Collegare o importare dati da Salesforce

È possibile collegare o importare dati da Salesforce, ovvero una soluzione aziendale basata sul cloud per CRM (Customer Relationship Management). Per altre informazioni, vedere Salesforce.com.

  • Quando si crea un collegamento ai dati, Access crea una connessione bidirezionale che sincronizza le modifiche ai dati in Access e Salesforce.

  • Quando si importano dati, Access crea una copia unica dei dati, quindi le modifiche apportate ai dati in Access o in Salesforce non vengono sincronizzate.

Connessione da Access a Salesforce

Nota    La possibilità di collegare o importare dati da Salesforce è supportata solo in uno dei piani di Office 365 Enterprise seguenti: Office 365 ProPlus, Office 365 Enterprise E3 e Office 365 Enterprise E5. Per altre informazioni, vedere Confrontare i piani di Office 365 Enterprise.

Prima di iniziare

Per semplificare la procedura, prima di collegare o importare, eseguire le operazioni preparatorie seguenti:

  • Identificare le informazioni di connessione necessarie, incluso il nome utente, la password e il token. È necessario immettere un token di sicurezza, ovvero un codice alfanumerico che distingue tra maiuscole e minuscole, se si prova da accedere a Salesforce da un indirizzo IP (Internet Protocol) esterno all'intervallo IP attendibile dell'azienda. Per altre informazioni, vedere Reimpostare il token di sicurezza.

  • Il driver ODBC usato per accedere a Salesforce richiede un account di Salesforce basato su Developer Edition, Professional Edition, Enterprise Edition o Unlimited Edition. Per usare questo driver, l'accesso API deve essere abilitato. Per altre informazioni, vedere Controllare i singoli accessi dei client API nell'organizzazione di Salesforce.

  • Identificare le tabelle da collegare o importare. È possibile collegare o importare più tabelle in un'unica operazione.

  • Considerare il numero di colonne in ogni tabella. Access non supporta più di 255 campi in una tabella, quindi importa o collega solo le prime 255 colonne.

  • Determinare la quantità totale di dati da importare. La dimensione massima di un database di Access è di due gigabyte, meno lo spazio necessario per gli oggetti di sistema. Se Salesforce contiene tabelle di grandi dimensioni, potrebbe essere impossibile importarle tutte in un unico database di Access. In questo caso, è consigliabile collegare i dati invece di importarli.

  • Proteggere il database di Access e le informazioni di connessione che contiene usando un percorso attendibile e una password per il database di Access. Per altre informazioni, vedere Decidere se considerare attendibile un database e Crittografare un database usando una password di database.

  • Pianificare la creazione di altre relazioni. Access collega o importa le tabelle selezionate, ma non tutte le tabelle correlate nel modello di dati di Salesforce. Per altre informazioni su questo modello di dati, vedere Panoramica del modello di dati.

    Access non prova a creare automaticamente relazioni tra le tabelle correlate, ma è possibile creare manualmente le relazioni tra le tabelle nuove ed esistenti usando la finestra Relazioni. Per altre informazioni, vedere Informazioni sulla finestra Relazioni e Creare, modificare o eliminare una relazione.

Fase 1: attività iniziali

  1. Selezionare Dati esterni > Nuova origine dati > Da servizi online > Da Salesforce.

  2. Eseguire una di queste operazioni:

    • Per importare, selezionare Importa dati di origine in una nuova tabella nel database corrente.

    • Per eseguire il collegamento, selezionare Collega all'origine dati creando una tabella collegata.

  3. Scegliere OK.

Fase 2: immettere le credenziali e i parametri della stringa di connessione

Nella finestra di dialogo Microsoft Access - Connetti a Salesforce eseguire queste operazioni:

  1. Immettere un nome utente e la password nelle caselle Nome utente e Password.

  2. Immettere un token di sicurezza nella casella Token di sicurezza.

  3. Facoltativamente, immettere uno o più parametri di connessione nella casella Altri parametri della stringa di connessione.

    Per altre informazioni, vedere Parametri di connessione.

Fase 3: selezionare le tabelle da collegare o importare

  1. Nella finestra di dialogo Collega tabelle o Importa oggetti, in Tabelle, selezionare le singole tabelle da collegare o importare e quindi fare clic su OK.

    Elenco delle tabelle da collegare o importare
  2. In un'operazione di collegamento, decidere se selezionare Salva password.

    Sicurezza    Selezionando questa opzione non sarà necessario immettere le credenziali ogni volta che si apre Access e si accede ai dati. Tuttavia, si archivia una password non crittografata nel database di Access. Questo vuol dire che qualsiasi utente in grado di accedere al contenuto di origine potrà visualizzare il nome utente e la password. Se si seleziona questa opzione, è consigliabile archiviare il database di Access in un percorso attendibile e creare una password per il database di Access. Per altre informazioni, vedere Decidere se considerare attendibile un database e Crittografare un database usando una password di database.

Fase 4: creare specifiche e attività (solo importazione)

Risultati

Al termine di un'operazione di collegamento o di importazione, le tabelle vengono visualizzate nel riquadro di spostamento con lo stesso nome della tabella o della visualizzazione Salesforce. Durante un'operazione di importazione, se tale nome è già in uso, Access aggiunge automaticamente "1" al nome della nuova tabella, ma è possibile rinominare le tabelle con nomi più significativi.

In un'operazione di importazione, Access non sovrascrive mai una tabella nel database. Anche se non è possibile aggiungere dati Salesforce a una tabella esistente, si può creare una query di accodamento per collegare i dati dopo averli importati dati da tabelle simili.

In un'operazione di collegamento, se le colonne sono di sola lettura in una tabella Salesforce, lo sono anche in Access.

