Importazione di dati in Office Publisher, Visio o Word utilizzando la Connessione guidata dati

Importante :  Il presente articolo è stato tradotto automaticamente, vedere la dichiarazione di non responsabilità. Per visualizzare la versione inglese dell'articolo, fare clic qui.

Esistono enormi quantità di dati esterni che è possibile utilizzare in Microsoft Office Publisher, Visio o Word, ma è necessario sapere come importarli e proteggerli creando, a questo scopo, le connessioni corrette.

Per saperne di più

Panoramica delle connessioni dati di Office

Effettuare l'accesso ai dati più sicura

Creare o modificare un file Office Data Connection con Excel

Office Publisher: Importare i dati esterni mediante la connessione guidata dati

Office Visio: Importare i dati esterni mediante la connessione guidata dati

Office Word: Importare i dati esterni mediante la connessione guidata dati

Panoramica delle connessioni dati di Office

Nelle seguenti sezioni viene descritto il funzionamento delle connessioni dati esterne e viene spiegato come condividere le informazioni di connessione con altri utenti e applicazioni.

Nozioni di base sulle connessioni dati

I dati utilizzati in un programma possono provenire da un'origine dati esterna, ad esempio un file di testo, una cartella di lavoro o un database, connessa al programma tramite una connessione dati, ovvero un insieme di informazioni in cui viene descritto come individuare, accedere e utilizzare il contenuto dell'origine dati esterna.

Il vantaggio principale che deriva dal connettere un programma a un'origine dati esterna è la possibilità di analizzare periodicamente i dati senza doverli copiare ripetutamente, un'operazione che può risultare dispersiva in termini di tempo ed essere soggetta a errori.

Le informazioni sulla connessione sono memorizzate nella cartella di lavoro e possono inoltre essere memorizzate in un file di connessione, ad esempio un file di connessione dati (con estensione ODC) o un file di nome dell'origine dati (con estensione DSN).

Per importare i dati esterni in un programma, è necessario disporre dell'accesso ai dati. Se l'origine dati esterna a cui si desidera accedere non si trova sul computer locale, potrebbe essere necessario rivolgersi all'amministratore del database per ottenere una password, l'autorizzazione utente o altre informazioni di connessione. Se l'origine dati è un database, assicurarsi che non sia aperto in modalità esclusiva. Se l'origine dati è un file di testo o una cartella di lavoro, assicurarsi che non sia aperta da un altro utente in modalità di accesso esclusivo.

Molte origini dati richiedono inoltre un driver ODBC o un provider OLE DB per coordinare il flusso dei dati tra il programma, il file di connessione e l'origine dati.

Nel seguente diagramma sono riepilogati i punti principali delle connessioni dati.

Connessione ai dati esterni

1. Sono disponibili numerose origini dati a cui è possibile connettersi: Microsoft SQL Server, Microsoft Office Access, Microsoft Office Excel e file di testo.

2. A ogni origine dati è associato un driver ODBC o un provider OLE DB.

3. In un file di connessione sono definite tutte le informazioni necessarie per accedere ai dati in un'origine dati e recuperarli.

4. Le informazioni di connessione vengono copiate da un file di connessione nel programma.

Condivisione delle connessioni

I file di connessione sono particolarmente utili per condividere le connessioni in maniera coerente, rendendo le connessioni più facilmente individuabili, migliorando la protezione e facilitando l'amministrazione dell'origine dati. Per ottimizzare la condivisione dei file di connessione, collocarli in un percorso protetto e attendibile, quale una cartella di rete o una raccolta di Microsoft Office SharePoint Designer dove i file possano essere letti dagli utenti ma modificati solo da utenti designati.

È possibile creare file di connessione dati (con estensione ODC) utilizzando Excel oppure la Connessione guidata dati per connettersi alle nuove origini dati. In un file ODC vengono utilizzati tag HTML e XML personalizzati per archiviare le informazioni di connessione. Il contenuto di questo file può essere facilmente visualizzato o modificato in Excel.

I file di connessione possono essere condivisi con altri utenti in modo che dispongano dello stesso tipo di accesso a un'origine dati esterna. Non è necessario che gli altri utenti impostino un'origine dati per aprire il file di connessione, ma potrebbero dover installare nel computer locale il driver ODBC o il provider OLE DB necessario per accedere ai dati esterni.

Informazioni su Microsoft Data Access Components

Microsoft Data Access Components (MDAC) 2.8 è incluso in Microsoft Windows Server 2003 e in Microsoft Windows XP SP2 e versioni successive. Con MDAC è possibile connettersi e utilizzare i dati di un'ampia gamma di origini dati relazionali e non relazionali. I driver ODBC (Open Database Connectivity) o i provider OLE DB consentono di connettersi a molte origini dati diverse e possono essere creati e forniti da Microsoft o sviluppati da terze parti. Quando si installa Microsoft Office, vengono aggiunti al computer ulteriori driver ODBC e provider OLE DB.

Per visualizzare un elenco completo dei provider OLE DB installati nel computer locale, aprire la finestra di dialogo relativa alle proprietà del collegamento dati da un file di collegamento dati, quindi fare clic sulla scheda Provider.

Per visualizzare un elenco completo dei driver ODBC installati nel computer locale, aprire la finestra di dialogo relativa all'amministratore del database ODBC, quindi fare clic sulla scheda Driver.

È inoltre possibile utilizzare i driver ODBC e i provider OLE DB di altri produttori per ottenere informazioni da origini dati diverse da quelle di Microsoft, inclusi altri tipi di database ODBC e OLE DB. Per informazioni sull'installazione di questi driver ODBC o provider OLE DB, fare riferimento alla documentazione del database o contattare il fornitore del database.

Utilizzo di ODBC per connettersi alle origini dati

Nelle seguenti sezioni viene descritta in maggiore dettaglio l'architettura ODBC (Open Database Connectivity).

Architettura ODBC

Nell'architettura ODBC un'applicazione, quale il programma in uso, si connette a Gestione driver ODBC che a sua volta utilizza un particolare driver ODBC, ad esempio il driver Microsoft SQL ODBC, per connettersi a un'origine dati, quale un database di Microsoft SQL Server.

Definizione delle informazioni di connessione

Per connettersi alle origini dati ODBC, attenersi alla seguente procedura:

  1. Assicurarsi che nel computer contenente l'origine dati sia installato il driver ODBC appropriato.

  2. Definire un nome origine dati (DSN) utilizzando l'Amministratore origine dati ODBC per memorizzare le informazioni di connessione nel Registro di sistema di Microsoft Windows o in un file DSN oppure utilizzare una stringa di connessione in codice Microsoft Visual Basic per passare le informazioni di connessione direttamente a Gestione driver ODBC.

    Per definire un'origine dati, aprire il Pannello di controllo di Microsoft Windows, fare doppio clic sull'icona Strumenti di amministrazione, quindi sull'icona Origine dati (ODBC).

    Per ulteriori informazioni sulle singole opzioni, scegliere il pulsante ? in ciascuna finestra di dialogo.

Origini dati computer

Le origini dati computer memorizzano le informazioni di connessione nel Registro di sistema di Windows di un determinato computer con un nome definito dall'utente e possono essere utilizzate solo sul computer su cui sono state definite. Le origini dati computer sono di due tipi: utente e di sistema. Le origini dati utente possono essere utilizzate solo dall'utente corrente e sono visibili soltanto a quell'utente. Le origini dati di sistema possono essere utilizzate da tutti gli utenti di un computer e sono visibili a tutti gli utenti del computer. Un'origine dati computer risulta particolarmente utile per migliorare il livello di protezione poiché solo gli utenti che hanno effettuato l'accesso possono visualizzarla e non può essere copiata da un utente remoto su un altro computer.

Origini dati su file

Le origini dati su file, dette anche file DSN, memorizzano le informazioni di connessione in un file di testo anziché nel Registro di sistema di Windows e sono generalmente più flessibili da utilizzare rispetto alle origini dati computer. È possibile, ad esempio, copiare un'origine dati su file su qualsiasi computer con il driver ODBC appropriato, in modo che l'applicazione possa usufruire di informazioni di connessione precise e coerenti su tutti i computer utilizzati. In alternativa, è possibile collocare l'origine dati su file su un singolo server e condividerla con più computer in rete e gestire facilmente le informazioni di connessione da un'unica postazione.

Un'origine dati su file può anche essere non condivisibile. In questo caso l'origine dati risiede su un singolo computer e fa riferimento a un'origine dati computer. È possibile utilizzare origini dati su file non condivisibili per accedere a origini dati computer esistenti da origini dati su file.

Utilizzo di OLE DB per connettersi alle origini dati

Nelle seguenti sezioni viene descritta in maggiore dettaglio l'architettura OLE DB (Object Linking and Embedding Database).

Architettura OLE DB

Nell'architettura OLE DB l'applicazione che accede ai dati è detta consumer di dati, ad esempio Publisher, e il programma che consente l'accesso nativo ai dati è detto provider di database, ad esempio il provider Microsoft OLE DB per SQL Server.

Definizione delle informazioni di connessione

Un file di collegamento dati universale (UDL) contiene le informazioni di connessione utilizzate da un consumer di dati per accedere a un'origine dati tramite il provider OLE DB di quell'origine dati. Per creare le informazioni di connessione, attenersi alla seguente procedura:

  • Nella Connessione guidata dati utilizzare la finestra di dialogo relativa alle proprietà del collegamento dati per definire un collegamento dati per un provider OLE DB.

  • Creare un file di testo vuoto con il tipo di file UDL, quindi modificare il file che visualizza la finestra di dialogo relativa alle proprietà del collegamento dati.

Torna all'inizio

Accesso più sicuro ai dati

Quando si stabilisce la connessione a un'origine dati esterna o si aggiornano i dati, è importante conoscere i potenziali problemi di protezione e sapere come gestirli. Per facilitare la protezione dei dati, utilizzare le linee guida e le procedure consigliate riportate di seguito.

Archiviazione delle connessioni dati in un percorso attendibile

Un file di connessione dati contiene spesso una o più query a un'origine dati. Sostituendo questo file, un utente malintenzionato potrebbe creare una query per accedere a informazioni riservate e distribuirle ad altri utenti o eseguire altre operazioni dannose. È pertanto importante verificare quanto segue:

  • Il file di connessione è stato creato da un utente attendibile.

  • Il file di connessione è sicuro e proviene da un percorso attendibile.

Ai fini del miglioramento della protezione, le connessioni ai dati esterni potrebbero non essere disponibili nel computer in uso. Per connettersi ai dati quando si apre una cartella di lavoro, è necessario attivare le connessioni dati utilizzando la barra relativa al Centro protezione o salvando la cartella di lavoro in un percorso attendibile.

