Configurare Skype for Business Server 2015

Nota : Questo articolo si applica solo a Office 365 gestito da 21Vianet in Cina.

Grazie alle distribuzioni ibride di Skype for Business, alcuni utenti possono usare l'installazione locale di Skype for Business, altri utenti possono usare Skype for Business online e tutti gli utenti condividono lo stesso dominio. In questo modo può essere più semplice fornire i servizi di Skype for Business agli utenti dell'organizzazione che si trovano in aree geografiche diverse o agli utenti che si connettono in modalità remota. È anche possibile usufruire delle configurazioni ibride di Skype for Business come percorso di migrazione a Office 365. Questa sezione illustra le configurazioni ibride per Skype for Business Server 2015.

Pianificazione della distribuzione ibrida

Durante la pianificazione di una distribuzione ibrida, tenere in considerazione i requisiti seguenti relativi a utenti e infrastruttura di rete.

Requisiti dell'infrastruttura

Per implementare e configurare una distribuzione ibrida di Skype for Business Server 2015, nell'ambiente devono essere disponibili gli elementi seguenti.

  • Un server di Active Directory Federation Services (ADFS) che esegue Windows 2008 R2 SP1 o il Service Pack più recente. Per informazioni sui requisiti aggiuntivi per ADFS, vedere Active Directory Federation Services 2.0.

  • Una distribuzione locale di Skype for Business Server 2015 o Lync Server 2010 con aggiornamenti cumulativi per Lync Server 2010 di marzo 2013.

  • Strumenti di amministrazione di Skype for Business Server 2015.

  • Server di Sincronizzazione directory. Per informazioni dettagliate su Sincronizzazione directory, vedere lo Strumento per la sincronizzazione di directory.

Supporto per i client Skype for Business

Esistono alcune differenze tra le funzionalità supportate nei client Skype for Business e quelle disponibili negli ambienti locali e online. Prima di decidere quale configurazione usare per gli utenti dell'organizzazione, è possibile visualizzare le informazioni sul supporto client per le diverse configurazioni di Skype for Business Server. In una distribuzione ibrida di Skype for Business con Skype for Business online sono supportati i client seguenti:

  • Lync 2010

  • Skype for Business

  • App Skype for Business di Windows Store

  • App Web Skype for Business

  • Lync Mobile

  • Lync per Mac 2011

  • Lync Basic 2013

Requisiti di topologia

Per configurare la distribuzione ibrida di Skype for Business Server 2015 con Skype for Business online, è necessario disporre di una delle tecnologie supportate seguenti:

  • Microsoft Office Communications Server 2007 R2 con Skype for Business Server 2015 locale. Il server perimetrale federato di Skype for Business Server 2015 e il server dell'hop successivo dal server perimetrale federato devono eseguire Skype for Business Server 2015 e deve essere stato distribuito un archivio di gestione centrale. Il server perimetrale e il pool devono essere distribuiti in locale.

  • Microsoft Lync Server 2010 con aggiornamenti cumulativi per Lync Server 2010 di febbraio 2013 applicati e gli strumenti amministrativi di Skype for Business Server 2015 installati in locale. Il server perimetrale federato e il server dell'hop successivo dal server perimetrale federato devono eseguire Microsoft Lync Server 2010 con gli aggiornamenti cumulativi più recenti.

    Importante : Gli strumenti amministrativi di Skype for Business Server 2015 devono essere installati in un server separato che dispone di accesso per la connessione alla distribuzione esistente di Lync Server 2010. Il cmdlet Move-CsUser per lo spostamento di utenti dalla distribuzione locale a Skype for Business online deve essere eseguito dagli strumenti amministrativi di Skype for Business Server 2015 connessi alla distribuzione locale.

  • Una distribuzione di Skype for Business Server 2015 in cui tutti i server eseguono Skype for Business Server 2015.

