Collegare o importare dati da un server di database SQL di Azure

Collegare o importare dati da un server di database SQL di Azure

È possibile importare o creare un collegamento a dati che risiedono in un database SQL, un database di gestito ad alte prestazioni usato per applicazioni cruciali. Per altre informazioni, vedere Database SQL, un database cloud come servizio.

  • Quando si crea un collegamento ai dati, Access crea una connessione bidirezionale che sincronizza le modifiche ai dati in Access e nel database SQL.

  • Quando si importano dati, Access crea una copia unica dei dati, quindi le modifiche apportate ai dati in Access o nel database di SQL non vengono sincronizzate.

Panoramica della connessione di Access a SQL Server

Prima di iniziare

Preparativi di base

Per semplificare la procedura, prima di collegare o importare, eseguire le operazioni preparatorie seguenti:

  • Individuare il nome del server di database SQL di Azure, identificare le informazioni di connessione necessarie e scegliere un metodo di autenticazione (Windows o SQL Server). Per altre informazioni sui quattro metodi di autenticazione, vedere Connetti al server (Motore di database) e Protezione del database.

  • Identificare le tabelle o le visualizzazioni da collegare o importare e i campi con valore univoco per le tabelle collegate. È possibile collegare o importare più tabelle o visualizzazioni in un'unica operazione.

  • Considerare il numero di colonne in ogni tabella o visualizzazione. Access non supporta più di 255 campi in una tabella, quindi importa o collega solo le prime 255 colonne. Per ovviare al problema, si può creare una visualizzazione nel database del server SQL di Azure per accedere alle colonne oltre il limite.

  • Determinare la quantità totale di dati da importare. La dimensione massima di un database di Access è di due gigabyte, meno lo spazio necessario per gli oggetti di sistema. Se il database del server SQL di Azure contiene tabelle di grandi dimensioni, potrebbe essere impossibile importarle tutte in un unico database di Access. In questo caso, è consigliabile collegare i dati anziché importarli.

  • Proteggere il database di Access e le informazioni di connessione che contiene usando un percorso attendibile e una password per il database di Access. Questo è particolarmente importante se si sceglie di salvare la password di SQL Server in Access.

  • Pianificare la creazione di relazioni aggiuntive Access non crea automaticamente relazioni tra le tabelle correlate al termine di un'operazione di importazione. È possibile creare manualmente le relazioni tra tabelle nuove ed esistenti usando la finestra Relazioni. Per altre informazioni, vedere Informazioni sulla finestra Relazioni e Creare, modificare o eliminare una relazione.

Configurare l'ambiente del server SQL di Azure

È possibile che l'organizzazione abbia già un account di Microsoft Azure e un database del server SQL di Azure che si può usare. In caso contrario, si può procedere come segue:

  1. Creare un account di Azure. Per altre informazioni, vedere Crea subito il tuo account Azure gratuito.

  2. Se non si ha accesso a un database del server SQL di Azure, se ne può creare uno. Per altre informazioni, vedere Creare un database SQL di Azure nel portale di Azure.

Assicurarsi di conservare le informazioni importanti per non dimenticarle, ad esempio le credenziali e i nomi account.

Creare una regola del firewall

Prima di eseguire la connessione a un server di database SQL di Microsoft Azure, l'amministratore del database deve creare regole del firewall a livello di server. Queste regole specificano l'indirizzo IP (Internet Protocol) pubblico che consente l'accesso client di ogni dispositivo al server attraverso il firewall di Azure. Verificare il tipo di IP indirizzo pubblico usato nella propria organizzazione, statico o dinamico:

  • Se l'indirizzo IP pubblico è statico, è sempre uguale. È possibile specificare una regola del firewall con un unico indirizzo IP pubblico.

  • Se l'indirizzo IP pubblico è dinamico, può cambiare nel tempo. È necessario specificare una regola del firewall con un intervallo di indirizzi IP pubblici. Tenere presente che l'indirizzo IP pubblico usato dal dispositivo per la connessione al database di SQL Azure può essere diverso rispetto all'indirizzo IP pubblico mostrato nelle impostazioni di configurazione IP pubblico del computer.

Per evitare confusione, è consigliabile usare le procedure seguenti.

  1. Accedere al proprio account di Microsoft Azure e passare al portale di Microsoft Azure.

  2. Nella pagina Database SQL di Microsoft Azure fare clic sul proprio database.

  3. Nel riquadro di riepilogo rapido fare clic su fare clic su Gestisci indirizzi IP consentiti e quindi eseguire una delle operazioni seguenti:

    Creare una regola del firewall per un singolo dispositivo    Usare questo approccio per i test e lo sviluppo oppure in un ambiente aziendale di piccole dimensioni e quando si è certi che l'indirizzo IP pubblico è statico.