Per ulteriori informazioni, vedere creare, rimuovere o modificare un percorso attendibile per i file, aggiungere, rimuovere o visualizzare un autore attendibilee visualizzare le impostazioni di protezione in Centro protezione.

Utilizzo di credenziali in modo sicuro

L'accesso a un'origine dati esterna richiede solitamente l'utilizzo di credenziali, ad esempio un nome utente e una password, che vengono utilizzate per autenticare l'utente. Assicurarsi che queste credenziali siano fornite all'utente in modo sicuro e protetto e che non siano inavvertitamente rivelate ad altri.

Usare password complesse con una combinazione di lettere in maiuscolo e in minuscolo, numeri e simboli. Le password vulnerabili non contengono questi elementi. Password complessa: Y6dh!et5. Password vulnerabile: Casa27. Le password devono essere costituite da almeno 8 caratteri, ma sarebbe preferibile usare passphrase composte da almeno 14 caratteri è preferibile.

È essenziale ricordare la password perché, qualora la si dimentichi, non sarà possibile recuperarla. Prendere nota delle password, quindi conservarle in un luogo sicuro, lontano dalle informazioni che si intende proteggere.

Evitare di salvare le informazioni di accesso durante la connessione alle origini dati. Queste informazioni potrebbero essere salvate come testo normale nella cartella di lavoro e nel file di connessione, quindi un utente malintenzionato potrebbe ottenere l'accesso a tali informazioni e compromettere la protezione dell'origine dati.

Se possibile, utilizzare l'autenticazione di Windows, detta anche connessione trusted, che utilizza un account utente di Windows per la connessione a SQL Server. Quando un utente si connette tramite un account utente di Windows, SQL Server utilizza le informazioni disponibili nel sistema operativo Windows per convalidare il nome e la password dell'account. Prima di poter utilizzare l'autenticazione di Windows, è necessario che un amministratore del server configuri l'utilizzo di questa modalità di autenticazione in SQL Server. Se l'autenticazione di Windows non è disponibile, evitare di salvare le informazioni di accesso degli utenti. L'immissione di queste informazioni a ogni accesso effettuato dagli utenti consente di ottenere una maggiore protezione.

Torna all'inizio

Creazione o modifica di un file di connessione dati (con estensione ODC) utilizzando Excel

Può essere utile condividere un file di connessione dati (ODC) con altri utenti o tra diversi programmi. Per creare o modificare un file ODC, è possibile utilizzare Excel.

Creazione di un nuovo file ODC utilizzando Excel

  1. Individuare la cartella Origini dati utente nel computer in uso.

  2. Effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Per creare un tipo qualsiasi di file di connessione, fare clic con il pulsante destro del mouse sul file +Connetti a nuova origine dati.odc, quindi scegliere Apri in Excel dal menu di scelta rapida.

      Verrà avviato Excel. Se viene visualizzato il messaggio Informazioni sulla protezione per Microsoft Office Excel, scegliere Attiva.

      Verrà visualizzata la pagina Connessione guidata dati . Seguire le istruzioni riportate nella procedura guidata.

    • Per creare un file di connessione di SQL Server, fare clic con il pulsante destro del mouse sul file +Nuova connessione a SQL Server.odc, quindi scegliere Apri in Excel dal menu di scelta rapida.

      Verrà avviato Excel e verrà visualizzata la pagina Connessione al server di database della Connessione guidata dati.

Modifica di un file ODC esistente utilizzando Excel

  1. Individuare la cartella contenente il file ODC, ad esempio Origini dati utente nel computer in uso o una cartella di rete attendibile.

  2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul file ODC, quindi scegliere Apri in Excel dal menu di scelta rapida.

  3. È possibile che venga visualizzato il messaggio Informazioni sulla protezione per Microsoft Office Excel. Se si considera attendibile l'origine dati, scegliere Attiva.

    Per confermare che la connessione è corretta, i dati recuperati dal file ODC vengono visualizzati nel primo foglio di lavoro di una nuova cartella di lavoro.

  4. Nel gruppo Connessioni della scheda Dati fare clic su Connessioni.

  5. Nella finestra di dialogo Connessioni cartella di lavoro selezionare la connessione, quindi scegliere Proprietà.

  6. Apportare le modifiche desiderate nella finestra di dialogo Proprietà connessione.

    Per ulteriori informazioni sulla modifica delle informazioni contenute nel file di connessione, vedere il sistema di Guida di Excel.

  7. Dopo avere apportato tutte le modifiche, fare clic sulla scheda Definizione e scegliere Esporta file di connessione.

  8. Nella finestra di dialogo Salva file scegliere Salva.

  9. Chiudere le finestre di dialogo Proprietà connessione e Connessioni cartella di lavoro, quindi uscire da Excel senza salvare la nuova cartella di lavoro.

Torna all'inizio

Office Publisher: importazione di dati esterni utilizzando la Connessione guidata dati

In Microsoft Office Publisher, si importano dati esterni con la stampa unione. Utilizzare la stampa unione per creare un numero elevato di documenti che sono pressoché identici ma include alcune informazioni univoci, ad esempio un annuncio di un prodotto che si sta inviando ai primi 100 clienti. È anche possibile importare direttamente, file di testo, fogli di lavoro di Excel e Access tabelle o query senza utilizzare un file di connessione. Per ulteriori informazioni, vedere creare una stampa unione.

Per saperne di più

Importare un file di testo tramite un provider OLE DB

Importare un file di testo tramite un driver ODBC

Importare dati da una cartella di lavoro di Excel 97-2003 o 2007 utilizzando un provider OLE DB

Importare dati da una cartella di lavoro di Excel 97-2003 o 2007 utilizzando un driver ODBC

Importare dati da un database di Access 2000 o 2003, 2007 utilizzando un provider OLE DB

Importare dati da un database di Access 2000 o 2003, 2007 utilizzando un driver ODBC

Importare dati da SQL Server 2000 o 2005 database tramite un provider OLE DB

Importare dati da SQL Server 2000 o 2005 usando un driver ODBC

Importazione di un file di testo utilizzando un provider OLE DB

L'importazione di un file di testo con valori separati da virgola (CSV) è un'operazione semplice. Se si tratta di un file con estensione CSV in cui non viene utilizzato il carattere separatore di elenco definito nel computer in uso oppure se non si tratta di un file di testo CSV, è possibile utilizzare un file Schema.ini per specificare il formato di file corretto.

Importare il file

  1. Scegliere Indirizzi e cataloghi dal menu Strumenti, quindi fare clic su Stampa unione, Stampa unione elettronica o Composizione catalogo.

  2. Effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Nel riquadro attività Stampa unione fare clic su Creazione o connessione a un elenco destinatari.

    • Nel riquadro attività Stampa unione elettronica fare clic su Creazione o connessione a un elenco destinatari.

    • Nel riquadro attività Composizione catalogo fare clic su Creazione o connessione a un elenco prodotti.

  3. Nella finestra di dialogo Selezione origine dati effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Per utilizzare un file con estensione ODC esistente, fare doppio clic sul file desiderato. I dati vengono importati e l'operazione viene completata.

    • Per creare un nuovo file con estensione ODC, fare clic su Nuova origine e seguire i passaggi indicati nella procedura.

      Verrà visualizzata la Connessione guidata dati.

  4. Nella pagina Connessione guidata dati fare clic su Altri server/Opzioni avanzate.

    Verrà visualizzata la finestra di dialogo relativa alle proprietà del collegamento dati.

    Per ulteriori informazioni sulle singole opzioni, scegliere il pulsante ? nelle diverse finestre di dialogo.

  5. Nella scheda Provider selezionare il provider OLE DB per Microsoft Jet 4.0 e scegliere Avanti.

  6. Nella casella Selezionare o immettere un nome di database della scheda Connessioni immettere il percorso completo della cartella che contiene il file di testo.

    Per individuare la cartella, fare clic sul pulsante Sfoglia accanto alla casella.

  7. Scegliere la scheda Tutte, selezionare Proprietà estese, quindi fare clic su Modifica valore.

  8. Nella casella Valore proprietà immettere uno dei seguenti valori:

    • Se il file di testo contiene intestazioni di colonna, immettere testo. HDR = Yes.

    • Se il file di testo non dispone di intestazioni di colonna, immettere testo. HDR = No.

  9. Scegliere OK.

  10. Per assicurarsi di avere immesso le informazioni corrette, fare clic sulla scheda Connessione, quindi scegliere Test connessione.

  11. Effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Se viene visualizzato un messaggio di errore, verificare di nuovo i valori immessi nei passaggi precedenti.

    • Se viene visualizzato il messaggio "Test della connessione completato", scegliere OK.

  12. Scegliere OK.

    Verrà visualizzata di nuovo la Connessione guidata dati.

  13. Nella pagina Seleziona database e tabella selezionare il file di testo che si desidera importare nella colonna Nome, quindi scegliere Avanti.

  14. Nella pagina Salva file di connessione dati e chiudi immettere il nome da assegnare al file ODC nella casella Nome file, quindi scegliere Fine.

    Per cambiare il percorso della cartella, che per impostazione predefinita è Origini dati utente, scegliere Sfoglia.

  15. In alternativa, per facilitare l'individuazione del file di connessione è possibile immettere informazioni aggiuntive nelle caselle Descrizione, Nome descrittivo e Cerca parole chiave.

Utilizzare un file Schema.ini per specificare un carattere separatore di elenco o un formato di file di testo diverso

Un file Schema.ini è un file di testo contenente voci che sostituiscono le impostazioni del driver di testo predefinito nel Registro di sistema di Windows. In generale per utilizzare un file Schema.ini file, attenersi alla seguente procedura:

  • Archiviare il file Schema.ini nella stessa cartella del file di testo da importare.

  • Assegnare un nome file ini.

  • Sulla prima riga del file Schema.ini digitare il nome del file di testo al quale si stabilisce il collegamento, racchiuso tra parentesi.

  • Aggiungere ulteriori informazioni per specificare un formato di file di testo diverso.

Nelle seguenti sezioni sono riportati esempi comuni per l'utilizzo del file Schema.ini.

