Pianificare la ricerca ibrida nel cloud per SharePoint

Importante :  Il presente articolo è stato tradotto automaticamente, vedere la dichiarazione di non responsabilità. Per visualizzare la versione inglese dell'articolo, fare clic qui.

La configurazione della ricerca ibrida cloud per SharePoint richiede un'attenta pianificazione. Questo articolo contiene informazioni utili per progettare una soluzione di ricerca ibrida nel cloud affidabile, sicura e scalabile.

Di quali esperienze di ricerca hanno bisogno gli utenti?

Pianificare l'architettura di ricerca in SharePoint Server per la ricerca ibrida nel cloud

Decidere come gestire la ricerca per indicizzazione del contenuto locale

Decidere come sincronizzare Active Directory

L'organizzazione ha contenuto locale riservato?

Pianificare la convalida della ricerca ibrida del cloud prima di esporla agli utenti

Di quali esperienze di ricerca hanno bisogno gli utenti?

Dopo aver configurato la ricerca ibrida nel cloud e aver terminato una ricerca per indicizzazione completa del contenuto locale, il Centro ricerche in Office 365 visualizza automaticamente i risultati ibridi dall'indice di Office 365.

Verticali di ricerca: i verticali di ricerca limitano i risultati della ricerca a un set di contenuto specifico, ad esempio mostrano solo i video. Se si usa un verticale di ricerca in un Centro ricerche in SharePoint Server, è necessario ricrearlo nel Centro ricerche di SharePoint Online in Office 365.

Ricerca sito: la ricerca esistente nelle raccolte documenti in SharePoint Server non restituisce più risultati quando si sposta l'indice di ricerca in Office 365. La ricerca è più rapida quando gli utenti usano centri ricerche nello stesso ambiente dell'indice di ricerca, quindi la ricerca da un Centro ricerche di Office 365 offre un'esperienza ottimale. Se gli utenti richiedono i risultati dall'indice di ricerca di Office 365 nei siti di SharePoint locali, ad esempio in siti del team presenti in SharePoint Server 2010, è possibile configurare la ricerca da SharePoint Server 2013 o SharePoint Server 2016. Pianificare un'origine dei risultati remota in SharePoint Server 2013 o SharePoint Server 2016 che ottenga risultati dall'indice di ricerca di Office 365 e pianificare l'uso della di federazione delle query. SharePoint Online in Office 365 elabora le query, quindi gli utenti devono usare la sintassi di query supportata da SharePoint Online. Per altre informazioni, vedere Visualizzare risultati da Office 365 in SharePoint Server 2013 locale con la ricerca ibrida nel cloud o Visualizzare risultati da Office 365 in SharePoint Server 2016 locale con la ricerca ibrida nel cloud

eDiscovery: può essere necessario configurare eDiscovery separatamente in SharePoint Server e in SharePoint Online di Office 365.

Pubblicazione intersito - intersito non è disponibile con cursore cloud.

Anteprime: quando un utente passa il mouse su un risultato di ricerca proveniente da Office 365, vengono visualizzate le informazioni relative al contenuto e un'anteprima del contenuto. Le informazioni sul contenuto nei risultati di ricerca provenienti da contenuti locali vengono visualizzate automaticamente, ma è necessario configurare la visualizzazione delle anteprime per il contenuto. Pianificare una server farm di Office Web Apps a configurare SharePoint Server 2013 per l'uso di Office Web Apps Server Per informazioni, vedere Abilitare anteprime dei risultati della ricerca locale in SharePoint Online se si usa SharePoint Server 2013 o Abilitare anteprime dei risultati della ricerca locale in SharePoint Online se si usa SharePoint Server 2016.

Limitazione per motivi di sicurezza personalizzati - SharePoint Online in Office 365 non supporta la limitazione per motivi di sicurezza personalizzata.

Alcune delle funzionalità di ricerca che possono avere familiarità con da SharePoint Server funzionano in modo diverso con cursore cloud. Piano per informare gli utenti sulle differenze.

