Panoramica dell'archiviazione illimitata Office 365

Importante :  Il presente articolo è stato tradotto automaticamente, vedere la dichiarazione di non responsabilità. Per visualizzare la versione inglese dell'articolo, fare clic qui.

In Office 365 le cassette postali di archiviazione forniscono agli utenti spazio di archiviazione aggiuntivo. Una volta abilitata la cassetta postale di archiviazione di un utente, sono disponibili altri 100 GB di spazio di archiviazione. Al raggiungimento della quota di archiviazione di 100 GB, in genere le organizzazioni devono contattare Microsoft per richiedere altro spazio di archiviazione per una cassetta postale di archiviazione. Ora non è più così. La nuova caratteristica di archiviazione illimitata di Office 365, chiamata archiviazione a espansione automatica, offre uno spazio di archiviazione illimitato per le cassette postali di archiviazione. Ora, quando nella cassetta postale di archiviazione viene raggiunta la quota di archiviazione, Office 365 aumenta automaticamente le dimensioni dell'archivio. In questo modo, gli utenti non esauriscono più lo spazio di archiviazione delle cassette postali e gli amministratori non devono richiedere spazio aggiuntivo per le cassette postali di archiviazione.

Per istruzioni dettagliate sull'attivazione dell'archiviazione a espansione automatica, vedere Abilitare l'archiviazione illimitata in Office 365.

Nota : L'archiviazione a espansione automatica supporta anche le cassette postali condivise. Per abilitare l'archiviazione per una cassetta postale condivisa, è necessaria una licenza di Exchange Online piano 2 o di Exchange Online piano 1 con una licenza di Archiviazione Exchange Online.

Funzionamento dell'archiviazione a espansione automatica

Come descritto in precedenza, quando viene abilitata la cassetta postale di archiviazione di un utente, viene creato spazio di archiviazione aggiuntivo per la cassetta postale. Quando è abilitata l'archiviazione a espansione automatica, Office 365 controlla periodicamente le dimensioni della cassetta postale di archiviazione. Quando una cassetta postale di archiviazione si avvicina al proprio limite di archiviazione, Office 365 crea automaticamente altro spazio per l'archivio. Se l'utente esaurisce questo ulteriore spazio di archiviazione, Office 365 ne aggiunge altro all'archivio dell'utente. Questo processo viene eseguito automaticamente, ovvero gli amministratori non devono richiedere altro spazio di archiviazione o gestire l'archiviazione a espansione automatica.

Ecco una rapida panoramica del processo.

Panoramica del processo di archiviazione a espansione automatica
  1. L'archiviazione è abilitata per le cassette postali utente o una cassetta postale condivisa. Viene creata una cassetta postale di archivio con 100 GB di spazio di archiviazione.

  2. Al raggiungimento della quota di archiviazione per la cassetta postale, questa viene convertita in archivio a espansione automatica, al quale Office 365 aggiunge altro spazio di archiviazione.

  3. Office 365 aggiunge automaticamente altro spazio di archiviazione all'archivio ogni volta che è necessario.

Inizio pagina

Che cosa viene spostato nello spazio di archiviazione aggiuntivo?

Per sfruttare in modo efficiente l'archiviazione a espansione automatica, è possibile che alcune cartelle vengano spostate. Office 365 determina le cartelle da spostare quando all'archivio viene aggiunto altro spazio di archiviazione. Quando una cartella viene spostata, viene automaticamente creata una sottocartella all'interno della cartella originale, nella parte di archiviazione dell'elenco delle cartelle in Outlook. Questa nuova sottocartella punta agli elementi che sono stati spostati. La convenzione di denominazione usata da Office 365 per il nome della cartella è <nome cartella>_aaaa (Data creazione mmm gg, aaaa h_mm), dove:

  • aaaa è l'anno in cui sono stati ricevuti i messaggi nella cartella.

  • mmm gg, aaaa h_mm sono la data e l'ora in cui la sottocartella è stata creata da Office 365, in formato UTC, in base al fuso orario e alle impostazioni internazionali dell'utente Outlook.

Gli screenshot seguenti mostrano un elenco di cartelle prima e dopo lo spostamento dei messaggi in un archivio a espansione automatica.

