Esportare contenuti e creare report nel Centro eDiscovery

Importante :  Il presente articolo è stato tradotto automaticamente, vedere la dichiarazione di non responsabilità. Per visualizzare la versione inglese dell'articolo, fare clic qui.

È possibile esportare il contenuto di un caso quando è pronto per la consegna ad un'autorità, o per usarlo con un altro programma di tipo legale. È inoltre possibile creare report per identificare il contenuto ed eventuali problemi di indicizzazione della ricerca dell'esportazione. Questa comprende un file basato sullo standard EDRM (Electronic Discovery Reference Model).

Prima di esportare il contenuto, il caso deve contenere già le origini di contenuto, ad esempio siti Web, cassette postali e query. Il computer usato per esportare il contenuto deve inoltre soddisfare i requisiti di sistema seguenti:

  • Windows 7 a 32 o 64 bit e versioni successive

  • Microsoft .NET Framework 4.5

  • Uno dei browser supportati seguenti:

    • Internet Explorer 10 e versioni successive

    • Mozilla Firefox o Google Chrome, con il componente aggiuntivo ClickOnce installato

Quando si esporta contenuto o si crea un report per la prima volta, viene installato Gestione download eDiscovery, che esporta il contenuto di SharePoint ed Exchange e lo invia al computer locale. Quando scaricano un'esportazione di eDiscovery, gli utenti devono accedere a SharePoint con lo stesso account con cui hanno effettuato l'accesso al computer client. Se si riceve un avviso in cui viene chiesto se eseguire Gestione download, accettare l'avviso e continuare.

Esportazione del contenuto di eDiscovery

  1. Se il caso non è ancora aperto, fare clic su Casi nel Centro eDiscovery, quindi selezionare il caso nel quale si vuole esportare il contenuto.

  2. Nella sezione Cerca e esporta, sotto Query, fare clic sul nome della query da esportare. Nella pagina della query compariranno le dimensioni e il contenuto inclusi nell'esportazione.

  3. Nella parte inferiore della pagina della query fare clic su Esporta.

  4. Digitare un nome per l'esportazione. Per impostazione predefinita, all'esportazione viene assegnato il nome della query sulla quale è basata, ma questo nome può essere modificato.

  5. Nella sezione Opzioni della pagina che appare selezionare una o più delle seguenti:

  6. Per rimuovere il contenuto di Exchange duplicato, ad esempio messaggi di posta elettronica duplicati, selezionare Rimuovere il contenuto di Exchange duplicato.

  7. Per includere le diverse versioni dei documenti, nel caso in cui l'organizzazione tiene traccia delle versioni, selezionare la casella di controllo Includi le versioni per i documenti di SharePoint.

  8. Per includere elementi crittografati o il cui formato non è riconosciuto, selezionare la casella di controllo Includi elementi crittografati o il cui formato non è riconosciuto.

  9. Fare clic su OK.

  10. Fare clic su Scarica risultati.

  11. Se si sta esportando contenuto per la prima volta su un computer, sarà richiesto di installare Gestione download eDiscovery. Fare clic su .

  12. Al termine dell'esportazione, fare clic su Chiudi.

Inizio pagina

Creazione di report sul contenuto esportato

Nei report è identificato il contenuto di Exchange e SharePoint, la posizione di questo e altre informazioni, così come eventuali errori, ad esempio contenuto non esportato a causa di errori nell'indicizzazione della ricerca. I report sono creati in formato CSV, che può essere aperto con Excel o importato in molti altri programmi.

In Microsoft Excel, è possibile esaminare il contenuto ancora più a fondo ordinando e filtrano le colonne. Ad esempio, è possibile visualizzare soltanto le diapositive di PowerPoint o ordinare il contenuto per indirizzo Web o autore.

  1. Se il caso non è ancora aperto, fare clic su Casi nel Centro eDiscovery, quindi selezionare il caso nel quale si vuole esportare il contenuto.

  2. Nella sezione Cerca e esporta, sotto Query, fare clic sul nome della query da esportare.

  3. Nella parte inferiore della pagina della query fare clic su Esporta.

  4. Nella sezione Opzioni della pagina che appare, selezionare una o più delle opzioni seguenti. Le impostazioni non sortiscono effetti sul report, ma il report mostra in che modo le impostazioni hanno effetti sulla query:

  5. Per rimuovere il contenuto di Exchange duplicato, ad esempio messaggi di posta elettronica duplicati, selezionare Rimuovere il contenuto di Exchange duplicato.

