Esportare e importare le impostazioni di configurazione della ricerca personalizzate

Importante :  Il presente articolo è stato tradotto automaticamente, vedere la dichiarazione di non responsabilità. Per visualizzare la versione inglese dell'articolo, fare clic qui.

L'amministratore di SharePoint Online può esportare e importare le impostazioni di configurazione della ricerca personalizzate tra tenant, raccolte siti e siti. Le impostazioni esportate e importate includono tutte le regole di query personalizzate, le origini dei risultati, i tipi di risultati, i modelli di classificazione e le impostazioni di ricerca nel sito. È anche possibile esportare le impostazioni di configurazione della ricerca personalizzate da un'applicazione del servizio di ricerca per poi importarle in tenant, raccolte siti o siti. Non è possibile esportare le impostazioni di configurazione personalizzate.

Contenuto dell'articolo

Panoramica

Condizioni che possono causare un errore di importazione

Esportare le impostazioni di configurazione della ricerca personalizzate da un tenant

Esportare le impostazioni di configurazione della ricerca personalizzate da un sito

Esportare le impostazioni di configurazione della ricerca personalizzate da una raccolta siti

Importare le impostazioni di configurazione della ricerca personalizzate in un tenant

Importare le impostazioni di configurazione della ricerca personalizzate in un sito

Importare le impostazioni di configurazione della ricerca personalizzate in una raccolta siti

Caratteri non validi che causano un errore di importazione

Panoramica

Quando si esportano impostazioni di configurazione della ricerca personalizzate, SharePoint crea un file di configurazione della ricerca in formato XML che include tutte le impostazioni di configurazione della ricerca personalizzate esportabili a livello di tenant, raccolta siti o sito dal punto in cui si inizia l'esportazione. Un file di configurazione della ricerca per una raccolta siti non contiene impostazioni di configurazione della ricerca dei singoli siti all'interno della raccolta siti.

Quando si importa un file di configurazione della ricerca, SharePoint Online crea e abilita ogni importazione di configurazione della ricerca personalizzata nel tenant, nella raccolta siti o nel sito dal punto in cui si avvia l'importazione.

Questa tabella mostra le impostazioni che è possibile esportare o importare. Per ogni impostazione sono indicate le eventuali dipendenze da altre impostazioni di configurazione della ricerca personalizzate. Se tali impostazioni dipendono da un'impostazione di configurazione della ricerca personalizzata a un livello diverso, ad esempio, se una regola di query del sito dipende da un'origine dei risultati a livello di raccolta siti, sarà necessario esportare e importare le impostazioni a tutti i livelli interessati.

Impostazione di configurazione della ricerca personalizzata

Dipendenza da altre impostazioni di configurazione della ricerca personalizzate

Regole di query. Includono blocchi di risultati, risultati alzati di livello e segmenti di utenti.

Origini dei risultati, tipi di risultati, schema di ricerca, modello di classificazione.

Origini dei risultati

Schema di ricerca

Tipi di risultati

Schema di ricerca, Origini dei risultati, modelli di visualizzazione

Schema di ricerca

Nessuno

Modello di classificazione

Schema di ricerca

Condizioni che possono causare un errore di importazione

Se il file di configurazione di ricerca e la destinazione dell'importazione hanno impostazioni con lo stesso nome, l'importazione del file di configurazione di ricerca non riuscirà se viene rilevata questa impostazione. Esistono tuttavia alcune eccezioni:

  • Se si reimporta un file di configurazione di ricerca, le impostazioni con lo stesso nome nel file di configurazione di ricerca e nella destinazione non causano errori di importazione.

  • Le proprietà gestite con lo stesso nome non causano errori di importazione se le impostazioni della singola proprietà gestita sono le stesse per la proprietà nel file di configurazione di ricerca e per la proprietà di destinazione.

