Integrazione di Office 365 con ambienti locali

È possibile integrare Office 365 con i servizi directory esistenti e con un'installazione locale di Exchange Server, Skype for Business Server 2015, o SharePoint Server 2013.

Utenti

Eseguendo l'integrazione con i servizi directory, è possibile sincronizzare e gestire gli account utente di entrambi gli ambienti. È anche possibile aggiungere la sincronizzazione delle password o il Single Sign-On (SSO) per consentire agli utenti di accedere ai due ambienti con le loro credenziali locali.

Configurazione ibrida

Mediante l'integrazione con i prodotti server locali viene creato un ambiente ibrido. Un ambiente ibrido può facilitare la migrazione completa di utenti o informazioni in Office 365, ma si può anche continuare a tenere alcuni utenti o informazioni in locale e alcuni nel cloud.

Per altre informazioni sugli ambienti ibridi, vedere Panoramica delle soluzioni cloud ibride di Office 365. È anche possibile usare gli assistenti di Azure Active Directory: assistente di Azure AD Connect, assistente di distribuzione AD FS, distribuzione guidata di Azure RMS e guida alla configurazione di Azure Active Directory Premium per informazioni sulla configurazione personalizzata.

Prima di integrare Office 365 con un ambiente locale, occorre inoltre pianificare le funzionalità di rete e ottimizzare le prestazioni di Office 365. È anche opportuno conoscere i modelli di identità disponibili in Office 365. Vedere Dove gestire gli account utente di Office 365 per un elenco degli strumenti che è possibile usare per gestire utenti e account di Office 365.

Torna a Configurare Office 365 per le aziende.

Integrare Office 365 con i servizi directory

Se si dispone di account utente in una directory locale, non è auspicabile ricreali tutti in Office 365, rischiando di introdurre differenze o errori tra i due ambienti. La sincronizzazione della directory consente di eseguire il mirroring degli account tra l'ambiente online e quello locale, evitando agli utenti la necessità di ricordare nuove informazioni per ogni ambiente e all'amministratore di creare o aggiornare gli account due volte. È necessario preparare la directory locale per la sincronizzazione della directory. Questa operazione può essere eseguita manualmente o con lo strumento IdiFix, compatibile solo con Active Directory.

Usare la sincronizzazione della directory per mantenere sincronizzate le informazioni degli account locali e di quelli online

Se si vuole consentire agli utenti di accedere a Office 365 con le proprie credenziali locali, è anche possibile configurare SSO. Con SSO, Office 365 viene configurato in modo da considerare attendibile l'ambiente locale per l'autenticazione degli utenti.

Con Single Sign-On, è disponibile lo stesso account per gli ambienti locale e online

Tecniche di gestione degli account utente diverse offrono agli utenti esperienze diverse, come illustrato nella tabella seguente.

Tecnica di gestione degli account utente   

Esperienza utente   

Strumenti utilizzabili   

Altre informazioni   

Sincronizzazione della directory con o senza sincronizzazione delle password

Un utente accede all'ambiente locale con il proprio account utente (dominio\nomeutente). Per passare a Office 365, deve accedere di nuovo con il proprio account aziendale o dell'istituto di istruzione (utente@dominio.com). Il nome utente è lo stesso in entrambi gli ambienti.

Quando si aggiunge la sincronizzazione delle password, l'utente ha la stessa password per entrambi gli ambienti, ma dovrà specificare di nuovo queste credenziali quando accede a Office 365. La sincronizzazione della directory con la sincronizzazione delle password è lo scenario usato più di frequente.

Per configurare la sincronizzazione della directory, usare Azure Active Directory Connect. Per le istruzioni, vedere Configurare la sincronizzazione della directory per Office 365 e Usare Azure AD Connect con impostazioni rapide.

Preparare il provisioning degli utenti tramite la sincronizzazione della directory con Office 365.

Integrazione delle identità locali con Azure Active Directory

Sincronizzazione della directory con SSO

Un utente accede all'ambiente locale con il proprio account utente. Quando passa a Office 365, viene connesso automaticamente oppure accede con le stesse credenziali usate per l'ambiente locale (dominio\nomeutente).

Per configurare SSO si usa anche Azure AD Connect. Per le istruzioni, vedere Usare Azure AD Connect con impostazioni rapide.

Cosa sono l'accesso all'applicazione e Single Sign-On con Azure Active Directory?

Azure AD Connect sostituisce le precedenti versioni di strumenti di integrazione delle identità come DirSync e Azure AD Sync. Per altre informazioni, vedere Integrazione delle identità locali con Azure Active Directory.

Se si vuole eseguire l'aggiornamento da Azure Active Directory Sync a Azure AD Connect, vedere le istruzioni di aggiornamento.

Vedere un'architettura di soluzione creata per la sincronizzazione della directory di Office 365 (DirSync) in Microsoft Azure.

Serve ulteriore assistenza?

Ottenere assistenza dai forum della community di Office 365 Amministratori: Accedere e creare una richiesta di servizio Amministratori: Contattare il supporto

Vedere anche

Configurare Office 365 per le aziende

Modalità di migrazione della posta elettronica a Office 365

Eseguire la migrazione da Lotus Notes a Office 365

Risoluzione dei problemi di sincronizzazione della directory per Office 365

Amplia le tue competenze
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per i tuoi commenti e suggerimenti

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×