Requisiti per gli elenchi di domini consentiti e bloccati della federazione

L'elenco dei domini consentiti include domini per cui è stato configurato un nome di dominio completo Edge di partner. Questi domini vengono a volte definiti server partner consentiti o partner di federazione diretta. È necessario comprendere la differenza tra federazione aperta e federazione chiusa, definite individuazione del partner ed elenco di domini partner consentiti, rispettivamente, nelle distribuzioni in locale. Per configurare correttamente una distribuzione ibrida, è necessario soddisfare i requisiti seguenti:

  • La corrispondenza dei domini deve essere configurata in modo identico per la distribuzione in locale e per il tenant di Office 365. Se l'individuazione del partner è abilitata nella distribuzione in locale, sarà necessario configurare la federazione aperta per il tenant online. Se l'individuazione del partner non è abilitata, sarà necessario configurare la federazione chiusa per il tenant online.

  • L'elenco dei domini bloccati nella distribuzione in locale deve corrispondere esattamente all'elenco dei domini bloccati per il tenant online.

  • L'elenco dei domini consentiti nella distribuzione in locale deve corrispondere esattamente all'elenco dei domini consentiti per il tenant online.

  • La federazione deve essere abilitata per le comunicazioni esterne per il tenant online, che viene configurato tramite il Pannello di controllo di Skype for Business online.

Impostazioni DNS

Quando si creano record SRV DNS per distribuzioni ibride, i record, _sipfederationtls._tcp.<dominio> e _sip._tls.<dominio>, devono fare riferimento al proxy di accesso locale.

Considerazioni sul firewall

I computer presenti in rete devono essere in grado di eseguire ricerche DNS Internet standard. Se questi computer possono raggiungere siti Internet standard, la rete soddisferà questo requisito.

In base alla posizione del data center, è necessario configurare anche i dispositivi firewall della rete per accettare connessioni basate sui nomi di dominio jolly (ad esempio, tutto il traffico da *.partner.outlook.cn). Se i firewall dell'organizzazione non supportano configurazioni con nomi jolly, sarà necessario determinare manualmente gli intervalli di indirizzi IP che si desidera consentire e le porte specificate.

Fare riferimento all'argomento della Guida URL e intervalli di indirizzi IP per Office 365 gestito da 21Vianet.

Requisiti relativi a porte e protocolli

Oltre ai requisiti relativi alle porte per la comunicazione interna di Skype for Business Server 2015, è necessario configurare anche le porte seguenti per la rete locale.

Protocollo/Porta

Applicazioni

TCP 443

Aperte in ingresso

  • Active Directory Federation Services (ruolo del server federativo)

    Per altre informazioni, vedere Informazioni sui servizi ruolo di ADFS.

  • Active Directory Federation Services (ruolo del server proxy)

  • Portale dei Microsoft Online Services

  • Portale aziendale

  • Outlook Web App

  • Lync client (comunicazioni verso Skype for Business online da Skype for Business Server in locale)

TCP 80 e 443

Aperte in ingresso

  • Strumento di sincronizzazione della directory dei Microsoft Online Services

TCP 5061

Aperte in ingresso/uscita nel server perimetrale

PSOM/TLS 443

Aperte in ingresso/uscita per sessioni di condivisione dati

STUN/TCP 443

Aperte in ingresso/uscita per sessioni di condivisione audio, video e di applicazioni

STUN/UDP 3478

Aperte in ingresso/uscita per sessioni audio e video

RTP/TCP 50000-59999

Aperte in uscita per sessioni audio e video

Account e dati utente

In una distribuzione ibrida di Skype for Business Server 2015, è necessario innanzitutto creare nella distribuzione locale qualsiasi utente da ospitare in Skype for Business online, in modo che l'account utente sia creato in Servizi di dominio Active Directory. Sarà quindi possibile spostare l'utente in Skype for Business online, in modo da spostare l'elenco di contatti dell'utente.

Quando si sincronizzano gli account utente tra la distribuzione locale di Skype for Business e la distribuzione di Skype for Business online con ADFS e Dirsync, sarà necessario sincronizzare gli account di Active Directory per tutti gli utenti di Skype for Business dell'organizzazione tra la distribuzione locale e la distribuzione online di Skype for Business, anche se gli utenti non saranno spostati in Skype for Business online. Se non si sincronizzano tutti gli utenti, è possibile che le comunicazioni tra gli utenti locali e online dell'organizzazione non funzionino come previsto.

