Passare tra i diversi set di valori usando gli scenari

Uno scenario è un set di valori che Excel salva e può sostituire automaticamente nel foglio di lavoro. È possibile creare e salvare diversi gruppi di valori come scenari e quindi passare a uno di questi scenari per visualizzare i diversi risultati.

Se più persone hanno informazioni specifiche che si vogliono usare negli scenari, è possibile raccoglierle in cartelle di lavoro separate e quindi unire gli scenari in un'unica cartella di lavoro.

Quando si hanno tutti gli scenari necessari, è possibile creare un report Riepilogo scenari contenente le informazioni provenienti da tutti questi scenari.

Gli scenari vengono gestiti con la procedura guidata Gestione scenari dal gruppo Analisi di simulazione nella scheda Dati.

In Excel sono disponibili tre tipi di strumenti per l'analisi di simulazione: Scenari, Tabelle dati e Ricerca obiettivo. Gli scenari e le tabelle dati accettano set di valori di input e li elaborano per determinare i possibili risultati. Ricerca obiettivo funziona in modo diverso rispetto agli scenari e alle tabelle dati, perché accetta un risultato e lo elabora per determinare i possibili valori di input che l'hanno prodotto.

Ogni scenario può contenere fino a 32 valori delle variabili. Se si vogliono analizzare più di 32 valori e i valori rappresentano solo una o due variabili, è possibile usare le tabelle dati. Anche se è limitata solo a una o due variabili, una per la cella di input della riga e una per quella della colonna, una tabella dati può includere qualsiasi numero di valori delle variabili. Uno scenario può contenere fino a 32 valori diversi, ma è possibile creare un numero illimitati di scenari.

In aggiunta a questi tre strumenti, è possibile installare componenti aggiuntivi che consentono di eseguire l'analisi di simulazione, ad esempio il componente aggiuntivo Risolutore. Questo componente è simile a Ricerca obiettivo, ma accetta più variabili. È anche possibile creare previsioni usando il quadratino di riempimento e i diversi comandi predefiniti di Excel. Per modelli più avanzati, si può usare il componente aggiuntivo Strumenti di analisi.

Si supponga di voler creare un budget, ma non conoscono esattamente i ricavi. Con gli scenari è possibile definire diversi valori possibili per i ricavi e quindi passare tra gli scenari per eseguire analisi di simulazione.

Ad esempio, si supponga che lo scenario relativo al caso peggiore per il budget abbia Ricavi lordi pari a 50.000 euro e Costo del venduto pari a 13.200 euro con 36.800 di Profitto lordo. Per definire questo set di valori come scenario, immettere i valori in un foglio di lavoro come illustrato nella figura seguente:

Scenario - Configurazione di uno scenario con celle variabili e celle risultato

Le celle variabili includono valori digitati dall'utente, mentre la cella risultato contiene una formula che dipende dalle celle variabili. In questa figura la cella B4 contiene la formula =B2-B3.

È quindi possibile usare la finestra di dialogo Gestione scenari per salvare questi valori come scenario. Fare clic sulla scheda Dati > Analisi di simulazione > Gestione scenari > Aggiungi.

Passare a Gestione scenari da Dati > Previsione? Analisi di simulazione

Procedura guidata Gestione scenari

Nella finestra di dialogo Nome scenario assegnare un nome allo scenario relativo al caso peggiore e specificare che le celle B2 e B3 sono i valori che cambiano tra gli scenari. Se si seleziona Celle variabili nel foglio di lavoro prima di aggiungere uno scenario, Gestione scenari inserirà automaticamente le celle. In alternativa, è possibile digitarle manualmente oppure usare la finestra di dialogo di selezione celle a destra della finestra di dialogo Celle variabili.

Configurare uno scenario relativo al caso peggiore

Nota : Questo esempio contiene solo due celle variabili (B2 e B3), ma uno scenario può contenere fino a 32 celle.

Protezione: è anche possibile proteggere gli scenari, selezionando le opzioni desiderate nella sezione Protezione oppure deselezionandole se non si vuole aggiungere alcun tipo di protezione.

  • Selezionare Impedisci modifiche per impedire la modifica dello scenario quando il foglio di lavoro è protetto.

  • Selezionare Nascondo per impedire la visualizzazione dello scenario quando il foglio di lavoro è protetto.

Nota : Queste opzioni si applicano solo ai fogli di lavoro protetti. Per altre informazioni sui fogli di lavoro protetti, vedere Proteggere un foglio di lavoro

Ora si supponga che lo scenario relativo al caso migliore per il budget abbia Ricavi lordi pari a 150.000 euro e Costo del venduto pari a 26.000 euro con 124.000 di Profitto lordo. Per definire questo set di valori come scenario, creare un altro scenario, assegnare il nome Caso migliore e fornire valori diversi per la cella B2 (150.000) e la cella B3 (26.000). Il valore di Profitto lordo della cella B4 è una formula, ovvero la differenza tra Ricavi (B2) e Costi (B3), quindi la cella B4 non deve essere modificata per lo scenario Caso migliore.