Suggerimento    Per vedere la stringa di connessione, posizionare il puntatore sulla tabella nel riquadro di spostamento di Access.

Aggiornare la struttura della tabella collegata

Non è possibile aggiungere, eliminare o modificare colonne né modificare i tipi di dati in una tabella collegata. Se si vogliono apportare modifiche alla struttura, farlo in Salesforce. Per vedere le modifiche alla struttura in Access, aggiornare le tabelle collegate:

  1. Selezionare Dati esterni > Gestione tabelle collegate.

  2. Selezionare ogni tabella collegata che si vuole aggiornare, selezionare OK e quindi selezionare Chiudi.

Parametri di connessione

La tabella seguente descrive i parametri di connessione che possono essere immessi nella casella Altri parametri della stringa di connessione della finestra di dialogo Microsoft Access - Connetti a Salesforce.

Separare due o più parametri con un punto e virgola. Usare gli esempi di sintassi seguenti come guida:

UID=myaccount;BulkBatchSize=9000;UseNumeric=1;

Nome chiave

Descrizione

Valore predefinito

Obbligatorio

PWD

La password corrispondente al nome dell'utente specificato nel campo Nome utente (chiave UID).

Nessuno

UID

Il nome utente dell'account Salesforce.

Nessuno

AutoLogout

Quando questa opzione è abilitata (1), la connessione di Salesforce viene disconnessa quando il driver chiude la connessione.

Quando questa opzione è disabilitata (0), la connessione di Salesforce non viene disconnessa quando il driver chiude la connessione.

1

No

BulkBatchSize

Il numero massimo di righe contenute in una singola chiamata API Bulk durante l'esecuzione di DML. Il valore massimo è 10000.

5000

No

CERTSPATH

Il percorso completo del file PEM contenente certificati CA attendibili per la verifica del server. Se questa opzione non è impostata, per impostazione predefinita il driver usa il file PEM dei certificati CA attendibili installati dal driver

Il file cacerts.pem nella sottocartella \lib nella directory di installazione del driver.

No

METADATALEVEL

Quando questa opzione è abilitata (la chiave è impostata su 1 o LIGHT), il driver recupera i metadati in base a un piccolo campione di dati, invece che da tutti i dati.

Quando questa opzione è disabilitata (la chiave è impostata su 0 o FULL), il driver recupera i metadati in base a tutti i dati.

Deselezionato (0 o FULL)

No

PARSEMETHOD

Il linguaggio di query usato dal driver per l'analisi delle query. Selezionare una delle opzioni seguenti oppure impostare la chiave su uno dei valori tra parentesi:

  • Tentativo di analisi delle query come Solo SOQL (0 o SOQL_ONLY)

  • Tentativo di analisi delle query come Solo SQL (1 o SQL_ONLY)

  • Tentativo di analisi delle query come Prima SOQL, quindi SQL (2 o SOQL_FIRST)

  • Tentativo di analisi delle query come Prima SQL, quindi SOQL (3 o SQL_FIRST)

Tentativo di analisi delle query come Prima SOQL, quindi SQL (2 o SOQL_FIRST)

No

PROXYHOST

Il nome host o l'indirizzo IP di un server proxy tramite cui connettersi.

Nessuno

Sì, se ci si connette tramite un server proxy.

PROXYPORT

Il numero di porta usato dal server proxy per ascoltare le connessioni client.

Nessuno

Sì, se ci si connette tramite un server proxy.

PROXYPWD

La password che si usa per accedere al server proxy.

Nessuno

Sì, se ci si connette a un server proxy che richiede l'autenticazione.

PROXYUID

Il nome utente che si usa per accedere al server proxy.

Nessuno

Sì, se ci si connette a un server proxy che richiede l'autenticazione.

QueryAll

Quando questa opzione è abilitata (1), gli utenti di Salesforce potranno eseguire ricerche per i record eliminati includendo il parametro isDeleted=true.

Quando questa opzione è disabilitata (0), gli utenti non potranno cercare i record eliminati.

0

No

SANITIZECATALOGNAME

Quando questa opzione è abilitata (1), il driver modifica i nomi di catalogo rimuovendo tutti i caratteri dell'identificatore SQL-92 non validi e sostituendo tutti gli spazi con caratteri di sottolineatura.

Quando questa opzione è disabilitata (0), il driver non modifica i nomi di catalogo.

Cancellare (0)

No

URL

L'URL per la connessione a una sandbox Salesforce.

Nessuno

No

UseAnalyticAPI

Quando questa opzione è abilitata (1), il driver esegue i report usando l'API Analytics.

Quando questa opzione è disabilitata (0), il driver esegue i report tramite URL.

Selezionato (1)

No

USELABEL

Quando questa opzione è abilitata (1), il driver usa i nomi dei campi e le etichette di Salesforce per, rispettivamente, i nomi e le etichette dei dati restituiti.

Quando questa opzione è disabilitata (0), il driver usa i nomi dei campi di Salesforce sia come nomi che come etichette dei dati restituiti.

Cancellare (0)

No

UseNumeric

Quando questa opzione è abilitata (1), il driver restituisce i dati come dati SQL_NUMERIC invece che SQL_DOUBLE.

Quando questa opzione è disabilitata (0), il driver restituisce i dati come dati SQL_DOUBLE.

Cancellare (0)

No

UseWVarChar

Questa opzione specifica il mapping dei tipi di dati a SQL. Quando questa opzione è abilitata (1), il driver restituisce i dati come dati SQL_WVARCHAR invece che SQL_VARCHAR.

Quando questa opzione è abilitata (1), il driver restituisce i dati come dati SQL_VARCHAR.

Cancellare (0)

No

Amplia le tue competenze
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per i tuoi commenti e suggerimenti

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×