Nota : Se l'utente è creato tramite il portale online per Office 365, l'account utente non sarà sincronizzato con Active Directory in locale e l'utente non esisterà in Active Directory in locale. Se sono già stati creati utenti in Skype for Business online e si vuole creare una configurazione ibrida con una distribuzione locale di Skype for Business Server, vedere Spostamento di utenti da Skype for Business online alla distribuzione locale di Skype for Business in Skype for Business Server 2015.

Durante la pianificazione di una distribuzione ibrida, è anche necessario prendere in considerazione le problematiche seguenti correlate agli utenti.

  • Contatti utente - Per gli utenti di Skype for Business online sono permessi al massimo 250 contatti. Eventuali contatti che superano tale numero saranno rimossi dall'elenco di contatti dell'utente quando l'account sarà spostato in Skype for Business online.

  • Messaggistica istantanea e presenza - La migrazione di elenchi di contatti ed elenchi di controllo di accesso è eseguita insieme alla migrazione dell'account utente.

  • Dati per le conferenze, contenuto della riunione e riunioni pianificate - La migrazione di questo contenuto non è eseguita insieme alla migrazione dell'account utente. Dopo la migrazione degli account a Skype for Business online, gli utenti dovranno ripianificare le riunioni.

Criteri e caratteristiche relative agli utenti

  • In un ambiente ibrido di Skype for Business Server 2015 è possibile abilitare gli utenti per la messaggistica istantanea, la comunicazione vocale e le riunioni in locale oppure online, ma non in entrambi gli scenari contemporaneamente.

  • Client Lync - È possibile che, dopo lo spostamento a Skype for Business online, per alcuni utenti sia necessaria una nuova versione del client.

  • Criteri e configurazione locali (non utente) - Per i criteri online e locali sono necessarie configurazioni separate. Non è possibile impostare criteri globali applicabili a entrambi.

Configurazione di distribuzioni ibride per Skype for Business Server 2015

In questa sezione sono descritti i passaggi necessari per configurare distribuzioni ibride di Skype for Business Server 2015. Se sono presenti utenti abilitati per Skype for Business in Skype for Business online, ma non abilitati in una distribuzione locale, vedere Spostamento di utenti da Skype for Business online alla distribuzione locale di Skype for Business in Skype for Business Server 2015.

Credenziali di amministratore

Quando è richiesta l'immissione di credenziali di amministratore, usare il nome utente e la password associati all'account di amministratore per il tenant di Office 365. Le credenziali saranno usate anche per configurare Active Directory Federation Services (AD FS) 2.0, la sincronizzazione della directory, l'accesso Single Sign-On, la federazione e lo spostamento degli utenti a Lync Online.

Connessione a Skype for Business online PowerShell

Gli amministratori ora hanno la possibilità di usare Windows PowerShell per gestire Skype for Business online e gli account utente di Skype for Business online. A questo scopo è necessario scaricare e installare per prima cosa il modulo del connettore di Lync dall'Area download Microsoft. Per altre informazioni su download, installazione e uso del modulo del connettore di Skype for Business online e per informazioni dettagliate sull'uso del modulo, vedere Uso di Windows PowerShell per gestire Lync Online.

Passaggi per la preparazione e la configurazione di Skype for Business Server 2015 locale per la distribuzione ibrida con Skype for Business online

Nella tabella seguente sono disponibili i passaggi necessari per preparare l'ambiente per una distribuzione ibrida con Microsoft Skype for Business online e Microsoft Office 365.

Completato?

Passaggio

Descrizione

Creare un account tenant per Office 365 e abilitare Skype for Business online

Configurare Lync Online.

Aggiungere il dominio e verificare la proprietà

Il dominio è a volte definito dominio personale. È necessario aggiungere il dominio al tenant di Office 365, quindi eseguire la procedura per la convalida del dominio con Office 365, in modo da confermare che si è proprietari del dominio. Per aggiungere il dominio al tenant di Office 365, eseguire la procedura illustrata in Configurare e gestire domini in Office 365 Enterprise e Office 365 Midsize Business. Completare tutti i passaggi in ogni sezione dell'argomento, inclusa la sezione "Modifica dei record DNS per i servizi di Office 365".

Preparare la sincronizzazione di Active Directory

La sincronizzazione di Active Directory mantiene la distribuzione locale di Active Directory sempre sincronizzata con Office 365. Ciò permette di creare versioni sincronizzate di ogni account utente e gruppo e consente inoltre la sincronizzazione dell'elenco di indirizzi globale dall'ambiente locale di Microsoft Exchange Server locale a Microsoft Exchange Online.

