Autenticazione di SharePoint Online

Office 365 e SharePoint Online possono essere usati da un'ampia platea di clienti con le più svariate esigenze legate a sicurezza e usabilità. Alcuni clienti accettano di buon grado molte richieste di autenticazione se così viene garantita una maggior sicurezza dei dati, mentre altri sono infastiditi quando viene visualizzata una richiesta di accesso, soprattutto quando SharePoint Online dovrebbe già conoscere l'identità dell'utente. Fortunatamente, i clienti non devono scegliere tra usabilità e sicurezza perché al giorno d'oggi vengono sempre fornite insieme in modalità diverse. Microsoft continuerà ad aggiungere altre modalità di integrazione, quindi si consiglia di visitare regolarmente queste pagine per altre informazioni.

Il diagramma seguente mostra l'attuale funzionamento del processo di autenticazione di SharePoint Online. Descrive come funziona lo scenario con il provider di identità dell'utente o con il provider di identità di Azure Active Directory (Azure AD) predefinito.

Il cookie FedAuth (Federation Authentication) viene usato per ogni sito principale in SharePoint Online, ad esempio il sito radice, il sito personale, il sito di amministrazione e il sito pubblico. Il cookie rtFA (root Federation Authentication) viene usato in tutto SharePoint Online. Quando un utente visita un nuovo sito principale o un'altra pagina aziendale, il cookie rtFA viene usato per l'autenticazione invisibile, senza richiesta di conferma. Quando un utente si disconnette da SharePoint Online, il cookie di rtFA viene eliminato.

Processo di autenticazione di SharePoint Online

Cookie di sessione e permanenti

Per impostazione predefinita, tutti i cookie di SharePoint Online sono cookie di sessione. Questi cookie non vengono salvati nella cache dei cookie del browser, ma vengono eliminati ogni volta che viene chiuso il browser. Azure Active Directory fornisce un pulsante "Mantieni l'accesso" durante l'accesso che passa un segnale a Office 365 per abilitare i cookie permanenti. Questi cookie vengono salvati nella cache del browser e vengono conservati anche se il browser viene chiuso o il computer riavviato.

I cookie permanenti hanno un notevole impatto sull'esperienza di accesso perché riducono il numero di richieste di autenticazione visualizzate dagli utenti. I cookie permanenti sono anche necessari per alcune funzionalità di SharePoint Online, ad esempio Apri con Esplora risorse e Unità mappate.

Per altre informazioni sui timeout di sessione, vedere l'articolo Timeout di sessione per Office 365.

Amplia le tue competenze
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per i tuoi commenti e suggerimenti

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×