Esempio: specificare un carattere punto e virgola (;) come delimitatore

[Categories.txt] Format=Delimited(;)

Ex ampio: specificare un carattere di tabulazione come delimitatore

[Products.txt] Format=TabDelimited

Esempio: specificare un file di testo a larghezza fissa

[Shippers.txt]Format=FixedLengthCol1=ShipperID Text Width 11Col2=CompanyName Text Width 40Col3=Phone Text Width 24

Inizio pagina Parte superiore della sezione

Importazione di un file di testo utilizzando un driver ODBC

L'importazione di un file di testo utilizzando un driver ODBC comporta, come minimo, due passaggi. Definire innanzitutto un DSN utente nel computer in uso per il driver di testo ODBC, se necessario. Importare quindi il file di testo utilizzando il DSN utente. Se si tratta di un file di testo con valori separati da virgola (CSV) in cui non viene utilizzato il carattere separatore di elenco definito nel computer in uso oppure se non si tratta di un file di testo CSV, è possibile utilizzare un file Schema.ini per specificare il formato di file corretto.

Definire un DSN utente

  1. Aprire il Pannello di controllo di Microsoft Windows, fare doppio clic sull'icona Strumenti di amministrazione e quindi sull'icona Origine dati (ODBC).

  2. Nella scheda DSN utente della finestra di dialogo relativa all'amministratore del database ODBC scegliere Aggiungi.

  3. Nella finestra di dialogo Crea nuova origine dati selezionare Microsoft Text Driver (*.txt; *.csv), quindi scegliere Fine.

    Verrà visualizzata la finestra di dialogo Configurazione ODBC per formato testo.

  4. Immettere un nome nella casella Nome origine dati.

  5. Deselezionare la casella di controllo Utilizza directory corrente.

  6. Fare clic su Selezione directory.

  7. Nella finestra di dialogo Selezione directory individuare la cartella contenente il file di testo che si desidera importare, assicurarsi che il file sia visualizzato nell'elenco sotto la casella Nome file, quindi scegliere OK.

  8. Scegliere OK due volte.

Per ulteriori informazioni sulle singole opzioni, scegliere il pulsante ? nelle diverse finestre di dialogo.

Importare il file

  1. Scegliere Indirizzi e cataloghi dal menu Strumenti, quindi fare clic su Stampa unione, Stampa unione elettronica o Composizione catalogo.

  2. Effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Nel riquadro attività Stampa unione fare clic su Creazione o connessione a un elenco destinatari.

    • Nel riquadro attività Stampa unione elettronica fare clic su Creazione o connessione a un elenco destinatari.

    • Nel riquadro attività Composizione catalogo fare clic su Creazione o connessione a un elenco prodotti.

  3. Nella finestra di dialogo Selezione origine dati effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Per utilizzare un file con estensione ODC esistente, fare doppio clic sul file desiderato. I dati vengono importati e l'operazione viene completata.

    • Per creare un nuovo file con estensione ODC, fare clic su Nuova origine e seguire i passaggi indicati nella procedura.

      Verrà visualizzata la Connessione guidata dati.

  4. Nella pagina Connessione guidata dati fare clic su ODBC/DSN.

  5. Nella pagina Connessione all'origine dati ODBC selezionare il DSN utente appena creato, quindi scegliere Avanti.

  6. Nella pagina Seleziona database e tabella selezionare il file di testo nella colonna Nome, quindi scegliere Avanti.

  7. Nella pagina Salva file di connessione dati e chiudi immettere il nome da assegnare al file ODC nella casella Nome file, quindi scegliere Fine.

    Per cambiare il percorso della cartella, che per impostazione predefinita è Origini dati utente, scegliere Sfoglia.

  8. In alternativa, per facilitare l'individuazione del file di connessione è possibile immettere informazioni aggiuntive nelle caselle Descrizione, Nome descrittivo e Cerca parole chiave.

Utilizzare un file Schema.ini per specificare un carattere separatore di elenco o un formato di file di testo diverso

Un file Schema.ini è un file di testo contenente voci che sostituiscono le impostazioni del driver di testo predefinito nel Registro di sistema di Windows. In generale per utilizzare un file Schema.ini file, attenersi alla seguente procedura:

  • Archiviare il file Schema.ini nella stessa cartella del file di testo da importare.

  • Assegnare un nome file ini.

  • Sulla prima riga del file Schema.ini digitare il nome del file di testo al quale si stabilisce il collegamento, racchiuso tra parentesi.

  • Aggiungere ulteriori informazioni per specificare un formato di file di testo diverso.

Nelle seguenti sezioni sono riportati esempi comuni per l'utilizzo del file Schema.ini.

Esempio: specificare un'intestazione di colonna

[Categories.txt] ColNameHeader=True

Esempio: specificare un carattere punto e virgola (;) come delimitatore

[Categories.txt] Format=Delimited(;)

Esempio: specificare un carattere di tabulazione come delimitatore

[Products.txt] Format=TabDelimited

Esempio: specificare un file di testo a larghezza fissa

[Shippers.txt]Format=FixedLengthCol1=ShipperID Text Width 11Col2=CompanyName Text Width 40Col3=Phone Text Width 24

Inizio pagina Parte superiore della sezione

Importazione di dati da una cartella di lavoro di Excel 97-2003 o 2007 utilizzando un provider OLE DB

  1. Scegliere Indirizzi e cataloghi dal menu Strumenti, quindi fare clic su Stampa unione, Stampa unione elettronica o Composizione catalogo.

  2. Effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Nel riquadro attività Stampa unione fare clic su Creazione o connessione a un elenco destinatari.

    • Nel riquadro attività Stampa unione elettronica fare clic su Creazione o connessione a un elenco destinatari.

    • Nel riquadro attività Composizione catalogo fare clic su Creazione o connessione a un elenco prodotti.

  3. Nella finestra di dialogo Selezione origine dati effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Per utilizzare un file con estensione ODC esistente, fare doppio clic sul file desiderato. I dati vengono importati e l'operazione viene completata.

    • Per creare un nuovo file con estensione ODC, fare clic su Nuova origine e seguire i passaggi indicati nella procedura.

      Verrà visualizzata la Connessione guidata dati.

  4. Nella pagina Connessione guidata dati fare clic su Altri server/Opzioni avanzate.

    Verrà visualizzata la finestra di dialogo relativa alle proprietà del collegamento dati.

    Per ulteriori informazioni sulle singole opzioni, scegliere il pulsante ? nelle diverse finestre di dialogo.

  5. Nella scheda Provider selezionare il provider OLE DB del modulo di gestione di database di Microsoft Office 2007 Access, quindi scegliere Avanti.

  6. Nella casella Origine dati della scheda Connessioni immettere il percorso completo e il nome file della cartella di lavoro di Excel.

  7. Scegliere la scheda Tutte, selezionare Proprietà estese, quindi fare clic su Modifica valore.

  8. Nella casella Valore proprietà immettere uno dei seguenti valori:

    • Se i dati nella cartella di lavoro contengono intestazioni di colonna, immettere Excel 8.0; HDR = Yes.

    • Se i dati nella cartella di lavoro non dispone di intestazioni di colonna, immettere Excel 8.0; HDR = No.

  9. Scegliere OK.

  10. Per assicurarsi di avere immesso le informazioni corrette, fare clic sulla scheda Connessione, quindi scegliere Test connessione.

  11. Effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Se viene visualizzato un messaggio di errore, verificare di nuovo i valori immessi nei passaggi precedenti.

    • Se viene visualizzato il messaggio "Test della connessione completato", scegliere OK.

  12. Nella pagina Seleziona database e tabella selezionare la cartella di lavoro nella colonna Nome, quindi scegliere Avanti.

  13. Scegliere OK.

    Verrà visualizzata di nuovo la Connessione guidata dati.

  14. Nella pagina Salva file di connessione dati e chiudi immettere il nome da assegnare al file ODC nella casella Nome file, quindi scegliere Fine.

    Per cambiare il percorso della cartella, che per impostazione predefinita è Origini dati utente, scegliere Sfoglia.

  15. In alternativa, per facilitare l'individuazione del file di connessione è possibile immettere informazioni aggiuntive nelle caselle Descrizione, Nome descrittivo e Cerca parole chiave.

Inizio pagina Parte superiore della sezione

Importazione di dati da una cartella di lavoro di Excel 97-2003 o 2007 utilizzando un driver ODBC

  1. Scegliere Indirizzi e cataloghi dal menu Strumenti, quindi fare clic su Stampa unione, Stampa unione elettronica o Composizione catalogo.

  2. Effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Nel riquadro attività Stampa unione fare clic su Creazione o connessione a un elenco destinatari.

    • Nel riquadro attività Stampa unione elettronica fare clic su Creazione o connessione a un elenco destinatari.

    • Nel riquadro attività Composizione catalogo fare clic su Creazione o connessione a un elenco prodotti.

  3. Nella finestra di dialogo Selezione origine dati effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Per utilizzare un file con estensione ODC esistente, fare doppio clic sul file desiderato. I dati vengono importati e l'operazione viene completata.

    • Per creare un nuovo file con estensione ODC, fare clic su Nuova origine e seguire i passaggi indicati nella procedura.

      Verrà visualizzata la Connessione guidata dati.

  4. Nella pagina Connessione guidata dati fare clic su ODBC/DSN.

  5. Nella pagina Connessione all'origine dati ODBC selezionare File di Excel, quindi scegliere Avanti.

  6. Nella casella Nome database della finestra di dialogo Selezione cartella di lavoro immettere il nome della cartella contenente la cartella di lavoro di Excel, selezionare la cartella di lavoro dall'elenco, quindi scegliere OK.

  7. Nella pagina Seleziona database e tabella selezionare il foglio di lavoro che si desidera importare nella colonna Nome, quindi scegliere Avanti.

  8. Nella pagina Salva file di connessione dati e chiudi immettere il nome da assegnare al file ODC nella casella Nome file, quindi scegliere Fine.

    Per cambiare il percorso della cartella, che per impostazione predefinita è Origini dati utente, scegliere Sfoglia.

  9. In alternativa, per facilitare l'individuazione del file di connessione è possibile immettere informazioni aggiuntive nelle caselle Descrizione, Nome descrittivo e Cerca parole chiave.

Per ulteriori informazioni sulle singole opzioni, scegliere il pulsante ? nelle diverse finestre di dialogo.

Inizio pagina Parte superiore della sezione

Importazione di dati da un database di Access 2000, 2003 o 2007 utilizzando un provider OLE DB

  1. Scegliere Indirizzi e cataloghi dal menu Strumenti, quindi fare clic su Stampa unione, Stampa unione elettronica o Composizione catalogo.

  2. Effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Nel riquadro attività Stampa unione fare clic su Creazione o connessione a un elenco destinatari.

    • Nel riquadro attività Stampa unione elettronica fare clic su Creazione o connessione a un elenco destinatari.

    • Nel riquadro attività Composizione catalogo fare clic su Creazione o connessione a un elenco prodotti.