È necessario sincronizzare gli account di Active Directory per tutti gli utenti di Skype for Business dell'organizzazione tra la distribuzione locale e la distribuzione online di Skype for Business, anche se gli utenti non saranno spostati in Skype for Business online. Se non si sincronizzano tutti gli utenti, è possibile che le comunicazioni tra gli utenti locali e online dell'organizzazione non funzionino come previsto.

Per preparare l'ambiente alla sincronizzazione di Active Directory, vedere Servizi di integrazione della directory.

Creare certificati per Active Directory Federation Services (AD FS)

Dopo avere creato i certificati usati per la federazione delle identità con Office 365, sarà necessario installarli e assegnarli.

Spostare gli utenti del programma pilota in Skype for Business online

Al termine della procedura per la preparazione e la configurazione dell'ambiente per Skype for Business online, sarà possibile iniziare a spostare gli utenti del programma pilota in Skype for Business online. Vedere Spostare utenti in Skype for Business online in Skype for Business Server 2015.

Amministrazione degli utenti in una distribuzione ibrida

Per informazioni dettagliate sull'amministrazione di utenti in una distribuzione ibrida, vedere Amministrazione degli utenti in una distribuzione ibrida di Skype for Business Server 2015.

Configurare la federazione di Skype for Business 2015 Server con Skype for Business online

La federazione permette agli utenti della distribuzione locale di comunicare con gli utenti di Office 365 dell'organizzazione. Per configurare la federazione, eseguire i cmdlet seguenti:

New-CSHostingProvider -Identity LyncOnline -ProxyFqdn "sipfed.online.partner.lync.cn" -Enabled $true -EnabledSharedAddressSpace $true -HostsOCSUsers $true -VerificationLevel UseSourceVerification -IsLocal $false -AutodiscoverUrl https://webdir.online.partner.lync.cn/Autodiscover/AutodiscoverService.svc/root

Configurare il tenant di Skype for Business online per uno spazio di indirizzi SIP condiviso

Un indirizzo SIP (Session Initiation Protocol) è un identificatore univoco per ogni utente in una rete, simile a un numero di telefono o un indirizzo di posta elettronica. Prima di provare a spostare gli utenti di Skype for Business dalla distribuzione locale a Skype for Business online, sarà necessario configurare il tenant di Office 365 per la condivisione dello spazio di indirizzi SIP con la distribuzione locale. Se non lo si configura, potrebbe essere visualizzato il messaggio di errore seguente:

Move-CsUser : HostedMigration fault: Error=(510), Description=(Il tenant dell'utente non è abilitato per lo spazio di indirizzi SIP).

Per configurare uno spazio di indirizzi SIP condiviso, stabilire una sessione di PowerShell remota con Skype for Business online, quindi eseguire il cmdlet seguente:

Set-CsTenantFederationConfiguration -SharedSipAddressSpace $true

Per stabilire una sessione di PowerShell remota con Skype for Business online, è prima di tutto necessario installare il modulo Skype for Business online per Windows PowerShell, disponibile in Modulo di Windows PowerShell per Lync Online.

Dopo l'installazione del modulo, sarà possibile stabilire una sessione con i cmdlet seguenti:

Import-Module LyncOnlineConnector
$cred = Get-Credential
$CSSession = New-CsOnlineSession -Credential $cred
Import-PSSession $CSSession -AllowClobber

Per altre informazioni su come stabilire una sessione di PowerShell remota con Skype for Business online, vedere Connessione a Lync Online tramite Windows PowerShell.

Per altre informazioni sull'uso del modulo PowerShell per Skype for Business online, vedere Uso di Windows PowerShell per gestire Lync Online.

Spostare gli utenti in Skype for Business online in Skype for Business Server 2015

Prima di avviare la migrazione degli utenti in Skype for Business online, è consigliabile eseguire il backup dei dati utente associati agli account da spostare. Non tutti i dati utente sono spostati insieme all'account utente. Per informazioni, vedere Requisiti di backup e ripristino in Lync Server 2013: dati.

