Risolvere i problemi di recapito della posta elettronica per i codici di errore da 5.1.1 a 5.1.20 in Office 365

Ultimo aggiornamento: 23/10/2015 Questo argomento può essere utile per risolvere i problemi di posta elettronica associati ai codici errore compresi tra 550 5.1.1 e 5.1.20 visualizzati in un rapporto di mancato recapito (NDR). In caso di problemi di invio dei messaggi, è possibile provare le soluzioni descritte di seguito.

Simbolo dell'utente del programma di posta elettronica

Come risolvere un problema in seguito all'invio di un messaggio?

Simbolo dell'amministratore

Come risolvere i problemi come amministratore?

Simbolo della Guida

Perché si riceve un rapporto di mancato recapito?


Simbolo dell'utente del programma di posta elettronica

Dopo l'invio di un messaggio si è ricevuto un NDR con il codice errore 5.1.x. Cosa è possibile fare per risolvere il problema?   

Ecco 5 diverse soluzioni da provare. Potrebbe non essere necessario provarle tutte. Se questi passaggi non consentono di inviare correttamente il messaggio, contattare l'amministratore della posta elettronica e invitarlo a consultare la sezione Guida per amministratori di questo argomento per consentirgli di intervenire in modo adeguato.

Simbolo di badge di procedura consigliata

Soluzione 1: Assicurarsi che l'indirizzo di posta elettronica del destinatario sia corretto   

Questa è la causa più frequente degli errori 5.1.x. Controllare se l'ortografia è corretta. Se si cambia qualcosa, inviare di nuovo il messaggio.

Soluzione 2: Rimuovere l'indirizzo di posta elettronica del destinatario dall'elenco di completamento automatico   

Rimuovere l'indirizzo di posta elettronica del destinatario dall'elenco di nomi suggeriti nell'elenco di completamento automatico, quindi digitarlo di nuovo prima di inviare il messaggio. L'elenco di completamento automatico è un elenco di nomi suggeriti che viene visualizzato nel programma di posta elettronica quando viene trovato un nome che corrisponde a quello digitato nella riga A. Per altre informazioni, vedere Rimuovere il nome o l'indirizzo di posta elettronica suggerito dall'elenco di completamento automatico in Outlook Web App.

  1. Creare un nuovo messaggio di posta elettronica.

  2. Nel campo A iniziare a digitare il nome o l'indirizzo di posta elettronica del destinatario finché quest'ultimo non compare nell'elenco a discesa.

    Elenco di completamento automatico di Outlook Web App
  3. Usare i tasti freccia GIÙ e freccia SU per selezionare il destinatario e quindi premere CANC.

  4. Digitare l'indirizzo completo del destinatario e quindi inviare il messaggio.

Soluzione 3: Verificare che per il destinatario non sia stata configurata una regola di inoltro dei messaggi di posta elettronica   

Il messaggio originale è stato inviato allo stesso esatto indirizzo del destinatario indicato nel rapporto di mancato recapito? Per verificarlo, confrontare l'indirizzo specificato nel rapporto di mancato recapito con quello visualizzato nel messaggio originale nella cartella Posta inviata.

Se gli indirizzi non corrispondono, contattare la persona a cui è stato inviato il messaggio originale per chiederle se ha una regola della posta elettronica per l'inoltro dei messaggi e se funziona correttamente. La regola potrebbe essere impostata per inviare una copia del messaggio a un indirizzo errato. Se la persona ha tale regola, dovrà impostare l'indirizzo di posta elettronica corretto oppure rimuovere la regola per evitare errori 5.1.x.

Soluzione 4: Verificare che l'account di posta elettronica non sia stato compromesso   

Il messaggio originale è stato effettivamente inviato? Se non è stato inviato, è possibile che il proprio indirizzo di posta elettronica sia stato impropriamente usato da uno spammer o da qualcun altro per inviare il messaggio.

