Creare un modello di dati in Excel

Importante :  Il presente articolo è stato tradotto automaticamente, vedere la dichiarazione di non responsabilità. Per visualizzare la versione inglese dell'articolo, fare clic qui.

Un modello di dati è un nuovo approccio per l'integrazione di dati da più tabelle, in modo efficace la creazione di un'origine dati relazionale all'interno di una cartella di lavoro di Excel. All'interno di Excel, modelli di dati utilizzati in modo trasparente, che forniscono dati tabulari usati nei rapporti di tabelle pivot, grafici pivot e Power View. Prima di leggere i dettagli, è consigliabile fare un passo indietro e guardare un video o eseguire la Guida di formazione su Recupera e Trasforma e Power Pivot.

Nota : In questo articolo vengono illustrati i modelli di dati in Excel 2013. Tuttavia, le caratteristiche di PowerPivot introdotte in Excel 2013 e modellazione dei dati stesso applicano anche a Excel 2016. Non esiste in modo efficace piccola differenza tra le due versioni di Excel.

Nella maggior parte casi non si noterà nemmeno la presenza del modello. In Excel, il modello di dati è visualizzato come raccolta di tabelle in un elenco di campi. Per intervenire direttamente sul modello, sarà necessario usare il componente aggiuntivo Microsoft Office PowerPivot in Microsoft Excel 2013 per Excel 2013.

Quando si importano dati relazionali, viene automaticamente creato un modello quando si selezionano più tabelle:

  1. In Excel utilizzare Dati > Carica dati esterni per importare dati da Access o da un altro database relazionale in cui sono contenute più tabelle correlate.

  2. Verrà richiesto di selezionare una tabella. Selezionare Abilita la selezione di più tabelle.

    Finestra di dialogo Seleziona tabella

  3. Selezionare due o più tabelle, fare clic su Avanti, quindi su Fine.

  4. In Importa dati scegliere l'opzione di visualizzazione dei dati desiderata, ad esempio Tabella pivot in un nuovo foglio e compilare il report.

A questo punto è disponibile un modello di dati contenente tutte le tabelle importate. Poiché è stata selezionata l'opzione relativa al rapporto di tabella pivot, il modello viene rappresentato nell'elenco di campi che verrà usato per creare il rapporto di tabella pivot.

Elenco Campi tabella pivot

Operazioni possibili con questo modello: è possibile usarlo per creare tabelle pivot, grafici pivot e report Power View nella stessa cartella di lavoro. È possibile modificarlo aggiungendo o rimuovendo tabelle e se si usa il componente aggiuntivo PowerPivot, è possibile estendere il modello aggiungendo colonne calcolate, campi calcolati, gerarchie e indicatori KPI.

Quando si crea un modello di dati, l'opzione di visualizzazione è importante. Per la visualizzazione dei dati è possibile scegliere Rapporto di tabella pivot, Grafico pivot o Report Power View. Tramite queste opzioni è possibile utilizzare tutte le tabelle insieme. Se invece fosse stata scelta l'opzione Tabella, ogni tabella importata verrebbe posizionata in un foglio separato. In questa configurazione le tabelle possono essere utilizzate singolarmente, mentre se si utilizzano tutte le tabelle insieme è necessario un grafico pivot, una tabella pivot o un report Power View.

Note : 

  • I modelli vengono creati in modo implicito quando si importano due o più tabelle contemporaneamente in Excel.

  • I modelli vengono creati in modo esplicito quando si utilizza il componente aggiuntivo PowerPivot per importare i dati. Componente aggiuntivo viene rappresentato il modello in un layout a schede in ogni scheda contiene dati tabulari. Vedere recuperare dati tramite il componente aggiuntivo PowerPivotper informazioni sulle nozioni fondamentali di importazione dei dati utilizzando un database SQL Server.

