Ricalcolare le formule in PowerPivot

Importante :  Il presente articolo è stato tradotto automaticamente, vedere la dichiarazione di non responsabilità. Per visualizzare la versione inglese dell'articolo, fare clic qui.

Quando si usano i dati in PowerPivot, di tanto in tanto potrebbe essere necessario aggiornare i dati dell'origine, ricalcolare le formule create nelle colonne calcolate o assicurarsi che i dati presenti in una tabella pivot siano aggiornati.

In questo argomento viene illustrata la differenza tra l'aggiornamento e il ricalcolo dei dati, viene fornita una panoramica dell'attivazione del ricalcolo e vengono descritte le opzioni per il controllo del ricalcolo.

Informazioni sull'aggiornamento e sul ricalcolo dei dati

PowerPivot usa sia l'aggiornamento che il ricalcolo dei dati:

Aggiornamento dei dati, cioè acquisizione di dati aggiornati dalle origini dati esterne. PowerPivot non rileva automaticamente le modifiche apportate alle origini dati esterne, tuttavia è possibile aggiornare manualmente i dati dalla finestra di PowerPivot oppure automaticamente se la cartella di lavoro è condivisa in SharePoint.

Ricalcolo, cioè l'aggiornamento di tutti i grafici, le colonne, le tabelle e le tabelle pivot della cartella di lavoro in cui sono contenute le formule. Poiché il ricalcolo di una formula comporta un costo in termini di prestazioni, è importante comprendere le dipendenze associate a ogni calcolo.

Importante : Non è consigliabile salvare o pubblicare la cartella di lavoro finché le formule in essa contenute non sono state ricalcolate.

Confronto tra ricalcolo manuale e automatico

Per impostazione predefinita, PowerPivot effettua automaticamente il ricalcolo nel modo richiesto durante l'ottimizzazione dei tempi necessari per l'elaborazione. Sebbene il ricalcolo richieda tempo, si tratta di un'attività importante, perché durante questa fase, le dipendenze della colonna vengono controllate e si riceverà una notifica se una colonna viene modificata, se i dati non sono validi o se è stato rilevato un errore in una formula che prima funzionava. È tuttavia possibile scegliere di rinunciare alla convalida e di eseguire solo l'aggiornamento manuale dei calcoli, specialmente se si sta operando con formule complesse o set di dati molto grandi e si vuole controllare l'intervallo degli aggiornamenti.

Sia la modalità manuale sia quella automatica presentano dei vantaggi ma è consigliabile usare la modalità di ricalcolo automatica. Tramite questa modalità i metadati di PowerPivot vengono mantenuti sincronizzati e si evitano i problemi causati dall'eliminazione di dati, da modifiche dei nomi o dei tipi di dati o da dipendenze mancanti. 

Utilizzo del ricalcolo automatico

Quando si utilizza la modalità di ricalcolo automatico, qualsiasi modifica ai dati che comporterebbe la modifica delle formule provoca l'attivazione del ricalcolo dell'intera colonna in cui è contenuta una formula. Le seguenti modifiche richiedono sempre il ricalcolo delle formule:

  • I valori da un'origine dati esterna sono stati aggiornati.

  • La definizione della formula è stata modificata.

  • I nomi delle tabelle o delle colonne che fanno riferimento a una formula sono stati modificati.

  • Le relazioni tra le tabelle sono state aggiunte, modificate o eliminate.

  • Sono state aggiunte nuove misure o colonne calcolate.

  • Sono state apportate delle modifiche ad altre formule all'interno della cartella di lavoro, pertanto è necessario aggiornare le colonne o i calcoli che dipendono da questo calcolo.

  • Sono state inserite o eliminate delle righe.

  • È stato applicato un filtro che richiede l'esecuzione di una query per aggiornare il set di dati. Il filtro può essere stato applicato in una formula o come parte di una tabella o di un grafico pivot.

Utilizzo del ricalcolo manuale

È possibile utilizzare il ricalcolo manuale per evitare di incorrere nel costo del calcolo dei risultati delle formule finché non si è pronti. La modalità manuale è particolarmente utile nelle situazioni seguenti:

  • Quando si progetta una formula tramite un modello e si desidera modificare i nomi delle colonne e delle tabelle utilizzate nella formula prima di convalidarla.

  • Quando si sa che alcuni dati della cartella di lavoro sono stati modificati ma si sta utilizzando una colonna diversa che non è cambiata e pertanto si desidera posticipare un ricalcolo.

  • Quando si sta utilizzando una cartella di lavoro che dispone di molte dipendenze e si desidera rinviare il ricalcolo finché non si è sicuri che sono state apportate tutte le modifiche necessarie.

Si noti che, finché la cartella di lavoro è impostata sulla modalità di calcolo manuale,PowerPivot in Microsoft Excel 2013 non esegue alcuna operazione di convalida o controllo delle formule, con i risultati seguenti:

  • Qualsiasi nuova formula aggiunta alla cartella di lavoro verrà contrassegnata come contenente un errore.