Eseguire la migrazione delle impostazioni utente in Skype for Business online

Le impostazioni utente sono spostate insieme all'account utente. Alcune impostazioni locali non sono però spostate insieme all'account utente.

Spostamento degli utenti del programma pilota in Skype for Business online

Prima di iniziare a spostare gli utenti in Skype for Business online, è consigliabile spostare alcuni utenti del programma pilota per confermare che l'ambiente sia configurato correttamente. È quindi possibile verificare il funzionamento corretto delle funzionalità e dei servizi di Skype for Business prima di provare a spostare altri utenti.

Per spostare un utente locale nel tenant di Skype for Business online, eseguire i cmdlet seguenti in Skype for Business Server Management Shell, usando le credenziali di amministratore del tenant di Microsoft Office 365. Sostituire "username@contoso.com" con le informazioni relative all'utente da spostare.

$creds=Get-Credential
Move-CsUser -Identity username@contoso.com -Target sipfed.online.partner.lync.cn -Credential $creds -HostedMigrationOverrideUrl <URL>

Il formato dell'URL specificato per il parametro HostedMigrationOverrideUrl deve essere l'URL per il pool in cui è in esecuzione il servizio di migrazione ospitata, con il formato seguente: Https://<Nome completo pool>/HostedMigration/hostedmigrationService.svc.

Per determinare l'URL per il servizio di migrazione ospitata, è possibile visualizzare l'URL del Pannello di controllo di Skype for Business online dell'account del tenant di Office 365.

Per determinare l'URL del servizio di migrazione ospitata per il tenant di Office 365
  1. Accedere al tenant di Office 365 come amministratore.

  2. Aprire l'Interfaccia di amministrazione di Skype for Business.

  3. Con l'Interfaccia di amministrazione di Skype for Business visualizzata, selezionare e copiare l'URL nella barra degli indirizzi fino a partner.lync.cn. Un URL di esempio ha un aspetto simile al seguente:

    https://webdir0a.online.partner.lync.cn/lscp/?language=zh-cn&tenantID=
  4. Sostituire WebDir nell'URL con admin, per ottenere il risultato seguente:

    https://admin0a.online.partner.lync.cn
  5. Aggiungere la stringa seguente all'URL: /HostedMigration/hostedmigrationservice.svc. L'URL risultante, ovvero il valore di HostedMigrationOverrideUrl, dovrebbe avere un aspetto analogo al seguente:

    https://admin0a.online.partner.lync.cn/HostedMigration/hostedmigrationservice.svc

Spostamento di utenti in Lync Online

È possibile spostare più utenti usando il cmdlet Get-CsUser con il parametro –Filter per selezionare gli utenti con una proprietà specifica assegnata agli account utente, ad esempio RegistrarPool. È quindi possibile eseguire il piping degli utenti restituiti al cmdlet Move-CsUser, come mostrato nell'esempio seguente.

Get-CsUser -Filter {UserProperty -eq "UserPropertyValue"} | Move-CsUser -Target sipfed.online.partner.lync.cn -Credential $creds -HostedMigrationOverrideUrl <URL>

Si può anche usare il parametro –OU per recuperare tutti gli utenti nell'unità organizzativa specificata, come mostrato nell'esempio seguente.

Get-CsUser -OU "cn=hybridusers,cn=contoso.." | Move-CsUser -Target sipfed.online.partner.lync.cn -Credentials $creds -HostedMigrationOverrideUrl <URL>

Verificare le impostazioni utente e le funzionalità di Skype for Business online

È possibile confermare la riuscita dello spostamento dell'utente nei modi seguenti:

  • Visualizzare lo stato dell'utente nel Pannello di controllo di Skype for Business online. L'indicatore visivo per gli utenti locali e online è diverso.

  • Eseguire il cmdlet seguente:

    Get-CsUser -Identity

Amministrazione degli utenti in una distribuzione ibrida di Skype for Business Server 2015

È possibile gestire le impostazioni utente e i criteri per gli utenti di cui è stata eseguita la migrazione in Skype for Business online usando le funzionalità di Gestione utenti disponibili nel portale online di Microsoft Office 365. Per eseguire le attività amministrative, è necessario accedere usando l'account di amministratore del tenant.