  3. Nella finestra di dialogo Selezione origine dati effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Per utilizzare un file con estensione ODC esistente, fare doppio clic sul file desiderato. I dati vengono importati e l'operazione viene completata.

    • Per creare un nuovo file con estensione ODC, fare clic su Nuova origine e seguire i passaggi indicati nella procedura.

      Verrà visualizzata la Connessione guidata dati.

  4. Nella pagina Connessione guidata dati fare clic su Altri server/Opzioni avanzate.

    Verrà visualizzata la finestra di dialogo relativa alle proprietà del collegamento dati.

    Per ulteriori informazioni sulle singole opzioni, scegliere il pulsante ? nelle diverse finestre di dialogo.

  5. Nella scheda Provider effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Se si tratta di un database di Microsoft Access 2000 o Microsoft Office Access 2003 selezionare il provider OLE DB di Microsoft Jet 4.0.

    • Se si tratta di un database di Microsoft Office Access 2007 selezionare il provider OLE DB del modulo di gestione di database di Microsoft Office 2007 Access.

  6. Scegliere Avanti.

  7. Nella casella Selezionare o immettere un nome di database della scheda Connessioni immettere il percorso completo e il nome file del database di Access.

    Se nella scheda Provider è stato selezionato il provider OLE DB di Microsoft Jet 4.0, per individuare più facilmente il database scegliere il pulsante Sfoglia accanto alla casella.

  8. Per assicurarsi di avere immesso le informazioni corrette, fare clic sulla scheda Connessione, quindi scegliere Test connessione.

  9. Effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Se viene visualizzato un messaggio di errore, verificare di nuovo i valori immessi nei passaggi precedenti.

    • Se viene visualizzato il messaggio "Test della connessione completato", scegliere OK.

  10. Nella pagina Seleziona database e tabella selezionare la tabella o la query nella colonna Nome, quindi scegliere Avanti.

    Nota : Le tabelle collegate non vengono visualizzate nell'elenco. Se si desidera importare una tabella collegata, creare una query alla tabella collegata nel database di Access prima di eseguire l'operazione di importazione.

  11. Nella pagina Salva file di connessione dati e chiudi immettere il nome da assegnare al file ODC nella casella Nome file, quindi scegliere Fine.

    Per cambiare il percorso della cartella, che per impostazione predefinita è Origini dati utente, scegliere Sfoglia.

  12. In alternativa, per facilitare l'individuazione del file di connessione è possibile immettere informazioni aggiuntive nelle caselle Descrizione, Nome descrittivo e Cerca parole chiave.

Inizio pagina Parte superiore della sezione

Importazione di dati da un database di Access 2000, 2003 o 2007 utilizzando un driver ODBC

  1. Scegliere Indirizzi e cataloghi dal menu Strumenti, quindi fare clic su Stampa unione, Stampa unione elettronica o Composizione catalogo.

  2. Effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Nel riquadro attività Stampa unione fare clic su Creazione o connessione a un elenco destinatari.

    • Nel riquadro attività Stampa unione elettronica fare clic su Creazione o connessione a un elenco destinatari.

    • Nel riquadro attività Composizione catalogo fare clic su Creazione o connessione a un elenco prodotti.

  3. Nella finestra di dialogo Selezione origine dati effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Per utilizzare un file con estensione ODC esistente, fare doppio clic sul file desiderato. I dati vengono importati e l'operazione viene completata.

    • Per creare un nuovo file con estensione ODC, fare clic su Nuova origine e seguire i passaggi indicati nella procedura.

      Verrà visualizzata la Connessione guidata dati.

  4. Nella pagina Connessione guidata dati fare clic su ODBC/DSN.

  5. Nella pagina Connessione all'origine dati ODBC selezionare Database di Microsoft Access, quindi scegliere Avanti.

    Verrà visualizzata la finestra di dialogo Selezione database.

  6. Nella finestra di dialogo Selezione directory individuare la cartella contenente il database di Access che si desidera importare, assicurarsi che il database sia visualizzato nell'elenco sotto la casella Nome file, quindi scegliere OK.

    Verrà visualizzata di nuovo la Connessione guidata dati.

  7. Nella pagina Seleziona database e tabella selezionare la tabella o la query nella colonna Nome, quindi scegliere Avanti.

  8. Nella pagina Salva file di connessione dati e chiudi immettere il nome da assegnare al file ODC nella casella Nome file, quindi scegliere Fine.

    Per cambiare il percorso della cartella, che per impostazione predefinita è Origini dati utente, scegliere Sfoglia.

  9. In alternativa, per facilitare l'individuazione del file di connessione è possibile immettere informazioni aggiuntive nelle caselle Descrizione, Nome descrittivo e Cerca parole chiave.

Per ulteriori informazioni sulle singole opzioni, scegliere il pulsante ? nelle diverse finestre di dialogo.

Inizio pagina Parte superiore della sezione

Importazione di dati da un database di SQL Server 2000 o 2005 utilizzando un provider OLE DB

  1. Scegliere Indirizzi e cataloghi dal menu Strumenti, quindi fare clic su Stampa unione, Stampa unione elettronica o Composizione catalogo.

  2. Effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Nel riquadro attività Stampa unione fare clic su Creazione o connessione a un elenco destinatari.

    • Nel riquadro attività Stampa unione elettronica fare clic su Creazione o connessione a un elenco destinatari.

    • Nel riquadro attività Composizione catalogo fare clic su Creazione o connessione a un elenco prodotti.

  3. Nella finestra di dialogo Selezione origine dati effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Per utilizzare un file con estensione ODC esistente, fare doppio clic sul file desiderato. I dati vengono importati e l'operazione viene completata.

    • Per creare un nuovo file con estensione ODC, fare clic su Nuova origine e seguire i passaggi indicati nella procedura.

      Verrà visualizzata la Connessione guidata dati.

  4. Nella pagina Connessione guidata dati fare clic su Microsoft SQL Server.

  5. Nella pagina Connessione al server di database effettuare le seguenti operazioni:

    • Immettere il nome del server di database nella casella Nome server.

      Se il database si trova nel computer in uso, immettere (Locale).

    • In Credenziali di accesso effettuare una delle seguenti operazioni:

      • Per utilizzare il nome utente e la password di Windows, fare clic su Usa autenticazione di Windows.

      • Per utilizzare il nome utente e la password di un database, fare clic su Usa nome utente e password seguenti, quindi immettere il nome utente e la password del database nelle caselle appropriate.

  6. Scegliere Avanti.

  7. Nella pagina Seleziona database e tabella selezionare il database desiderato nella casella Database, selezionare la tabella, la visualizzazione o la funzione definita dall'utente nella colonna Nome, quindi scegliere Avanti.

  8. Nella pagina Salva file di connessione dati e chiudi immettere il nome da assegnare al file ODC nella casella Nome file, quindi scegliere Fine.

    Per cambiare il percorso della cartella, che per impostazione predefinita è Origini dati utente, scegliere Sfoglia.

  9. In alternativa, per facilitare l'individuazione del file di connessione è possibile immettere informazioni aggiuntive nelle caselle Descrizione, Nome descrittivo e Cerca parole chiave.

Inizio pagina Parte superiore della sezione

Importazione di dati da un database di SQL Server 2000 o 2005 utilizzando un driver ODBC

L'importazione di dati da un database di SQL Server utilizzando un driver ODBC comporta due passaggi. Definire innanzitutto un DSN utente nel computer in uso per il driver ODBC, se necessario. Importare quindi i dati dal database di SQL Server.

Definire un DSN utente

  1. Aprire il Pannello di controllo di Microsoft Windows, fare doppio clic sull'icona Strumenti di amministrazione e quindi sull'icona Origine dati (ODBC).

  2. Nella finestra di dialogo relativa all'amministratore del database ODBC fare clic sulla scheda DSN utente, quindi scegliere Aggiungi.

  3. Nella finestra di dialogo Crea nuova origine dati selezionare SQL Server, quindi scegliere Fine.

    Verrà visualizzata la finestra di dialogo Crea una nuova origine dati per un server SQL.

  4. Immettere un nome dell'origine dati nella casella Nome.

  5. Immettere eventualmente una descrizione dell'origine dati nella casella Descrizione.

  6. Immettere il nome del server di database nella casella Server.

    Se il database si trova nel computer in uso, immettere (Locale).

  7. Scegliere Avanti.

  8. In Selezionare il sistema di autenticazione utilizzato da SQL Server per verificare l'autenticità dell'ID di accesso effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Per utilizzare il nome utente e la password di Windows, fare clic su Autenticazione Windows NT tramite ID di accesso alla rete.

    • Per utilizzare il nome utente e la password di un database, fare clic su Autenticazione SQL Server tramite ID e password di accesso immessi dall'utente, quindi immettere l'ID e la password di accesso al database nelle caselle appropriate.

  9. Scegliere Avanti due volte, quindi Fine.

  10. Per assicurarsi di avere immesso le informazioni corrette, fare clic su Verifica origine dati.

  11. Effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Se viene visualizzato un messaggio di errore, verificare di nuovo i valori immessi nei passaggi precedenti.

    • Se viene visualizzato il messaggio "VERIFICA COMPLETATA", scegliere OK.

  12. Scegliere OK due volte.

Per ulteriori informazioni sulle singole opzioni, scegliere il pulsante ? nelle diverse finestre di dialogo.

Importare i dati dal database di SQL Server

  1. Scegliere Indirizzi e cataloghi dal menu Strumenti, quindi fare clic su Stampa unione, Stampa unione elettronica o Composizione catalogo.

  2. Effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Nel riquadro attività Stampa unione fare clic su Creazione o connessione a un elenco destinatari.

    • Nel riquadro attività Stampa unione elettronica fare clic su Creazione o connessione a un elenco destinatari.

    • Nel riquadro attività Composizione catalogo fare clic su Creazione o connessione a un elenco prodotti.

  3. Nella finestra di dialogo Selezione origine dati effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Per utilizzare un file con estensione ODC esistente, fare doppio clic sul file desiderato. I dati vengono importati e l'operazione viene completata.

    • Per creare un nuovo file con estensione ODC, fare clic su Nuova origine e seguire i passaggi indicati nella procedura.

      Verrà visualizzata la Connessione guidata dati.

  4. Nella pagina Connessione guidata dati fare clic su ODBC/DSN.

  5. Nella pagina Connessione all'origine dati ODBC selezionare il nome dell'origine dati definita nella sezione precedente, quindi scegliere Avanti.

  6. Nella pagina Seleziona database e tabella selezionare il database desiderato nella casella Database, selezionare la tabella, la visualizzazione o la funzione nella colonna Nome, quindi scegliere Avanti.