Controllare se nella cartella Posta inviata sono presenti messaggi non inviati personalmente. In caso affermativo, è possibile che l'account di posta elettronica sia stato compromesso. Per risolvere il problema, eseguire le operazioni seguenti:

  1. Cambiare la password dell'account di posta elettronica. Assicurarsi di usare una password complessa.

  2. Eseguire un'analisi antimalware nel computer.

Soluzione 5: Verificare che il rapporto di mancato recapito sia relativo a un messaggio effettivamente inviato   

Se la cartella Posta inviata contiene solo messaggi che si è certi di aver inviato, il rapporto di mancato recapito ricevuto potrebbe essere posta indesiderata costituita da falsi rapporti di mancato recapito, o posta indesiderata NDR, quindi è possibile ignorarlo. Ecco cosa si intende per posta indesiderata NDR: gli spammer spesso falsificano l'indirizzo Da della posta indesiderata con indirizzi che trovano su Internet, invece di usare il proprio indirizzo reale. In caso di problemi di recapito di uno di questi messaggi indesiderati, un server di posta elettronica potrebbe restituire un rapporto di mancato recapito dall'indirizzo Da. Un NDR di questo tipo non fa altro che creare la falsa impressione di aver fatto qualcosa di sbagliato. Questo tipo di messaggio automatico privo di qualsiasi utilità è detto posta indesiderata costituita da falsi rapporti di mancato recapito. Può essere fastidioso, ma in tal caso l'account non è stato compromesso.

Controllare se nella cartella Posta inviata sono presenti messaggi non inviati personalmente. Se non ci sono messaggi sospetti, è probabile che il rapporto di mancato recapito ricevuto sia in realtà posta indesiderata costituita da falsi rapporti di mancato recapito. Se è già stata cambiata la password ed è stata eseguita un'analisi antimalware, è possibile ignorare questi falsi rapporti di mancato recapito.

Per altre informazioni, vedere Posta indesiderata costituita da falsi rapporti di mancato recapito ed Exchange Online Protection.

Inizio pagina


Simbolo dell'amministratore

Cosa può fare l'amministratore della posta elettronica per risolvere i problemi di mancato recapito con codice errore da 5.1.1 a 5.1.20?   

Se i passaggi riportati nella sezione Guida per gli utenti di posta elettronica non consentono di risolvere il problema per il mittente, la soluzione può essere legata al modo in cui è configurato l'account di Office 365 dell'utente. In presenza di topologie ibride, può essere legata anche all'agente di trasferimento messaggi locale. È anche possibile che si sia verificato un problema di configurazione del dominio del destinatario. Ecco 4 soluzioni da provare. Potrebbe non essere necessario provarle tutte per inviare il messaggio correttamente.

Soluzione 1: Consultare il Centro messaggi di Office 365 per informazioni sui problemi di configurazione o a livello di servizio   

Per gli account di Office 365, il portale di Office 365 rappresenta una risorsa centrale per un'ampia varietà di strumenti, notifiche e informazioni che è possibile usare per risolvere questo e altri problemi.

Accedere a un account di amministratore nel portale di Office 365 all'indirizzo https://portal.office.com ed eseguire le operazioni seguenti nel Dashboard:

  1. Controllare il Centro messaggi per verificare se nell'organizzazione esiste un problema noto di configurazione.

    1. Scegliere Centro messaggi.

    2. Selezionare Visualizza tutto.

    3. Selezionare Prevenire o risolvere problemi ed eseguire le azioni suggerite appropriate.

  2. Controllare se in Office 365 esiste un problema di un servizio che influisce sull'account dell'utente.

    1. Scegliere Integrità dei servizi per visualizzare una panoramica dei problemi.

    2. Selezionare Visualizza tutto per altri dettagli su tutti i problemi noti.

  3. Verificare la presenza di record MX non corretti o obsoleti nei domini del destinatario e del mittente eseguendo lo strumento di risoluzione dei problemi del flusso di posta disponibile in Office 365.

Se c'è un problema con il dominio del destinatario, contattare la persona o il suo amministratore della posta elettronica per informarlo del problema, che dovrà essere risolto per evitare errori 5.1.x di mancato recapito.