Elemento di maggiore rilevanza: gli elementi di maggiore rilevanza sono una caratteristica di SharePoint Server 2010. Usare invece le regole di query in SharePoint Online di Office 365.

Ambito di ricerca personalizzato: gli ambiti di ricerca personalizzati sono caratteristica di SharePoint Server 2010. Usare invece le origini dei risultati in SharePoint Online di Office 365.

Innalzamento/abbassamento di livello dei risultati della ricerca: l'innalzamento/abbassamento di livello dei risultati della ricerca è una caratteristica di SharePoint Server 2010. Usare invece le origini dei risultati in SharePoint Online di Office 365.

Rimozione di risultati della ricerca locali: in Amministrazione centrale di SharePoint Server è possibile selezionare un'applicazione del servizio di ricerca e usare l'opzione "Reimpostazione indice" per rimuovere tutti gli elementi dall'indice di ricerca. Non usare questa opzione per un'applicazione del servizio di ricerca cloud, in quanto elimina la cronologia ricerca per indicizzazione dai database di ricerca per indicizzazione, ma non rimuove gli elementi locali dall'indice di Office 365, perché non esiste alcuna comunicazione diretta tra l'applicazione del servizio di ricerca cloud in SharePoint Server e l'indice di ricerca in Office 365. Questi elementi locali diventano orfani nell'indice di Office 365. Se si vogliono rimuovere tutti i metadati locali dall'indice di ricerca di Office 365, rimuovere tutte le origini del contenuto locali. Gli eventuali elementi locali che rimangono nell'indice di ricerca di Office 365 dopo il completamento del processo sono elementi orfani. Come rimuovere gli elementi orfani.

Alcune delle note caratteristiche di ricerca di SharePoint Server non sono disponibili con la ricerca ibrida nel cloud. Pianificare la comunicazione di questa informazione agli utenti.

Multi-tenancy in una farm di SharePoint Server 2013 o SharePoint Server 2016: una farm di SharePoint Server 2013 o SharePoint Server 2016 può collegarsi a un solo tenant di SharePoint Online in Office 365, quindi SharePoint Online non conserva l'isolamento del tenant in una farm di SharePoint Server 2013 o SharePoint Server 2016 multi-tenant.

Estrazione di entità personalizzata: l'estrazione di entità personalizzata non è disponibile con la ricerca ibrida nel cloud perché SharePoint Online in Office 365 non la supporta.

Servizio Web di arricchimento del contenuto: il callout del servizio Web di arricchimento del contenuto non è disponibile con la ricerca ibrida nel cloud perché SharePoint Online in Office 365 non supporta l'estrazione di entità.

Thesaurus - Thesaurus non sono disponibili con cursore cloud perché SharePoint Online in Office 365 non supporta i thesaurus.

Pianificare l'architettura di ricerca in SharePoint Server per la ricerca ibrida nel cloud

Quando configura la ricerca ibrida nel cloud, uno dei passaggi consiste nel creare un'applicazione del servizio di ricerca cloud (SSA cloud) nella farm di ricerca di SharePoint Server 2013 oSharePoint Server 2016. Quando si crea la SSA cloud, nel server che la esegue viene creata automaticamente un'architettura di ricerca predefinita. Ogni farm di ricerca può avere una sola SSA cloud, ma può avere più SSA in combinazione con la SSA cloud.

Un'architettura di ricerca per la ricerca ibrida nel cloud è costituita da componenti di ricerca e database, che formano una topologia, e server che ospitano la topologia. È necessario pianificare il numero di componenti di ricerca per indicizzazione per la topologia, i server da usare per ospitare i componenti di ricerca e i database e l'hardware necessario per ogni server.

Prima procedere, è consigliabile leggere disponibili ulteriori informazioni sulla topologia di ricerca per la ricerca ibrido cloud per acquisire familiarità con i componenti di ricerca in un'architettura di ricerca per la ricerca ibrido cloud.

