Relazioni tra tabelle nel modello di dati

Nota: Riteniamo importante fornire il contenuto della Guida più recente non appena possibile, nella lingua dell'utente. Questa pagina è stata tradotta automaticamente e potrebbe contenere errori di grammatica o imprecisioni. L'intento è quello di rendere fruibile il contenuto. Nella parte inferiore della pagina è possibile indicare se le informazioni sono risultate utili. Questo è l'articolo in lingua inglese per riferimento.

Il browser in uso non supporta le funzionalità video. Installare Microsoft Silverlight, Adobe Flash Player o Internet Explorer 9.

Aggiungere maggiore potenza all'analisi dei dati creando relazioni amogn diverse tabelle. Una relazione è una connessione tra due tabelle che contengono dati: una colonna in ogni tabella è la base della relazione. Per capire perché le relazioni sono utili, provare a immaginare di tenere traccia degli ordini di un cliente della propria azienda. È possibile tenere traccia di tutti i dati in una singola tabella con una struttura come questa:

CustomerID

Name

PostaElettronica

TassoSconto

IDOrdine

DataOrdine

Prodotto

Quantità

1

Capon

cataldo.capon@contoso.com

5%

256

07-01-2010

Digitale compatta

11

1

Capon

cataldo.capon@contoso.com

5%

255

03-01-2010

Fotocamera SLR

15

2

Udinesi

luca.udinesi@contoso.com

10%

254

03-01-2010

Movie Maker

27

Questo approccio può funzionare, tuttavia comporta l'archiviazione di molti dati ridondanti, ad esempio l'indirizzo di posta elettronica del cliente per ogni ordine. L'archiviazione è economica, ma se l'indirizzo di posta elettronica cambia, è necessario assicurarsi di aggiornare ogni riga relativa al cliente. Una soluzione a questo problema consiste nel suddividere i dati in più tabelle e definire relazioni tra queste tabelle. Si tratta dell'approccio utilizzato nei database relazionali come SQL Server. Ad esempio, un database importato potrebbe rappresentare i dati dell'ordine tramite tre tabelle correlate:

Clienti

[IDCliente]

Nome

PostaElettronica

1

Capon

cataldo.capon@contoso.com

2

Udinesi

luca.udinesi@contoso.com

ScontiClienti

[IDCliente]

TassoSconto

1

5%

2

10%

Ordini

[IDCliente]

IDOrdine

DataOrdine

Prodotto

Quantità

1

256

07-01-2010

Digitale compatta

11

1

255

03-01-2010

Fotocamera SLR

15

2

254

03-01-2010

Movie Maker

27

Le relazioni si trovano all'interno di un modello di dati, ovvero uno che viene creato in modo esplicito o che viene creato automaticamente da Excel quando si importano contemporaneamente più tabelle. È anche possibile usare il componente aggiuntivo PowerPivot per creare o gestire il modello. Per altre informazioni, vedere Creare un modello di dati in Excel.

Se si usa il componente aggiuntivo PowerPivot per importare tabelle dallo stesso database, PowerPivot è in grado di rilevare le relazioni tra le tabelle in base alle colonne tra [parentesi] e di riprodurle in un modello di dati che viene compilato automaticamente in background. Per altre informazioni, vedere Inferenza e rilevamento automatici delle relazioni in questo articolo. Se si importano tabelle da più origini, è possibile creare relazioni manualmente come descritto in Creare una relazione tra due tabelle.

Le relazioni sono basate su colonne in ogni tabella contenente gli stessi dati. Ad esempio, è possibile correlare una tabella Customers con una tabella Orders se contiene una colonna in cui è archiviato un ID cliente. Nell'esempio, i nomi della colonna sono gli stessi ma questo non è un requisito. Uno potrebbe essere IDCliente e l'altro NumeroCliente, è sufficiente che tutte le righe nella tabella Ordini contengano un ID memorizzato anche nella tabella Clienti.

In un database relazionale sono disponibili diversi tipi di chiave. Una chiave è in genere una colonna con proprietà speciali. Se si comprende lo scopo di ogni chiave, è possibile gestire un modello di dati a più tabelle tramite cui vengono forniti dati a una tabella pivot, un grafico pivot o un report Power View.

Anche se ci sono molti tipi di chiavi, queste sono le più importanti per il nostro scopo:

  • Chiave primaria: identifica in modo univoco una riga in una tabella, ad esempio CustomerID nella tabella Customers .

  • Tasto alternativo (o chiave candidata): colonna diversa dalla chiave primaria univoca. Ad esempio, una tabella Dipendenti potrebbe memorizzare un ID dipendente e un numero di previdenza sociale, entrambi univoci.

  • Chiave esterna: colonna che fa riferimento a una colonna univoca in un'altra tabella, ad esempio CustomerID nella tabella Orders , che fa riferimento a CustomerID nella tabella Customers.

