Creare una previsione in Excel 2016 per Windows

Se si hanno dati cronologici relativi basati sul tempo, è possibile usarli per creare una previsione. Quando si crea una previsione, Excel crea un nuovo foglio di lavoro con una tabella dei valori cronologici e previsti e un grafico che li rappresenta. Una previsione può risultare utile per prevedere scenari come le vendite future, i requisiti di inventario o le tendenze di mercato.

Per informazioni su come si calcola una previsione e sulle opzioni che è possibile modificare, vedere in fondo a questo articolo.

Crea e salva

Creare una previsione

  1. In un foglio di lavoro immettere due serie di dati corrispondenti tra loro:

    • Serie con date o orari per la sequenza temporale

    • Serie con valori corrispondenti

      Questi valori verranno previsti per date future.

    Nota : La sequenza temporale richiede la presenza di intervalli coerenti tra i punti dati, ad esempio intervalli mensili con valori il primo giorno di ogni mese, intervalli annuali o intervalli numerici. Non ci sono problemi se nella serie della sequenza temporale mancano meno del 30% dei punti dati o se vari numeri hanno lo stesso timestamp. La previsione sarà comunque precisa, anche se si ottengono risultati più precisi riepilogando i dati prima di creare la previsione.

  2. Selezionare entrambe le serie di dati.

    Suggerimento : Se si seleziona una cella in una delle serie, Excel seleziona automaticamente la parte restante dei dati.

  3. Nella scheda Dati del gruppo Previsione fare clic su Foglio previsioni.

    Pulsante Foglio previsioni nella scheda Dati

  4. Nella casella Crea foglio di lavoro previsione selezionare un grafico a linee o un istogramma per la rappresentazione visiva della previsione.

    Screenshot della finestra di dialogo Crea foglio di lavoro previsioni con le opzioni compresse

  5. Nella casella Fine previsione selezionare una data di fine e quindi fare clic su Crea.

    Excel crea un nuovo foglio di lavoro che contiene sia una tabella dei valori cronologici e previsti che un grafico che esprime questi dati.

    Il nuovo foglio di lavoro viene visualizzato subito a sinistra ("avanti") del foglio di cui è stata immessa la serie di dati.

Personalizzare la previsione

Per cambiare una o più impostazioni avanzate della previsione, fare clic su Opzioni.

Nella tabella seguente vengono fornite informazioni su ciascuna delle opzioni.

Opzioni della previsione

Descrizione

Inizio previsione

Selezionare la data di inizio della previsione. Quando si sceglie una data precedente rispetto alla fine dei dati cronologici, nella previsione vengono usati solo i dati precedenti la data di inizio. Questo metodo è noto anche come "hindcasting".

Suggerimenti : 

  • Se si inizia la previsione prima dell'ultimo punto della cronologia, è possibile ottenere un'indicazione della precisione della previsione, in quanto è possibile confrontare la serie prevista con i dati effettivi. Se però si inizia la previsione troppo presto, la previsione generata non rappresenterà necessariamente la previsione che si otterrebbe usando tutti i dati cronologici. Se si usano tutti i dati cronologici la previsione risulta più precisa.

  • Se i dati sono stagionali, è consigliabile selezionare una data di inizio della previsione antecedente all'ultimo punto cronologico.

Intervallo di confidenza

Selezionare o deselezionare Intervallo di confidenza per mostrarlo o nasconderlo. L'intervallo di confidenza è l'intervallo che circonda ogni valore previsto, in cui in base alla previsione dovrebbe rientrare il 95% dei punti futuri, con una distribuzione normale. L'intervallo di confidenza facilita la valutazione della precisione della previsione. Un intervallo minore implica un livello di confidenza maggiore nella previsione per il punto specifico. Il livello di confidenza predefinito del 95% può essere modificato con le frecce SU o GIÙ.

Stagionalità

La stagionalità è un numero che indica la lunghezza (numero di punti) del modello stagionale e viene rilevata automaticamente. In un ciclo di vendite annuali, ad esempio, in cui ogni punto rappresenta un mese, la stagionalità è 12. È possibile evitare il rilevamento automatico scegliendo Imposta manualmente e selezionando un numero.

Nota : Quando si imposta la stagionalità manualmente, non usare valori con meno di 2 cicli di dati cronologici. Con meno di 2 cicli, Excel non è in grado di identificare i componenti stagionali. Quando la stagionalità non è abbastanza significativa per essere rilevata dall'algoritmo, la previsione ritorna a una tendenza lineare.

Intervallo sequenza temporale

Cambiare l'intervallo usato per la sequenza temporale qui. L'intervallo deve corrispondere ai Valori intervallo.

Valori intervallo

Cambiare l'intervallo usato per la serie di valori qui. Questo intervallo deve essere identico all'Intervallo sequenza temporale.

Riempi punti mancanti con

Per gestire i punti mancanti, Excel usa l'interpolazione, ovvero un punto mancante viene completato con la media ponderata dei punti adiacenti a condizione che manchi meno del 30% dei punti. Per considerare invece i punti mancanti come zeri, fare clic su Zeri nell'elenco.

Aggrega i duplicati con

Quando i dati contengono più valori con lo stesso timestamp, Excel calcola una media dei valori. Per usare un altro metodo di calcolo, ad esempio Mediana, selezionare il calcolo nell'elenco.

Includi previsioni statistiche

Selezionare questa casella per visualizzare altre informazioni statistiche sulla previsione incluse in un nuovo foglio di lavoro. In questo modo si aggiunge una tabella di statistiche generate con la funzione PREVISIONE.ETS.STAT con misure come i coefficienti di arrotondamento (Alfa, Beta, Gamma) e le metriche di errore (MASE, SMAPE, MAE, RMSE).

Formule usate per la previsione dei dati

Quando si usa una formula per creare una previsione, viene restituita una tabella con i dati cronologici e previsti e un grafico. La previsione stima i valori futuri usando i dati esistenti basati sul tempo e la versione AAA dell'algoritmo di perequazione esponenziale.

La tabella può contenere le colonne seguenti, tre delle quali sono calcolate:

  • Colonna tempo cronologico (serie di dati basati sul tempo)

  • Colonna valori cronologici (serie di dati dei valori corrispondenti)

  • Colonne valori previsti (calcolati tramite PREVISIONE.ETS)

  • Due colonne che rappresentano l'intervallo di confidenza (calcolato tramite PREVISIONE.ETS.INTCONF). Queste colonne vengono visualizzate solo quando l'opzione Intervallo di confidenza è selezionata nella sezione Opzioni del riquadro.

Scaricare una cartella di lavoro di esempio

Fare clic su questo collegamento per scaricare una cartella di lavoro con esempi della funzione PREVISIONE.ETS di Excel

Servono altre informazioni?

È sempre possibile rivolgersi a un esperto nella Tech Community di Excel, ottenere supporto nella community Microsoft o suggerire una nuova caratteristica o un miglioramento in Excel UserVoice.

Vedere anche

Funzioni di previsione

Amplia le tue competenze
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per i tuoi commenti e suggerimenti

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×