Eseguire una distribuzione pilota di Office 365 con alcuni indirizzi di posta elettronica nel dominio personalizzato

Collaboratori: Peter Baumgartner

Se non si trova ciò che si sta cercando, vedere le domande frequenti sui domini.

È possibile eseguire una distribuzione pilota di Office 365 spostando un numero limitato di utenti in Office 365 e lasciando il resto del personale nel sistema di posta elettronica esistente. A questo scopo si usa la condivisione del dominio semplificata per gli indirizzi di posta elettronica SMTP. Tutti gli utenti possono usare un solo dominio personalizzato per la posta elettronica, sia che ricevano i messaggi mediante Office 365 o tramite il provider di posta elettronica esistente. Occorre però tenere in considerazione alcune limitazioni, descritte di seguito.

Nota : La configurazione di Office 365 per provare a usare la posta elettronica con il servizio richiede familiarità con la configurazione dei record DNS e l'uso di funzionalità come Exchange Online Protection. Leggere attentamente tutti i passaggi prima di iniziare, per stabilire se una configurazione di una distribuzione pilota di questo tipo è la scelta migliore per le proprie esigenze.

Se si dispone di una piccola azienda con pochi utenti

È necessario configurare Office 365 per l'uso del dominio personalizzato, aggiungere gli utenti di Office 365 e quindi inoltrare la loro posta elettronica.

Prima di iniziare, leggere questo articolo per informazioni sui passaggi di configurazione aggiuntivi. Leggere inoltre le limitazioni di questo approccio:

  • Il provider di posta elettronica corrente deve supportare l'inoltro dei messaggi di posta elettronica.

  • È necessario gestire i record DNS correlati a Office 365-presso il provider di hosting DNS, invece di farli gestire automaticamente da Office 365. Per comprendere le implicazioni, vedere Aggiungere il dominio a Office 365 quando si desidera gestire i propri record DNS.

  • Alcune caratteristiche di Office 365 non saranno disponibili:

    • Gli utenti non saranno in grado di vedere le informazioni sulla disponibilità degli utenti che usano l'altro provider di posta elettronica.

    • Gli amministratori non saranno in grado di amministrare gli account di tutti gli utenti da un'unica posizione.

  • Gli utenti potrebbero non essere in grado di usare le opzioni di filtro della posta indesiderata di Office 365 (vedere il passaggio 4).

Se si dispone di un'azienda o di un'organizzazione grande o complessa

Non seguire i passaggi descritti in questo articolo.

Case study di esempio

Per illustrare come configurare una distribuzione pilota di Office 365, è più facile usare un esempio. Verranno descritti i passaggi per una piccola impresa: Coho Winery L'impresa ha cinque dipendenti e usa il dominio personalizzato cohowinery.com.

I titolari, Marta e suo marito Michele, vogliono usare le caratteristiche avanzate di Office 365 per tenere d'occhio gli affari dai loro dispositivi mobili. La posta elettronica di tutti e 5 i dipendenti è ospitata da A. Datum Corporation, che ospita i loro siti Web e fornisce un sistema di posta elettronica di base basato su IMAP. Tutti i contatti, le attività e i calendari sono locali e gestiti in Microsoft Outlook, perché la piccola impresa non ha un server di Exchange. Marta prevede di spostare gli altri 3 dipendenti su Office 365 prima o poi, ma vuole iniziare a usarlo e testarlo con suo marito prima di spostare tutti nel cloud. Non vuole inoltre che questo passaggio abbia alcun impatto sui clienti, quindi desidera mantenere gli indirizzi di posta elettronica esistenti.

Marta prende atto delle limitazioni descritte sopra e decide che non saranno un problema per lei. Poiché le cassette postali dei dipendenti sono solo 5, l'amministrazione continuativa sarà molto limitata. Olga, Noemi e Luca attualmente non usano molto i loro calendari, tranne che per gli impegni personali, e le loro cassette postali sono ospitate in un server IMAP che non supporta queste caratteristiche, pertanto questa semplice soluzione è perfetta per le loro esigenze.

Configurazione iniziale

Domini e record iniziali:

Dominio: Cohowinery.com

Server DNS: dns1.adatum.com, dns2.adatum.com

Record MX: Preferenza =10, Mail exchanger = mailserver.adatum.com

Record SPF: "v=spf1 mx include:adatum.com ~all"

Utenti, indirizzi di posta elettronica e posizioni principali della posta elettronica iniziali:

Cassetta postale/utente

Indirizzo di posta elettronica

Posizione principale

Marta

marta@cohowinery.com

IMAP A. Datum

Michele

michele@cohowinery.com

IMAP A. Datum

Olga

olga@cohowinery.com

IMAP A. Datum

Noemi

noemi@cohowinery.com

IMAP A. Datum

Luca

luca@cohowinery.com

IMAP A. Datum

Configurazione desiderata

Domini e record desiderati, incluso Office 365:

Dominio: Cohowinery.com

Server DNS: dns1.adatum.com, dns2.adatum.com

Record MX: Preferenza =10, Mail exchanger = mailserver.adatum.com

Record DNS di Office 365:

Tutti i record DNS per i servizi di Office 365 in uso, eccetto:

  • Il record MX di Exchange Online.