  6. Per includere le diverse versioni dei documenti, nel caso in cui l'organizzazione tiene traccia delle versioni, selezionare la casella di controllo Includi le versioni per i documenti di SharePoint. Se il contenuto esportato contiene molte raccolte che tengono traccia delle versioni, e molti degli autori si servono delle versioni, le dimensioni del file dell'esportazione potrebbero aumentare sensibilmente.

  7. Per includere elementi crittografati o il cui formato non è riconosciuto, selezionare la casella di controllo Includi elementi crittografati o il cui formato non è riconosciuto.

  8. Nella pagina visualizzata fare clic su OK.

  9. Fare clic su Scarica report.

  10. Se si sta esportando contenuto per la prima volta su un computer, sarà richiesto di installare Gestione download eDiscovery. Fare clic su .

  11. Al termine dell'esportazione del report, fare clic su Chiudi.

    I report (file CSV di Excel) relativi agli elementi seguenti vengono scaricati nel computer in una cartella dei report.

    • Errori di indicizzazione di Exchange   Contiene un elenco di messaggi di posta elettronica non indicizzati per la ricerca. Il numero di elementi elencati in questo report è uguale al numero di elementi non indicizzati scaricati con i risultati della ricerca selezionando l'opzione Includere gli elementi crittografati o in un formato non riconosciuto al momento dell'esportazione dei risultati della ricerca. Se non si sono verificati errori di indicizzazione o non è stata selezionata l'opzione Includere gli elementi crittografati o in un formato non riconosciuto, il report sarà vuoto.

    • Risultati di Exchange   Contiene un elenco di ogni messaggio di posta elettronica restituito come risultato della ricerca. Questo report specifica l'oggetto, il destinatario e il mittente del messaggio, le date di invio e ricezione del messaggio e le dimensioni del messaggio.

    • Errori di esportazione   Elenca gli eventuali errori che si sono verificati durante il processo di esportazione.

    • Errori di indicizzazione di SharePoint

    • Risultati di SharePoint   Contiene un elenco di ogni elemento di SharePoint restituito come risultato della ricerca. Questo report contiene informazioni come il tipo di documento, l'autore del documento, l'URL del documento, l'URL e il nome del sito in cui si trova il documento e la data dell'ultima modifica apportata al documento.

    Nota : Se non si seleziona l'opzione Includere gli elementi crittografati o in un formato non riconosciuto quando si esportano i risultati della ricerca o si scaricano solo i report, i report degli errori di indicizzazione vengono scaricati ma non contengono voci. Questo non significa che non siano presenti errori di indicizzazione, ma solo che gli elementi non indicizzati non sono stati inclusi nella richiesta di download dei report.

Inizio pagina

Altre informazioni su eDiscovery

Per altre informazioni sui casi di eDiscovery, vedere gli articoli seguenti:

Scenario: eDiscovery in SharePoint Server 2013 ed Exchange Server 2013

Configurare un Centro eDiscovery in SharePoint Online

Pianificare e gestire casi di eDiscovery

Aggiunta di contenuto in un caso di eDiscovery e applicazione del blocco alle origini contenuto

Ricerca e uso di parole chiave in eDiscovery

Predefiniti a ricerca per indicizzazione estensioni di file e analizzare i tipi di file in SharePoint Server 2013

Panoramica della ricerca per indicizzazione e proprietà gestite nello SharePoint Server 2013

Creare ed eseguire query di eDiscovery

Inizio pagina

Nota : Dichiarazione di non responsabilità per la traduzione automatica: Il presente articolo è stato tradotto tramite un software di traduzione automatica e non da una persona. Microsoft offre le traduzioni automatiche per consentire a coloro che non conoscono la lingua inglese di leggere gli articoli sui prodotti, sui servizi e sulle tecnologie Microsoft. Dal momento che l'articolo è stato tradotto automaticamente, potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli.

Amplia le tue competenze
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per i tuoi commenti e suggerimenti

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×