Creare relazioni tra elenchi mediante colonne univoche e di ricerca

Creare relazioni tra elenchi mediante colonne univoche e di ricerca

Importante :  Il presente articolo è stato tradotto automaticamente, vedere la dichiarazione di non responsabilità. Per visualizzare la versione inglese dell'articolo, fare clic qui.

È possibile creare relazioni tra elenchi utilizzando in combinazione colonne univoche, colonne di ricerca e comportamenti di relazione imposti (eliminazione a catena ed eliminazione limitata), ovvero tutti elementi che consentono di creare soluzioni aziendali più elaborate e contribuiscono a mantenere l'integrità dei dati.

Panoramica delle relazioni tra elenchi

Nelle sezioni seguenti sono disponibili informazioni di base importanti sulla creazione di relazioni tra elenchi di origine e di destinazione, la creazione di colonne univoche e di ricerca, l'applicazione di comportamenti delle relazioni, l'aggiunta di colonne di ricerca primarie e secondarie, la visualizzazione, modifica ed eliminazione di elementi in relazioni tra elenchi, la gestione delle relazioni tra elenchi con numerosi elementi, nonché i vantaggi aggiuntivi dell'uso di un programma per la modifica come Microsoft SharePoint Designer 2013.

Panoramica delle relazioni tra elenchi
Utilizzo di colonne univoche e di ricerca per elaborare gli ordini.

1. nell'elenco elementi è l'elenco di origine e l'elenco ordini è l'elenco di destinazione.

2. ogni elenco contiene colonne univoche per garantire che deve corrispondere i dati corretti.

3. La colonna di ricerca primaria nell'elenco di origine "cerca" la colonna ID ordine nell'elenco di destinazione in base a un valore corrispondente.

4. Una colonna di ricerca secondaria nell'elenco di origine inserisce automaticamente la colonna Descrizione ordini dall'elenco di destinazione.

Quando si crea una colonna è possibile specificare che deve contenere valori univoci, ovvero che nell'elenco non sono consentiti valori duplicati per la colonna. Non è possibile aggiungere un elemento di elenco contenente un valore duplicato, modificare un elemento di elenco esistente se la modifica causa la creazione di un valore duplicato o ripristinare un elemento dal Cestino se ciò comporta la creazione di un valore duplicato. Se si crea una colonna di ricerca in un elenco di origine e tale colonna viene definita come univoca, inoltre, la colonna nell'elenco di destinazione non deve contenere valori duplicati.

Nota :  Per stabilire l'univocità non viene effettuata alcuna distinzione tra maiuscole e minuscole. ORD-231 e ord-231, ad esempio, sono considerati valori duplicati.

A una colonna univoca deve essere inoltre associato un indice. Quando si crea una colonna univoca è possibile che venga richiesto di creare un indice, che viene creato automaticamente quando si fa clic su OK. L'indice creato per una colonna univoca non può essere rimosso, a meno che la colonna non venga ridefinita in modo da consentire valori duplicati.

Nella tabella seguente vengono riepilogati i tipi di colonna che possono e non possono essere utilizzati per creare colonne univoche.

Tipi di colonna supportati

Tipi di colonna non supportati

Una riga di testo

Più righe di testo

Scelta (valore singolo)

Scelta (multivalore)

Numero

Calcolato

Valuta

Collegamento ipertestuale o immagine

Data e ora

Colonne personalizzate

Ricerca (valore singolo)

Ricerca (multivalore)

Utente o gruppo (valore singolo)

Utente o gruppo (multivalore)

Sì/No

Per creare una relazione tra due elenchi, nell'elenco di origine è necessario creare una colonna di ricerca che recuperi (o "cerchi") uno o più valori da un elenco di destinazione, nel caso tali valori corrispondano al valore nella colonna di ricerca nell'elenco di origine. Dopo aver creato la colonna di ricerca (colonna primaria), è possibile continuare con l'aggiunta di ulteriori colonne (colonne secondarie) dall'elenco di destinazione a quello di origine, a condizione che il tipo di dati delle colonne aggiuntive sia tra quelli supportati, come descritto di seguito.

Nella tabella seguente vengono riepilogati i tipi di colonna che possono e non possono essere utilizzati per creare colonne di ricerca.

