Mediation Server: Generale

Utilizzare questa scheda per configurare le impostazioni per il Mediation Server.

Nota : Le modifiche apportate alle impostazioni Indirizzo IP di attesa Communications Server e Indirizzo IP di attesa gateway e alle impostazioni della porta in questa scheda diventeranno effettive solo dopo il riavvio di Office Communications Server Mediation Server. Le modifiche apportate alle impostazioni A/V Edge Server e Profilo località predefinito in questa scheda diventeranno effettive solo dopo il completamento della replica di Active Directory.

FQDN

Verificare che il nome di dominio completo (FQDN) visualizzato corrisponda a quello del Mediation Server e che venga risolto nell'Indirizzo IP di attesa Communications Server configurato.

Indirizzo IP di attesa Communications Server

Per specificare l'indirizzo IP del confine interno del Mediation Server in cui il Mediation Server rimane in attesa del traffico di chiamate da Office Communications Server, selezionare un indirizzo IP dall'elenco. In genere, si tratta del primo indirizzo.

Indirizzo IP di attesa gateway

Per specificare l'indirizzo IP del confine esterno del Mediation Server in cui il Mediation Server rimane in attesa del traffico di chiamate dal gateway multimediale, selezionare un indirizzo IP dall'elenco.

Porta

Per specificare un numero di porta diverso che Mediation Server deve utilizzare per rimanere in attesa del traffico di chiamate dal gateway multimediale, digitare il numero di porta desiderato. Il valore predefinito è 5060.

A/V Edge Server

Per specificare l'A/V Edge Server che ospita il servizio di autenticazione A/V per il Mediation Server, selezionare FQDN:Porta dall'elenco.

Profilo località predefinito

Per selezionare il profilo località predefinito per il Mediation Server, effettuare una selezione dall'elenco di profili località. L'elenco contiene tutti i profili località definiti per l'organizzazione.

Visualizza

Per rivedere le particolari regole di normalizzazione che definiscono un profilo località, selezionare il profilo dall'elenco, quindi fare clic su Visualizza.

Intervallo porte multimediali

Consente di specificare l'intervallo di porte che devono essere utilizzate dal Mediation Server per i flussi RTP (Real-time Transport Protocol). L'intervallo deve includere almeno 100 porte. È consigliabile modificare l'intervallo predefinito da 60000 a 64000 solo se non soddisfa il criterio di assegnazione della porta dell'organizzazione.

Ulteriori informazioni in linea

Fare clic per espandere o comprimere.

La configurazione delle impostazioni nella scheda Generale è necessaria per rendere disponibile Mediation Server nell'elenco a discesa nella scheda Route della finestra di dialogo Aggiungi route.

L'impostazione Indirizzo IP di attesa Communications Server deve corrispondere all'indirizzo restituito da una query DNS (Domain Name System) sul nome di dominio completo (FQDN) del Mediation Server. Se i due indirizzi non corrispondono, l'indirizzo IP riportato in DNS per il nome di dominio completo (FQDN) non consentirà di stabilire la connessione e il traffico delle chiamate non verrà indirizzato a un'interfaccia in attesa di traffico Office Communications Server.

Per l'impostazione Indirizzo IP di attesa gateway, il perimetro esterno di un Mediation Server deve essere configurato come proxy dell'hop successivo interno per il gateway multimediale. La porta predefinita è 5060. Deve essere identificato da una combinazione univoca di indirizzo IP e numero di porta. Per ottimizzare la sicurezza, l'indirizzo IP non deve essere uguale a quello del perimetro interno. L'Indirizzo IP di attesa gateway corrisponde all'indirizzo sul Mediation Server che resta in attesa del traffico proveniente da un gateway multimediale di base o da un gateway multimediale ibrido di base. Questo indirizzo corrisponde alla scheda di rete che funge da perimetro esterno del Mediation Server.

Per l'impostazione Intervallo porte multimediali, l'intervallo configurabile è compreso tra 49152 e 65535. Tuttavia, è consigliabile utilizzare l'intervallo di porte predefinito, ovvero tra 60000 e 64000, per i motivi seguenti:

  • Il traffico ad ampia larghezza di banda, ad esempio le chiamate vocali e i video, tende a sovraccaricare le reti inadeguate. La riduzione dell'intervallo di porte incide negativamente sulla capacità del server.

  • Limitando il traffico multimediale a un intervallo noto di porte, è possibile risolvere più agevolmente i problemi di larghezza di banda.

L'intervallo di porte multimediali predefinito consente al server di gestire fino a 1.000 chiamate vocali contemporaneamente. Tale intervallo deve essere modificato solo per motivi specifici da un amministratore che conosce perfettamente gli scenari di utilizzo e i requisiti relativi alle porte multimediali.

Per ulteriori informazioni, vedere la sezione Distribuzione o la sezione Operazioni della Raccolta di documentazione tecnica di Office Communications Server.

Amplia le tue competenze
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per i tuoi commenti e suggerimenti

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×