Selezionare le opzioni relative al controllo grammaticale e allo stile di scrittura in Word 2016 per Mac

Questo articolo illustra le opzioni di controllo grammaticale e stile di scrittura che è possibile scegliere in Word 2016 per Mac.

Nota : Se si scelgono opzioni per testo scritto in una lingua diversa da quella della versione in uso di Word, le scelte disponibili potrebbero variare.

Aprire le impostazioni del controllo ortografico e grammaticale

  1. Scegliere Preferenze dal menu Word.

  2. In Preferenze di Word fare clic su Controllo ortografia e grammatica.

    Fare clic su Controllo ortografia e grammatica per cambiare le impostazioni del controllo.
  3. In Grammatica fare clic su Impostazioni.

    Word visualizza la finestra di dialogo Impostazioni grammaticali, in cui è possibile selezionare o deselezionare le categorie di problemi che Word deve controllare.

    In Impostazioni grammaticali selezionare le categorie di problemi che devono essere controllati da Word.

Selezionare la modalità di rilevamento degli errori di punteggiatura

Spaziatura

Questa opzione riguarda aspetti come:

  • Spazio mancante prima della punteggiatura    Se prima di un determinato segno di punteggiatura è previsto uno spazio ma non viene trovato, la regola suggerisce di aggiungerlo. Ad esempio: Stavano per(partire) verrebbe corretto in Stavano per (partire). Il set di segni di punteggiatura per questa opzione varia in base alla lingua.

  • Spazio non previsto prima della punteggiatura    Se prima di un determinato segno di punteggiatura non è previsto alcuno spazio ma ne viene trovato uno, la regola suggerisce di toglierlo. Ad esempio: Maria , riflettendo ancora sulle foto verrebbe corretto in Maria, riflettendo ancora sulle foto. Il set di segni di punteggiatura per questa opzione varia in base alla lingua.

  • Spazio non previsto prima e mancante dopo la punteggiatura    Se prima di un segno di punteggiatura c'è uno spazio non previsto e dopo ne manca uno, la regola suggerisce di rimuovere quello non previsto e di aggiungere quello mancante. Ad esempio: Maria ,riflettendo ancora sulle foto verrebbe corretto in Maria, riflettendo ancora sulle foto.

  • Spazio mancante dopo la punteggiatura    Se dopo un determinato segno di punteggiatura è previsto uno spazio ma non viene trovato, la regola suggerisce di aggiungerlo. Ad esempio: È stato in piedi tutta la notte,ma ha dormito tutto il giorno verrebbe corretto in È stato in piedi tutta la notte, ma ha dormito tutto il giorno. Il set di segni di punteggiatura per questa opzione varia in base alla lingua.

  • Spazio non previsto dopo la punteggiatura    Se dopo un determinato segno di punteggiatura non è previsto alcuno spazio ma ne viene trovato uno, la regola suggerisce di toglierlo. Ad esempio: Ci sono ( parentesi) verrebbe corretto in Ci sono (parentesi). Il set di segni di punteggiatura per questa opzione varia in base alla lingua.

  • Spazio non previsto tra parole    Questa regola rileva la presenza di due spazi tra le parole di una frase oppure tra la punteggiatura e le parole.

Punteggiatura

Questa opzione riguarda l'errore seguente:

  • Segni di punteggiatura in successione    La regola rileva due o più segni di punteggiatura successivi, identici o diversi. Ad esempio: Maria,, riflettendo ancora sulle foto verrebbe corretto in Maria, riflettendo ancora sulle foto. Il set di segni di punteggiatura per questa opzione varia in base alla lingua.