  • Non verranno visualizzati risultati nelle nuove colonne calcolate.

Per configurare la cartella di lavoro per il ricalcolo manuale

  1. In PowerPivot, fare clic su Progettazione > calcoli > Opzioni di calcolo > Modalità di calcolo manuale.

  2. Per ricalcolare tutte le tabelle, fare clic su Opzioni di calcolo> Calcola ora.

    Viene controllata la presenza di eventuali errori nelle formule della cartella di lavoro e le tabelle vengono aggiornate con i risultati, se disponibili. A seconda della quantità di dati e del numero dei calcoli, è possibile che la cartella di lavoro non risponda per un determinato intervallo di tempo.

Importante : Prima di pubblicare la cartella di lavoro, è necessario ripristinare la modalità automatica per i calcoli. In questo modo si eviteranno problemi durante la progettazione delle formule.

Risoluzione dei problemi relativi al ricalcolo

Dipendenze

Quando una colonna dipende da un'altra e il contenuto dell'altra colonna viene modificato, potrebbe essere necessario ricalcolare tutte le colonne correlate. Quando si apportano modifiche alla cartella di lavoro di PowerPivot, PowerPivot in Microsoft Excel 2013 esegue un'analisi dei datiPowerPivot  esistenti per determinare se è necessario il ricalcolo e procede all'aggiornamento nel modo più efficiente possibile.

Si supponga ad esempio che si dispone di una tabella Sales, che corrisponde alla tabella Product e ProductCategory; e le formule nella tabella Sales dipendono da entrambe le altre tabelle. Qualsiasi modifica apportata al prodotto o ProductCategory tabelle causeranno della tabella Sales per ricalcolare tutte le colonne calcolate. In questo senso quando è prendere in considerazione che potrebbe essere formule che riporta le vendite per categoria o al prodotto. Pertanto, per essere certi che i risultati sono corretti; è necessario ricalcolare le formule in base ai dati.

PowerPivot esegue sempre un ricalcolo completo di una tabella in quanto più efficiente rispetto alla verifica dei valori modificati. Tra le modifiche che comportano il ricalcolo possono essere incluse modifiche importanti come l'eliminazione di una colonna, la modifica del tipo di dati numerici di una colonna o l'aggiunta di una nuova colonna. Tuttavia, anche modifiche apparentemente banali, come la modifica del nome di una colonna, potrebbero attivare il ricalcolo perché i nomi delle colonne vengono utilizzati come identificatori nelle formule.

In alcuni casi, PowerPivot potrebbe determinare che è possano escludere le colonne da ricalcolo. Ad esempio, se si dispone di una formula che cerca un valore, ad esempio [Colore prodotto] dalla tabella Products e la colonna che è stata modificata è [Quantità] nella tabella Sales , la formula non essere necessario ricalcolare anche se le tabelle Sales e prodotti correlate. Tuttavia, se si dispone di eventuali formule che si basano sulle vendite [Quantità], è necessario il ricalcolo.

Sequenza di ricalcolo per colonne dipendenti

Le dipendenze vengono calcolate prima di qualsiasi ricalcolo. Se sono presenti più colonne che dipendono l'una dall'altra, PowerPivot segue la sequenza di dipendenze. In questo modo, le colonne vengono elaborate nell'ordine giusto e alla velocità massima.

Transazioni

Le operazioni che consentono di ricalcolare o aggiornare i dati si verificano come una transazione. Di conseguenza, se una qualsiasi parte dell'operazione di aggiornamento ha esito negativo, viene eseguito il rollback delle operazioni restanti. In questo modo si garantisce che i dati non vengano lasciati in uno stato di elaborazione parziale. Non è possibile gestire le transazioni come in un database relazionale o creare checkpoint.

Ricalcolo di funzioni volatili

Alcune funzioni come NOW, RAND o TODAY non prevedono valori fissi. Per evitare problemi di prestazioni, in genere l'esecuzione di una query o di un filtro non determina la rivalutazione di tali funzioni se utilizzate in una colonna calcolata. I risultati di queste funzioni vengono ricalcolati solo quando viene ricalcolata l'intera colonna. Tra queste situazioni è incluso l'aggiornamento da un'origine dati esterna o la modifica manuale dei dati che comporta la rivalutazione delle formule contenenti queste funzioni. Tuttavia, le funzioni volatili come NOW, RAND o TODAY vengono sempre ricalcolate se la funzione viene utilizzata nella definizione di un campo calcolato.

Nota : Dichiarazione di non responsabilità per la traduzione automatica: Il presente articolo è stato tradotto tramite un software di traduzione automatica e non da una persona. Microsoft offre le traduzioni automatiche per consentire a coloro che non conoscono la lingua inglese di leggere gli articoli sui prodotti, sui servizi e sulle tecnologie Microsoft. Dal momento che l'articolo è stato tradotto automaticamente, potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli.

Amplia le tue competenze
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per i tuoi commenti e suggerimenti

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×