Creare un modello di dati in Excel

Un modello di dati consente di integrare dati da più tabelle, costruendo in modo efficace un'origine dati relazionale all'interno di una cartella di lavoro di Excel. In Excel i modelli di dati vengono usati in modo trasparente, fornendo dati tabulari usati nelle tabelle pivot e nei grafici pivot. Un modello di dati viene visualizzato come raccolta di tabelle in un elenco di campi e la maggior parte delle volte non saprai neanche che c'è.

Prima di iniziare a usare il modello di dati, è necessario recuperare alcuni dati. Per questo useremo l'esperienza Get & Transform (Power query), quindi potresti voler fare un passo indietro e guardare un video o seguire la nostra guida alla formazione su get & Transform e Power pivot.

Dove si trova Power Pivot?

Dove si trova & Transform (Power query)?

  • Excel 2016 & Excel per Office 365 -Get & Transform (Power query) è stato integrato con Excel nella scheda dati .

  • Excel 2013 -Power query è un componente aggiuntivo incluso in Excel, ma deve essere attivato. Passare a File > Opzioni > componentiaggiuntivi, quindi nell'elenco a discesa Gestisci nella parte inferiore del riquadro selezionare componenti aggiuntivi com > Vai. Selezionare Microsoft Power query per Excel, quindi fare clic su OK per attivarlo. Sulla barra multifunzione verrà aggiunta una scheda Power query .

  • Excel 2010 - scaricare e installare il componente aggiuntivo Power query.. Una volta attivata, sulla barra multifunzione verrà aggiunta una scheda Power query .

Inizia

Prima di tutto, è necessario recuperare alcuni dati.

  1. In Excel 2016 ed Excel per Office 365, usare i dati > ottenere & trasformare i dati > ottenere dati per l'importazione di dati da un numero qualsiasi di origini dati esterne, ad esempio un file di testo, una cartella di lavoro di Excel, un sito Web, Microsoft Access, SQL Server o un altro database relazionale che contiene più tabelle correlate.

    In Excel 2013 e 2010, vedere Power Query > ottenere dati esternie selezionare l'origine dati.

  2. Excel richiede di selezionare una tabella. Se si desidera ottenere più tabelle dalla stessa origine dati, selezionare l'opzione Abilita selezione di più tabelle . Quando si selezionano più tabelle, Excel crea automaticamente un modello di dati.

    Nota: Per questi esempi, stiamo usando una cartella di lavoro di Excel con i dettagli degli studenti fittizi sulle classi e i voti. È possibile scaricare la cartella di lavoro di esempio del modello di dati per studentie seguirla. È anche possibile scaricare una versione con un modello di dati completato..

    Ottenere & strumento trasforma (Power query)
  3. Selezionare una o più tabelle, quindi fare clic su carica.

    Se è necessario modificare i dati di origine, è possibile scegliere l'opzione di modifica . Per altri dettagli, vedere: Introduzione all'editor di query (Power query).

Ora hai un modello di dati che contiene tutte le tabelle importate e che verranno visualizzate nell' elenco dei campidella tabella pivot.

Note: 

  • I modelli vengono creati in modo implicito quando si importano due o più tabelle contemporaneamente in Excel.

  • I modelli vengono creati esplicitamente quando si usa il componente aggiuntivo PowerPivot per importare i dati. Nel componente aggiuntivo il modello viene rappresentato in un layout a schede simile a Excel, in cui ogni scheda contiene dati tabulari. Vedere ottenere dati con il componente aggiuntivo Power Pivotper informazioni di base sull'importazione dei dati tramite un database di SQL Server.

  • Un modello può contenere una singola tabella. Per creare un modello basato su una sola tabella, selezionare la tabella e fare clic su Aggiungi al modello di dati in PowerPivot. Questa operazione può essere eseguita se si vuole usare PowerPivot funzionalità, ad esempio DataSet filtrati, colonne calcolate, campi calcolati, indicatori KPI e gerarchie.

  • Le relazioni tra tabelle possono essere create automaticamente se si importano tabelle correlate con relazioni di chiave primaria e esterna. Excel può in genere usare le informazioni sulle relazioni importate come base per le relazioni tra tabelle nel modello di dati.

  • Per suggerimenti su come ridurre le dimensioni di un modello di dati, vedere creare un modello di dati con un utilizzo efficiente della memoria mediante Excel e Power Pivot.

  • Per ulteriori esplorazioni, vedere esercitazione: importare dati in Excel e creare un modello di dati.

Suggerimento: Come si può stabilire se la cartella di lavoro contiene un modello di dati? Accedere a PowerPivotPowerPivotManage. Se vengono visualizzati dati simili a un foglio di lavoro, esiste un modello. Vedere: individuare le origini dati usate in un modello di dati della cartella di lavoro per altre informazioni.

Creare relazioni tra le tabelle

Il passaggio successivo consiste nel creare relazioni tra le tabelle, in modo da poter estrarre i dati da uno di essi. Ogni tabella deve avere una chiave primaria o un identificatore di campo univoco, ad esempio ID studente o numero di classe. Il modo più semplice consiste nel trascinare e rilasciare questi campi per connetterli nella visualizzazione diagrammadi Power pivot.