  7. Nella pagina Salva file di connessione dati e chiudi immettere il nome da assegnare al file ODC nella casella Nome file, quindi scegliere Fine.

    Per cambiare il percorso della cartella, che per impostazione predefinita è Origini dati utente, scegliere Sfoglia.

  8. In alternativa, per facilitare l'individuazione del file di connessione è possibile immettere informazioni aggiuntive nelle caselle Descrizione, Nome descrittivo e Cerca parole chiave.

Inizio pagina Parte superiore della sezione

Torna all'inizio

Office Visio: importazione di dati esterni utilizzando la Connessione guidata dati

In Microsoft Office Visio, si importano dati esterni in modo che possono essere aggiunti direttamente alle forme in un disegno. Utilizzare un disegno per controllare le informazioni in modo visivo, ad esempio un diagramma di rete che consente di visualizzare le statistiche del tempo di inattività o un diagramma di flusso che consente di visualizzare gli indicatori di stato e contatori per riepilogare le attività del progetto. Le istruzioni seguenti si applicano file di testo e le origini dati di SQL Server. È anche possibile importare i fogli di lavoro di Excel, tabelle o query ed elenchi di SharePoint direttamente in un file senza utilizzare un file di connessione. Per ulteriori informazioni, vedere importare dati da Excel, SQL Server, siti di SharePoint e altre origini esterne.

Per saperne di più

Importare un file di testo tramite un provider OLE DB

Importare un file di testo tramite un driver ODBC

Importare dati da SQL Server 2000 o 2005 database tramite un provider OLE DB

Importare dati da SQL Server 2000 o 2005 usando un driver ODBC

Importazione di un file di testo utilizzando un provider OLE DB

L'importazione di un file di testo con valori separati da virgola (CSV) è un'operazione semplice. Se si tratta di un file con estensione CSV in cui non viene utilizzato il carattere separatore di elenco definito nel computer in uso oppure se non si tratta di un file di testo CSV, è possibile utilizzare un file Schema.ini per specificare il formato di file corretto.

Importare il file

  1. Scegliere Collega dati alle forme dal menu Dati.

  2. Nella prima pagina della procedura guidata Selezione dati fare clic su Altra origine dati OLEDB o ODBC.

    Verrà visualizzata la Connessione guidata dati.

  3. Fare clic su Altri server/Opzioni avanzate.

    Verrà visualizzata la finestra di dialogo relativa alle proprietà del collegamento dati.

    Per ulteriori informazioni sulle singole opzioni, scegliere il pulsante ? nelle diverse finestre di dialogo.

  4. Nella scheda Provider selezionare il provider OLE DB per Microsoft Jet 4.0 e scegliere Avanti.

  5. Nella casella Selezionare o immettere un nome di database della scheda Connessioni immettere il percorso completo della cartella che contiene il file di testo.

    Per individuare la cartella, fare clic sul pulsante Sfoglia accanto alla casella.

  6. Scegliere la scheda Tutte, selezionare Proprietà estese, quindi fare clic su Modifica valore.

  7. Nella casella Valore proprietà immettere uno dei seguenti valori:

    • Se il file di testo contiene intestazioni di colonna, immettere testo. HDR = Yes.

    • Se il file di testo non dispone di intestazioni di colonna, immettere testo. HDR = No.

  8. Scegliere OK.

  9. Per assicurarsi di avere immesso le informazioni corrette, fare clic sulla scheda Connessione, quindi scegliere Test connessione.

  10. Effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Se viene visualizzato un messaggio di errore, verificare di nuovo i valori immessi nei passaggi precedenti.

    • Se viene visualizzato il messaggio "Test della connessione completato", scegliere OK.

  11. Scegliere OK.

    Verrà visualizzata di nuovo la Connessione guidata dati.

  12. Nella pagina Seleziona database e tabella selezionare il file di testo che si desidera importare nella colonna Nome, quindi scegliere Avanti.

  13. Nella pagina Salva file di connessione dati e chiudi immettere il nome da assegnare al file ODC nella casella Nome file, quindi scegliere Fine.

    Per cambiare il percorso della cartella, che per impostazione predefinita è Origini dati utente, scegliere Sfoglia.

  14. In alternativa, per facilitare l'individuazione del file di connessione è possibile immettere informazioni aggiuntive nelle caselle Descrizione, Nome descrittivo e Cerca parole chiave.

  15. Scegliere Fine.

    Verrà visualizzata di nuovo la procedura guidata Selezione dati.

  16. Nella pagina Seleziona una connessione dati effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Per utilizzare il file con estensione ODC appena creato e accettare tutte le righe e le colonne nell'origine dati, scegliere Fine.

    • Per continuare a utilizzare la procedura guidata Selezione dati per poter selezionare colonne e righe specifiche e creare un identificatore univoco, scegliere Avanti.

      Per ulteriori informazioni su ciascuna pagina della Selezione dati, premere F1.

Utilizzare un file Schema.ini per specificare un carattere separatore di elenco o un formato di file di testo diverso

Un file Schema.ini è un file di testo contenente voci che sostituiscono le impostazioni del driver di testo predefinito nel Registro di sistema di Windows. In generale per utilizzare un file Schema.ini file, attenersi alla seguente procedura:

  • Archiviare il file Schema.ini nella stessa cartella del file di testo da importare.

  • Assegnare un nome file ini.

  • Sulla prima riga del file Schema.ini digitare il nome del file di testo al quale si stabilisce il collegamento, racchiuso tra parentesi.

  • Aggiungere ulteriori informazioni per specificare un formato di file di testo diverso.

Nelle seguenti sezioni sono riportati esempi comuni per l'utilizzo del file Schema.ini.

Esempio: specificare un carattere punto e virgola (;) come delimitatore

[Categories.txt] Format=Delimited(;)

Esempio: specificare un carattere di tabulazione come delimitatore

[Products.txt] Format=TabDelimited

Esempio: specificare un file di testo a larghezza fissa

[Shippers.txt]Format=FixedLengthCol1=ShipperID Text Width 11Col2=CompanyName Text Width 40Col3=Phone Text Width 24

Inizio pagina Parte superiore della sezione

Importazione di un file di testo utilizzando un driver ODBC

L'importazione di un file di testo utilizzando un driver ODBC comporta, come minimo, due passaggi. Definire innanzitutto un DSN utente nel computer in uso per il driver di testo ODBC, se necessario. Importare quindi il file di testo utilizzando il DSN utente. Se si tratta di un file di testo con valori separati da virgola (CSV) in cui non viene utilizzato il carattere separatore di elenco definito nel computer in uso oppure se non si tratta di un file di testo CSV, è possibile utilizzare un file Schema.ini per specificare il formato di file corretto.

Definire un DSN utente

  1. Aprire il Pannello di controllo di Microsoft Windows, fare doppio clic sull'icona Strumenti di amministrazione e quindi sull'icona Origine dati (ODBC).

  2. Nella scheda DSN utente della finestra di dialogo relativa all'amministratore del database ODBC scegliere Aggiungi.

  3. Nella finestra di dialogo Crea nuova origine dati selezionare Microsoft Text Driver (*.txt; *.csv), quindi scegliere Fine.

    Verrà visualizzata la finestra di dialogo Configurazione ODBC per formato testo.

  4. Immettere un nome nella casella Nome origine dati.

  5. Deselezionare la casella di controllo Utilizza directory corrente.

  6. Fare clic su Selezione directory.

  7. Nella finestra di dialogo Selezione directory individuare la cartella contenente il file di testo che si desidera importare, assicurarsi che il file sia visualizzato nell'elenco sotto la casella Nome file, quindi scegliere OK.

  8. Scegliere OK due volte.

Per ulteriori informazioni sulle singole opzioni, scegliere il pulsante ? nelle diverse finestre di dialogo.

Importare il file

  1. Scegliere Collega dati alle forme dal menu Dati.

  2. Nella prima pagina della procedura guidata Selezione dati fare clic su Altra origine dati OLEDB o ODBC.

    Verrà visualizzata la Connessione guidata dati.

  3. Nella pagina Connessione guidata dati fare clic su ODBC/DSN.

  4. Nella pagina Connessione all'origine dati ODBC selezionare il DSN utente appena creato, quindi scegliere Avanti.

  5. Nella pagina Seleziona database e tabella selezionare il file di testo nella colonna Nome, quindi scegliere Avanti.

  6. Nella pagina Salva file di connessione dati e chiudi immettere il nome da assegnare al file ODC nella casella Nome file, quindi scegliere Fine.

    Per cambiare il percorso della cartella, che per impostazione predefinita è Origini dati utente, scegliere Sfoglia.

  7. In alternativa, per facilitare l'individuazione del file di connessione è possibile immettere informazioni aggiuntive nelle caselle Descrizione, Nome descrittivo e Cerca parole chiave.

  8. Scegliere Fine.

    Verrà visualizzata di nuovo la procedura guidata Selezione dati.

  9. Nella pagina Seleziona una connessione dati effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Per utilizzare il file con estensione ODC appena creato e accettare tutte le righe e le colonne nell'origine dati, scegliere Fine.

    • Per continuare a utilizzare la procedura guidata Selezione dati per poter selezionare colonne e righe specifiche e creare un identificatore univoco, scegliere Avanti.

      Per ulteriori informazioni su ciascuna pagina della Selezione dati, premere F1.

Utilizzare un file Schema.ini per specificare un carattere separatore di elenco o un formato di file di testo diverso

Un file Schema.ini è un file di testo contenente voci che sostituiscono le impostazioni del driver di testo predefinito nel Registro di sistema di Windows. In generale per utilizzare un file Schema.ini file, attenersi alla seguente procedura:

  • Archiviare il file Schema.ini nella stessa cartella del file di testo da importare.

  • Assegnare un nome file ini.

  • Sulla prima riga del file Schema.ini digitare il nome del file di testo al quale si stabilisce il collegamento, racchiuso tra parentesi.

  • Aggiungere ulteriori informazioni per specificare un formato di file di testo diverso.

Nelle seguenti sezioni sono riportati esempi comuni per l'utilizzo del file Schema.ini.

Esempio: specificare un'intestazione di colonna

[Categories.txt] ColNameHeader=True

Esempio: specificare un carattere punto e virgola (;) come delimitatore

[Categories.txt] Format=Delimited(;)

Esempio: specificare un carattere di tabulazione come delimitatore

[Products.txt] Format=TabDelimited

Esempio: specificare un file di testo a larghezza fissa

[Shippers.txt]Format=FixedLengthCol1=ShipperID Text Width 11Col2=CompanyName Text Width 40Col3=Phone Text Width 24

Inizio pagina Parte superiore della sezione

Importazione di dati da un database di SQL Server 2000 o 2005 utilizzando un provider OLE DB

  1. Scegliere Collega dati alle forme dal menu Dati.

  2. Nella prima pagina della procedura guidata Selezione dati selezionare l'opzione relativa al database di Microsoft SQL Server 2000 o 2005.

