Pianificare e gestire casi nel Centro eDiscovery

Importante :  Il presente articolo è stato tradotto automaticamente, vedere la dichiarazione di non responsabilità. Per visualizzare la versione inglese dell'articolo, fare clic qui.

Nota : Non sarà più possibile creare nuovi casi di eDiscovery in SharePoint Online (nei piani autonomi di Office365 e SharePoint Online). Per creare casi di eDiscovery, iniziare a usare il Centro sicurezza e conformità di Office 365. Sarà comunque possibile modificare i casi esistenti di eDiscovery in SharePoint Online.

L'individuazione elettronica, o eDiscovery, è l'individuazione di contenuti in formato elettronico per indagini o controversie legali, in cui solitamente è necessaria l'identificazione di contenuto presente all'interno di laptop, server e-mail, file server e molte altre origini.

Il centro eDiscovery è una raccolta siti di SharePoint usata per azioni di individuazione elettronica. In un centro eDiscovery si creano dei casi, ovvero siti di SharePoint che consentono di identificare, bloccare, cercare ed esportare contenuto da cassette postali di Exchange, siti di SharePoint e condivisioni di file.

Note : 

  • Se si aggiungono origini contenuto o query a un caso di eDiscovery, la modifica delle impostazioni internazionali per il sito non è supportata.

  • Se si aggiunge un ampio gruppo di distribuzione (100 nomi o più) come origine contenuto, l'elaborazione può richiedere molto tempo o raggiungere il timeout. Non è possibile aggiungere gruppi di distribuzione costituiti da 1500 o più utenti. La soluzione consiste nell'identificare altri modi per trovare il contenuto coinvolto nella cassetta postale del gruppo di distribuzione, ad esempio parole chiave oppure l'autore o il mittente dell'elemento.

  • Affinché il contenuto essere individuati, è necessario essere a ricerca per indicizzazione dal servizio di ricerca. Per ulteriori informazioni sui tipi di file predefinito che la ricerca per indicizzazione, vedere l'articolo predefiniti estensioni di file a ricerca per indicizzazione e tipi di file in SharePoint Server 2013 analizzati predefiniti.

Pianificare e creare casi

Se si prevede di dover gestire diversi casi in eDiscovery Center, tenere in considerazione la possibilità di definire procedure coerenti per gli utenti dell'organizzazione.

  • Convenzioni di denominazione dei casi: potrebbero essere importanti qualora si abbiano molti casi o diversi tipi di classificazione di casi, per diversi dipartimenti

  • Dati aggiuntivi per descrivere i casi

  • Definizione e comunicazione delle autorizzazioni per la gestione dei casi.

  • Linee guida per la creazione di query

  • Procedure standard di comunicazione quando il contenuto è in stato di blocco

  • Procedura standard per il mantenimento e la chiusura dei casi

Esempio di ciclo di vita di un caso di eDiscovery

  • Creare un sito per la gestione di un caso

  • Aggiungere origini

  • Mettere origini in stato di blocco

  • Creare query

  • Esportare il contenuto di un caso

  • Chiudere un caso

Inizio pagina

Creare un caso

  1. In un eDiscovery Center, fare clic su Crea nuovo caso.

  2. Digitare titolo e descrizione del caso.

  3. Nella casella Indirizzo sito Web, digitare l'ultima parte dell'URL desiderato per il caso, ad esempio ContosovsFabrikam.

  4. In Seleziona modello verificare che sia selezionata l'opzione Caso di eDiscovery.

  5. In Autorizzazioni utente, scegliere se mantenere le autorizzazioni del sito principale, o se creare autorizzazioni univoche. Se ci sono degli utenti che devono avere accesso a questo caso, ma non ad altri casi, scegliere Utilizza autorizzazioni esclusive.

Aggiungere origini e metterle in stato di blocco

  1. In eDiscovery Center, aprire il caso a cui si vuole aggiungere un'origine.

  2. Fare clic su Set eDiscovery.

  3. Digitare un nome per il set eDiscovery, ad esempio Corrispondenza dirigenti.

  4. Accanto a Origini fare clic su Aggiungi e gestisci fonti.

  5. Nella finestra di dialogo che appare, in Cassette postali, inserire i nomi degli account o gli indirizzi e-mail per le cassette postali di Exchange

  6. In Posizioni digitare l'URL o l'indirizzo della condivisione di file del contenuto da usare come origine. Qualsiasi contenuto incluse deve essere indicizzato tramite la ricerca.

  7. Fare clic su Salva

  8. Nella casella sotto Filtro digitare le parole chiave da usare per limitare l'origine.

  9. Per limitare il contenuto tramite un intervallo di date, immettere i valori in Data inizio e Data fine.

  10. Per limitare i risultati in base all'autore di un documento o una voce di elenco oppure in base al mittente dei messaggi di posta elettronica, digitare i nomi o gli indirizzi di posta elettronica nella casella Autore/mittente.

  11. Per limitare i risultati in base a uno specifico dominio di Exchange, digitare il nome nella casella Dominio.

  12. Fare clic sul pulsante Applica filtro.

  13. Fare clic su Abilita blocco sul posto.

  14. Per verificare di avere selezionato il contenuto corretto, fare clic su Anteprima risultati.

  15. Fare clic su Salva.

Per altre informazioni, vedere Aggiungere contenuto in un caso di eDiscovery e mettere le origini contenuto in stato di blocco.

Inizio pagina

Eseguire query ed esportare contenuto

Dopo aver definito le origini e, se necessario, averle messe in stato di blocco, è possibile eseguire query per limitare il contenuto ed estrarre ciò di cui si ha bisogno per un caso particolare. SharePoint è dotato di alcuni strumenti utili per rifinire le query.

Il contenuto di un caso può essere esportato per essere consegnato alle autorità o per essere usato in un altro programma di tipo legale. Il contenuto è esportato in un formato compatibile con lo standard "Electronic Discovery Reference Model".

Inizio pagina

Chiudere casi

Quando si chiude un caso, i blocchi sul posto vengono rilasciati per tutte le origini e non è più possibile mettere le origini in stato di blocco per questo caso.

  1. Fare clic su Impostazioni Pulsante Impostazioni di Office 365 e quindi su Chiusura caso.

  2. Fare clic su Chiudi il caso.

Altre informazioni su eDiscovery

Per altre informazioni sui casi di eDiscovery, vedere gli articoli seguenti:

Scenario: eDiscovery in SharePoint Server 2013 ed Exchange Server 2013

Configurare un Centro eDiscovery in SharePoint Online

Aggiunta di contenuto in un caso di eDiscovery e applicazione del blocco alle origini contenuto

Ricerca e uso di parole chiave in eDiscovery

Predefiniti a ricerca per indicizzazione estensioni di file e analizzare i tipi di file in SharePoint Server 2013

Panoramica della ricerca per indicizzazione e proprietà gestite nello SharePoint Server 2013

Creare ed eseguire query di eDiscovery

Esportare contenuto da eDiscovery e creare report

Inizio pagina

Nota : Dichiarazione di non responsabilità per la traduzione automatica: Il presente articolo è stato tradotto tramite un software di traduzione automatica e non da una persona. Microsoft offre le traduzioni automatiche per consentire a coloro che non conoscono la lingua inglese di leggere gli articoli sui prodotti, sui servizi e sulle tecnologie Microsoft. Dal momento che l'articolo è stato tradotto automaticamente, potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli.

Amplia le tue competenze
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per i tuoi commenti e suggerimenti

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×