Passaggio 1: Quanto contenuto locale si può indicizzare in Office 365?

Per ogni 1 TB di spazio di archiviazione in pool che il tenant include in SharePoint Online, è possibile indicizzare gli elementi di 1 milione di contenuto locale nell'indice di ricerca in Office 365. È possibile acquistare più spazio per aumentare la quota fino a raggiungere la soglia di 20 milioni di elementi. Se è necessario indicizzare più di 20 milioni di elementi di contenuto in locale, contattare il Supporto tecnico Microsoft per aumentare la soglia.

Passaggio 2: Quali devono essere le dimensioni dell'architettura di ricerca nel cloud?

Per la ricerca ibrida nel cloud è consigliabile usare l'architettura di ricerca predefinita che si ottiene quando si crea una SSA cloud:

Figura che illustra la farm di ricerca con i server e i componenti di ricerca.

Componenti grigi inattivi nella ricerca ibrido cloud, ma è necessario essere archiviati sul server come illustrato. Informazioni sui componenti inattivi in disponibili ulteriori informazioni sulla topologia di ricerca per la ricerca ibrido cloud.

Analogamente ricerca enterprise solo locale, è possibile ridimensionare l'architettura di ricerca. La differenza principale è che per la ricerca di cloud ibrida è solo i contenuti pertinenti per ridimensionare il componente di ricerca per indicizzazione. Se è necessario ottimizzare la ricerca per indicizzazione, seguire le indicazioni per la ricerca per indicizzazione in riprogettare topologia di ricerca enterprise per particolari requisiti di prestazioni di SharePoint 2013 (le linee guida per la ricerca per indicizzazione vale anche per il cloud cursore). Si noti che se si indicizzazione del contenuto locale una frequenza elevata, il sistema potrebbe limitare l'inserimento all'indice di ricerca Office 365 proteggere affitto Office 365. Se l'architettura di ricerca contiene fino a due componenti di ricerca per indicizzazione, deve restituire un tasso di ricerca per indicizzazione sufficienti e accettabile.

Passaggio 3: Quali requisiti hardware occorre tenere presente per l'architettura di ricerca nel cloud?

Microsoft consiglia un'architettura di ricerca che usi macchine virtuali, ma si possono usare anche computer fisici. Per altre informazioni, vedere Scegliere se usare server fisici o virtuali.

Questa tabella mostra le risorse hardware minime per ogni server applicazioni o server di database:

Server

Nell'host

Spazio di archiviazione

RAM

Processore1

Server applicazioni

A

100 GB

16 GB

4 core di CPU a 1,8 GHz

Server di database

B

100 GB

16 GB

4 core di CPU a 1,8 GHz

1Il numero specificato fa riferimento ai core, non ai thread della CPU.

Oltre ai precedenti:

  • Verificare che ogni server host disponga di spazio su disco sufficiente per l'installazione di base del sistema operativo Windows Server per i file di programma di SharePoint Server. Il server host necessita di spazio libero su disco anche per le operazioni di diagnostica, come registrazione, debug e creazione di dump della memoria, per le operazioni quotidiane e per il file di paging. In genere 80 GB di spazio su disco sono sufficienti per il sistema operativo Windows Server e per i file di programma di SharePoint Server.

  • Aggiungere spazio di archiviazione per i log SQL per ogni server di database. Se non si imposta il server di database in modo da eseguire spesso il backup dei database, i log SQL usano una quantità elevata di spazio di archiviazione. Per altre informazioni su come pianificare i database SQL, vedere Pianificazione e configurazione dell'archiviazione e della capacità di SQL Server (SharePoint Server 2013).

Poiché la modalità di distribuzione dei dati dai componenti di ricerca e dal sistema operativo sul sistema di archiviazione incide sulle prestazioni della ricerca, può essere opportuno:

  • Suddividere i file del sistema operativo Windows Server, i file di programma di SharePoint Server e i log diagnostica in tre differenti volumi di archiviazione o partizioni con prestazioni normali.