In un modello di dati la chiave primaria o la chiave alternativa viene definita colonna correlata. Se in una tabella è presente sia una chiave primaria sia una alternativa, è possibile utilizzarne una come base di una relazione tra tabelle. La chiave esterna viene definita colonna di origine o semplicemente colonna. In questo esempio, verrà definita una relazione tra CustomerID nella tabella Orders (la colonna) e CustomerID nella tabella Customers (colonna di ricerca). Se vengono importati dati da un database relazionale, per impostazione predefinita Excel sceglie la chiave esterna da una tabella e la chiave primaria corrispondente dall'altra. Tuttavia, è possibile usare qualsiasi colonna in cui sono disponibili valori univoci per la colonna di ricerca.

La relazione tra un cliente e un ordine è una relazione uno-a-molti. Ogni cliente può disporre di più ordini, ma a un ordine non possono essere associati più clienti. Un altro importante rapporto tra tabelle è uno-a-uno. Nell'esempio seguente la tabella CustomerDiscounts , che definisce un unico tasso di sconto per ogni cliente, ha una relazione uno-a-uno con la tabella Customers.

Questa tabella mostra le relazioni tra le tre tabelle (clienti, CustomerDiscountse ordini):

Relazione

Tipo

Colonna di ricerca

Colonna

Clienti-ScontiClienti

uno-a-uno

Clienti.IDCliente

ScontiClienti.IDCliente

Clienti-Ordini

uno-a-molti

Clienti.IDCliente

Ordini.IDCliente

Nota: Le relazioni molti-a-molti non sono supportate in un modello di dati. Un esempio di una relazione molti-a-molti è una relazione diretta tra Prodotti e Clienti, in cui un cliente può comprare molti prodotti e lo stesso prodotto può essere comprato da molti clienti.

Una volta creata una relazione, Excel deve in genere ricalcolare le formule che usano colonne da tabelle nella nuova relazione creata. L'elaborazione può richiedere del tempo, a seconda della quantità di dati e della complessità delle relazioni. Per altri dettagli, Vedi ricalcolarele formule.

In un modello di dati possono essere presenti più relazioni tra due tabelle. Per creare calcoli precisi, Excel richiede un singolo percorso da una tabella a quella successiva. Di conseguenza, è attiva una sola relazione tra ogni coppia di tabelle. Anche se gli altri sono inattivi, è possibile specificare una relazione inattiva nelle formule e nelle query.

Nella visualizzazione diagramma, la relazione attiva è una linea continua e quelle inattive sono linee tratteggiate. In AdventureWorksDW2012, ad esempio, la tabella DimDate contiene una colonna, DateKey, correlata a tre colonne diverse nella tabella FactInternetSales: OrderDate, DueDatee DataSpedizione. Se la relazione attiva è tra DateKey e OrderDate, sarà la relazione predefinita nelle formule a meno che l'utente non ne specifichi un'altra.

Una relazione può essere creata quando vengono soddisfatti i requisiti seguenti:

Criteri

Descrizione

Identificatore univoco per ogni tabella

In ogni tabella deve essere presente una singola colonna tramite cui viene identificata in modo univoco ogni riga. La colonna correlata viene spesso definita chiave primaria.

Colonne di ricerca univoche

I valori dei dati nella colonna di ricerca devono essere univoci. In altri termini, nella colonna non possono essere contenuti duplicati. In un modello di dati le stringhe Null e vuote sono equivalenti a un valore vuoto, cioè un valore di dati distinto. Ciò vuole dire che non è possibile avere più valori Null nella colonna di ricerca.

Tipi di dati compatibili

I tipi di dati nella colonna di origine e nella colonna di ricerca devono essere compatibili. Per altre informazioni sui tipi di dati, vedere tipi di dati supportati nei modelli di dati.

In un modello di dati non è possibile creare una relazione tra tabelle se la chiave è composta. Inoltre si è limitati a creare relazioni uno-a-uno e uno-a-molti. Gli altri tipi di relazioni non sono supportati.

Chiavi composte e colonne di ricerca

Una chiave composta è costituita da più di una colonna. I modelli di dati non possono usare le chiavi composte: una tabella deve avere sempre una colonna che identifichi in modo univoco ogni riga della tabella. Se si importano tabelle con una relazione esistente basata su una chiave composta, l'importazione guidata tabella in PowerPivot verrà ignorata perché non può essere creata nel modello.

Per creare una relazione tra due tabelle in cui sono presenti più colonne tramite cui vengono definite le chiavi primarie ed esterne, è necessario innanzitutto combinare i valori per creare una singola colonna chiave prima di creare la relazione. È possibile eseguire questa operazione prima di importare i dati oppure creando una colonna calcolata nel modello di dati tramite il componente aggiuntivo Power pivot.

Relazioni molti-a-molti

In un modello di dati non possono essere presenti relazioni molti-a-molti. Non è possibile aggiungere semplicemente tabelle di collegamento al modello. È tuttavia possibile utilizzare funzioni DAX per modellare relazioni molti-a-molti.