Tipi di colonna supportati

Tipi di colonna non supportati

Una riga di testo

Più righe di testo

Numero

Valuta

Data e ora

Utente o gruppo

Calcolato

Collegamento ipertestuale o immagine

Colonne personalizzate

Sì/No

Scelta

Ricerca

È possibile creare due tipi di colonna di ricerca, ovvero colonne di ricerca con relazione imposta e con relazione non imposta.

Colonna di ricerca con relazione imposta

In una colonna di ricerca con relazione imposta (condizione nota anche come integrità referenziale) è possibile cercare singoli valori e mantenere l'integrità dei dati nell'elenco di destinazione in uno dei due modi seguenti:

Eliminazione a catena    Quando viene eliminato un elemento nell'elenco di destinazione, vengono eliminati anche gli elementi correlati nell'elenco di origine. In questo caso, è necessario assicurarsi che tutti gli elementi correlati vengano eliminati nell'ambito di una sola transazione nel database. Se si elimina un ordine in un elenco di destinazione, ad esempio, è possibile assicurarsi che vengano eliminati anche gli elementi dell'ordine corrispondenti nell'elenco di origine. Non è opportuno, infatti, che rimangano elementi di un ordine senza l'ordine corrispondente. In questo modo rimarrebbero infatti elementi "orfani" che potrebbero causare confusione in seguito.

Eliminazione limitata    Quando si tenta di eliminare un elemento nell'elenco di destinazione ed esistono uno o più elementi correlati nell'elenco di origine, viene impedita l'eliminazione nell'elenco di destinazione. In questo caso, si desidera assicurarsi che venga mantenuto l'elemento correlato nell'elenco di destinazione. Se qualcuno tenta di eliminare un elemento di un ordine da un elenco di destinazione, ad esempio, ma tale ordine è ancora in sospeso per un cliente, potrebbe essere necessario impedire l'operazione di eliminazione fino alla completa elaborazione dell'ordine. In questo caso, è opportuno evitare che l'ordine del cliente venga eliminato per errore, perché ciò impedirebbe di evadere l'ordine in modo completo.

Relazioni tra elenchi imposte

1. un'operazione di eliminazione a catena assicura che tutti gli elementi correlati vengano eliminati transazione di un database.

2. un'operazione di eliminazione limitata impedire l'eliminazione sono presenti elementi nell'elenco di destinazione se origine elementi correlati nell'elenco.

In breve, l'imposizione di una relazione tra gli elenchi consente di mantenere la validità dei dati e di evitare incoerenze che potrebbero causare problemi nel tempo.

Nota : Per creare o modificare una relazione imposta, è necessario disporre dell'autorizzazione Gestione elenchi.

A una colonna di ricerca con relazione imposta deve essere inoltre associato un indice. Quando si crea una colonna di ricerca che impone una relazione è possibile che venga richiesto di creare un indice, che viene creato automaticamente quando si fa clic su OK. Non è possibile rimuovere l'indice creato per una colonna di ricerca che impone una relazione, se non dopo aver rimosso la relazione imposta.

Colonna di ricerca con relazione non imposta

In una colonna di ricerca con una relazione non imposta, dall'elenco di origine è possibile cercare valori singoli o più valori nell'elenco di destinazione. Quando si elimina un elemento nell'elenco di origine, inoltre, non sono previste ulteriori limitazioni per l'eliminazione oppure per l'esecuzione di operazioni di eliminazione nell'elenco di destinazione, a condizione di disporre delle autorizzazioni di eliminazione per l'elenco.

Uno degli effetti positivi della creazione di relazioni tra gli elenchi è la possibilità di visualizzare e modificare colonne da due o più elenchi, in una sola pagina. Quando si crea una colonna di ricerca in un elenco di origine, nella colonna primaria vengono visualizzati i valori dalla colonna dell'elenco di destinazione, ma è inoltre possibile impostare la visualizzazione di colonne secondarie aggiuntive dall'elenco di destinazione insieme alla colonna primaria e ad altre colonne dell'elenco di origine.

