Come procedere se si individuano errori nel proprio curriculum dopo averlo inviato a un datore di lavoro

Agosto 2010

Di Karen Hofferber, Certified Professional Resume Writer (CPRW) presso ResumePower.com

Marco era entusiasta quando ha trovato un annuncio per la posizione che aveva sempre sognato sul sito Web di un'azienda Fortune 500. Il suo background e le sue qualifiche erano perfettamente in linea con la descrizione della figura richiesta. Sembrava la risposta ideale alle sue aspettative di carriera. Dal momento che il termine per l'invio dei curriculum era imminente, si è precipitato a rispondere. Tuttavia, dopo avere frettolosamente inviato la lettera di presentazione e il curriculum, le sue speranze si sono infrante non appena ha scoperto diversi errori in entrambi i documenti.

Questa situazione si presenta piuttosto di frequente.

Come è necessario procedere se si individuano errori nel curriculum o nella lettera di presentazione dopo avere inviato i documenti a un datore di lavoro? È preferibile inviare nuovamente il curriculum e spiegare il problema o è meglio evitare di farlo, sperando che gli errori passino inosservati?

Scoprire un errore dopo avere fatto clic sul pulsante “Invia” è scoraggiante, ma non è necessariamente un problema grave. Se si tratta di un errore di scarsa importanza, ad esempio una virgola nella posizione sbagliata o un punto mancante, probabilmente non è necessario inviare nuovamente il documento (è tuttavia consigliabile salvarne una versione corretta da utilizzare in futuro).

Se tuttavia sono presenti diversi problemi, errori di battitura, rappresentazioni erronee dei fatti o errori gravi, inviare nuovamente il curriculum è una scelta migliore rispetto a sperare che il datore di lavoro non noti gli errori. È sufficiente includere una breve lettera di presentazione in cui si spiega che il curriculum è stato aggiornato di recente e, a causa del proprio grande interesse per l'opportunità offerta dall'azienda, si desidera rendere disponibile la versione più recente del materiale. La maggior parte delle aziende utilizza una tecnologia automatizzata per l'archiviazione dei curriculum e, quando viene ricevuto un nuovo file, la versione precedente viene semplicemente eliminata. Si tratta di un'ottima occasione per fare in modo che gli errori non vengano notati.

Mantenendo sempre aggiornato il proprio curriculum, è possibile evitare questo problema in futuro. Anche se non si prevede un cambiamento a livello professionale, è importante aggiornare il proprio curriculum almeno una volta all'anno. In questo modo, qualora si presentasse un'opportunità imprevista o circostanze inaspettate rendessero necessario cercare una nuova posizione, si avrà sempre a disposizione un curriculum aggiornato e riletto con attenzione, invece di doverlo preparare frettolosamente prima della scadenza del termine per l'invio delle domande.

Suggerimento per la progettazione del curriculum in Microsoft Word: selezionare il tipo di carattere per il curriculum

Microsoft Word offre numerosi tipi di carattere, da quelli tradizionali ai più stravaganti. Tuttavia, qual è il tipo di carattere migliore da utilizzare in un curriculum? Vi sono numerose risposte “giuste” a questa domanda.

I tipi di carattere possono essere suddivisi in due categorie di base: serif e sans serif. Nei tipi di carattere serif i tratti più spessi delle lettere sono abbelliti da linee sottili (si pensi ad esempio al titolo della rivista Time). I tipi di carattere serif hanno un aspetto professionale e senza tempo e possono essere un'opzione eccellente per i manager di alto livello o i professionisti che operano in campi tradizionali come la contabilità, le banche e la finanza. Alcuni esempi di tipi di carattere serif che rappresentano una scelta eccellente per un curriculum sono: Garamond, Palatino, Book Antiqua, Bookman Old Style, Century Schoolbook e Goudy.

I tipi di carattere sans serif sono caratteri privi di serif. I tratti che compongono ogni lettera hanno la stessa larghezza e non vi sono “grazie” o abbellimenti delle lettere. I tipi di carattere sans serif hanno un aspetto pulito e moderno e rappresentano una soluzione ideale per i professionisti che desiderano proiettare un'immagine “all'avanguardia” (professionisti IT, responsabili marketing o progettisti). Alcuni esempi di tipi di carattere sans serif che rappresentano una scelta eccellente per un curriculum sono: Arial, Verdana, Tahoma, Franklin Gothic e Century Gothic.

I tipi di carattere più stravaganti, come Fajita, Paisley, Kids e Litterbox, sono perfetti per i materiali pubblicitari, ma non sono appropriati per un curriculum. Quando si seleziona un tipo di carattere per il proprio curriculum, è importante pensare in termini di “leggibilità”, “immagine professionale” e “presentazione pulita”.

Per selezionare un tipo di carattere in Microsoft Word 2010: nel gruppo Carattere della scheda Home fare clic su Carattere per scegliere il tipo e la dimensione del carattere.

Informazioni sull'autore

Karen Hofferber è Certified Professional Resume Writer e Senior Resume Writer presso ResumePower.com. Per chi desidera cambiare lavoro, può essere utile la lettura di The Career Change Resume di Kim Isaacs e Karen Hofferber. È possibile contattare Karen presso ResumePower.com.

Amplia le tue competenze
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per i tuoi commenti e suggerimenti

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×