  • Archiviare i dati dei componenti di ricerca in un altro volume di archiviazione o in un'altra partizione con prestazioni elevate.

Suggerimento : È possibile impostare un percorso personalizzato per i dati dei componenti di ricerca quando si installa SharePoint Server in un host. Qualsiasi componente di ricerca nell'host che deve archiviare dati, li archivia in questa posizione. Per modificare il percorso in un secondo momento sarà necessario reinstallare SharePoint Server in tale host.

Assicurarsi che la velocità di archiviazione sia sufficiente per gestire il traffico dei componenti e database di ricerca. Il database di ricerca per indicizzazione è l'unico componente dell'architettura di ricerca per la ricerca ibrida nel cloud con requisiti in termini di operazioni di I/O al secondo. Richiede infatti un numero medio-alto di operazioni di I/O al secondo e il carico tipico sul sottosistema I/O è di 10 operazioni di I/O al secondo per una frequenza di ricerca per indicizzazione di un documento al secondo.

La topologia di ricerca della SSA cloud include gli stessi tipi di componenti di ricerca e database della topologia di ricerca di una SSA standard in SharePoint Server 2013 o SharePoint Server 2016. Esistono però alcune differenze.

Componenti di ricerca e database inutilizzati nella ricerca ibrida nel cloud. Nella ricerca ibrida nel cloud è Office 365 ad elaborare il contenuto, archiviare l'indice ed elaborare le analisi. La SSA cloud non usa i suoi componenti di elaborazione, indicizzazione ed elaborazione dell'analisi, né i suoi database dei collegamenti o di analisi. Questi componenti e database sono inattivi.

Interazione tra componenti di ricerca e database nella ricerca ibrida nel cloud. I componenti di ricerca e i database interagiscono in modo diverso nella topologia di ricerca della SSA cloud rispetto a una SSA standard.

Figura che illustra le origini di contenuto, la farm di ricerca con i componenti di ricerca e Office 365. Flussi di informazioni dalle origini di contenuto, attraverso il componente di ricerca per indicizzazione fino a Office 365.
  1. Il componente di ricerca per indicizzazione riceve contenuto dalla farm locale e lo invia all'indice di ricerca in Office 365. Usa connettori per interagire con le origini contenuto e usa il database di ricerca per indicizzazione per archiviare dati sia temporanei che storici relativi agli elementi su cui lavora, come un componente di ricerca per indicizzazione standard.

  2. Il componente di amministrazione della ricerca esegue processi di sistema essenziali per eseguire una ricerca, come per una SSA standard.

  3. È consigliabile eseguire tutte le ricerche da Office 365, visto che la ricerca ibrida nel cloud è ottimizzata per questo. Tuttavia, è anche possibile configurare la ricerca nel sito in SharePoint Server per ottenere i risultati della ricerca dall'indice di ricerca in Office 365. Se si configura la ricerca in una raccolta siti locale per l'esecuzione di query sull'indice di Office 365, questo componente di elaborazione di query passa le query dalla casella di ricerca all'indice di Office 365 e i risultati dall'indice di Office 365 alla casella di ricerca.

Decidere come gestire la ricerca per indicizzazione del contenuto locale

Le prestazioni e la frequenza delle ricerche per indicizzazione sono influenzate dal modo in cui queste vengono gestite, ad esempio usando le origini contenuto in modo efficiente, pianificando le ricerche per indicizzazione e configurando regole di ricerca per indicizzazione. Le indicazioni sulla gestione della ricerca per indicizzazione locale sono valide anche per la ricerca ibrida nel cloud. Vedere Procedure consigliate per la ricerca per indicizzazione in SharePoint Server 2013.