Miglioramento dei risultati del controllo ortografico tramite il controllo ortografico contestuale

È mai capitato di aver digitato un errore simile al seguente? Maria non a fatto in tempo a venire. In Outlook, PowerPoint e Word è possibile selezionare la casella di controllo Parole confuse di frequente per ottenere aiuto a trovare e risolvere questo tipo di errori. Il controllo ortografia sensibile al contesto contrassegna e corregge gli errori quando si usa una parola digitata correttamente ma sbagliata in un determinato contesto. Spesso di tratta di parole foneticamente simili che differiscono solo per una lettera o per uno spazio in più o in meno. Ad esempio: Ho fato male i conti. Il componente contrassegna "fato" con una sottolineatura a zigzag blu e suggerisce "fatto". Gli errori non vengono rilevati dal correttore ortografico perché si tratta in realtà di parole digitate correttamente. Il componente Controllo ortografico contestuale è abilitato per impostazione predefinita in Office 2013 e non è incluso come opzione nelle impostazioni grammaticali, ma nell'opzione Parole confuse di frequente di Strumenti di correzione.

Il controllo ortografico contestuale viene abilitato automaticamente quando l'utente seleziona le caselle di controllo seguenti in Strumenti di correzione di Office Word:

Dopo l'installazione di Microsoft Office, la casella di controllo Parole confuse di frequente viene deselezionata per impostazione predefinita se il sistema include meno di 1 gigabyte (GB) di RAM. • La selezione della casella di controllo Parole confuse di frequente in un sistema con poca memoria può rallentare le prestazioni. Se si nota questo tipo di problema mentre si usa questa opzione, è consigliabile deselezionare la casella di controllo Parole confuse di frequente per risolverlo.

Esempi per l'italiano:   

  • Ci siamo visti l altro giorno -> l’altro

  • Il tuo amico non alla sciarpa -> ha la

  • Mi piace là mia nuova sciarpa -> la

Selezionare gli errori grammaticali da rilevare

Accenti: Include tre regole grammaticali:

  • Accento su ‘ne’   Accenta "né" quando è una negazione, ma non quando è un pronome. Esempio: Non voglio ingrassare ne dimagrire. verrebbe corretto in Non voglio ingrassare dimagrire.

  • Accento su ‘e’   Accenta "è" quando si tratta della terza persona dell'indicativo del verbo "essere," non quando è una congiunzione. Esempio: Non e questo che deve accadere. verrebbe corretto in Non è questo che deve accadere..

  • Accento su ‘se’   Accenta "sé" quando è un pronome, non quando è una congiunzione. Esempio: Ha comprato vestiti nuovi per se e per i figli. verrebbe corretto in Ha comprato vestiti nuovi per e per i figli.

Apostrofi:

Sostituisci l'accento grave con un apostrofo. Esempio: L` insegnante spiega la lezione. verrebbe corretto in L'insegnante spiega la lezione.

Concordanze

Assicurati che l'articolo concordi in genere e numero con il nome e l'aggettivo a cui si riferisce. Esempio: Ho comprato un casa. verrebbe corretto in Ho comprato una casa.

Maiuscole e minuscole

Scrivi i nomi dei mesi e dei giorni della settimana con l'iniziale minuscola. Esempio: Arriverò il 4 Maggio. verrebbe corretto in Arriverò il 4 maggio.

Punteggiatura

Rimuovi i segni d'interpunzione superflui o fuori posto. Esempio: Non ne sono sicuro;, credo che sia Bach. verrebbe corretto in Non ne sono sicuro; credo che sia Bach.

Segmentazione

In caso di elisione, sostituisci lo spazio con un apostrofo. In caso di errata segmentazione, ricongiungi le parti della parola.

  • Esempio: Te l ha scritto su un foglio. verrebbe corretto in Te l’ha scritto su un foglio.

  • Esempio: È troppo p r esto. verrebbe corretto in È troppo presto.

Uso della "d" eufonica

Usa la "d" eufonica solo prima di parole che cominciano con una singola vocale. Esempio: Sono andato ad Terni. verrebbe corretto in Sono andato a Terni.

Ripristinare le impostazioni originali delle regole

Per ripristinare gli stati predefiniti di queste impostazioni, nella finestra di dialogo Impostazioni grammaticali fare clic su Reimposta tutto.

Amplia le tue competenze
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per i tuoi commenti e suggerimenti

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×