Il valore della colonna primaria è un collegamento su cui è possibile fare clic per visualizzare tutti i valori di colonna per tale elemento nell'elenco di destinazione. Ogni valore di colonna secondaria dall'elenco di destinazione viene visualizzato come testo nella colonna dell'elenco di origine. Se si crea una colonna di ricerca con più valori, in ogni colonna dall'elenco di destinazione, indipendentemente se primaria o secondaria, vengono visualizzati i valori multipli corrispondenti delimitati da punto e virgola. Le colonne primaria e secondarie nella visualizzazione elenco possono essere modificate in modo molto simile a quanto possibile per le colonne dall'elenco di origine, ad esempio si possono aggiungere o rimuovere colonne, applicare filtri e modificare l'ordinamento.

Il nome della colonna primaria corrisponde al nome specificato durante la creazione della colonna di ricerca. Per impostazione predefinita, per ogni nome di colonna secondaria viene rispettata la convenzione di denominazione standard <nome colonna primaria nell'elenco di origine>: <nome colonna nell'elenco di destinazione>. Se si modifica il nome della colonna primaria, pertanto, vengono modificati anche i nomi di tutte le colonne secondarie. È comunque possibile modificare i nomi e le descrizioni delle colonne secondarie per specificare nomi più significativi per specifiche esigenze.

Colonne di ricerca con più valori

1. una colonna di ricerca primaria con più valori.

2. una colonna di ricerca secondaria con più valori.

3. Il nome della colonna è stato modificato dal nome predefinito GetID: Titolo a Strumenti.

Quando si creano relazioni tra elenchi utilizzando colonne di ricerca, colonne univoche ed elenchi con relazioni imposte, è possibile che venga raggiunto un limite o un valore di soglia per le risorse con conseguente blocco nei casi seguenti:

  • Viene impostata come univoca una colonna di un elenco esistente con più elementi di quelli specificati in Soglia visualizzazione elenco. Si noti, tuttavia, che se l'aggiunta di un elemento a un elenco comporta il superamento della soglia della visualizzazione elenco, questa operazione in genere non viene bloccata.

  • Si attiva l'opzione Eliminazione a catena o Eliminazione limitata per un campo di ricerca in un elenco con più elementi di quelli specificati in Soglia visualizzazione elenco.

  • È stato superato la soglia ricerca visualizzazione elenco, che per impostazione predefinita è dodici colonne di ricerca.

  • Il numero di elementi in un'operazione di eliminazione è maggiore di 1.000.

Per ulteriori informazioni sulla gestione di elenchi con numerosi elementi, vedere gestione di elenchi e raccolte con molti elementi .

Procedura: Creare o modificare una colonna univoca

Avviso :  Non è possibile creare una colonna univoca in un elenco per cui sono definite autorizzazioni a livello di singoli elementi. Non è possibile interrompere l'ereditarietà delle autorizzazioni da un elenco a un elemento di elenco, se l'elenco contiene una colonna univoca. Non è possibile creare una colonna univoca o modificare una colonna per impostarla come univoca in un elenco che contiene elementi con autorizzazioni univoche oppure in un elenco per cui è abilitata l'approvazione del contenuto. Infine, non è possibile copiare un file in una raccolta tramite il comando Apri con Esplora risorse se la raccolta contiene una colonna univoca.

  1. Passare al sito che contiene l'elenco.

  2. Fare clic sul nome dell'elenco sulla barra di avvio veloce oppure scegliere il menu Impostazioni Pulsante Impostazioni di Office 365 , fare clic su Visualizza tutto il contenuto del sito e quindi nella sezione elenco, fare clic sul nome dell'elenco.

  3. Fare clic su Elenco > Crea colonna.

  4. Nella casella Nome colonna digitare un nome per la colonna.

  5. In Tipo di informazioni nella colonna fare clic su una delle opzioni seguenti:

    • Una riga di testo

    • Più righe di testo

    • Scelta

    • Numero

    • Valuta

    • Data e ora

    • Sì/No

    • Ricerca (valore singolo)

    • Utente o gruppo (valore singolo)

  6. Nella sezione Impostazioni aggiuntive colonna fare clic su in Imponi valori univoci.
    Se si seleziona un tipo di dati non supportato oppure si crea una colonna di ricerca che consente più valori, l'opzione Imponi valori univoci non verrà visualizzata.

  • Non è possibile rimuovere l'indice di una colonna univoca. Se si desidera rimuovere l'indice, è necessario modificare la colonna da univoca a colonna che consente valori duplicati e quindi rimuovere l'indice.

