Supporto NAT con Office 365

Riepilogo:    fornisce dettagli su come calcolare il numero corretto di client da usare per ogni indirizzo IP nell'organizzazione tramite NAT (Network Address Translation).

Nota:  Riteniamo importante fornire il contenuto della Guida più recente non appena possibile, nella lingua dell'utente. Questa pagina è stata tradotta automaticamente e potrebbe contenere errori di grammatica o imprecisioni. L'intento è quello di rendere fruibile il contenuto. Nella parte inferiore della pagina è possibile indicare se le informazioni sono risultate utili. Questo è l' articolo in lingua inglese per riferimento.

In precedenza, le linee guida suggerivano che il numero massimo di client Exchange da usare per ogni indirizzo IP da connettere a Office 365 era di circa 2.000 per porta di rete.

Perché usare NAT?

Con NAT, diverse migliaia di persone collegate a una rete aziendale possono "condividere" alcuni indirizzi IP instradabili pubblicamente.

La maggior parte delle reti aziendali usa lo spazio di indirizzi IP (RFC1918) privato. Lo spazio di indirizzi privato viene allocato dalla Internet Assigned Numbers Authority (IANA) ed è destinato esclusivamente alle reti che non eseguono direttamente l'instradamento a e da Internet globale.

Per fornire l'accesso a Internet ai dispositivi in uno spazio di indirizzi IP privato, le organizzazioni usano tecnologie di gateway come firewall e proxy che offrono servizi NAT (Network Address Translation) o PAT (Port Address Translation). Con questi gateway, il traffico indirizzato da dispositivi interni a Internet (incluso Office 365) sembra provenire da uno o più indirizzi IP instradabili pubblicamente. Ogni connessione in uscita di un dispositivo interno si traduce in una porta TCP di origine diversa sull'indirizzo IP pubblico.

Perché è necessario avere tante connessioni aperte a Office 365 contemporaneamente?

Outlook può aprire almeno otto connessioni, nelle situazioni in cui sono presenti componenti aggiuntivi, calendari condivisi, cassette postali e così via. Poiché in un dispositivo NAT basato su Windows il numero massimo di porte disponibili è 64.000, dietro un indirizzo IP possono trovarsi al massimo 8.000 utenti prima che le porte si esauriscano. Si noti che se i clienti usano dispositivi non basati sul sistema operativo Windows per NAT, il numero totale di porte disponibili dipende dal tipo di dispositivo NAT o dal software in uso. In questo scenario il numero massimo di porte potrebbe essere inferiore a 64.000. La disponibilità di porte dipende anche da altri fattori, ad esempio la limitazione di Windows che riserva 4.000 porte per uso interno, riducendo il numero totale di porte disponibili a 60.000. Possono poi esserci altre applicazioni, come Internet Explorer, che si connettono contemporaneamente, richiedendo altre porte.

Calcolare il numero massimo di dispositivi supportati dietro un singolo indirizzo IP pubblico con Office 365

Per determinare il numero massimo di dispositivi dietro a un solo indirizzo IP pubblico, è necessario monitorare il traffico di rete per determinare il consumo di porta punta al client. Inoltre, un fattore punta da utilizzare per l'utilizzo di porta (minimo 4).

Utilizzare la formula seguente per calcolare il numero di dispositivi supportati per indirizzo IP:

Numero massimo di dispositivi supportati dietro un singolo indirizzo IP pubblico = (64.000 - porte con limitazioni)/(Picco del consumo di porte + fattore di picco)

Se ad esempio le operazioni seguenti sono veri:

  • Porte con restrizioni: 4.000 per il sistema operativo

  • Consumo porta punta: 6 per dispositivo

  • Fattore punta: 4

Quindi, il massimo supportato dispositivi dietro a un solo indirizzo IP pubblico = (64.000 – 4.000) / (6 + 4) = 6.000

Con la versione di Office 365 hosting pack, inclusi gli aggiornamenti di settembre 2011 per Microsoft Office Outlook 2007 o November 2011 per Microsoft Outlook 2010 o un aggiornamento successivo, il numero di connessioni da Outlook (entrambi Office Outlook 2007 con Service Pack 2 e Outlook 2010 ) per Exchange può essere il minor numero 2. È necessario tenere in considerazione i sistemi operativi diversi, comportamenti degli utenti, e così via per determinare il numero minimo e massimo di porte necessari al picco alla rete aziendale.

Se si desidera supportare più dispositivi dietro a un solo indirizzo IP pubblico, attenersi alla seguente procedura per valutare il numero massimo di dispositivi che possono essere supportate:

Monitorare il traffico di rete per identificare il picco del consumo di porte per ogni client. Raccogliere questi dati:

  • Da più posizioni

  • Da più dispositivi

  • In orari diversi

Usare la formula precedente per calcolare il numero massimo di utenti per indirizzo IP che possono essere supportati nell'ambiente.

Esistono vari metodi per distribuire il carico dei client tra altri indirizzi IP pubblici. Le strategie disponibili dipendono dalle funzionalità della soluzione gateway aziendale. La soluzione più semplice consiste nel segmentare lo spazio di indirizzi degli utenti e "assegnare" staticamente un numero di indirizzi IP a ogni gateway. Un'alternativa offerta da molti dispositivi gateway è la possibilità di usare un pool di indirizzi IP. Il vantaggio del pool di indirizzi è che è molto più dinamico ed è inoltre meno probabile che siano richieste modifiche con l'aumento della base di utenti.

Vedere anche

Gestione degli endpoint di Office 365

Risoluzione dei problemi relativi alla connettività di Office 365

Amplia le tue competenze su Office
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per il feedback!

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×