    Verrà visualizzata la Connessione guidata dati.

  3. Nella pagina Connessione al server di database effettuare le seguenti operazioni:

    • Immettere il nome del server di database nella casella Nome server.

      Se il database si trova nel computer in uso, immettere (Locale).

    • In Credenziali di accesso effettuare una delle seguenti operazioni:

      • Per utilizzare il nome utente e la password di Windows, fare clic su Usa autenticazione di Windows.

      • Per utilizzare il nome utente e la password di un database, fare clic su Usa nome utente e password seguenti, quindi immettere il nome utente e la password del database nelle caselle appropriate.

  4. Scegliere Avanti.

  5. Nella pagina Seleziona database e tabella selezionare il database desiderato nella casella Database, selezionare la tabella, la visualizzazione o la funzione definita dall'utente nella colonna Nome, quindi scegliere Avanti.

  6. Nella pagina Salva file di connessione dati e chiudi immettere il nome da assegnare al file ODC nella casella Nome file, quindi scegliere Fine.

    Per cambiare il percorso della cartella, che per impostazione predefinita è Origini dati utente, scegliere Sfoglia.

  7. In alternativa, per facilitare l'individuazione del file di connessione è possibile immettere informazioni aggiuntive nelle caselle Descrizione, Nome descrittivo e Cerca parole chiave.

  8. Scegliere Fine.

    Verrà visualizzata di nuovo la procedura guidata Selezione dati.

  9. Nella pagina Seleziona una connessione dati effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Per utilizzare il file con estensione ODC appena creato e accettare tutte le righe e le colonne nell'origine dati, scegliere Fine.

    • Per continuare a utilizzare la procedura guidata Selezione dati per poter selezionare colonne e righe specifiche e creare un identificatore univoco, scegliere Avanti.

      Per ulteriori informazioni su ciascuna pagina della Selezione dati, premere F1.

Inizio pagina Parte superiore della sezione

Importazione di dati da un database di SQL Server 2000 o 2005 utilizzando un driver ODBC

L'importazione di dati da un database di SQL Server utilizzando un driver ODBC comporta due passaggi. Definire innanzitutto un DSN utente nel computer in uso per il driver ODBC, se necessario. Importare quindi i dati dal database di SQL Server.

Definire un DSN utente

  1. Aprire il Pannello di controllo di Microsoft Windows, fare doppio clic sull'icona Strumenti di amministrazione e quindi sull'icona Origine dati (ODBC).

  2. Nella finestra di dialogo relativa all'amministratore del database ODBC fare clic sulla scheda DSN utente, quindi scegliere Aggiungi.

  3. Nella finestra di dialogo Crea nuova origine dati selezionare SQL Server, quindi scegliere Fine.

    Verrà visualizzata la finestra di dialogo Crea una nuova origine dati per un server SQL.

  4. Immettere un nome dell'origine dati nella casella Nome.

  5. Immettere eventualmente una descrizione dell'origine dati nella casella Descrizione.

  6. Immettere il nome del server di database nella casella Server.

    Se il database si trova nel computer in uso, immettere (Locale).

  7. Scegliere Avanti.

  8. In Selezionare il sistema di autenticazione utilizzato da SQL Server per verificare l'autenticità dell'ID di accesso effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Per utilizzare il nome utente e la password di Windows, fare clic su Autenticazione Windows NT tramite ID di accesso alla rete.

    • Per utilizzare il nome utente e la password di un database, fare clic su Autenticazione SQL Server tramite ID e password di accesso immessi dall'utente, quindi immettere l'ID e la password di accesso al database nelle caselle appropriate.

  9. Scegliere Avanti due volte, quindi Fine.

  10. Per assicurarsi di avere immesso le informazioni corrette, fare clic su Verifica origine dati.

  11. Effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Se viene visualizzato un messaggio di errore, verificare di nuovo i valori immessi nei passaggi precedenti.

    • Se viene visualizzato il messaggio "VERIFICA COMPLETATA", scegliere OK.

  12. Scegliere OK due volte.

Per ulteriori informazioni sulle singole opzioni, scegliere il pulsante ? nelle diverse finestre di dialogo.

Importare i dati dal database di SQL Server

  1. Scegliere Collega dati alle forme dal menu Dati.

  2. Nella prima pagina della procedura guidata Selezione dati fare clic su Altra origine dati OLEDB o ODBC.

    Verrà visualizzata la Connessione guidata dati.

  3. Nella pagina Connessione guidata dati fare clic su ODBC/DSN.

  4. Nella pagina Connessione all'origine dati ODBC selezionare il nome dell'origine dati definita nella sezione precedente, quindi scegliere Avanti.

  5. Nella pagina Seleziona database e tabella selezionare il database desiderato nella casella Database, selezionare la tabella, la visualizzazione o la funzione nella colonna Nome, quindi scegliere Avanti.

  6. Nella pagina Salva file di connessione dati e chiudi immettere il nome da assegnare al file ODC nella casella Nome file, quindi scegliere Fine.

    Per cambiare il percorso della cartella, che per impostazione predefinita è Origini dati utente, scegliere Sfoglia.

  7. In alternativa, per facilitare l'individuazione del file di connessione è possibile immettere informazioni aggiuntive nelle caselle Descrizione, Nome descrittivo e Cerca parole chiave.

  8. Scegliere Fine.

    Verrà visualizzata di nuovo la procedura guidata Selezione dati.

  9. Nella pagina Seleziona una connessione dati effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Per utilizzare il file con estensione ODC appena creato e accettare tutte le righe e le colonne nell'origine dati, scegliere Fine.

    • Per continuare a utilizzare la procedura guidata Selezione dati per poter selezionare colonne e righe specifiche e creare un identificatore univoco, scegliere Avanti.

      Per ulteriori informazioni su ciascuna pagina della Selezione dati, premere F1.

Inizio pagina Parte superiore della sezione

Torna all'inizio

Office Word: importazione di dati esterni utilizzando la Connessione guidata dati

In Microsoft Office Word, si importano dati esterni con la stampa unione. Utilizzare la stampa unione per creare un set di documenti, ad esempio una lettera tipo da inviare a molti clienti o un foglio di etichette di indirizzi per una spedizione di credito per le festività. È anche possibile importare direttamente, file di testo, fogli di lavoro di Excel e Access tabelle o query senza utilizzare un file di connessione. Per ulteriori informazioni, vedere creare una stampa unione.

Per saperne di più

Importare un file di testo tramite un provider OLE DB

Importare un file di testo tramite un driver ODBC

Importare dati da una cartella di lavoro di Excel 97-2003 o 2007 utilizzando un provider OLE DB

Importare dati da una cartella di lavoro di Excel 97-2003 o 2007 utilizzando un driver ODBC

Importare dati da un database di Access 2000, 2003 o 2007 utilizzando un provider OLE DB

Importare dati da un database di Access 2000, 2003 o 2007 utilizzando un driver ODBC

Importare dati da SQL Server 2000 o 2005 database tramite un provider OLE DB

Importare dati da SQL Server 2000 o 2005 usando un driver ODBC

Importazione di un file di testo utilizzando un provider OLE DB

L'importazione di un file di testo con valori separati da virgola (CSV) è un'operazione semplice. Se si tratta di un file con estensione CSV in cui non viene utilizzato il carattere separatore di elenco definito nel computer in uso oppure se non si tratta di un file di testo CSV, è possibile utilizzare un file Schema.ini per specificare il formato di file corretto.

Importare il file

  1. Nel gruppo Inizia stampa unione della scheda Lettere fare clic su Seleziona destinatari, quindi scegliere Usa elenco esistente.

    Immagine della barra multifunzione di Word

  2. Nella finestra di dialogo Selezione origine dati effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Per utilizzare un file con estensione ODC esistente, fare doppio clic sul file desiderato. I dati vengono importati e l'operazione viene completata.

    • Per creare un nuovo file con estensione ODC, fare clic su Nuova origine e seguire i passaggi indicati nella procedura.

      Verrà visualizzata la Connessione guidata dati.

  3. Nella pagina Connessione guidata dati fare clic su Altri server/Opzioni avanzate.

    Verrà visualizzata la finestra di dialogo relativa alle proprietà del collegamento dati.

    Per ulteriori informazioni sulle singole opzioni, scegliere il pulsante ? nelle diverse finestre di dialogo.

  4. Nella scheda Provider selezionare il provider OLE DB per Microsoft Jet 4.0 e scegliere Avanti.

  5. Nella casella Selezionare o immettere un nome di database della scheda Connessioni immettere il percorso completo della cartella che contiene il file di testo.

    Per individuare la cartella, fare clic sul pulsante Sfoglia accanto alla casella.

  6. Scegliere la scheda Tutte, selezionare Proprietà estese, quindi fare clic su Modifica valore.

  7. Nella casella Valore proprietà immettere uno dei seguenti valori:

    • Se il file di testo contiene intestazioni di colonna, immettere testo. HDR = Yes.

    • Se il file di testo non dispone di intestazioni di colonna, immettere testo. HDR n =.

  8. Scegliere OK.

  9. Per assicurarsi di avere immesso le informazioni corrette, fare clic sulla scheda Connessione, quindi scegliere Test connessione.

  10. Effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Se viene visualizzato un messaggio di errore, verificare di nuovo i valori immessi nei passaggi precedenti.

    • Se viene visualizzato il messaggio "Test della connessione completato", scegliere OK.

  11. Scegliere OK.

    Verrà visualizzata di nuovo la Connessione guidata dati.

  12. Nella pagina Seleziona database e tabella selezionare il file di testo che si desidera importare nella colonna Nome, quindi scegliere Avanti.

  13. Nella pagina Salva file di connessione dati e chiudi immettere il nome da assegnare al file ODC nella casella Nome file, quindi scegliere Fine.

    Per cambiare il percorso della cartella, che per impostazione predefinita è Origini dati utente, scegliere Sfoglia.

  14. In alternativa, per facilitare l'individuazione del file di connessione è possibile immettere informazioni aggiuntive nelle caselle Descrizione, Nome descrittivo e Cerca parole chiave.

Utilizzare un file Schema.ini per specificare un carattere separatore di elenco o un formato di file di testo diverso

Un file Schema.ini è un file di testo contenente voci che sostituiscono le impostazioni del driver di testo predefinito nel Registro di sistema di Windows. In generale per utilizzare un file Schema.ini file, attenersi alla seguente procedura:

  • Archiviare il file Schema.ini nella stessa cartella del file di testo da importare.