Spostarsi tra gli scenari

Dopo averlo salvato, uno scenario diventa disponibile nell'elenco degli scenari che possono essere usati per le analisi di simulazione. In base ai valori nella figura precedente, se si è scelto di visualizzare lo scenario Caso migliore, i valori nel foglio di lavoro vengono modificati e sono simili ai seguenti:

Scenario relativo al caso migliore

A volte tutte le informazioni sono incluse in un foglio di lavoro o in una cartella di lavoro necessaria per creare tutti gli scenari da valutare. Tuttavia, potrebbe essere necessario raccogliere informazioni sullo scenario da altre origini. Si supponga ad esempio di voler creare un budget aziendale. Si possono raccogliere scenari da diversi reparti, ad esempio Vendite, Paghe e stipendi, Produzione, Marketing e Legale, perché ognuna di queste origini ha informazioni diverse utili per creare il budget.

Questi scenari possono essere riuniti in un unico foglio di lavoro usando il comando Unisci. Ogni origine può contenere il numero di valori delle celle variabili desiderato. Ad esempio, potrebbero essere necessarie le proiezioni di spesa di tutti i reparti e le proiezioni dei ricavi solo di alcuni reparti.

Quando si sceglie l'unione, Gestione scenari carica una procedura guidata Gestione scenari in cui sono elencati tutti i fogli di lavoro nella cartella di lavoro attiva, nonché eventuali elenchi di altre cartelle di lavoro attualmente aperte. La procedura guidata indica il numero di scenari in ogni foglio di lavoro di origine selezionato.

Finestra di dialogo Unisci scenari

Quando si raccolgono scenari diversi da varie origini, è necessario usare la stessa struttura di celle in ogni cartella di lavoro. Ad esempio, Ricavi dovrebbe essere sempre nella cella B2 e Spese nella cella B3. Se si usano strutture diverse per gli scenari di diverse origini, l'unione dei risultati potrebbe risultare complessa.

Suggerimento : È consigliabile creare prima di tutto uno scenario e quindi inviare ai colleghi una copia della cartella di lavoro che lo contiene. In questo modo è più semplice verificare che tutti gli scenari abbiamo la stessa struttura.

Per confrontare diversi scenari, è possibile creare un report che li riepiloga nella stessa pagina. Il report può elencare gli scenari affiancati o presentarli in un rapporto di tabella pivot.

Report Riepilogo scenari

Un report Riepilogo scenari basato sui due scenari di esempio precedenti è simile al seguente:

Riepilogo scenari con riferimenti di cella

Excel aggiunge automaticamente i livelli di raggruppamento, che ingrandiscono o comprimono la visualizzazione quando si fa clic sui vari selettori.

Viene visualizzata una nota alla fine del report di riepilogo che indica che la colonna Valori correnti rappresenta i valori delle celle variabili al momento della creazione del report Riepilogo scenari e che le celle modificate per ogni scenario sono evidenziate in grigio.

Note : 

  • Per impostazione predefinita, il report di riepilogo usa i riferimenti di cella per identificare le celle variabili e le celle risultato. Se si creano intervalli denominati per le celle prima di eseguire il report di riepilogo, il report conterrà i nomi invece dei riferimenti di cella.

  • I report Scenario non vengono ricalcolati automaticamente. Se si modificano i valori di uno scenario, le modifiche non saranno visibili in un report di riepilogo esistente, ma sarà necessario crearne uno nuovo.

  • Le celle risultato non sono necessarie per generare un report Riepilogo scenari, ma sono obbligatorie per un rapporto Scenario tabella pivot.

Riepilogo scenari con intervalli denominati
Scenario con intervalli denominati


Rapporto Scenario tabella pivot
Rapporto Scenario tabella pivot

Inizio pagina

Servono altre informazioni?

È sempre possibile rivolgersi a un esperto nella Tech Community di Excel, ottenere supporto nella community Microsoft o suggerire una nuova caratteristica o un miglioramento in Excel UserVoice.

Vedere anche

Tabelle dati

Ricerca obiettivo

Introduzione alle analisi di simulazione

Definire e risolvere un problema usando il Risolutore

Usare Strumenti di analisi per effettuare analisi di dati complessi

Panoramica delle formule in Excel

Come evitare errori nelle formule

Trovare e correggere errori nelle formule

Scelte rapide da tastiera e tasti funzione di Excel per Windows

Scelte rapide da tastiera in Excel per Mac

Funzioni di Excel (in ordine alfabetico)

Funzioni di Excel (in base alla categoria)

Amplia le tue competenze
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per i tuoi commenti e suggerimenti

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×