Soluzione 2: Aggiornare i record di risorse Mail Exchange (MX) non aggiornati   

Il codice errore 5.1.1 può essere causato da problemi relativi al record di risorse MX (Mail Exchange) del dominio del destinatario. È ad esempio possibile che il record MX punti a un vecchio server della posta o che sia ambiguo a causa di una recente modifica alla configurazione.

Nota : La propagazione delle modifiche apportate ai record DNS del dominio in tutti i server DNS su Internet può richiedere fino a 72 ore.

Se i mittenti esterni al dominio ricevono questo rapporto di mancato recapito quando inviano posta ai destinatari nel dominio, provare le soluzioni seguenti.

  • Il record di risorse MX (Mail Exchange) del dominio potrebbe non essere corretto. È ad esempio possibile che punti a un server della posta non valido. Verificare con il registrar o con il servizio di hosting DNS se il record MX del proprio dominio è corretto. Il record MX per un dominio non registrato in Exchange Online usa la sintassi <domain>.mail.protection.outlook.com.

  • Verificare che per il dominio sia configurato un unico record MX. L'uso di più record MX per i domini registrati in Exchange Online non è supportato.

  • È possibile testare il record MX e la possibilità di inviare posta dall'organizzazione di Exchange Online tramite Test di verifica del record MX e del connettore in uscita in Office 365 > Configurazione flusso di posta nell'Analizzatore connettività remota Microsoft.

Per altre informazioni, vedere Creare record DNS presso un provider di hosting DNS per Office 365 e Personalizzare un record SPF per convalidare la posta elettronica in uscita inviata dal dominio.

Soluzione 3: Aggiornare l'elenco di completamento automatico in caso di risposta a una cassetta postale ricreata o di cui è stata eseguita la migrazione   

Questo rapporto di mancato recapito può essere generato perché si risponde a vecchi messaggi oppure si aggiornano vecchie convocazioni riunione in cui il destinatario ha lo stesso indirizzo di posta elettronica, ma qualcosa è cambiato nella sua cassetta postale. È ad esempio possibile che la cassetta postale dell'utente sia stata eliminata o ricreata oppure che ne sia stata eseguita la migrazione da Exchange Online a Exchange locale. Se l'indirizzo di posta elettronica del destinatario indicato nel rapporto di mancato recapito ha il formato IMCEAEX-_O=<string>@<domain>, è probabile che si stia rispondendo a un vecchio messaggio.

Per risolvere il problema, eseguire la procedura descritta nella sezione seguente per rimuovere le voci non valide dall'elenco di completamento automatico.

Voci errate nell'elenco di completamento automatico

L'utente potrebbe avere selezionato una voce non valida dall'elenco di completamento automatico, detto anche cache dei nomi alternativi. È ad esempio possibile che il destinatario sia stato spostato da un'organizzazione di Exchange locale a Exchange Online o viceversa. Anche se l'indirizzo del destinatario è rimasto invariato, altri identificatori interni potrebbero essere cambiati, pertanto la voce memorizzata nella cache non è più valida.

Se si usa Outlook Web App

Per rimuovere i destinatari non validi dall'elenco di completamento automatico dell'utente in Outlook Web App, eseguire una delle procedure seguenti.

Rimuovere un singolo destinatario

  1. Scegliere Nuovi messaggi.

  2. Iniziare a digitare il nome o l'indirizzo di posta elettronica del destinatario finché quest'ultimo non compare nell'elenco a discesa.

  3. Usare i tasti freccia GIÙ e freccia SU per selezionare il destinatario e quindi premere CANC.

La procedura seguente richiede l'accesso alla cassetta postale nella versione Light di Outlook Web App. A questo scopo, aprire la cassetta postale in un Web browser che supporta solo la versione Light di Outlook Web App ed eseguire la procedura seguente:

Rimuovere tutti i destinatari

  1. Aprire la cassetta postale dell'utente in Outlook Web App.

  2. Scegliere Impostazioni > Impostazioni di visualizzazione > Versione di Outlook Web App, selezionare la casella di controllo Usa Outlook Web App Light e quindi scegliere OK.