  • Un modello può contenere una sola tabella. Per creare un modello basato su una sola tabella, selezionare la tabella e fare clic su Aggiungi a modello di dati in PowerPivot. È possibile effettuare questa operazione se si desidera usare le funzionalità di PowerPivot, ad esempio i set di dati filtrati, le colonne calcolate, i campi calcolati, gli indicatori KPI e le gerarchie.

  • Le relazioni tra tabelle possono essere create automaticamente se si importano tabelle correlate in cui sono presenti relazioni di chiave primaria ed esterna. In Excel le informazioni sulle relazioni importate vengono generalmente utilizzate come base per le relazioni tra tabelle nel modello di dati.

  • Per suggerimenti su come ridurre le dimensioni di un modello di dati, vedere il modello di dati di creare un utilizzo efficiente della memoria mediante Excel 2013 e il componente aggiuntivo PowerPivot.

  • Per ulteriori informazioni, vedere Esercitazione: analisi dei dati di tabella pivot tramite un modello di dati in Excel 2013.

Suggerimento : La cartella di lavoro contiene dati, ma si capisce se contiene un modello di dati? È possibile determinare rapidamente lo stato di modello, aprire la finestra di PowerPivot. Se i dati vengono visualizzati nelle schede, un modello. Ulteriori informazioni, vedere scoprire quali dati vengono utilizzate origini in un modello di dati della cartella di lavoro.

Utilizzare un modello di dati in un'altra tabella pivot, un altro grafico pivot o un altro report Power View

In una cartella di lavoro di Excel può essere contenuto solo un modello di dati, tuttavia quest'ultimo può essere utilizzato più volte in tutta la cartella di lavoro.

  1. In Excel fare clic su Inserisci > Tabella pivot.

  2. In Crea tabella pivot fare clic su Origine dati esterna, quindi su Seleziona connessione.

  3. In Connessione esistente fare clic su Tabelle.

  4. Con questo modello di dati della cartella di lavoro, l'opzione Tabelle nel modello di dati della cartella di lavoro è selezionata per impostazione predefinita. Fare clic su Apri, quindi scegliere OK. Viene visualizzato un elenco dei campi della tabella pivot in cui sono mostrate tutte le tabelle del modello.

Aggiungere dati esistenti non correlati a un modello di dati

Si supponga di aver importato o copiato grandi quantità di dati che si desidera utilizzare in un modello, ma di non aver selezionato la casella Aggiungi questi dati al modello di dati durante l'importazione. L'inserimento di nuovi dati in un modello è più semplice di quanto previsto.

  1. Iniziare con i dati che si desidera aggiungere al modello. Può trattarsi di qualsiasi intervallo di dati, tuttavia l'utilizzo di un intervallo denominato è più efficace.

  2. Evidenziare le celle che si desidera aggiungere oppure, se i dati si trovano in una tabella o un intervallo denominato, posizionare il cursore in una cella.

  3. Utilizzare uno di questi approcci per aggiungere i dati:

  4. Fare clic su PowerPivot > Aggiungi a modello di dati.

  5. Fare clic su Inserisci > Tabella pivot, quindi selezionare Aggiungi questi dati al modello di dati nella finestra di dialogo Crea tabella pivot.

Intervallo o della tabella viene aggiunto al modello come una tabella collegata. Per ulteriori informazioni sull'uso di tabelle collegate in un modello, vedere Aggiungere i dati da usare Excel collegate le tabelle in PowerPivot.

Estendere e ridefinire il modello di dati nel componente aggiuntivo PowerPivot

I modelli di dati in Excel sono stati progettati per ampliare e migliorare l'esperienza di creazione di report, in particolare quando in questa esperienza sono inclusi tabelle pivot o altri formati di report sviluppati per l'esplorazione e l'analisi dei dati. Inoltre, i modelli di dati vengono mantenuti espressamente in background in modo da poter concentrarsi sulle operazioni che si desidera effettuare con essi.