Decidere come sincronizzare Active Directory

Durante la una ricerca per indicizzazione, l'analisi e la crittografia del contenuto locale, vengono sottoposti a ricerca per indicizzazione anche gli elenchi di controllo di accesso per ogni elemento. Nell'indice di ricerca di Office 365, gli elenchi di controllo vengono archiviati con l'elemento, dunque il sistema deve essere in grado di riconoscere un utente locale come la stessa persona in Office 365. Una volta configurata la sincronizzazione di Active Directory tra la rete locale (Windows Server Active Directory) e il tenant di Office 365 (Microsoft Azure Active Directory), il sistema esegue il mapping e la conversione degli elenchi di controllo per gli utenti corretti e gli utenti ottengono risultati della ricerca limitati per motivi di sicurezza dall'indice di Office 365.

Esistono due metodi per la sincronizzazione di Active Directory:

  • Sincronizzazione della directory con sincronizzazione delle password

  • Sincronizzazione della directory con Single Sign-On (SSO)

Se si sceglie l'opzione SSO, volendo è possibile configurare anche la sincronizzazione delle password come backup per il Single Sign-On, ma è necessario configurare almeno una delle due opzioni (sincronizzazione delle password o SSO). Per altre informazioni e per sapere come configurare i due metodi, vedere Integrazione di Office 365 con ambienti locali.

Alcune organizzazioni assegnano i diritti di accesso al contenuto locale usando uno dei gruppi di sicurezza predefiniti di Windows Server Active Directory (AD), ad esempio il gruppo di sicurezza Domain Users.

Lo strumento di sincronizzazione di Azure Active Directory Connect esclude alcuni oggetti dalla sincronizzazione per impostazione predefinita. I gruppi di sicurezza che hanno l'attributo IsCriticalSecurityObject=true rappresentano un set di oggetti esclusi dallo strumento e Domain Users è un esempio di un gruppo di sicurezza di questo tipo. Di conseguenza, i diritti di accesso per i membri di Domain Users non sono disponibili in Azure Active Directory (AAD). Anche se gli utenti hanno accesso al contenuto locale, non ricevono risultati quando cercano quello specifico contenuto.

Se, tuttavia, assegnare diritti di accesso con un gruppo di cui non è disponibile IsCriticalSecurityObject = vero, ad esempio il gruppo Everyone, il gruppo utenti autenticati o un gruppo personalizzato. Per un elenco delle condizioni per l'esclusione di oggetti e ulteriori informazioni sui risultati imprevisti sincronizzazione, vedere uno o più oggetti non sincronizzare quando si usa lo strumento di sincronizzazione di Azure Active Directory.

L'organizzazione ha contenuto locale riservato?

Alcune organizzazioni hanno contenuto locale considerato riservato a causa di vincoli normativi o legali o geopolitici. In alcuni casi, non è consentito aggiungere metadati da contenuto locale riservato all'indice di ricerca di Office 365. In altri casi, i metadati da contenuto locale riservato possono essere aggiunti all'indice di ricerca di Office 365, ma solo a un numero limitato di utenti è consentito aprire i risultati della ricerca su contenuto riservato.

Ecco due esempi di come è possibile impostare la funzionalità di ricerca ibrido su si attenga a queste limitazioni:

Configurare la ricerca ibrida nel cloud pianificando attentamente i diritti di accesso al contenuto riservato, in modo che solo gli utenti giusti abbiano accesso al contenuto riservato quando fanno clic su un risultato della ricerca.

Configurare la ricerca ibrida nel cloud in combinazione con la ricerca federata ibrida.

Figura che illustra una configurazione combinata di ricerca ibrida nel cloud, ricerca federata ibrida e ricerca contenuti organizzazione.
  • Pianificare per l'applicazione del servizio di ricerca cloud (SSA cloud) in SharePoint Server origini contenuto che coprano tutto il contenuto locale tranne il contenuto riservato. I metadati relativi al contenuto sottoposto a ricerca per indicizzazione vengono aggiunti all'indice di ricerca in Office 365.