  • Le proprietà gestite con lo stesso nome non causano errori di importazione se gli alias e i mapping alle proprietà sottoposte a ricerca per indicizzazione sono diversi per la proprietà gestita nel file di configurazione di ricerca e per la proprietà gestita di destinazione. L'importazione aggiunge gli alias e i mapping per la proprietà gestita nel file di configurazione di ricerca agli alias e ai mapping per la proprietà gestita di destinazione.

Se il file di configurazione di ricerca contiene nomi di proprietà gestite o alias contenenti caratteri non validi, l'importazione non riuscirà se viene rilevato il nome della proprietà gestita o l'alias.

I nomi di proprietà gestite e gli alias di uno schema di ricerca devono essere univoci per un sito e la raccolta siti padre. Questo significa che:

  • Se il file di configurazione di ricerca ha una proprietà gestita con lo stesso nome di un alias per una proprietà gestita nel sito di destinazione o nella raccolta siti padre del sito di destinazione, l'importazione non riuscirà.

  • Se il file di configurazione di ricerca ha una proprietà gestita con un alias con lo stesso nome di una proprietà gestita nel sito di destinazione o nella raccolta siti padre del sito di destinazione, l'importazione non riuscirà.

Nota :  Le impostazioni di ricerca personalizzate create e abilitate da SharePoint prima dell'errore di importazione rimangono abilitate.

Se l'importazione non riesce, rimuovere la condizione che ha causato l'errore e reimportare il file di configurazione di ricerca. Se, ad esempio, nella colonna Note viene indicato che c'è già una regola di query con lo stesso nome della regola di query che si sta cercando di importare, è consigliabile rimuovere questa regola di query dal file di destinazione o di importazione e quindi reimportare il file. Vedere Caratteri non validi nei nomi di proprietà gestite o alias più avanti in questo articolo.

Torna all'inizio

Esportare le impostazioni di configurazione della ricerca personalizzate da un tenant

  1. Accedere all'interfaccia di amministrazione di Office 365 come amministratore della ricerca.

  2. Scegliere Amministratore > SharePoint. Ora si è all'interno dell'interfaccia di amministrazione di SharePoint.

  3. Scegliere ricerca.

  4. Scegliere Esporta configurazione di ricerca.

  5. Nella finestra di dialogo fare clic su Salva.

Torna all'inizio

Esportare le impostazioni di configurazione della ricerca personalizzate da un sito

  1. Nel sito scegliere Impostazioni sito dal menu Impostazioni.

  2. Nella sezione Ricerca della pagina Impostazioni sito fare clic su Esportazione configurazione.

  3. Nella finestra di dialogo fare clic su Salva.

Torna all'inizio

Esportare le impostazioni di configurazione della ricerca personalizzate da una raccolta siti

  1. Nella raccolta siti scegliere Impostazioni sito dal menu Impostazioni.

  2. Nella sezione Amministrazione raccolta siti della pagina Impostazioni sito fare clic su Esportazione configurazione di ricerca.

  3. Nella finestra di dialogo fare clic su Salva.

Torna all'inizio

Importare le impostazioni di configurazione della ricerca personalizzate in un tenant

  1. Accedere all'interfaccia di amministrazione di Office 365 come amministratore della ricerca.

  2. Scegliere Amministratore > SharePoint. Ora si è all'interno dell'interfaccia di amministrazione di SharePoint.

  3. Scegliere ricerca.

  4. Nella pagina Importa configurazione di ricerca cercare il file da importare.

  5. Fare clic su Importa.

  6. Nella pagina Elenco configurazioni di ricerca verificare quanto segue:

  7. Il file di configurazione della ricerca importato è presente nell'elenco e lo stato è Importazione completata.

    Se l'importazione del file non è riuscita, nella colonna Note sono presenti maggiori dettagli sull'errore.

  8. La colonna Ambito mostra che le impostazioni importate sono al livello corretto, ovvero al livello in cui si intendeva importare il file. Ad esempio, se le impostazioni sono state importate al livello di raccolta siti anziché a livello di sito, queste informazioni saranno presenti nella colonna Ambito. La colonna Ambito mostra a quale livello sono abilitate le impostazioni di configurazione della ricerca, ovvero tenant (Tenant), raccolta siti (SPSite) o sito (SPWeb).