Si supponga, tuttavia, di voler usare direttamente il modello. Sapendo che l'elenco di campi è basato sul modello, si potrebbe voler rimuovere tabelle o campi in quanto non sono utili nell'elenco. Si potrebbe anche voler visualizzare tutti i dati sottostanti forniti dal modello oppure aggiungere indicatori KPI, gerarchie e logica di business. Per tutti questi motivi e altri ancora, potrebbe essere utile modificare direttamente il modello di dati.

Per modificare o gestire il modello di dati, utilizzare il componente aggiuntivo PowerPivot. Il componente aggiuntivo fa parte dell'edizione di Office Professional Plus di Excel 2013, ma non è attivato per impostazione predefinita. Altre informazioni, vedere Avviare PowerPivot nel componente aggiuntivo di Microsoft Excel.

Differenze tra una tabella in PowerPivot e una tabella in un foglio

In PowerPivot, è possibile aggiungere una riga a una tabella digitando direttamente in una nuova riga come è possibile in un foglio di lavoro di Excel. Ma è possibile aggiungere righe utilizzando i comandi Incolla e dall'aggiornamento dei dati.

I dati di un foglio di lavoro di Excel sono spesso variabili e non allineati. È pertanto possibile che in una riga siano contenuti dati numerici e in quella successiva un elemento grafico o una stringa di testo. Al contrario, una tabella in PowerPivot è più simile in un database relazionale, in cui a ogni riga corrisponde lo stesso numero di colonne e nella maggior parte delle colonne sono contenuti dati.

Usare il modello di dati in Power View

Un modello di dati viene utilizzato come base di un report Power View. Usando il componente aggiuntivo PowerPivot, è possibile applicare ottimizzazioni al modello per migliorare la creazione di report Power View. Ad esempio si può specificare un elenco di campi predefinito, scegliere campi o immagini rappresentativi per identificare in modo univoco determinate righe o specificare la modalità di gestione delle righe con valori ripetuti (ad esempio dipendenti o clienti con lo stesso nome) in un'applicazione per la creazione di report.

  1. Creare un modello di dati importando diverse tabelle correlate.

  2. Fare clic su PowerPivot > Gestisci per aprire la finestra di PowerPivot.

  3. Selezionare una tabella e applicare le ottimizzazioni:

    1. Fare clic su Avanzate > Set di campi predefiniti. Scegliere i campi che devono essere visualizzati automaticamente in un report Power View quando si fa clic nella tabella padre. Per informazioni dettagliate, vedere Configurare Set di campi predefiniti per i report di Power View .

    2. Fare clic su Avanzate > comportamento tabella. Ottimizzazione per layout di report raggruppare i dati. Il raggruppamento è soggetto a comportamenti predefiniti che in alcuni casi produrre risultati imprevisti, ad esempio il consolidamento di righe che devono essere elencate separatamente. Per informazioni dettagliate, vedere Configurazione delle proprietà comportamento tabella per report Power View .

    3. Fare clic su Avanzate > Categoria di dati. Alcune visualizzazioni di report sono specifiche per i tipi di dati. Ad esempio, se si dispone di una tabella basata sull'ora o sulla data, è possibile assegnare una categoria Date utile per la gestione delle visualizzazioni basate sull'ora da parte di Power View.

  4. Ripetere l'operazione per le altre tabelle.

  5. In Excel, fare clic su Inserisci > Power View per avviare un nuovo report. Vedere Power View: esplorare, visualizzare e presentare i dati per ulteriori informazioni.

Nota : Dichiarazione di non responsabilità per la traduzione automatica: Il presente articolo è stato tradotto tramite un software di traduzione automatica e non da una persona. Microsoft offre le traduzioni automatiche per consentire a coloro che non conoscono la lingua inglese di leggere gli articoli sui prodotti, sui servizi e sulle tecnologie Microsoft. Dal momento che l'articolo è stato tradotto automaticamente, potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli.

Amplia le tue competenze
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per i tuoi commenti e suggerimenti

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×