Ritorno degli utenti nella distribuzione locale

Questa sezione è applicabile solo agli utenti creati e abilitati per la distribuzione locale di Skype for Business e quindi spostati dalla distribuzione locale a Skype for Business online. Per spostare utenti creati in Skype for Business online e mai abilitati per Skype for Business in una distribuzione locale, vedere Spostamento di utenti da Skype for Business online alla distribuzione locale di Skype for Business in Skype for Business Server 2015.

Eseguire i cmdlet seguenti per spostare di nuovo un utente da Skype for Business online alla distribuzione locale di Skype for Business:

$cred=Get-Credential
Move-CsUser -Identity username@contoso.com -Target localpool.contoso.com -Credential $cred -HostedMigrationOverrideUrl <URL>

Per determinare l'URL per il servizio di migrazione ospitata, vedere "Per determinare l'URL del servizio di migrazione ospitata per il tenant di Office 365" nella sezione precedente.

Migrazione di utenti di Skype for Business online alla distribuzione locale di Skype for Business in Skype for Business Server 2015

Questi passaggi sono necessari solo per la migrazione di account utente abilitati in origine per Skype for Business in Skype for Business online, prima della distribuzione locale di Skype for Business. Per spostare utenti abilitati in origine per la distribuzione locale di Skype for Business e quindi spostati in un secondo momento in Skype for Business online, vedere "Amministrazione degli utenti in una distribuzione ibrida di Skype for Business Server 2015" in questo argomento. È anche necessario che tutti gli utenti da spostare dispongano di account nella distribuzione locale di Active Directory.

Migrazione nella distribuzione locale di Skype for Business di account utente abilitati in origine in Skype for Business online
  1. Assicurarsi prima di tutto che l'organizzazione sia configurata per una distribuzione ibrida.

    • Installare lo Strumento di sincronizzazione di Windows Azure Active Directory.

    • Per abilitare gli utenti all'uso di Single Sign-On per Skype for Business online, installare Active Directory Federation Services.

    • Nella distribuzione locale digitare in Skype for Business Management Shell i cmdlet seguenti per creare il provider di hosting per Skype for Business online:

      Set-CSAccessEdgeConfiguration -AllowOutsideUsers 1 -AllowFederatedUsers 1 -UseDnsSrvRouting -EnablePartnerDiscovery $true
      New-CSHostingProvider -Identity LyncOnline -Name LyncOnlin -ProxyFqdn "sipfed.online.partner.lync.cn" -Enabled $true -EnabledSharedAddressSpace $true -HostsOCSUsers $true -VerificationLevel UseSourceVerification -IsLocal $false -AutodiscoverUrl https://webdir.online.partner.lync.cn/Autodiscover/AutodiscoverService.svc/root
  2. Accertarsi che nei server perimetrali sia disponibile la catena di certificati che permette la connessione a Skype for Business online. Per altre informazioni, vedere Modifiche al certificato SSL del servizio Lync Online per la connettività client.

  3. Nella distribuzione locale di Active Directory abilitare gli account utente interessati per la distribuzione locale di Skype for Business. Per abilitare un singolo utente, digitare il cmdlet seguente:

    Enable-CsUser -Identity "username" -SipAddress "sip: username@contoso.com" -HostingProviderProxyFqdn "sipfed.online.partner.lync.cn"

    In alternativa, è possibile creare uno script che legge i nomi utente da un file e li fornisce come input al cmdlet Enable-CsUser:

    Enable-CsUser -Identity $Identity -SipAddress $SipAddress -HostingProviderProxyFqdn "sipfed.online.partner.lync.cn"
  4. Eseguire DirSync per sincronizzare gli utenti di Skype for Business online con gli utenti aggiornati della distribuzione locale di Skype for Business.

  5. Aggiornare alcuni record DNS per indirizzare tutto il traffico SIP alla distribuzione locale di Skype for Business:

    • Aggiornare il record A di lyncdiscover.contoso.com in modo che faccia riferimento al nome di dominio completo del server proxy inverso locale.

    • Aggiornare il record SRV di _sip._tls.contoso.com in modo da risolvere l'indirizzo IP pubblico o l'indirizzo VIP del servizio Access Edge della distribuzione locale di Skype for Business.

    • Aggiornare il record SRV di _sipfederationtls._tcp.contoso.com in modo da risolvere l'indirizzo IP pubblico o l'indirizzo VIP del servizio Access Edge della distribuzione locale di Skype for Business.