  1. Accedere a Power Pivot > Manage.

  2. Nella scheda Home selezionare visualizzazione diagramma.

  3. Tutte le tabelle importate verranno visualizzate e potrebbe essere necessario richiedere del tempo per ridimensionarle a seconda del numero di campi.

  4. Trascinare quindi il campo chiave primaria da una tabella a quella successiva. L'esempio seguente è la visualizzazione diagramma delle tabelle degli studenti:

    Visualizzazione Diagramma relazioni modello di dati di Power query

    Sono stati creati i collegamenti seguenti:

    • tbl_Students | ID studente > tbl_Grades | ID studente

      In altre parole, trascinare il campo ID studente dalla tabella studenti al campo ID studente nella tabella voti.

    • tbl_Semesters | ID semestre > tbl_Grades | Semestre

    • tbl_Classes | Numero di classe > tbl_Grades | Numero di classe

    Note: 

    • I nomi dei campi non devono necessariamente essere uguali per creare una relazione, ma devono essere dello stesso tipo di dati.

    • I connettori nella visualizzazione diagramma hanno un "1" da un lato e un "*" dall'altro. Questo significa che esiste una relazione uno-a-molti tra le tabelle e che determina il modo in cui i dati vengono usati nelle tabella pivot. Vedere: relazioni tra tabelle in un modello di dati per altre informazioni.

    • I connettori indicano solo che esiste una relazione tra tabelle. In realtà non verranno visualizzati i campi collegati tra loro. Per visualizzare i collegamenti, accedere a Power Pivot > gestire le relazioni di > progettazione > > gestire le relazioni. In Excel è possibile accedere alle relazioni> dati .

Usare un modello di dati per creare una tabella pivot o un grafico pivot

Una cartella di lavoro di Excel può contenere un solo modello di dati, ma tale modello contiene più tabelle che possono essere usate più volte in tutta la cartella di lavoro. È possibile aggiungere altre tabelle a un modello di dati esistente in qualsiasi momento.

  1. In PowerPivotfare clic su Gestisci.

  2. Nella scheda Home selezionare tabella pivot.

  3. Selezionare il punto in cui inserire la tabella pivot: un nuovo foglio di lavoro o la posizione corrente.

  4. Fare clic su OKe Excel aggiungerà una tabella pivot vuota con il riquadro elenco campi visualizzato a destra.

    Elenco campi tabella pivot di Power Pivot

Creare quindi una tabella pivoto creare un grafico pivot. Se sono già state create relazioni tra le tabelle, è possibile usare uno dei relativi campi nella tabella pivot. Abbiamo già creato relazioni nella cartella di lavoro di esempio di Student Data Model.

Aggiungere dati esistenti e non correlati a un modello di dati

Supponiamo che siano stati importati o copiati molti dati che si desidera utilizzare in un modello, ma che non sono stati aggiunti al modello di dati. Spingere nuovi dati in un modello è più facile di quanto si pensi.

  1. Iniziare selezionando una cella all'interno dei dati che si desidera aggiungere al modello. Può essere un qualsiasi intervallo di dati, ma i dati formattati come tabella di Excel sono i migliori.

  2. Usare uno di questi approcci per aggiungere i dati:

  3. Fare clic su PowerPivotPowerPivotAggiungi al modello di dati.

  4. Fare clic su inserisci > tabella pivote quindi selezionare Aggiungi questi dati al modello di dati nella finestra di dialogo Crea tabella pivot.

L'intervallo o la tabella viene ora aggiunta al modello come tabella collegata. Per altre informazioni sull'uso delle tabelle collegate in un modello, vedere aggiunta di dati tramite tabelle collegate di Excel in Power Pivot.

Aggiunta di dati a una tabella di PowerPivot

In PowerPivot non è possibile aggiungere una riga a una tabella digitando direttamente una nuova riga, ad esempio in un foglio di lavoro di Excel. È tuttavia possibile aggiungere righe copiando e incollandoo aggiornando i dati di origine e aggiornando il modello di Power Pivot.

Servono altre informazioni?

È sempre possibile rivolgersi a un esperto nella Tech Community di Excel, ottenere supporto nella community Microsoft o suggerire una nuova funzionalità o un miglioramento in Excel UserVoice.

Vedere anche

Ottenere le guide di apprendimento & Transform e Power Pivot

Introduzione a Editor di query (Power Query)

Creare un modello di dati con un utilizzo efficiente della memoria usando Excel e Power Pivot

Esercitazione: importare dati in Excel e creare un modello di dati

Individuare le origini dati usate in un modello di dati della cartella di lavoro

Relazioni tra tabelle nel modello di dati

Nota:  Questa pagina è stata tradotta automaticamente e potrebbe contenere errori di grammatica o imprecisioni. L'intento è quello di rendere fruibile il contenuto. Queste informazioni sono risultate utili' Questo è l'articolo in inglese per riferimento.

Amplia le tue competenze su Office
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per il feedback!

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×