    • Nella sezione Indirizzi IP consentiti selezionare Aggiungi a indirizzi IP consentiti per consentire al proprio indirizzo IP pubblico di accedere al database attraverso il firewall. Il portale di Azure mostra l'indirizzo IP pubblico corretto per il dispositivo client sopra la sezione dei nomi delle regole.

    Creare una regola del firewall per un intervallo di indirizzi IP Usare questo approccio per consentire l'accesso a molti utenti in un ambiente locale o se l'indirizzo IP pubblico è dinamico. Rivolgersi al reparto IT o al provider Internet per ottenere un blocco di indirizzi IP pubblici.

    1. In NOME REGOLA immettere un nome significativo per la regola.

    2. In INDIRIZZO IP INIZIALE immettere il numero di indirizzo IP pubblico iniziale dell'intervallo.

    3. In INDIRIZZO IP FINALE immettere il numero di indirizzo IP pubblico finale dell'intervallo.

Perché la regola del firewall diventi effettiva possono essere necessari fino a cinque minuti. Per altre informazioni, vedere Regole firewall per il database SQL di Azure.

Fase 1: attività iniziali

  1. Selezionare Dati esterni > Nuova origine dati > Da database > Da SQL Server.

  2. Nella finestra di dialogo Carica dati esterni- Database ODBC eseguire una delle operazioni seguenti:

    • Per importare dati, selezionare Importa dati di origine in una nuova tabella nel database corrente.

    • Per collegare dati, selezionare Collega all'origine dati creando una tabella collegata.

  3. Scegliere OK.

Fase 2: creare o riutilizzare un file DSN

È possibile creare un file DSN o riutilizzare uno esistente. Usare un file DSN quando si vogliono usare le stesse informazioni di connessione per operazioni di importazione e collegamento diverse oppure per condividerle con un'altra applicazione che usa anch'essa file DSN. È possibile creare direttamente un file DSN usando il gestore delle connessioni dati. Per altre informazioni, vedere Amministrare origini dati ODBC.

Anche se è comunque possibile usare versioni precedenti del driver ODBC SQL, è consigliabile usare la versione 13.1, in cui sono stati introdotti numerosi miglioramenti e che supporta le nuove caratteristiche di SQL Server 2016. Per altre informazioni, vedere Microsoft ODBC Driver for SQL Server in Windows.

  1. Eseguire una delle operazioni seguenti:

    • Se il file DSN che si vuole usare esiste già, selezionarlo dall'elenco.

      Finestra di dialogo Selezione origine dati

      In base al metodo di autenticazione inserito nelle informazioni di connessione, potrebbe essere necessario immettere di nuovo una password.

    • Per creare un nuovo file DSN:

      1. Scegliere Nuovo.

        Finestra di dialogo Crea nuova origine dati
      2. Selezionare ODBC Driver 13 for SQL Server e quindi selezionare Avanti.

      3. Immettere un nome per il file DSN oppure fare clic su Sfoglia per creare il file in un percorso diverso.

  2. Fare clic su Avanti per esaminare le informazioni di riepilogo, quindi fare clic su Fine.

Fase 3: usare la procedura guidata Crea una nuova origine dati per un server SQL

Nella procedura guidata Crea una nuova origine dati per un server SQL eseguire le operazioni seguenti:

  1. Nella prima pagina immettere le informazioni di identificazione:

    • Nella casella Descrizione immettere facoltativamente informazioni di carattere documentale sul file DSN.

    • Nella casella Server immettere il nome del server di database SQL di Azure. Ad esempio, immettere "mioDBAzure.database.windows.net". Non fare clic sulla freccia in giù.

  2. Nella seconda pagina selezionare uno dei metodi di autenticazione seguenti:

  3. Nella terza e nella quarta pagina selezionare le varie opzioni per personalizzare la connessione. Per altre informazioni su queste opzioni, vedere Microsoft ODBC Driver for SQL Server.

  4. Viene visualizzata una schermata di conferma delle impostazioni. Selezionare Test origine dati per confermare la connessione.

  5. Può essere necessario effettuare l'accesso al database. Nella finestra di dialogo Accesso a SQL Server immettere ID di accesso e password. Per modificare altre impostazioni, selezionare Opzioni.

Fase 4: selezionare le tabelle da collegare o importare

  1. Nella finestra di dialogo Collega tabelle o Importa oggetti, in Tabelle, selezionare ogni tabella o visualizzazione che si vuole collegare o importare e quindi fare clic su OK.

    Elenco delle tabelle da collegare o importare
  2. In un'operazione di collegamento, decidere se selezionare Salva password.