  • Invece di creare un nuovo record SPF, aggiungere include:spf.protection.outlook.com al record SPF esistente.

Per un elenco dei record, vedere Verificare il dominio in Office 365.

Record SPF: "v=spf1 mx include:adatum.com include:spf.protection.outlook.com ~all"

Utenti, indirizzi di posta elettronica e posizioni principali della posta elettronica desiderati:

Cassetta postale/utente

Indirizzo di posta elettronica

Posizione principale

Marta

marta@ cohowinery .com

Office 365

Michele

michele@ cohowinery .com

Office 365

Olga

olga@cohowinery.com

IMAP A. Datum

Noemi

noemi@cohowinery.com

IMAP A. Datum

Luca

luca@cohowinery.com

IMAP A. Datum

Impostare una configurazione pilota con l'Interfaccia di amministrazione di Office 365

Passaggio 1: Accedere all'Interfaccia di amministrazione di Office 365

Usare le credenziali di amministratore per accedere.

  1. Accedere a Office 365 con il proprio account aziendale o dell'istituto di istruzione.

  2. Passare alla pagina Domini.

Passaggio 2: Verificare di essere proprietari del dominio che si vuole usare

  1. Nella pagina Domini scegliere Aggiungi dominio.

    Nella pagina Domini scegliere Aggiungi dominio.

  2. Digitare il dominio nel riquadro, in questo esempio cohowinery.com, e scegliere Avanti.

  3. Nella pagina Verifica dominio seguire le istruzioni dettagliate per aggiungere un record TXT all'host DNS.

    Nell'elenco a discesa selezionare il provider di hosting DNS e seguire le istruzioni per aggiungere un record TXT per dimostrare di essere proprietari del dominio.

    Nella pagina di verifica seguire le istruzioni per aggiungere un record TXT all'host DNS

    Importante : Se le istruzioni per la verifica del dominio indicano l'uso di un record MX, prestare attenzione quando si immettono le informazioni sulla priorità. Questo record MX viene usato solo per la verifica della proprietà del dominio, non per il routing della posta elettronica. Deve avere una priorità più bassa del record MX esistente che instrada la posta elettronica attraverso A. Datum.

  4. Scegliere Verifica. L'applicazione delle modifiche apportate al DNS richiede da pochi minuti a 72 ore.

  5. Se la verifica riesce, verrà chiesto di modificare i record DNS.

Passaggio 3: Contrassegnare il dominio come condiviso in Exchange Online

  1. Accedere all'interfaccia di amministrazione di Exchange.

  2. Nella sezione Flusso di posta dell'interfaccia di amministrazione di Exchange fare clic su Domini accettati.

  3. Fare doppio clic sul dominio da modificare, in questo esempio cohowinery.com.

  4. Nella finestra visualizzata selezionare Inoltro interno.

  5. Fare clic su Salva. L'applicazione di questa impostazione può richiedere alcuni minuti.

Passaggio 4: Sbloccare il server di posta elettronica esistente (facoltativo)

Office 365 usa Exchange Online Protection per la protezione dalla posta indesiderata. Se Exchange Online Protection rileva un volume elevato di posta indesiderata inoltrato dal server della posta di A. Datum, può bloccare il server per impedire l'inoltro. Se si ha fiducia nel sistema di protezione dalla posta indesiderata usato dal provider di posta elettronica, è possibile inserire il suo server nell'elenco dei server consentiti in Office 365. In questo modo però si consente alla posta indesiderata in entrata attraverso A. Datum di raggiungere le cassette postali di Office 365, e non sarà possibile valutare l'efficacia delle caratteristiche di protezione dalla posta indesiderata di Office 365.

  1. Accedere all'interfaccia di amministrazione di Exchange.

  2. Scegliere Protezione e quindi Filtro connessioni.

    Scegliere Protezione e quindi Filtro connessioni

  3. In Elenco indirizzi IP consentiti scegliere + e quindi aggiungere l'indirizzo IP del server della posta, che può essere richiesto al provider di posta elettronica corrente.

Passaggio 5: Creare gli account utente e impostare l'indirizzo primario (di risposta)

  1. Accedere all'interfaccia di amministrazione di Office 365.

  2. Nella barra di spostamento sinistra scegliere Utenti > Utenti attivi.

  3. Creare gli account utente. In questo esempio si stanno creando gli account per Marta e Michele.

    1. Per ogni account scegliere + (Nuovo) e immettere le informazioni necessarie.

      • Per mantenere invariati gli indirizzi di posta elettronica di Marta e Michele, il campo Nome utente deve corrispondere esattamente all'indirizzo di posta elettronica esistente dell'utente.