  • Se si tenta di modificare una colonna esistente, da colonna che consente valori duplicati a colonna con valori univoci, l'operazione potrebbe non essere consentita in presenza di valori duplicati nella colonna esistente. In questo caso, è prima di tutto necessario rimuovere tutti i valori duplicati e quindi modificare la colonna impostandola come univoca.

  • Se si desidera modificare il tipo di dati della colonna univoca, è necessario procedere in questo modo: modificare la colonna in modo che consenta valori duplicati, rimuovere l'indice, cambiare il tipo di dati della colonna e infine impostarla come univoca.

Procedura: Creare una colonna univoca e di ricerca

Questa procedura guidano l'utente nella configurazione cercare colonna contenente la colonna principale e, facoltativamente, una colonna secondaria in un elenco. La colonna principale può essere indicizzata, ma poiché la colonna secondaria (o campi) dipende dalle primario, non potrà essere univoco o indicizzato.

  1. Passare al sito che contiene l'elenco.

  2. Fare clic sul nome dell'elenco sulla barra di avvio veloce oppure scegliere il menu Impostazioni Pulsante Impostazioni di Office 365 , fare clic su Visualizza tutto il contenuto del sito e quindi nella sezione elenco, fare clic sul nome dell'elenco.

  3. Fare clic su elenco e quindi fare clic su Crea colonna.

  4. Nella casella Nome colonna digitare un nome per la colonna.

  5. In Tipo di informazioni nella colonna fare clic su Ricerca.

  6. Nella casella Recupera informazioni da selezionare un elenco di destinazione.

  7. Nella casella Nella colonna selezionare una colonna primaria.

  8. In Aggiungi una colonna per visualizzare i seguenti campi aggiuntivi selezionare la casella di controllo accanto al nome di ogni colonna secondaria che si desidera aggiungere. Vengono elencate solo le colonne con i tipi di dati supportati.

  9. Se in seguito si desidera aggiungere o rimuovere colonne secondarie, modificare la colonna di ricerca e selezionare le impostazioni desiderate.

    Nota :  Non è possibile indicizzare una colonna secondaria o impostarla come univoca.

  10. Se si desidera visualizzare le colonne di ricerca nella visualizzazione predefinita, selezionare Aggiungi alla visualizzazione predefinita.

  11. Per creare una relazione imposta, selezionare Applica comportamento di relazione e quindi fare clic su Eliminazione limitata o Eliminazione a catena.

  12. Fare clic su OK.

Procedura: Creare relazioni nei moduli di visualizzazione e modifica

Dopo aver creato una colonna di ricerca, è possibile modificare i moduli di visualizzazione e modifica dell'elenco di destinazione in modo da visualizzare i dati correlati dell'elenco di origine. È ad esempio possibile modificare la pagina di visualizzazione o di modifica per l'elenco Ordini in modo da aggiungere l'elenco di elementi correlati e connettere automaticamente le due web part Visualizzazione elenco corrispondenti passando il valore della colonna di ricerca.

  1. Nell'elenco di destinazione (ad esempio ordini) fare clic sulla scheda elenco, fare clic su Web part modulo nella sezione Personalizza elenco e quindi fare clic su Modulo di visualizzazione predefinito o Modulo di modifica predefinito.

  2. Nell'area web part Principale fare clic su Aggiungi web part.

  3. Fare clic su Inserisci, fare clic su Elenco correlato e quindi selezionare l'elenco correlato (ad esempio elementi).

    Nota :  Vengono visualizzati solo gli elenchi per i quali si ha l'autorizzazione Visualizzazione elementi.

I due elenchi vengono connessi automaticamente. Dopo aver salvato la pagina, quando si visualizza o si modifica un elemento dell'elenco Ordini, vengono visualizzati anche gli elementi correlati nell'elenco Elementi.

Torna all'inizio

Nota : Dichiarazione di non responsabilità per la traduzione automatica: Il presente articolo è stato tradotto tramite un software di traduzione automatica e non da una persona. Microsoft offre le traduzioni automatiche per consentire a coloro che non conoscono la lingua inglese di leggere gli articoli sui prodotti, sui servizi e sulle tecnologie Microsoft. Dal momento che l'articolo è stato tradotto automaticamente, potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli.

Amplia le tue competenze
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per i tuoi commenti e suggerimenti

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×