Prima dell'aggiunta dell'ulteriore spazio di archiviazione

Elenco delle cartelle della cassetta postale di archiviazione prima dell'abilitazione dell'archiviazione a espansione automatica

Dopo l'aggiunta dell'ulteriore spazio di archiviazione

Elenco delle cartelle della cassetta postale di archiviazione dopo l'abilitazione dell'archiviazione a espansione automatica

Inizio pagina

Requisiti di Outlook per l'accesso a elementi in un archivio a espansione automatica

Per accedere ai messaggi archiviati in un archivio a espansione automatica, gli utenti devono usare uno dei client Outlook seguenti:

  • Outlook 2016 per Windows

  • Outlook sul Web

  • Outlook 2016 per Mac

Nota : Gli utenti di Outlook 2013 possono accedere solo a elementi archiviati in origine nella propria cassetta postale di archiviazione. Non potranno invece accedere agli elementi spostati nello spazio di archiviazione aggiuntivo.

Ecco alcuni aspetti da considerare quando si usa Outlook o Outlook sul Web per accedere ai messaggi spostati in un archivio a espansione automatica.

  • È possibile accedere a qualsiasi cartella nella cassetta postale di archiviazione, incluse quelle che sono state spostate nell'area di archiviazione a espansione automatica.

  • È possibile eseguire ricerche degli elementi spostati in un'area di archiviazione aggiuntiva solo cercando nella cartella stessa. Questo significa che è necessario selezionare la cartella di archiviazione nell'elenco delle cartelle per selezionare l'opzione Cartella corrente come ambito di ricerca. Analogamente, se una cartella in un'area di archiviazione a espansione automatica contiene sottocartelle, è necessario eseguire una ricerca in ogni sottocartella separatamente. Microsoft è attualmente impegnata a migliorare l'esperienza di ricerca per gli archivi a espansione automatica.

  • Il numero di elementi in Outlook e il numero di elementi letti/da leggere (in Outlook e Outlook sul Web) in un archivio a espansione automatica potrebbero non essere accurati.

  • È possibile eliminare elementi in una sottocartella che punta a un'area di archiviazione a espansione automatica, ma la cartella stessa non può essere eliminata.

  • Attualmente, non è possibile usare la caratteristica Recupera Posta eliminata per ripristinare un elemento eliminato da un'area di archiviazione a espansione automatica.

Inizio pagina

Archiviazione a espansione automatica e altre caratteristiche di conformità di Office 365

Questa sezione descrive l'integrazione tra l'archiviazione a espansione automatica e altre caratteristiche di conformità e governance dei dati di Office 365.

  • eDiscovery   Quando si usa uno strumento di eDiscovery di Office 365, come Ricerca di contenuto o eDiscovery sul posto, le ricerche vengono eseguite anche nelle aree di archiviazione aggiuntive all'interno di un archivio a espansione automatica.

  • Criteri di conservazione    Quando si inserisce una cassetta postale in tenere utilizzando strumenti, ad esempio tenere controversia legale in caso di eDiscovery o Exchange Online contiene e i criteri di conservazione di Centro sicurezza e conformità di Office 365, contenuto si trova in un archivio espanso automatico verrà inserito anche in attesa.

  • Gestione record di messaggistica   Se si usano criteri di eliminazione di Gestione record di messaggistica in Exchange Online per eliminare in modo permanente elementi della cassetta postale scaduti, vengono eliminati anche gli elementi scaduti che si trovano nell'archivio a espansione automatica.

  • Servizio di importazione   Il servizio di importazione di Office 365 consente di importare file PST nell'archivio a espansione automatica di un utente. Attualmente è possibile importare fino a 100 GB di dati dai file PST nella cassetta postale di archiviazione dell'utente. Questo limite verrà incrementato a breve.

Inizio pagina

Nota : Dichiarazione di non responsabilità per la traduzione automatica: Il presente articolo è stato tradotto tramite un software di traduzione automatica e non da una persona. Microsoft offre le traduzioni automatiche per consentire a coloro che non conoscono la lingua inglese di leggere gli articoli sui prodotti, sui servizi e sulle tecnologie Microsoft. Dal momento che l'articolo è stato tradotto automaticamente, potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli.

Amplia le tue competenze
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per i tuoi commenti e suggerimenti

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×