Torna all'inizio

Importare le impostazioni di configurazione della ricerca personalizzate in un sito

  1. Nel sito scegliere Impostazioni sito dal menu Impostazioni.

  2. Nella sezione Ricerca della pagina Impostazioni sito fare clic su Importazione configurazione.

  3. Nella pagina Importa configurazione di ricerca cercare il file da importare.

  4. Fare clic su Importa.

  5. Nella pagina Elenco configurazioni di ricerca verificare quanto segue:

  6. Il file di configurazione della ricerca importato è presente nell'elenco e lo stato è Importazione completata.

    Se l'importazione del file non è riuscita, nella colonna Note sono presenti maggiori dettagli sull'errore.

  7. La colonna Ambito mostra che le impostazioni importate sono al livello corretto, ovvero al livello in cui si intendeva importare il file. Ad esempio, se le impostazioni sono state importate al livello di raccolta siti anziché a livello di sito, queste informazioni saranno presenti nella colonna Ambito. La colonna Ambito mostra a quale livello sono abilitate le impostazioni di configurazione della ricerca, ovvero tenant (Tenant), raccolta siti (SPSite) o sito (SPWeb).

Torna all'inizio

Importare le impostazioni di configurazione della ricerca personalizzate in una raccolta siti

  1. Nella raccolta siti scegliere Impostazioni sito dal menu Impostazioni.

  2. Nella sezione Amministrazione raccolta siti della pagina Impostazioni sito fare clic su Importazione configurazione di ricerca.

  3. Nella pagina Importa configurazione di ricerca cercare il file da importare.

  4. Fare clic su Importa.

  5. Nella pagina Elenco configurazioni di ricerca verificare quanto segue:

  6. Il file di configurazione della ricerca importato è presente nell'elenco e lo stato è Importazione completata.

    Se l'importazione del file non è riuscita, nella colonna Note sono presenti maggiori dettagli sull'errore.

  7. La colonna Ambito mostra che le impostazioni importate sono al livello corretto, ovvero al livello in cui si intendeva importare il file. Ad esempio, se le impostazioni sono state importate al livello di raccolta siti anziché a livello di sito, queste informazioni saranno presenti nella colonna Ambito. La colonna Ambito mostra a quale livello sono abilitate le impostazioni di configurazione della ricerca, ovvero tenant (Tenant), raccolta siti (SPSite) o sito (SPWeb).

Torna all'inizio

Caratteri non validi che causano un errore di importazione

Se le proprietà gestite o gli alias contengono uno qualsiasi dei caratteri elencati, l'importazione dello schema di ricerca personalizzato contenente queste proprietà non verrà completata.

Carattere

Nome

spazio

:

due punti

;

punto e virgola

,

virgola

(

parentesi di apertura

)

parentesi di chiusura

[

parentesi quadra di apertura

]

parentesi quadra di chiusura

{

parentesi graffa di apertura

}

parentesi graffa di chiusura

%

percentuale

$

simbolo del dollaro

_

carattere di sottolineatura

+

segno di addizione

!

punto esclamativo

*

asterisco

=

segno di uguale

&

e commerciale

?

punto interrogativo

@

chiocciola

#

cancelletto

\

barra rovesciata

~

tilde

<

parentesi uncinata di apertura

>

parentesi uncinata di chiusura

|

barra verticale

`

accento grave

^

accento circonflesso

\'

sequenza di escape

\"

sequenza di escape

Torna all'inizio

Nota : Dichiarazione di non responsabilità per la traduzione automatica: Il presente articolo è stato tradotto tramite un software di traduzione automatica e non da una persona. Microsoft offre le traduzioni automatiche per consentire a coloro che non conoscono la lingua inglese di leggere gli articoli sui prodotti, sui servizi e sulle tecnologie Microsoft. Dal momento che l'articolo è stato tradotto automaticamente, potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli.

Amplia le tue competenze
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per i tuoi commenti e suggerimenti

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×