Connettività dei client

Importante :  Il presente articolo è stato tradotto automaticamente, vedere la dichiarazione di non responsabilità. Per visualizzare la versione inglese dell'articolo, fare clic qui.

Riepilogo:    illustra le modalità di connessione dei computer client ai tenant di Office 365, in base all'ubicazione del computer client e a quella del data center del tenant di Office 365.

Office 365 risiede nei data center Microsoft in tutto il mondo, che assicurano la disponibilità del servizio anche nell'eventualità che si verifichi un problema grave in un'area geografica, ad esempio un terremoto o un'interruzione di corrente. Quando ci si connette al tenant di Office 365, la connessione del client viene indirizzata al data center appropriato in cui è ospitato il tenant. Le regole che determinano dove può essere ospitato il tenant sono definite nel contratto con Microsoft. Le regole che determinano in che modo il client acquisisce i dati dalla posizione di tale data center dipendono dell'architettura del servizio in uso.

Ad esempio, quando si accede al portale di Office 365 si viene in genere connessi al data center più vicino al client e quindi indirizzati in base al servizio che si userà. Se si avvia la posta elettronica, la connessione iniziale per visualizzare l'interfaccia utente può essere ancora quella del data center più vicino, ma è possibile che venga aperta una seconda connessione tra il data center più vicino e quello in cui si trova il tenant per mostrare il contenuto dei messaggi di posta elettronica da leggere. Microsoft gestisce una delle principali dieci reti mondiali ed è in grado di offrire connessioni da data center a data center incredibilmente rapide.

Dopo aver letto questo articolo si comprenderà il motivo per cui non vengono resi disponibili URL e intervalli di indirizzi IP per Office 365 per ogni data center: sono talmente interconnessi e interdipendenti da rendere possibile questo approccio.

Se si usa Azure ExpressRoute per Office 365, nella maggior parte dei casi verrà usata una connessione privata a Office 365, invece della connessione pubblica descritta in questo argomento. I principi che definiscono la modalità di connessione dei client sono comunque applicabili. Altre informazioni sono disponibili in Azure ExpressRoute per Office 365.

Per un approfondimento sulle richieste di rete in Skype for Business, vedere l'articolo Qualità degli elementi multimediali e prestazioni della connessione di rete in Skype for Business Online.

In questo articolo fa parte di pianificazione della rete e ottimizzazione delle prestazioni per Office 365

Nota : È necessario prestare attenzione ideale per gestire i dati dei clienti in modo che sia protetto e privato nel nostro Data Center. Informazioni dettagliate sulle procedure per gestire la privacy sono incluse in Centro protezione.

Connessione al data center più vicino

Questo è il tipo di connessione più comune e viene usato sia dal portale di Office 365 che da Exchange Online. In questa situazione, quando i client provano a connettersi a Office 365, la query DNS del computer determina l'area geografica in cui è ubicato il computer e Office 365 reindirizza la richiesta al data center più vicino.

Le connessioni al portale si fermano al data center più vicino e al computer client vengono presentate informazioni sul tenant del client da tale posizione.

Exchange Online va oltre. Dopo la connessione del computer client al data center più vicino, un server Exchange del data center si connette al data center in cui è effettivamente situato il tenant, come illustrato nella sezione Funzionamento che segue. I server Exchange Online nel data center più vicino inviano tramite proxy le richieste del computer client al server delle cassette postali. Questo approccio velocizza l'esperienza del computer client spostando sulla rete Microsoft il carico per il recupero dei messaggi di posta elettronica e degli elementi del calendario.

Questo è il processo di connessione standard per le applicazioni Web ad alto valore e con un volume di traffico elevato, come Office 365. Questa sezione descrive i vari passaggi del processo. Quando il computer client non si trova nella stessa area geografica del tenant, la connessione appare molto diversa a seconda del servizio a cui il client si connette.

Questo diagramma è la rappresentazione di un cliente che usa un'offerta di Office 365 standard con un tenant in America del Nord. In questo scenario, la persona che invia la richiesta si è trasferita in Europa e usa Office 365 da quell'area geografica.

  1. Il computer client chiede ai server DNS locali l'indirizzo IP associato a Office 365.

  2. I server DNS locali del computer client chiedono ai server DNS Microsoft l'indirizzo IP associato a Office 365.

  3. I server DNS Microsoft restituiscono il nome del server locale (in base all'ubicazione dei server DNS del client) e il computer client ripete i passaggi 1 e 2 per ottenere l'indirizzo IP del data center locale di Office 365.

