Modificare dati in una query

Importante :  Il presente articolo è stato tradotto automaticamente, vedere la dichiarazione di non responsabilità. Per visualizzare la versione inglese dell'articolo, fare clic qui.

In alcuni casi potrebbe non essere possibile modificare i dati nella visualizzazione Foglio dati della query per modificare i dati della tabella sottostante. In questo argomento vengono descritti alcuni scenari in cui è possibile modificare i dati della query e altri in cui questa operazione non è possibile. Viene inoltre illustrato come modificare la struttura di una query in modo da consentire la modifica dei dati sottostanti corrispondenti.

Contenuto dell’argomento

Introduzione

Quando è possibile modificare i dati in una query?

Quando non è possibile modificare dati in una query?

Come modificare una query in modo che è possibile modificare i dati?

Introduzione

Quando una query viene aperta nella visualizzazione Foglio dati, potrebbe essere necessario modificarne i dati a causa di un errore oppure per aggiornare alcune informazioni specifiche. In base al modo in cui è stata creata la query, è possibile modificare i relativi dati direttamente nel foglio dati della query.

Se si cerca di modificare i dati nel foglio dati di una query, ma non si ottengono risultati oppure in Windows viene emesso un segnale acustico e la modifica desiderata non viene applicata, significa che non è possibile apportare alcuna modifica. In questo caso è possibile che la query, ad esempio una query a campi incrociati, non supporti la modifica, oppure che il campo che si sta cercando di modificare non sia disponibile per la modifica, ad esempio si tratta di un campo basato su una funzione di aggregazione quale la media. In ogni caso, è possibile abilitare la modifica.

Oltre alla modifica dei dati nella visualizzazione Foglio dati di una query, è possibile utilizzare una query di aggiornamento per aggiornare i dati di una tabella. In questo argomento non vengono illustrate le query di aggiornamento.

Per ulteriori informazioni sulle query di aggiornamento, vedere l'articolo creare una query di aggiornamento.

In genere, in caso di modifica di dati nella visualizzazione Foglio dati della query, è possibile salvare le modifiche apportate alle tabelle su cui si basa la query. Se non si desidera modificare i dati di tali tabelle, ma si desidera conservare i dati modificati al termine dell'operazione di modifica, è possibile utilizzare una query di creazione tabella per creare innanzitutto una nuova tabella i cui dati è possibile modificare. Sarà quindi possibile utilizzare una query di creazione tabella per salvare i risultati di una query che non consente la modifica a livello di nuova tabella e quindi modificare i dati in tale nuova tabella. In questo argomento non viene descritta la procedura necessaria per creare ed eseguire le query di creazione tabella.

Per ulteriori informazioni sulle query di creazione tabella, vedere l'articolo creare una query di creazione tabella.

Torna all'inizio

Quando è possibile modificare i dati di una query

È sempre possibile modificare i dati di una query quando la query si basa solo su una tabella oppure su due tabelle caratterizzate da una relazione uno-a-uno tra loro.

Nota : Anche nel caso in cui sia possibile modificare i dati di una query, alcuni campi potrebbero non essere disponibili per la modifica. Nella sezione seguente sono elencati questi casi.

Torna all'inizio

Quando non è possibile modificare i dati di una query

Non è mai possibile modificare i dati di una query quando:

  • La query è una query a campi incrociati.

  • La query è una query specifica di SQL.

  • Il campo che si sta cercando di modificare è un campo calcolato. In questo caso, è possibile modificare gli altri campi.

  • La query si basa su tre o più tabelle caratterizzate da una relazione molti-a-uno-a-molti.

    Nota : Sebbene sia possibile modificare il foglio dati della query in questo caso, è possibile modificare i dati in un modulo quando la proprietà RecordsetType della maschera è impostata su Dynaset (Aggiornamenti non coerenti).

  • La query include una clausola GROUP BY.

Torna all'inizio

Come modificare una query per consentire la modifica dei relativi dati

Nella tabella seguente vengono elencati i casi in cui non è possibile modificare una query e i metodi necessari per rendere il foglio dati della query disponibile per la modifica.

Non è possibile modificare i valori di un foglio dati di una query quando:

Per rendere il foglio dati della query disponibile per la modifica:

La proprietà Valori univoci della query è impostata su .

Impostare la proprietà Valori univoci della query su No.

Vedere la sezione seguente, impostare la proprietà valori univoci su No, per informazioni su come impostare questa proprietà.

La query include una tabella del database ODBC collegato senza indice univoco oppure una tabella di Paradox senza una chiave primaria.

Aggiungere una chiave primaria o un indice univoco alla tabella collegata tramite i metodi forniti dal fornitore del database collegato.