    2. Accanto a Nome utente selezionare il nome di dominio personalizzato nell'elenco a discesa.

  4. Scegliere Crea > Chiudi.

Nota : Se si visualizzano le proprietà di Marta e Michele nell'interfaccia di amministrazione di Exchange, si noterà che l'indirizzo @cohowinery.onmicrosoft.com rimane come indirizzo SMTP aggiuntivo.

Passaggio 6: Aggiornare i record DNS presso il provider di hosting DNS

Accedere al sito Web del provider di hosting DNS e seguire le istruzioni fornite in Creare record DNS per Office 365 quando si gestiscono i record DNS per il proprio provider specifico, con le seguenti eccezioni:

  1. Non creare un nuovo record MX né modificare il record MX esistente.

  2. Se si ha già un record SPF (Sender Policy Framework) per il provider di posta elettronica precedente, invece di creare un nuovo record SPF (TXT) per Exchange Online aggiungere semplicemente "include:outlook.com" al record TXT corrente. Ad esempio, "v=spf1 mx include:adatum.com include:spf.protection.outlook.com ~all".

    Se non si dispone ancora di un record SPF, modificare quello consigliato da Office 365 in modo da includere il dominio del provider di posta elettronica corrente e protection.outlook.com. In questo modo vengono autorizzati i messaggi in uscita da entrambi i sistemi di posta elettronica.

Passaggio 7: Configurare l'inoltro della posta elettronica presso il provider corrente

Presso il provider di posta elettronica corrente impostare l'inoltro per gli account di posta elettronica di Marta e Michele sul proprio dominio onmicrosoft.com:

  • La cassetta postale di Marta su A. Datum deve eseguire l'inoltro all'indirizzo marta@cohowinery.onmicrosoft.com

  • La cassetta postale di Michele su A. Datum deve eseguire l'inoltro all'indirizzo michele@cohowinery.onmicrosoft.com

Al completamento di questo passaggio:

  • Tutta la posta inviata a marta@cohowinery.com e michele@cohowinery.com sarà disponibile in Office 365.

  • Quando Marta e Michele rispondono ai messaggi ricevuti, gli indirizzi di risposta saranno marta@cohowinery.com e michele@cohowinery.com.

Note:

  • Contattare il provider di posta elettronica corrente per la procedura di configurazione dell'inoltro esatta.

  • Non è necessario conservare una copia dei messaggi presso il provider di posta elettronica corrente.

  • La maggior parte dei provider inoltra la posta elettronica lasciando intatto l'indirizzo di risposta del mittente, pertanto le risposte vengono recapitate al mittente originale.

Passaggio 8: Testare il flusso di posta

  1. Accedere a Outlook Web App con le credenziali di Marta.

  2. Eseguire i test seguenti:

    1. Testare la posta elettronica locale di Office 365, ad esempio inviando un messaggio a Michele (michele@cohowinery.com). Questo messaggio di posta elettronica dovrebbe essere recapitato immediatamente. In questo scenario il messaggio non verrà instradato nella cassetta postale di Michele su A. Datum perché Office 365 la considera una cassetta postale locale.

    2. Testare la posta elettronica inviando un messaggio a un utente che usa l'altro sistema di posta elettronica, ad esempio Olga. Questo messaggio di posta elettronica dovrebbe essere recapitato nella cassetta postale di Olga sul server di A. Datum.

    3. Usando un account esterno o l'account di posta elettronica di un dipendente sull'altro sistema verificare che l'inoltro sia configurato correttamente sull'altro sistema di posta elettronica. Ad esempio, usando l'account di Olga su A. Datum o un account Hotmail, inviare a Marta un messaggio di posta elettronica e verificare che venga recapitato nella cassetta postale di Marta su Office 365.

Passaggio 9: Spostare il contenuto delle cassette postali

Poiché ci sono solo due utenti da spostare e dal momento che sia Marta che Michele usano già Outlook, è possibile spostare la posta elettronica aprendo il file PST precedente nel nuovo profilo di Outlook e copiando i messaggi, gli elementi di calendario, i contatti e così via, come illustrato in Importare elementi di Outlook da un file di dati di Outlook (con estensione pst). Dopo averli organizzati nelle posizioni appropriate nella cassetta postale di Office 365, sarà possibile accedere a tutti gli elementi da qualsiasi dispositivo, ovunque ci si trovi.

Quando sono presenti più cassette postali o se i dipendenti non usano già Outlook, è possibile usare gli strumenti di migrazione disponibili nell'interfaccia di amministrazione di Exchange. Per iniziare, accedere all'interfaccia di amministrazione di Exchange e seguire le istruzioni disponibili in Eseguire la migrazione della posta elettronica da un server IMAP alle cassette postali di Exchange Online.

Vedere anche

Aggiungere utenti e domini in Office 365

Amplia le tue competenze
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per i tuoi commenti e suggerimenti

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×