  4. Il computer client si connette all'indirizzo IP del data center locale.

  5. Il server Exchange Online stabilisce una connessione al data center attivo in cui è situato il tenant del client.

Contatti commerciali

La connessione è leggermente diversa per le offerte cloud indipendenti, ad esempio Office 365 gestito da 21 Vianet. Con il tenant in un'istanza indipendente di Office 365, i server di Office 365 più vicini in grado di accettare connessioni del portale sono quelli all'interno dell'area geografica indipendente in cui è situato il tenant. Allo stesso modo, i clienti che accedono a SharePoint Online nelle offerte cloud indipendenti o standard vengono indirizzati ai server front-end in cui è situato il tenant. Vedere Connessione al data center attivo di seguito.

  1. Il computer client chiede ai server DNS locali l'indirizzo IP associato a Office 365.

  2. I server DNS locali del computer client chiedono ai server DNS Microsoft l'indirizzo IP associato a Office 365.

  3. I server DNS Microsoft restituiscono il nome del server locale (in base all'ubicazione dei server DNS del client) e il computer client ripete i passaggi 1 e 2 per ottenere l'indirizzo IP del data center locale di Office 365.

  4. Il computer client si connette all'indirizzo IP del data center locale.

  5. Il server Exchange Online stabilisce una connessione al data center attivo in cui è situato il tenant del client.

Immagine di tabelle di Word

Connessione al data center attivo

La connessione al data center attivo è destinata ai carichi di lavoro di trasferimento dati più pesanti e attualmente è usata da SharePoint Online. In questa situazione, quando i client tentano di connettersi a Office 365, il browser viene reindirizzato al data center attivo per il tenant di SharePoint Online di appartenenza.

Quando il computer client si connette a SharePoint Online da un'area geografica diversa, la connessione viene reindirizzata al data center di SharePoint Online attivo. In questo scenario, il cliente usa un'offerta standard, in cui le connessioni del portale rimangono locali, mentre quelle di SharePoint Online vengono indirizzate al data center attivo.

  1. Il computer client chiede ai server DNS locali l'indirizzo IP associato a Office 365.

  2. I server DNS locali del computer client chiedono ai server DNS Microsoft l'indirizzo IP associato a Office 365.

  3. I server DNS Microsoft restituiscono il nome del server locale del data center di SharePoint Online attivo (in base all'ubicazione del tenant di Office 365 del client) e il computer client ripete i passaggi 1 e 2 per ottenere l'indirizzo IP del data center di Office 365 attivo.

  4. Il computer client si connette all'indirizzo IP del data center attivo.

Schermata della pagina di condivisione di Office 365 con un utente selezionato per un abbonamento condiviso in sospeso.

Connessione tramite reti private virtuali (VPN)

Questo tipo di connessione viene usato solo quando i computer client usano una rete privata virtuale (VPN). In realtà, il comportamento di Office 365 non cambia solo perché si usa una VPN, ma di solito le VPN vengono usate per controllare la modalità di connessione dei computer client a Office 365 con un effetto sull'esperienza solitamente negativo, dunque è importante considerare anche questa situazione.

Quando il computer client stabilisce una connessione VPN a una sede dell'azienda situata in un'area geografica diversa, vengono usati i server DNS dell'altra sede invece dei server DNS nella sede del computer client. Nella maggior parte dei casi, questa connessione aggiuntiva tramite la rete VPN peggiora l'esperienza di Office 365. I servizi di Office 365 sono ottimizzati per l'uso delle connessioni dei clienti quanto più possibile vicino all'utente finale. Molti servizi sfruttano la rete perimetrale di Azure, le reti per la distribuzione di contenuti (CDN) e la capacità di rete affidabile della rete Microsoft per offrire un'esperienza utente ottimale quando le richieste di rete per i servizi di Office 365 sono il più vicino possibile al computer client.

  1. Il computer client chiede ai server DNS VPN l'indirizzo IP associato a Office 365.

  2. I server DNS VPN del computer client chiedono ai server DNS Microsoft l'indirizzo IP associato a Office 365.

  3. I server DNS Microsoft restituiscono il nome del server locale (in base all'ubicazione dei server DNS VPN) e il computer ripete i passaggi 1 e 2 per ottenere l'indirizzo IP del data center locale di Office 365.

  4. Il computer client si connette all'indirizzo IP del data center più vicino alla sede aziendale con cui è stata stabilita una connessione VPN.

Gruppo Analisi nella scheda Dati

Ecco un collegamento breve per tornare alla pagina: https://aka.ms/o365clientconnectivity

Nota : Dichiarazione di non responsabilità per la traduzione automatica: Il presente articolo è stato tradotto tramite un software di traduzione automatica e non da una persona. Microsoft offre le traduzioni automatiche per consentire a coloro che non conoscono la lingua inglese di leggere gli articoli sui prodotti, sui servizi e sulle tecnologie Microsoft. Dal momento che l'articolo è stato tradotto automaticamente, potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli.

Vedere anche

Endpoint di gestione di Office 365

Connettività di rete per Office 365

Amplia le tue competenze
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per i tuoi commenti e suggerimenti

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×