PowerShell per amministratori di Office 365

Importante :  Il presente articolo è stato tradotto automaticamente, vedere la dichiarazione di non responsabilità. Per visualizzare la versione inglese dell'articolo, fare clic qui.

Se si sta cercando uno strumento di amministrazione di Office 365 per automatizzare le attività ripetitive oppure si vuole accedere a funzionalità aggiuntive non disponibili nell'interfaccia di amministrazione di Office 365, PowerShell per Office 365 è la soluzione ideale.

Che cos'è PowerShell e perché usarlo?

PowerShell (noto anche come Windows PowerShell o Microsoft PowerShell) è un ambiente della riga di comando progettati specificamente per amministrazione del sistema. PowerShell consente di controllare e automatizzare l'amministrazione del sistema operativo Windows, applicazioni e servizi basati su cloud, ad esempio Office 365.

L'elemento alla base di PowerShell è detto cmdlet (pronunciato command-let). I cmdlet consentono di eseguire le varie attività in Office 365, come aggiungere utenti all'organizzazione di Office 365, gestire le assegnazioni delle licenze di Office 365 ed elencare le cassette postali inattive.

È possibile raggruppare più cmdlet in un set di comandi da eseguire contemporaneamente oppure inserirli in un file di testo per creare uno script di PowerShell da eseguire in qualsiasi momento. Gli script sono ottimi per attività amministrative periodiche, come la creazione di report mensili delle licenze assegnate agli utenti o alle cassette postali attive.

PowerShell è complementare all'interfaccia di amministrazione di Office 365

L'interfaccia di amministrazione di Office 365 è la soluzione pronta all'uso pensata per l'intero ciclo di vita dell'amministrazione, dall'installazione al supporto. È progettata per gestire le attività di amministrazione più comuni, come l'aggiunta e la modifica di utenti e la modifica delle impostazioni dei servizi comuni.

Esistono tuttavia alcune situazioni in cui PowerShell per Office 365 può far risparmiare tempo e fatica in modo significativo. Ecco alcuni esempi:

  • Aggiungere o modificare un numero elevato di utenti

  • Usare più filtri per ordinare i dati

  • Esportare dati come elenchi di utenti e gruppi

Occorre inoltre usare PowerShell per configurare alcune impostazioni usate meno comunemente.

Attività iniziali

Prima di iniziare a usare PowerShell per Office 365, è necessario eseguire alcune operazioni per assicurarsi di potersi connettere all'abbonamento a Office 365 e ai servizi che si intende gestire.

È necessario essere un amministratore di Office 365

Se non si ha il ruolo di amministratore di Office 365, non è possibile proseguire. Come avviene per la gestione dell'abbonamento a Office 365 tramite l'interfaccia di amministrazione di Office 365, occorre avere un account di amministratore di Office 365.

Strumenti per eseguire i cmdlet o gli script

I cmdlet e gli script di PowerShell vengono eseguiti dal prompt dei comandi di Windows PowerShell o dall'ISE (Integrated Script Environment) di Windows PowerShell, un ambiente per l'esecuzione dei comandi e degli script di Windows PowerShell. In Windows 8.1 e Windows 10 questi strumenti sono installati per impostazione predefinita.

Entrambi offrono quindi gli strumenti per amministrare Office 365 con PowerShell.

Installare i moduli di PowerShell

Per usare PowerShell per gestire l'abbonamento a Office 365, è necessario importare i moduli di PowerShell relativi ai carichi di lavoro di Office 365 che occorre gestire.

Connettersi all'abbonamento e gestire utenti, gruppi e licenze

Per connettersi all'abbonamento a Office 365 e gestire utenti, gruppi e licenze, vedere Connettersi a PowerShell di Office 365.

Per gli scenari di gestione di utenti, gruppi e licenze, vedere Scenari di gestione degli utenti di PowerShell di Office 365.

Per altri articoli su come gestire utenti, gruppi e licenze, vedere Gestire account utente e licenze con PowerShell di Office 365.

Gestire SharePoint Online

Per gestire siti, autorizzazioni e gruppi di SharePoint Online, scaricare il modulo di SharePoint Online.

Per gli scenari sulle raccolte siti di SharePoint Online con PowerShell, vedere Altri scenari di funzionalità per PowerShell di Office 365.

Per altri articoli su come gestire siti, autorizzazioni e gruppi di SharePoint Online con PowerShell, vedere PowerShell di Office 365 per SharePoint Online.