Non si dispone delle autorizzazioni Aggiornamento dati per la tabella sottostante.

Assegnare le autorizzazioni Aggiornamento dati.

La query include più tabelle o query e le tabelle o query non sono collegate tramite join nella visualizzazione Struttura.

Creare i join appropriati.

Per informazioni su come creare i join, vedere la sezione creare join.

Il database è aperto in modalità di sola lettura oppure si trova in un'unità di sola lettura.

Chiudere il database e riaprilo senza selezionare l'opzione Apri in sola lettura oppure se il database si trova in un'unità di sola lettura, rimuovere l'attributo di sola lettura dall'unità o spostare il database in un'unità non di sola lettura.

Il campo del record che si sta cercando di aggiornare è stato eliminato oppure è bloccato da un altro utente.

Attendere lo sblocco del record. Un record bloccato può essere aggiornato solo non appena viene sbloccato. Attendere che l'altro utente concluda l'operazione che ha bloccato il record.

La query si basa su tabelle caratterizzate da una relazione uno-a-molti e il campo di join dal lato "molti" non è un campo di output. In questo caso, i dati del campo di join dal lato "uno" non possono essere modificati.

Aggiungere il campo di join dal lato "molti" della relazione ai campi di output della query.

Vedere la sezione, aggiungere il campo di join dal lato "molti" ai campi di output della queryper informazioni su come aggiungere il campo di join.

Il campo di join dal lato "molti" si trova sul lato "uno" in seguito alla modifica dei dati.

Premere MAIUSC+F9 per eseguire il commit delle modifiche e aggiornare la query.

È presente un campo vuoto della tabella sul lato "uno" di una relazione uno-a-molti e il join è un outer join destro.

Assicurarsi che il campo dal lato "uno" includa un valore. È possibile modificare il campo di join dal lato "molti" solo se è incluso un valore in tale campo dal lato "uno".

Si sta utilizzando una tabella di database ODBC collegata e non tutti i campi dell'indice univoco della tabella collegata sono inclusi nell'output della query.

Aggiungere tutti i campi dell'indice univoco della tabella ODBC ai campi di output della query.

Vedere la sezione aggiungere campi di indice univoco da una tabella collegata ODBC, per informazioni su come aggiungere i campi.


Torna all'inizio

Impostare la proprietà Valori univoci su No

  1. Aprire la query nella visualizzazione Struttura.

  2. Se la finestra delle proprietà non è aperta, premere F4 per aprirla. Fare clic una volta nella griglia della struttura della query per assicurarsi che nella finestra delle proprietà vengano visualizzate le proprietà della query e non le proprietà dei campi.

  3. Nella finestra delle proprietà trovare la casella della proprietà Valori univoci. Fare clic sulla casella accanto alla proprietà, fare clic sulla freccia disponibile nella casella e quindi su No.

Creare join

  1. Aprire la query nella visualizzazione Struttura.

  2. Per ogni tabella o query che si desidera unire tramite join, trascinare il campo di join dalla tabella o query al campo corrispondente della tabella o query in cui si desidera creare il join.

Per ulteriori informazioni sulla creazione di join, vedere l'articolo, collegare tabelle e query.

Aggiungere il campo di join dal lato "molti" ai campi di output della query

  1. Aprire la query nella visualizzazione Struttura.

  2. In Progettazione query individuare il join corrispondente alla relazione uno-a-molti desiderata.

  3. Fare doppio clic sul campo di join dal lato "molti" della relazione uno-a-molti. Il campo di join viene visualizzato nella griglia del campo a indicare che si tratta di un campo di output.

Aggiungere i campi dell'indice univoco di una tabella ODBC collegata

  1. Aprire la query nella visualizzazione Struttura.

  2. In Progettazione query individuare la tabella ODBC collegata.

  3. I campi dell'indice univoci saranno contrassegnato da un simbolo a forma di chiave accanto al relativo nome. Fare doppio clic su ogni campo non ancora incluso nella griglia del campo. Ogni campo viene visualizzato nella griglia del campo a indicare che si tratta di un campo di output.

Torna all'inizio

Nota : Dichiarazione di non responsabilità per la traduzione automatica: Il presente articolo è stato tradotto tramite un software di traduzione automatica e non da una persona. Microsoft offre le traduzioni automatiche per consentire a coloro che non conoscono la lingua inglese di leggere gli articoli sui prodotti, sui servizi e sulle tecnologie Microsoft. Dal momento che l'articolo è stato tradotto automaticamente, potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli.

Amplia le tue competenze
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per i tuoi commenti e suggerimenti

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×