  • Assegnare un nome file ini.

  • Sulla prima riga del file Schema.ini digitare il nome del file di testo al quale si stabilisce il collegamento, racchiuso tra parentesi.

  • Aggiungere ulteriori informazioni per specificare un formato di file di testo diverso.

Nelle seguenti sezioni sono riportati esempi comuni per l'utilizzo del file Schema.ini.

Esempio: specificare un carattere punto e virgola (;) come delimitatore

[Categories.txt] Format=Delimited(;)

Esempio: specificare un carattere di tabulazione come delimitatore

[Products.txt] Format=TabDelimited

Esempio: specificare un file di testo a larghezza fissa

[Shippers.txt]Format=FixedLengthCol1=ShipperID Text Width 11Col2=CompanyName Text Width 40Col3=Phone Text Width 24

Inizio pagina Parte superiore della sezione

Importazione di un file di testo utilizzando un driver ODBC

L'importazione di un file di testo utilizzando un driver ODBC comporta, come minimo, due passaggi. Definire innanzitutto un DSN utente nel computer in uso per il driver di testo ODBC, se necessario. Importare quindi il file di testo utilizzando il DSN utente. Se si tratta di un file di testo con valori separati da virgola (CSV) in cui non viene utilizzato il carattere separatore di elenco definito nel computer in uso oppure se non si tratta di un file di testo CSV, è possibile utilizzare un file Schema.ini per specificare il formato di file corretto.

Definire un DSN utente

  1. Aprire il Pannello di controllo di Microsoft Windows, fare doppio clic sull'icona Strumenti di amministrazione e quindi sull'icona Origine dati (ODBC).

  2. Nella scheda DSN utente della finestra di dialogo relativa all'amministratore del database ODBC scegliere Aggiungi.

  3. Nella finestra di dialogo Crea nuova origine dati selezionare Microsoft Text Driver (*.txt; *.csv), quindi scegliere Fine.

    Verrà visualizzata la finestra di dialogo Configurazione ODBC per formato testo.

  4. Immettere un nome nella casella Nome origine dati.

  5. Deselezionare la casella di controllo Utilizza directory corrente.

  6. Fare clic su Selezione directory.

  7. Nella finestra di dialogo Selezione directory individuare la cartella contenente il file di testo che si desidera importare, assicurarsi che il file sia visualizzato nell'elenco sotto la casella Nome file, quindi scegliere OK.

  8. Scegliere OK due volte.

Per ulteriori informazioni sulle singole opzioni, scegliere il pulsante ? nelle diverse finestre di dialogo.

Importare il file

  1. Nel gruppo Inizia stampa unione della scheda Lettere fare clic su Seleziona destinatari, quindi scegliere Usa elenco esistente.

    Immagine della barra multifunzione di Word

  2. Nella finestra di dialogo Selezione origine dati effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Per utilizzare un file con estensione ODC esistente, fare doppio clic sul file desiderato. I dati vengono importati e l'operazione viene completata.

    • Per creare un nuovo file con estensione ODC, fare clic su Nuova origine e seguire i passaggi indicati nella procedura.

      Verrà visualizzata la Connessione guidata dati.

  3. Nella pagina Connessione guidata dati fare clic su ODBC/DSN.

  4. Nella pagina Connessione all'origine dati ODBC selezionare il DSN utente appena creato, quindi scegliere Avanti.

  5. Nella pagina Seleziona database e tabella selezionare il file di testo nella colonna Nome, quindi scegliere Avanti.

  6. Nella pagina Salva file di connessione dati e chiudi immettere il nome da assegnare al file ODC nella casella Nome file, quindi scegliere Fine.

    Per cambiare il percorso della cartella, che per impostazione predefinita è Origini dati utente, scegliere Sfoglia.

  7. In alternativa, per facilitare l'individuazione del file di connessione è possibile immettere informazioni aggiuntive nelle caselle Descrizione, Nome descrittivo e Cerca parole chiave.

Per ulteriori informazioni sulle singole opzioni, scegliere il pulsante ? nelle diverse finestre di dialogo.

Utilizzare un file Schema.ini per specificare un carattere separatore di elenco o un formato di file di testo diverso

Un file Schema.ini è un file di testo contenente voci che sostituiscono le impostazioni del driver di testo predefinito nel Registro di sistema di Windows. In generale per utilizzare un file Schema.ini file, attenersi alla seguente procedura:

  • Archiviare il file Schema.ini nella stessa cartella del file di testo da importare.

  • Assegnare al file il nome Schema.ini.

  • Sulla prima riga del file Schema.ini digitare il nome del file di testo al quale si stabilisce il collegamento, racchiuso tra parentesi.

  • Aggiungere ulteriori informazioni per specificare un formato di file di testo diverso.

Nelle seguenti sezioni sono riportati esempi comuni per l'utilizzo del file Schema.ini.

Esempio: specificare un'intestazione di colonna

[Categories.txt] ColNameHeader=True

Esempio: specificare un punto e virgola caratteri (;) come delimitatore

[Categories.txt] Format=Delimited(;)

Esempio: specificare un carattere di tabulazione come delimitatore

[Products.txt] Format=TabDelimited

Esempio: specificare un file di testo a larghezza fissa

[Shippers.txt]Format=FixedLengthCol1=ShipperID Text Width 11Col2=CompanyName Text Width 40Col3=Phone Text Width 24

Inizio pagina Parte superiore della sezione

Importazione di dati da una cartella di lavoro di Excel 97-2003 o 2007 utilizzando un provider OLE DB

  1. Nel gruppo Inizia stampa unione della scheda Lettere fare clic su Seleziona destinatari, quindi scegliere Usa elenco esistente.

    Immagine della barra multifunzione di Word

  2. Nella finestra di dialogo Selezione origine dati effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Per utilizzare un file con estensione ODC esistente, fare doppio clic sul file desiderato. I dati vengono importati e l'operazione viene completata.

    • Per creare un nuovo file con estensione ODC, fare clic su Nuova origine e seguire i passaggi indicati nella procedura.

      Verrà visualizzata la Connessione guidata dati.

  3. Nella pagina Connessione guidata dati fare clic su Altri server/Opzioni avanzate.

    Verrà visualizzata la finestra di dialogo relativa alle proprietà del collegamento dati.

    Per ulteriori informazioni sulle singole opzioni, scegliere il pulsante ? nelle diverse finestre di dialogo.

  4. Nella scheda Provider selezionare il provider OLE DB del modulo di gestione di database di Microsoft Office 2007 Access, quindi scegliere Avanti.

  5. Nella casella Origine dati della scheda Connessioni immettere il percorso completo e il nome file della cartella di lavoro di Excel.

  6. Scegliere la scheda Tutte, selezionare Proprietà estese, quindi fare clic su Modifica valore.

  7. Nella casella Valore proprietà immettere uno dei seguenti valori:

    • Se i dati nella cartella di lavoro contengono intestazioni di colonna, immettere Excel 8.0; HDR = Yes.

    • Se i dati nella cartella di lavoro non dispone di intestazioni di colonna, immettere Excel 8.0; HDR n =.

  8. Scegliere OK.

  9. Per assicurarsi di avere immesso le informazioni corrette, fare clic sulla scheda Connessione, quindi scegliere Test connessione.

  10. Effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Se viene visualizzato un messaggio di errore, verificare di nuovo i valori immessi nei passaggi precedenti.

    • Se viene visualizzato il messaggio "Test della connessione completato", scegliere OK.

  11. Nella pagina Seleziona database e tabella selezionare la cartella di lavoro nella colonna Nome, quindi scegliere Avanti.

  12. Scegliere OK.

    Verrà visualizzata di nuovo la Connessione guidata dati.

  13. Nella pagina Salva file di connessione dati e chiudi immettere il nome da assegnare al file ODC nella casella Nome file, quindi scegliere Fine.

    Per cambiare il percorso della cartella, che per impostazione predefinita è Origini dati utente, scegliere Sfoglia.

  14. In alternativa, per facilitare l'individuazione del file di connessione è possibile immettere informazioni aggiuntive nelle caselle Descrizione, Nome descrittivo e Cerca parole chiave.

Inizio pagina Parte superiore della sezione

Importazione di dati da una cartella di lavoro di Excel 97-2003 o 2007 utilizzando un driver ODBC

  1. Nel gruppo Inizia stampa unione della scheda Lettere fare clic su Seleziona destinatari, quindi scegliere Usa elenco esistente.

    Immagine della barra multifunzione di Word

  2. Nella finestra di dialogo Selezione origine dati effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Per utilizzare un file con estensione ODC esistente, fare doppio clic sul file desiderato. I dati vengono importati e l'operazione viene completata.

    • Per creare un nuovo file con estensione ODC, fare clic su Nuova origine e seguire i passaggi indicati nella procedura.

      Verrà visualizzata la Connessione guidata dati.

  3. Nella pagina Connessione guidata dati fare clic su ODBC/DSN.

  4. Nella pagina Connessione all'origine dati ODBC selezionare File di Excel, quindi scegliere Avanti.

  5. Nella casella Nome database della finestra di dialogo Selezione cartella di lavoro immettere il nome della cartella contenente la cartella di lavoro di Excel, selezionare la cartella di lavoro dall'elenco, quindi scegliere OK.

  6. Nella pagina Seleziona database e tabella selezionare il foglio di lavoro che si desidera importare nella colonna Nome, quindi scegliere Avanti.

  7. Nella pagina Salva file di connessione dati e chiudi immettere il nome da assegnare al file ODC nella casella Nome file, quindi scegliere Fine.

    Per cambiare il percorso della cartella, che per impostazione predefinita è Origini dati utente, scegliere Sfoglia.

  8. In alternativa, per facilitare l'individuazione del file di connessione è possibile immettere informazioni aggiuntive nelle caselle Descrizione, Nome descrittivo e Cerca parole chiave.

Per ulteriori informazioni sulle singole opzioni, scegliere il pulsante ? nelle diverse finestre di dialogo.

Inizio pagina Parte superiore della sezione

Importazione di dati da un database di Access 2000, 2003 o 2007 utilizzando un provider OLE DB

  1. Nel gruppo Inizia stampa unione della scheda Lettere fare clic su Seleziona destinatari, quindi scegliere Usa elenco esistente.

    Immagine della barra multifunzione di Word

  2. Nella finestra di dialogo Selezione origine dati effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Per utilizzare un file con estensione ODC esistente, fare doppio clic sul file desiderato. I dati vengono importati e l'operazione viene completata.

