Funzione DDESend

È possibile usare la funzione DDESend per iniziare una conversazione DDE (Dynamic Data Exchange) con un'altra applicazione e inviare un'informazione a tale applicazione da un controllo di una maschera o di un report.

Si può ad esempio usare la funzione DDESend nella proprietà OrigineControllo di una casella di testo per inviare i dati visualizzati nella casella di testo a una cella specifica di un foglio di calcolo di Microsoft Office Excel 2007.

Sintassi

DDESend ( applicazione; argomento; elemento; dati )

La sintassi della funzione DDESend ha gli argomenti seguenti:

Argomento

Descrizione

applicazione

È un'espressione stringa che identifica un'applicazione in grado di partecipare a una conversazione DDE. L'argomento applicazione è in genere il nome di un file exe, privo dell'estensione exe, di un'applicazione per Microsoft Windows, come Excel. Ad esempio, per iniziare una conversazione DDE con Excel, digitare "Excel" per l'argomento applicazione.

argomento

Espressione stringa che rappresenta il nome di un argomento riconosciuto dall'applicazione. L'argomento argomento è spesso un documento o un file di dati. Per un elenco degli argomenti che è possibile usare, consultare la documentazione dell'altra applicazione.

elemento

Espressione stringa che rappresenta il nome di un elemento di dati riconosciuto dall'applicazione. Per un elenco degli elementi che è possibile usare, consultare la documentazione dell'altra applicazione.

dati

Stringa o espressione contenente i dati da inviare all'applicazione.


Osservazioni

La funzione DDESend inizia una conversazione DDE con l'applicazione e l'argomento e identifica l'elemento come l'elemento di dati che riceverà i dati. Ad esempio, se l'applicazione è Excel, l'argomento potrebbe essere "Sheet1" e l'elemento potrebbe essere un identificatore di riga e colonna, ad esempio "R1C1", oppure il nome di un intervallo di celle.

L'argomento dati specifica l'informazione che si vuole inviare. Può essere una stringa letterale, ad esempio "Report prepared by John", oppure un'espressione che include il risultato di una funzione che crea una stringa, ad esempio "Prepared on " & Date(). Se l'argomento elemento fa riferimento a più informazioni, ad esempio a un intervallo denominato di un foglio di lavoro di Excel contenente più celle, la funzione DDESend invierà i dati alla prima voce.

Nell'esempio seguente la funzione DDESend invia la stringa "Some text" alla cella in corrispondenza della riga 1 e della colonna 1 di un foglio di lavoro di Excel. È possibile immettere questa espressione per un controllo casella di testo nella casella della proprietà OrigineControllo della finestra delle proprietà del controllo:

=DDESend("Excel", "Sheet1", "R1C1", "Some text")

Si supponga di voler inviare dati da un controllo associato di una maschera di Microsoft Office Access 2007 a una cella di un foglio di calcolo di Excel. La proprietà OrigineControllo del controllo associato contiene già un nome di campo o un'espressione. È possibile creare un'altra casella di testo o una casella combinata e impostare la proprietà OrigineControllo corrispondente su un'espressione contenente la funzione DDESend, in cui l'argomento dati corrisponde al nome del controllo associato. Ad esempio, se si ha una casella di testo associata denominata Cognome (LastName), è possibile creare un'altra casella di testo e impostare la proprietà OrigineControllo sull'espressione seguente:

=DDESend("Excel", "Sheet1", "R1C1", [LastName])

Questo controllo intermedio deve essere una casella di testo o una casella combinata. Non è possibile usare il nome di un controllo associato per l'argomento dati per una casella di controllo o un gruppo di opzioni.

È possibile usare la funzione DDESend solo per l'impostazione della proprietà OrigineControllo di una casella di testo, un gruppo di opzioni, una casella di controllo o una casella combinata di una maschera. Non è possibile chiamare la funzione DDESend da un modulo di Visual Basic, Applications Edition (VBA).

Quando si usa la funzione DDESend, il controllo diventa di sola lettura in visualizzazione Maschera e nell'anteprima di stampa. Poiché anche la proprietà OrigineControllo è di sola lettura in visualizzazione Maschera e nell'anteprima di stampa, le modifiche al controllo devono essere apportate in visualizzazione Struttura.

Il sistema operativo Microsoft Windows e la memoria e le risorse del computer determinano il numero massimo di conversazioni DDE che è possibile aprire contemporaneamente. Se la conversazione non può essere iniziata perché l'applicazione non è in esecuzione o non riconosce l'argomento oppure perché è stato già raggiunto il numero massimo di conversazioni, la funzione DDESend restituirà un valore Null.

Nota : È possibile che l'altra applicazione sia configurata per ignorare la richiesta di conversazione DDE. In questo caso, la funzione DDESend restituirà un valore Null. In modo analogo, è possibile impostare Access affinché ignori le richieste di altre applicazioni: scegliere Opzioni di Access dal menu File e quindi fare clic su Avanzate nella finestra di dialogo Impostazioni applicazione. In Operazioni DDE selezionare Ignora richieste DDE.

Suggerimento    Se è necessario modificare gli oggetti di un'altra applicazione da Access, è consigliabile usare l'automazione.

La tabella seguente illustra il comportamento della funzione DDESend quando viene usata con i diversi controlli.

Controllo

Osservazioni

Casella di testo o casella combinata

Poiché la casella di testo o la casella combinata appare vuota in visualizzazione Maschera e nell'anteprima di stampa, è consigliabile impostare la proprietà Visibile su Falso.

L'argomento dati può fare riferimento a un altro controllo. L'esempio seguente illustra come è possibile inviare il contenuto di un controllo denominato Cognome (LastName) a un foglio di lavoro di Excel:

=DDESend("Excel", "Sheet1", "R1C1", [LastName])

Gruppo di opzioni

Nessuno dei pulsanti di opzione del gruppo di opzioni risulta selezionato in visualizzazione Maschera e nell'anteprima di stampa. È possibile rendere invisibile il gruppo di opzioni e i relativi pulsanti impostando la proprietà Visibile corrispondente su Falso.

L'argomento dati deve contenere dati numerici, ad esempio "2". Se l'argomento dati non è numerico, la funzione DDESend non invia le informazioni e l'elemento non viene modificato.

Casella di controllo

La casella di controllo risulta ombreggiata in visualizzazione Maschera e nell'anteprima di stampa. È possibile renderla invisibile impostando la proprietà Visibile corrispondente su Falso.

L'argomento dati deve contenere dati numerici, ad esempio "2". Se l'argomento dati non è numerico, la funzione DDESend non invia le informazioni e l'elemento non viene modificato.

Amplia le tue competenze
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per i tuoi commenti e suggerimenti

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×