    • Se l'organizzazione usa il DNS diviso, assicurarsi che gli utenti che risolvono i nomi tramite l'area DNS interna siano indirizzati al pool front-end.

  6. Eseguire il cmdlet Get-CsUser per verificare alcune proprietà relative agli utenti da spostare. Assicurarsi che HostingProviderProxyFQDN sia impostato su "sipfed.online.partner.lync.cn" e che gli indirizzi SIP siano configurati correttamente.

  7. Spostare utenti di Skype for Business online nella distribuzione locale di Skype for Business.

    Per spostare un singolo utente, eseguire i cmdlet seguenti:

    $cred = Get-Credential
    Move-CsUser -Identity <username>@contoso.com -Target "<fe-pool>.contoso.com" -Credential $cred -HostedMigrationOverrideURL <URL>

    È possibile spostare più utenti tramite il cmdlet Get-CsUSer con il parametro –Filter per selezionare gli utenti con una proprietà specifica. È ad esempio possibile selezionare tutti gli utenti di Skype for Business online applicando il filtro {Hosting Provider –eq "sipfed.online.partner.lync.cn"}. È quindi possibile eseguire il piping degli utenti restituiti al cmdlet Move-CsUSer, come mostrato nell'esempio seguente.

    Get-CsUser -Filter {Hosting Provider -eq "sipfed.online.partner.lync.cn"} | Move-CsUser -Target "<fe-pool>.contoso.com" -Credential $creds -HostedMigrationOverrideURL <URL>

    Il formato dell'URL specificato per il parametro HostedMigrationOverrideUrl deve corrispondere all'URL per il pool in cui è in esecuzione il servizio di migrazione ospitata, con il formato seguente: Https://<Nome completo pool>/HostedMigration/hostedmigrationService.svc. Per determinare l'URL del servizio di migrazione ospitata, è possibile visualizzare l'URL del Pannello di controllo di Skype for Business online dell'account del tenant di Office 365.

    Nota : La dimensione massima predefinita per i file di log delle transazioni del database rtcxds è 16 GB. È possibile che non sia sufficiente, se si sposta un numero elevato di utenti contemporaneamente, in particolare se è abilitato il mirroring. Per risolvere il problema è possibile aumentare le dimensioni del file o eseguire regolarmente il backup dei file di log. Per altre informazioni, vedere http://support.microsoft.com/kb/2756725.

  8. Questo passaggio è facoltativo. Se è necessaria l'integrazione con Exchange 2013 Online, occorrerà usare un provider di hosting aggiuntivo. Per informazioni dettagliate, vedere Configurazione dell'integrazione di Lync Server 2013 locale con Exchange Online.

  9. Gli utenti vengono spostati. Per verificare che i valori degli attributi mostrati nella tabella seguente per un utente siano corretti, digitare questo cmdlet:

    Get-CsUser | fl DisplayName,HostingProvider,SipAddress,Enabled

    Attributo di Active Directory

    Nome attributo

    Valore per utente di Skype for Business online

    Valore per utente di Skype for Business locale

    msRTCSIP-DeploymentLocator

    HostingProvider

    sipfed.online.partner.lync.cn

    SRV:

    msRTCSIP-PrimaryUserAddress

    SIPAddress

    sip:userName@contoso.com

    sip:userName@contoso.com

    sRTCSIP-UserEnabled

    Abilitato

    True

    True

  10. Ogni utente spostato dovrà disconnettersi da Skype for Business e quindi accedere di nuovo. Dopo avere effettuato l'accesso, è consigliabile che gli utenti verifichino i propri elenchi di contatti e, se necessario, aggiungano contatti. Tenere presente che le riunioni pianificate non vengono trasferite da Skype for Business online alla distribuzione locale di Skype for Business ma dovranno essere pianificate di nuovo dopo lo spostamento.

    Dopo l'aggiornamento dei record DNS e l'indirizzamento di tutti gli utenti alla distribuzione locale, l'attributo HostingProvider indica agli utenti di Skype for Business di usare i record SRV o il provider online "sipfed.online.partner.lync.cn".

Amplia le tue competenze
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per i tuoi commenti e suggerimenti

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×