    • Per creare un nuovo file con estensione ODC, fare clic su Nuova origine e seguire i passaggi indicati nella procedura.

      Verrà visualizzata la Connessione guidata dati.

  3. Nella pagina Connessione guidata dati fare clic su Altri server/Opzioni avanzate.

    Verrà visualizzata la finestra di dialogo relativa alle proprietà del collegamento dati.

    Per ulteriori informazioni sulle singole opzioni, scegliere il pulsante ? nelle diverse finestre di dialogo.

  4. Nella scheda Provider effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Se si tratta di un database di Access 2000 o Access 2003 selezionare il provider OLE DB di Microsoft Jet 4.0.

    • Se si tratta di un database di Office Access 2007 selezionare il provider OLE DB del modulo di gestione di database di Microsoft Office 2007 Access.

  5. Scegliere Avanti.

  6. Nella casella Selezionare o immettere un nome di database della scheda Connessioni immettere il percorso completo e il nome file del database di Access.

    Se nella scheda Provider è stato selezionato il provider OLE DB di Microsoft Jet 4.0, per individuare più facilmente il database scegliere il pulsante Sfoglia accanto alla casella.

  7. Per assicurarsi di avere immesso le informazioni corrette, fare clic sulla scheda Connessione, quindi scegliere Test connessione.

  8. Effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Se viene visualizzato un messaggio di errore, verificare di nuovo i valori immessi nei passaggi precedenti.

    • Se viene visualizzato il messaggio "Test della connessione completato", scegliere OK.

  9. Nella pagina Seleziona database e tabella selezionare la tabella o la query nella colonna Nome, quindi scegliere Avanti.

    Nota : Le tabelle collegate non vengono visualizzate nell'elenco. Se si desidera importare una tabella collegata, creare una query alla tabella collegata nel database di Access prima di eseguire l'operazione di importazione.

  10. Nella pagina Salva file di connessione dati e chiudi immettere il nome da assegnare al file ODC nella casella Nome file, quindi scegliere Fine.

    Per cambiare il percorso della cartella, che per impostazione predefinita è Origini dati utente, scegliere Sfoglia.

  11. In alternativa, per facilitare l'individuazione del file di connessione è possibile immettere informazioni aggiuntive nelle caselle Descrizione, Nome descrittivo e Cerca parole chiave.

Inizio pagina Parte superiore della sezione

Importazione di dati da un database di Access 2000, 2003 o 2007 utilizzando un driver ODBC

  1. Nel gruppo Inizia stampa unione della scheda Lettere fare clic su Seleziona destinatari, quindi scegliere Usa elenco esistente.

    Immagine della barra multifunzione di Word

  2. Nella finestra di dialogo Selezione origine dati effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Per utilizzare un file con estensione ODC esistente, fare doppio clic sul file desiderato. I dati vengono importati e l'operazione viene completata.

    • Per creare un nuovo file con estensione ODC, fare clic su Nuova origine e seguire i passaggi indicati nella procedura.

      Verrà visualizzata la Connessione guidata dati.

  3. Nella pagina Connessione guidata dati fare clic su ODBC/DSN.

  4. Nella pagina Connessione all'origine dati ODBC selezionare Database di Microsoft Access, quindi scegliere Avanti.

    Verrà visualizzata la finestra di dialogo Selezione database.

  5. Nella finestra di dialogo Selezione directory individuare la cartella contenente il database di Access che si desidera importare, assicurarsi che il database sia visualizzato nell'elenco sotto la casella Nome file, quindi scegliere OK.

    Verrà visualizzata di nuovo la Connessione guidata dati.

  6. Nella pagina Seleziona database e tabella selezionare la tabella o la query nella colonna Nome, quindi scegliere Avanti.

  7. Nella pagina Salva file di connessione dati e chiudi immettere il nome da assegnare al file ODC nella casella Nome file, quindi scegliere Fine.

    Per cambiare il percorso della cartella, che per impostazione predefinita è Origini dati utente, scegliere Sfoglia.

  8. In alternativa, per facilitare l'individuazione del file di connessione è possibile immettere informazioni aggiuntive nelle caselle Descrizione, Nome descrittivo e Cerca parole chiave.

Per ulteriori informazioni sulle singole opzioni, scegliere il pulsante ? nelle diverse finestre di dialogo.

Inizio pagina Parte superiore della sezione

Importazione di dati da un database di SQL Server 2000 o 2005 utilizzando un provider OLE DB

  1. Nel gruppo Inizia stampa unione della scheda Lettere fare clic su Seleziona destinatari, quindi scegliere Usa elenco esistente.

    Immagine della barra multifunzione di Word

  2. Nella finestra di dialogo Selezione origine dati effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Per utilizzare un file con estensione ODC esistente, fare doppio clic sul file desiderato. I dati vengono importati e l'operazione viene completata.

    • Per creare un nuovo file con estensione ODC, fare clic su Nuova origine e seguire i passaggi indicati nella procedura.

      Verrà visualizzata la Connessione guidata dati.

  3. Nella pagina Connessione guidata dati fare clic su Microsoft SQL Server.

  4. Nella pagina Connessione al server di database effettuare le seguenti operazioni:

    • Immettere il nome del server di database nella casella Nome server.

      Se il database si trova nel computer in uso, immettere (Locale).

    • In Credenziali di accesso effettuare una delle seguenti operazioni:

      • Per utilizzare il nome utente e la password di Windows, fare clic su Usa autenticazione di Windows.

      • Per utilizzare il nome utente e la password di un database, fare clic su Usa nome utente e password seguenti, quindi immettere il nome utente e la password del database nelle caselle appropriate.

  5. Scegliere Avanti.

  6. Nella pagina Seleziona database e tabella selezionare il database desiderato nella casella Database, selezionare la tabella, la visualizzazione o la funzione definita dall'utente nella colonna Nome, quindi scegliere Avanti.

  7. Nella pagina Salva file di connessione dati e chiudi immettere il nome da assegnare al file ODC nella casella Nome file, quindi scegliere Fine.

    Per cambiare il percorso della cartella, che per impostazione predefinita è Origini dati utente, scegliere Sfoglia.

  8. In alternativa, per facilitare l'individuazione del file di connessione è possibile immettere informazioni aggiuntive nelle caselle Descrizione, Nome descrittivo e Cerca parole chiave.

Inizio pagina Parte superiore della sezione

Importazione di dati da un database di SQL Server 2000 o 2005 utilizzando un driver ODBC

L'importazione di dati da un database di SQL Server utilizzando un driver ODBC comporta due passaggi. Definire innanzitutto un DSN utente nel computer in uso per il driver ODBC, se necessario. Importare quindi i dati dal database di SQL Server.

Definire un DSN utente

  1. Aprire il Pannello di controllo di Microsoft Windows, fare doppio clic sull'icona Strumenti di amministrazione e quindi sull'icona Origine dati (ODBC).

  2. Nella finestra di dialogo relativa all'amministratore del database ODBC fare clic sulla scheda DSN utente, quindi scegliere Aggiungi.

  3. Nella finestra di dialogo Crea nuova origine dati selezionare SQL Server, quindi scegliere Fine.

    Verrà visualizzata la finestra di dialogo Crea una nuova origine dati per un server SQL.

  4. Immettere un nome dell'origine dati nella casella Nome.

  5. Immettere eventualmente una descrizione dell'origine dati nella casella Descrizione.

  6. Immettere il nome del server di database nella casella Server.

    Se il database si trova nel computer in uso, immettere (Locale).

  7. Scegliere Avanti.

  8. In Selezionare il sistema di autenticazione utilizzato da SQL Server per verificare l'autenticità dell'ID di accesso effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Per utilizzare il nome utente e la password di Windows, fare clic su Autenticazione Windows NT tramite ID di accesso alla rete.

    • Per utilizzare il nome utente e la password di un database, fare clic su Autenticazione SQL Server tramite ID e password di accesso immessi dall'utente, quindi immettere l'ID e la password di accesso al database nelle caselle appropriate.

  9. Scegliere Avanti due volte, quindi Fine.

  10. Per assicurarsi di avere immesso le informazioni corrette, fare clic su Verifica origine dati.

  11. Effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Se viene visualizzato un messaggio di errore, verificare di nuovo i valori immessi nei passaggi precedenti.

    • Se viene visualizzato il messaggio "VERIFICA COMPLETATA", scegliere OK.

  12. Scegliere OK due volte.

Per ulteriori informazioni sulle singole opzioni, scegliere il pulsante ? nelle diverse finestre di dialogo.

Importare dati da un database di SQL Server

  1. Nel gruppo Inizia stampa unione della scheda Lettere fare clic su Seleziona destinatari, quindi scegliere Usa elenco esistente.

    Immagine della barra multifunzione di Word

  2. Nella finestra di dialogo Selezione origine dati effettuare una delle seguenti operazioni:

    • Per utilizzare un file con estensione ODC esistente, fare doppio clic sul file desiderato. I dati vengono importati e l'operazione viene completata.

    • Per creare un nuovo file con estensione ODC, fare clic su Nuova origine e seguire i passaggi indicati nella procedura.

      Verrà visualizzata la Connessione guidata dati.

  3. Nella pagina Connessione guidata dati fare clic su ODBC/DSN.

  4. Nella pagina Connessione all'origine dati ODBC selezionare il nome dell'origine dati definita nella sezione precedente, quindi scegliere Avanti.

  5. Nella pagina Seleziona database e tabella selezionare il database desiderato nella casella Database, selezionare la tabella, la visualizzazione o la funzione nella colonna Nome, quindi scegliere Avanti.

  6. Nella pagina Salva file di connessione dati e chiudi immettere il nome da assegnare al file ODC nella casella Nome file, quindi scegliere Fine.

    Per cambiare il percorso della cartella, che per impostazione predefinita è Origini dati utente, scegliere Sfoglia.

  7. In alternativa, per facilitare l'individuazione del file di connessione è possibile immettere informazioni aggiuntive nelle caselle Descrizione, Nome descrittivo e Cerca parole chiave.

Inizio pagina Parte superiore della sezione

Torna all'inizio

Nota : Dichiarazione di non responsabilità per la traduzione automatica: Il presente articolo è stato tradotto tramite un software di traduzione automatica e non da una persona. Microsoft offre le traduzioni automatiche per consentire a coloro che non conoscono la lingua inglese di leggere gli articoli sui prodotti, sui servizi e sulle tecnologie Microsoft. Dal momento che l'articolo è stato tradotto automaticamente, potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli.

Amplia le tue competenze
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per i tuoi commenti e suggerimenti

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×