Self-join e cicli

I self-join non sono consentiti in un modello di dati. Un self-join è una relazione ricorsiva tra una tabella e se stessa. I self-join vengono spesso utilizzati per definire gerarchie padre-figlio. Ad esempio, è possibile creare un join di una tabella Dipendenti a se stessa in modo da creare una gerarchia in cui viene mostrata la catena di gestione di un'azienda.

In Excel non è possibile creare cicli tra relazioni in una cartella di lavoro. In altre parole, il set di relazioni seguente non è consentito.

Da Tabella 1, colonna a   a   Tabella 2, colonna f

Da Tabella 2, colonna f   a   Tabella 3, colonna n

Da Tabella 3, colonna n   a   Tabella 1, colonna a

Se si tenta di creare una relazione che comporterebbe la creazione di un ciclo, viene generato un errore.

Uno dei vantaggi dell'importazione di dati tramite il componente aggiuntivo PowerPivot consiste nel fatto che tramite PowerPivot è talvolta possibile rilevare relazioni e crearne di nuove nel modello di dati creato in Excel.

Quando si importano più tabelle, PowerPivot rileva automaticamente le eventuali relazioni esistenti tra le tabelle. Inoltre, quando si crea una tabella pivot, PowerPivot analizza i dati nelle tabelle. Rileva le possibili relazioni che non sono state definite e suggerisce le colonne appropriate da includere in tali relazioni.

Nell'algoritmo di rilevamento vengono utilizzati i dati statistici relativi ai valori e ai metadati delle colonne per eseguire inferenze sulla probabilità di relazioni.

  • I tipi di dati in tutte le colonne correlate devono essere compatibili. Per il rilevamento automatico, sono supportati solo numeri interi e tipi di dati di testo. Per ulteriori informazioni sui tipi di dati, vedere Tipi di dati supportati nei modelli di dati.

  • Affinché la relazione venga rilevata correttamente, il numero di chiavi univoche nella colonna di ricerca deve essere maggiore dei valori nella tabella sul lato molti. In altre parole, nella colonna chiave sul lato molti della relazione non deve essere contenuto alcun valore che non sia disponibile nella colonna chiave della tabella di ricerca. Si supponga, ad esempio, di disporre di una tabella in cui siano elencati prodotti con i relativi ID (la tabella di ricerca) e una tabella in cui siano elencate le vendite per ogni prodotto (il lato molti della relazione). Se nei record di vendita è contenuto l'ID di un prodotto che non dispone di un ID corrispondente nella tabella Products, non è possibile creare la relazione automaticamente, ma dovrebbe essere possibile crearla manualmente. Affinché tramite Excel venga rilevata la relazione, è necessario innanzitutto aggiornare la tabella di ricerca Product con gli ID dei prodotti mancanti.

  • Verificare che il nome della colonna chiave sul lato molti sia simile al nome della colonna chiave nella tabella di ricerca. I nomi non devono essere esattamente gli stessi. In un ambiente aziendale, ad esempio, si hanno spesso variazioni sui nomi delle colonne che contengono essenzialmente gli stessi dati: Emp ID, EmployeeID, Employee ID, emp_ide così via. Tramite l'algoritmo vengono rilevati i nomi simili e viene assegnata una probabilità superiore alle colonne con nomi simili o esattamente corrispondenti. Di conseguenza, per aumentare la probabilità di creare una relazione, è possibile provare a rinominare le colonne dei dati importati con nomi simili alle colonne presenti nelle tabelle esistenti. Se tramite Excel vengono rilevate più relazioni possibili, non viene creata nessuna relazione.

Queste informazioni potrebbero consentire di capire il motivo per cui non tutte le relazioni vengono rilevate o il modo in cui le modifiche apportate ai metadati, ad esempio al nome del campo e ai tipi di dati, possono migliorare i risultati del rilevamento automatico delle relazioni. Per ulteriori informazioni, vedere Risolvere i problemi relativi alle relazioni.

Rilevamento automatico per set denominati

Le relazioni non vengono rilevate automaticamente tra set denominati e campi correlati in una tabella pivot. Le relazioni possono essere create manualmente. Se si desidera utilizzare il rilevamento automatico delle relazioni, rimuovere ogni set denominato e aggiungere i singoli campi dal set denominato direttamente alla tabella pivot.

Inferenza delle relazioni

In alcuni casi, le relazioni tra le tabelle vengono concatenate automaticamente. Se ad esempio si crea una relazione tra i primi due set di tabelle indicati di seguito, viene dedotta l'esistenza di una relazione tra le altre due tabelle e viene stabilita automaticamente una relazione.

Prodotti e Categoria -- creata manualmente

Categoria e Sottocategoria -- creata manualmente

Prodotti e Sottocategoria -- relazione dedotta

Affinché relazioni vengano concatenate automaticamente, le relazioni devono andare in una direzione, come riportato in precedenza. Se le relazioni iniziali erano tra, ad esempio, Vendite e Prodotti e Vendite e Clienti, la relazione non viene dedotta. Ciò avviene perché la relazione tra Prodotti e Clienti è una relazione molti-a-molti.

Amplia le tue competenze su Office
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per il feedback!

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×