    Sicurezza    Selezionando questa opzione non sarà necessario immettere le credenziali ogni volta che si apre Access e si accede ai dati. Tuttavia, si archivia una password non crittografata nel database di Access. Questo vuol dire che qualsiasi utente in grado di accedere al contenuto di origine potrà visualizzare il nome utente e la password. Se si seleziona questa opzione, è consigliabile archiviare il database di Access in un percorso attendibile e creare una password per il database di Access. Per altre informazioni, vedere Decidere se considerare attendibile un database e Crittografare un database usando una password di database.

Fase 5: creare specifiche e attività (solo importazione)

Risultati

Al termine, un'operazione di collegamento o importazione, le tabelle vengono visualizzate nel riquadro di spostamento con lo stesso nome della tabella o visualizzazione di SQL Server, combinato con il nome del proprietario. Se ad esempio, il nome SQL è dbo.Prodotto, il nome di Accesso è dbo_Prodotto. Se il nome è già in uso, Access aggiungerà "1" al nome della nuova tabella, ad esempio dbo_Prodotto1. Se anche dbo_Prodotto1 è già in uso, Access creerà dbo_Prodotto2 e così via. È comunque possibile rinominare le tabelle con nomi più descrittivi.

In un'operazione di importazione, Access non sovrascrive mai una tabella nel database. Anche se non è possibile accodare direttamente dati di SQL Server a una tabella esistente, si può creare una query di accodamento per collegare i dati dopo averli importati dati da tabelle simili.

In un'operazione di collegamento, se le colonne sono di sola lettura in una tabella del server SQL di Azure lo sono anche in Access.

Suggerimento    Per vedere la stringa di connessione, posizionare il puntatore sulla tabella nel riquadro di spostamento di Access.

Aggiornare la struttura della tabella collegata

Non è possibile aggiungere, eliminare o modificare colonne né modificare i tipi di dati in una tabella collegata. Se si vogliono apportare modifiche alla struttura, farlo nel database del server SQL di Azure. Per vedere le modifiche alla struttura in Access, aggiornare le tabelle collegate:

  1. Selezionare Dati esterni > Gestione tabelle collegate.

  2. Selezionare ogni tabella collegata che si vuole aggiornare, selezionare OK e quindi selezionare Chiudi.

Confrontare i tipi di dati

I tipi di dati di Access sono denominati in modo diverso rispetto ai tipi di dati del server SQL di Azure. Ad esempio, una colonna del tipo di dati bit del server SQL di Azure viene importata o collegata in Access con il tipo di dati Sì/No. La tabella seguente contiene il confronto tra i tipi di dati di Access e del server SQL di Azure.

Tipo di dati di SQL Server

Tipo di dati di Access

Dimensione campo di Access

bigint

Numero grande

Vedere Uso del tipo di dati Numero grande.

binary (dimensione campo)

Binario

Come la dimensione campo di SQL Server

bit

Sì/No

char (dimensione campo), dove la dimensione del campo è minore o uguale a 255

Testo

Come la dimensione campo di SQL Server

char (dimensione campo), dove la dimensione del campo è maggiore di 255

Memo

datetime

Data e ora

decimal (precisione, scala)

Numero

Decimale (le proprietà precisione e scala di Access corrisponderanno a precisione e scala di SQL Server).

float

Numero

Precisione doppia

image

Oggetto OLE

int

Numero

Intero lungo

money

Valuta

nchar (dimensione campo), dove la dimensione del campo è minore o uguale a 255

Testo

Come la dimensione campo di SQL Server

nchar (dimensione campo), dove la dimensione del campo è maggiore di 255

Memo

ntext

Memo

numeric (precisione, scala)

Numero

Decimale (le proprietà precisione e scala di Access corrisponderanno a precisione e scala di SQL Server).

nvarchar (dimensione campo), dove la dimensione del campo è minore o uguale a 255

Testo

Come la dimensione campo di SQL Server

nvarchar (dimensione campo), dove la dimensione del campo è maggiore di 255

Memo

nvarchar(MAX)

Memo

real

Numero

Precisione singola

smalldatetime

Data e ora

smallint

Numero

Intero

smallmoney

Valuta

sql_variant

Testo

255

text

Memo

timestamp

Binario

8

tinyint

Numero

Byte

uniqueidentifier

Numero

ID replica

varbinary

Binario

Come la dimensione campo di SQL Server

varbinary (MAX)

Oggetto OLE

varchar (dimensione campo), dove la dimensione del campo è minore o uguale a 255

Testo

Come la dimensione campo di SQL Server

varchar (dimensione campo), dove la dimensione del campo è maggiore di 255

Memo

varchar(MAX)

Memo

xml

Memo

Amplia le tue competenze
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per i tuoi commenti e suggerimenti

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×