati di altre categorie. Un grafico ad area in pila in 3D è visualizzato allo stesso modo, ma usa una prospettiva 3D. Tale prospettiva non corrisponde esattamente a un grafico 3D in quanto non viene usato un asse con un terzo valore (asse antero-posteriore).

  • Grafico ad area in pila 100%    Visualizza la tendenza della percentuale di contributo di ogni valore nel tempo o dati di altre categorie. Un grafico ad area in pila 100% in 3D è visualizzato allo stesso modo, ma usa una prospettiva 3D. Tale prospettiva non corrisponde esattamente a un grafico 3D in quanto non viene usato un asse con un terzo valore (asse antero-posteriore).

Grafico a dispersione (XY)

grafico a dispersione

In un grafico a dispersione (XY) possono essere tracciati i dati che in un foglio di Excel sono disposti in colonne e in righe. Un grafico a dispersione ha due assi dei valori. Rappresenta un set di dati numerici lungo l'asse orizzontale (asse x) e un altro lungo l'asse verticale (asse y). Combina questi valori in punti dati singoli e li visualizza in intervalli irregolari o gruppi.

I grafici a dispersione mostrano le relazioni tra i valori numerici in varie serie di dati oppure tracciano due gruppi di numeri come serie unica di coordinate XY. Questi grafici vengono in genere usati per visualizzare e confrontare valori numerici, come dati scientifici, statistici e di progettazione.

Sono disponibili i sottotipi di grafico a dispersione descritti di seguito.

  • Grafico a dispersione solo con indicatori     Confronta coppie di valori. I grafici a dispersione con indicatori ma senza linee sono indicati per le situazioni in cui i punti dati sono molti e le linee di connessione complicherebbero la lettura dei dati. È anche possibile usare questo tipo di grafico quando non è necessario mostrare le connessioni dei punti dati.

  • Grafico a dispersione con linee smussate con o senza indicatori    Mostra una linea curva smussata che connette i punti dati. Le linee smussate possono essere visualizzate con o senza indicatori. Usare una linea curva senza indicatori se sono presenti molti punti dati.

  • Grafico a dispersione con linee rette con o senza indicatori    Mostra linee rette di connessione tra i punti dati. Queste linee possono essere visualizzate con o senza indicatori.

Grafico a bolle

grafico a bolle

Un grafico a bolle è un tipo di grafico a dispersione (XY) in cui la dimensione della bolla rappresenta il valore di una terza variabile.

Sono disponibili i sottotipi di grafico a bolle descritti di seguito.

  • Grafico a bolle normale o con effetto 3D     Confronta set di tre valori anziché due. Il terzo valore determina la dimensione della bolla. È possibile scegliere di visualizzare le bolle in formato 2D o con un effetto 3D.

Grafico azionario

grafico azionario

In un grafico azionario possono essere tracciati i dati che in un foglio di Excel sono disposti in colonne o in righe con un ordine specifico.

Come indica il nome, i grafici azionari di solito vengono utilizzati per illustrare la fluttuazione dei prezzi delle azioni, anche se possono essere usati per dati scientifici. È ad esempio possibile usare un grafico azionario per indicare la fluttuazione delle temperature giornaliere o annuali.

Sono disponibili i sottotipi di grafico azionario descritti di seguito.

  • Grafico per quotazioni azionarie massime, minime e di chiusura     Illustra i prezzi delle azioni. Richiede tre serie di valori nell'ordine seguente: quotazione massima, minima e di chiusura.

  • Grafico per quotazioni azionarie di apertura, massime, minime e di chiusura    Richiede quattro serie di valori nell'ordine seguente: quotazione di apertura, massima, minima e di chiusura.

  • Grafico per volume degli scambi e quotazioni azionarie massime, minime e di chiusura    Richiede quattro serie di valori nell'ordine seguente: volume degli scambi, quotazione massima, minima e di chiusura. Il volume viene misurato usando due assi di valori, uno per le colonne che misurano il volume e l'altro per i prezzi delle azioni.

  • Grafico per volume degli scambi e quotazioni azionarie di apertura, massime, minime e di chiusura    Richiede cinque serie di valori nell'ordine seguente: volume degli scambi, quotazione di apertura, massima, minima e di chiusura.

Grafico a superficie

grafico a superficie

In un grafico a superficie possono essere tracciati i dati che in un foglio di Excel sono disposti in colonne o in righe. Come in una carta topografica, i colori e i motivi indicano le aree che sono nello stesso intervallo di valori.

I grafici a superficie sono utili per trovare combinazioni ottimali tra due set di dati.

Sono disponibili i sottotipi di grafico a superficie descritti di seguito.

  • Grafico a superficie 3D    Mostra le tendenze dei valori su due dimensioni con una curva continua. Le bande di colori di un grafico a superficie non rappresentano le serie di dati, ma indicano la differenza tra i valori. Questo grafico mostra una vista 3D dei dati, che può essere immaginata come un foglio di gomma steso su un istogramma 3D. Viene in genere usato per mostrare le relazioni tra grandi quantità di dati che altrimenti sarebbero difficili da vedere.

  • Grafico a superficie 3D a reticolo    Mostra solo le linee. Un grafico a superficie 3D a reticolo non è facile da leggere, ma è utile per tracciare in modo più veloce set di dati di grandi dimensioni.

  • Grafico isometrico    Si tratta di un grafico a superficie visualizzato dall'alto, in modo analogo a una carta topografica 2D. In un grafico isometrico le bande di colori rappresentano intervalli di valori specifici. Le linee nel grafico isometrico collegano punti interpolati di uguale valore.

  • Grafico a reticolo    Si tratta di un grafico a superficie visualizzato dall'alto senza bande di colori. In un grafico a reticolo vengono visualizzate solo linee. I grafici isometrici a reticolo non sono di facile lettura. Si consiglia in alternativa di usare un grafico a superficie 3D.

Grafico ad anello

grafico ad anello

Come il grafico a torta, il grafico ad anello mostra le relazioni delle parti rispetto a un intero, ma può contenere più serie di dati. Ogni anello del grafico rappresenta una serie di dati.

Sono disponibili i sottotipi di grafico ad anello descritti di seguito.

  • Grafico ad anello     Mostra i dati in anelli, dove ogni anello rappresenta una serie di dati. Se le percentuali vengono mostrate in etichette di dati, ogni anello darà il 100%.

  • Grafico ad anello esploso     Rappresenta il contributo di ogni valore rispetto al totale, mettendo contemporaneamente in evidenza i singoli valori, ma può contenere più serie di dati.

Grafico radar

grafico radar

In un grafico radar ogni categoria ha il proprio asse dei valori che parte dal punto centrale. Le linee collegano tutti i valori della stessa serie.

I grafici radar sono utili per confrontare i valori aggregati di diverse serie di dati.

Sono disponibili i sottotipi di grafico radar descritti di seguito.

  • Grafico radar     Visualizza le variazioni dei valori in relazione a un punto centrale.

  • Grafico radar con riempimento     Visualizza le variazioni dei valori in relazione a un punto centrale e riempie l'area coperta da una serie di dati con un colore.

Vedere anche

Creare un grafico

Modificare i dati di un grafico

Aggiungere un asse secondario a un grafico

Creare un organigramma

Condividi Facebook Facebook Twitter Twitter Posta elettronica Posta elettronica

Queste informazioni sono risultate utili?

Ottimo! Altri commenti?

Cosa possiamo migliorare?

Grazie per i tuoi commenti e suggerimenti

×