Gestire Skype for Business Online

Per gestire i criteri di Skype for Business Online, scaricare il modulo di Skype for Business Online.

Per gli scenari sui criteri di Skype for Business Online con PowerShell, vedere Altri scenari di funzionalità per PowerShell di Office 365.

Per altri articoli su come gestire i criteri di Skype for Business Online con PowerShell, vedere Gestire Skype for Business Online con PowerShell di Office 365.

Gestire Exchange Online

I cmdlet per l'amministrazione di Exchange Online non sono inclusi in moduli che è possibile scaricare e importare. Sono disponibili solo quando si crea una connessione remota a Exchange Online. Dopo aver stabilito una connessione remota a questi servizi, è possibile importare i cmdlet.

Per altri articoli su come gestire Exchange Online con PowerShell, vedere Usare PowerShell con Exchange Online.

Come eseguire un blocco di comandi di PowerShell

In molti casi, gli articoli forniscono un set di comandi di PowerShell da eseguire in blocco. È possibile eseguire questi blocchi di comandi nei modi seguenti:

  • Copiare i comandi dall'articolo o dalla pagina Web e incollarli nel Blocco note (o in un altro editor di testo). Apportare le modifiche necessarie, ad esempio specificare i nomi degli account, nel Blocco note. Per eseguirli, copiare i comandi completati nel Blocco note e incollarli nel prompt dei comandi di PowerShell nel computer.

  • Copiare i comandi dall'articolo o dalla pagina Web e incollarli nell'ISE di PowerShell nel computer, quindi apportare le modifiche necessarie. Evidenziare i comandi come blocco ed eseguirli.

Dove possibile, il processo di esecuzione di una determinata attività con PowerShell viene semplificato tramite l'uso di variabili.

Le righe di un blocco di comandi che iniziano con il carattere "$" sono variabili per un'impostazione che deve essere specificata. Dopo aver specificato tutte le impostazioni per un blocco di comandi, essenzialmente riempiendo gli spazi vuoti, è possibile eseguirlo.

Come eseguire uno script di PowerShell

In alcuni casi, è possibile eseguire uno script di PowerShell per automatizzare un'attività amministrativa di Office 365. Per eseguire gli script di PowerShell è necessario procedere come segue:

  1. Configurare PowerShell per l'esecuzione di script.

    Per impostazione predefinita, gli script di PowerShell non vengono eseguiti automaticamente, per evitare che uno script dannoso possa danneggiare il computer. Occorre quindi impostare i criteri di esecuzione del computer su un livello meno restrittivo. Per altre informazioni, vedere Scenari di gestione degli utenti per PowerShell di Office 365. Questa operazione deve essere eseguita una sola volta per ogni computer in cui si eseguono script di PowerShell.

  2. Archiviare il file script in una posizione a scelta.

    I file script hanno estensione ps1. Scaricarli in una posizione nell'unità disco locale a cui fare riferimento durante l'esecuzione. Ad esempio, nell'unità C: creare una cartella con nome PSScripts (C:\PSScripts).

  3. Modificare lo script (in base alle necessità).

    Alcuni script possono richiedere di specificare determinate impostazioni, come la sostituzione del nome di dominio in modo che funzioni con l'abbonamento a Office 365.

  4. Eseguire lo script.

    Connettersi al carico di lavoro di Office 365 che si sta gestendo, quindi eseguire lo script dal prompt dei comandi o dall'ISE di PowerShell facendo riferimento al nome dello script di PowerShell (il nome file con estensione ps1) e al relativo percorso. Potrebbe essere visualizzato un avviso per gli script che non sono firmati digitalmente.

Nota : Dichiarazione di non responsabilità per la traduzione automatica: Il presente articolo è stato tradotto tramite un software di traduzione automatica e non da una persona. Microsoft offre le traduzioni automatiche per consentire a coloro che non conoscono la lingua inglese di leggere gli articoli sui prodotti, sui servizi e sulle tecnologie Microsoft. Dal momento che l'articolo è stato tradotto automaticamente, potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli.

Vedere anche

Scenari di PowerShell di Office 365

Perché è necessario usare PowerShell di Office 365

Introduzione a PowerShell di Office 365

Risorse della community di PowerShell di Office 365

Amplia le tue competenze
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per i tuoi commenti e suggerimenti

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×