  • Pianificare Ricerca contenuti organizzazione in SharePoint Server per eseguire la ricerca per indicizzazione sul contenuto locale riservato. Vedere Pianificare la ricerca in SharePoint Server 2013. Pianificare per la SSA origini di contenuto che coprono il contenuto riservato. I metadati relativi al contenuto riservato sottoposto a ricerca per indicizzazione vengono aggiunti all'indice di ricerca in SharePoint Server.

  • Se gli utenti hanno bisogno di risultati dall'indice di ricerca di Office 365 in siti di SharePoint locale, pianificare la ricerca federata di ibrida da SharePoint Server in modo da visualizzare i risultati della ricerca dagli indici di ricerca in SharePoint Server e in Office 365. Vedere Pianificare la ricerca federata ibrida per SharePoint Server 2013.

Pianificare la convalida della ricerca ibrida del cloud prima di esporla agli utenti

Dopo aver creato e configurato la SSA cloud ed eseguito una ricerca per indicizzazione completa, il Centro ricerche di Office 365 mostra risultati sia della ricerca online che dalla ricerca locale. È consigliabile convalidare e ottimizzare la nuova esperienza di ricerca in un centro ricerche separato, mantenendo nel frattempo l'esperienza di ricerca originale invariata.

Pianificare un'origine dei risultati personalizzato che limita centri di ricerca in Office 365 per visualizzare solo il contenuto di Office 365. L'illustrazione seguente mostra un ambiente in cui è possibile convalidare e ottimizzare come vengono visualizzati i risultati della ricerca ibrido:

Immagine che mostra come contenuto entra l'indice di Office 365 sia una farm di contenuto di SharePoint Server e da Office 365.
  1. Contenuto locale. Durante la ricerca per indicizzazione, i metadati relativi a questo contenuto vengono aggiunti all'indice di ricerca di Office 365.

  2. Contenuto di Office 365. Durante la ricerca per indicizzazione, i metadati relativi a questo contenuto vengono aggiunti all'indice di ricerca di Office 365.

  3. Predefinita (o esistente) Office 365 Centro ricerche. Creare un'origine dei risultati personalizzato per il Centro ricerche che limita i risultati di ricerca per mostrare solo Office 365 contenuto. Se si usa SharePoint Server 2013 per maggiori dettagli, come la creazione di un'origine dei risultati personalizzato in SharePoint Server 2013, se si usa SharePoint Server 2016 per maggiori dettagli, come la creazione di un'origine dei risultati personalizzato in SharePoint Server 2016.

  4. Nuovo Centro ricerche di Office 365, in cui convalidare e ottimizzare la visualizzazione dei risultati della ricerca ibrida. Il Centro ricerche usa l'origine dei risultati predefinita e mostra i risultati della ricerca sia dal contenuto locale, sia dal contenuto di Office 365. Configurare l'accesso in modo che solo tester e amministratori abbiano accesso al sito.

Nota : Anche se è possibile mantenere l'esperienza di ricerca originale invariata durante l'ottimizzazione, non è possibile mantenere invariata l'esperienza di Office Delve esperienza originale. Quando i metadati relativi al contenuto locale si trovano nell'indice di ricerca di Office 365, Delve mostrerà quel contenuto.

Argomenti correlati

Disponibili ulteriori informazioni sulla ricerca di cloud ibrida per SharePoint
Configura ricerca ibrido cloud con SharePoint Server 2013
Configura ricerca ibrido cloud con SharePoint Server 2016
ricerca ibrido di SharePoint

Nota : Dichiarazione di non responsabilità per la traduzione automatica: Il presente articolo è stato tradotto tramite un software di traduzione automatica e non da una persona. Microsoft offre le traduzioni automatiche per consentire a coloro che non conoscono la lingua inglese di leggere gli articoli sui prodotti, sui servizi e sulle tecnologie Microsoft. Dal momento che l'articolo è stato tradotto automaticamente, potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli.

Amplia le tue competenze
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per i tuoi commenti e suggerimenti

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×