  3. Disconnettersi e chiudere il Web browser. La volta successiva che si apre la cassetta postale, si userà la versione Light di Outlook Web App.

Svuotare l'intero elenco di completamento automatico

  1. Aprire la cassetta postale dell'utente nella versione Light di Outlook Web App.

  2. Scegliere Opzioni > Messaggistica. Nella sezione Risoluzione nome posta elettronica scegliere Cancella elenco Destinatari più recenti e quindi OK.

  3. Per riportare la cassetta postale in Outlook Web App, scegliere Opzioni > Versione di Outlook Web App, deselezionare Usa Outlook Web App Light e quindi scegliere Salva.

Se si usa Outlook 2010 o Outlook 2013

Per rimuovere i destinatari non validi dall'elenco di completamento automatico dell'utente in Microsoft Outlook 2010 o Microsoft Outlook 2013, eseguire le operazioni seguenti:

Rimuovere un singolo destinatario

  1. Creare un nuovo messaggio di posta elettronica.

  2. Iniziare a digitare il nome o l'indirizzo di posta elettronica del destinatario finché quest'ultimo non compare nell'elenco a discesa.

  3. Selezionare il destinatario nell'elenco a discesa spostando il cursore sul relativo nome senza fare clic oppure usando i tasti freccia GIÙ e freccia SU.

  4. Per eliminare il destinatario, scegliere Elimina o premere CANC.

Rimuovere tutti i destinatari

  1. Scegliere File > Opzioni > Posta elettronica.

  2. Nella sezione Invio messaggi scegliere Svuota elenco di completamento automatico e quindi .

Soluzione 4: Aggiornare le regole di inoltro per rimuovere gli indirizzi non corretti   

A volte il rapporto di mancato recapito è causato da un destinatario a cui l'utente non ha inviato direttamente il messaggio. È possibile che il reale destinatario abbia una regola di inoltro o una configurazione delegata per la cassetta postale. Inoltre, l'amministratore della posta elettronica del destinatario potrebbe aver creato una regola di trasporto che copia o inoltra il messaggio a un indirizzo di posta elettronica non valido. Per altre informazioni su questi problemi, vedere Configurare l'inoltro di posta elettronica per una cassetta postale o Usare regole di trasporto per inviare i messaggi in copia a un revisore in modo invisibile all'utente.

Inizio pagina


Simbolo della Guida

Perché si riceve un rapporto di mancato recapito con codice errore 5.1.x?   

Il messaggio di notifica, detto anche rapporto di mancato recapito (NDR), che si riceve nella Posta in arrivo su questo problema potrebbe indicare che l'indirizzo specificato non è stato trovato o non è valido oppure che la cache di completamento automatico dei destinatari di Outlook o di Outlook Web App contiene una voce errata. Sono disponibili alcune soluzioni per i problemi più comuni. Alcuni problemi e altri problemi correlati richiedono l'accesso a livello di amministratore a impostazioni di posta elettronica a cui la maggior parte degli utenti non ha accesso. Ecco alcune delle cause più comuni all'origine di questa notifica:

  • Nel server di posta di destinazione non è stato possibile trovare la persona o la cassetta postale a cui si sta provando a inviare il messaggio.

  • Il messaggio è stato instradato al server della posta errato.

  • La persona o la cassetta postale a cui si sta cercando di inviare il messaggio ha un'impostazione di posta elettronica detta record di risorse MX che non è aggiornata.

  • La persona o la cassetta postale a cui si sta cercando di inviare il messaggio ha impostato una regola di inoltro dei messaggi a un altro indirizzo, ma la regola non funziona correttamente.

Serve ulteriore assistenza con i codici errore da 5.1.1 a 5.1.20?

Ottenere assistenza dai forum della community di Office 365 Amministratori: Accedere e creare una richiesta di servizio Amministratori: Contattare il supporto

Per altre informazioni

Cosa sono i rapporti di mancato recapito di Exchange in Exchange Online e in Office 365

Amplia le tue competenze
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per i tuoi commenti e suggerimenti

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×