Analisi di valutazione della migrazione: elenchi abilitati per IRM

Importante :  Il presente articolo è stato tradotto automaticamente, vedere la dichiarazione di non responsabilità. Per visualizzare la versione inglese dell'articolo, fare clic qui.

Informazioni su come ridurre i problemi relativi agli elenchi abilitati per IRM durante la migrazione.

Panoramica

Information Rights Management [IRM] è una funzionalità che consentono di crittografare contenuto quando un utente accede per assicurarsi che non possono essere inoltrata o modificato. I file archiviati in un formato non crittografato in SharePoint. Quando un utente accede a un file in un elenco di protetti tramite IRM, il file sia protetto prima di transito. Il file può essere aperta solo in un'applicazione client IRM supportati, ad esempio Microsoft Office.

Il processo di migrazione IRM coinvolge due componenti principali:

  • Configurare l'ambiente di destinazione per il supporto di Microsoft Azure Active Directory Rights Management.

  • Disabilitare IRM nel sito di origine e destinazione raccolte di SharePoint. Questa operazione è necessaria come utensili migrazione avranno accesso ai file nello stesso modo un utente. Se si abilita IRM sulla fonte, utensili migrazione riceveranno un file crittografato e carica crittografati file all'ambiente di destinazione. Il risultato in un file che non può essere aperto correttamente.

Migrazione dei dati

Impostazioni IRM associate a elenchi e raccolte non vengono migrate. Il processo seguente è necessario abilitare la migrazione utensili per gestire in modo appropriato raccolte protette tramite IRM. Questo processo assicura che il contenuto sia trasferito e accessibile dopo la migrazione.

  1. Disabilitare IRM nell'elenco di origine e di destinazione.

  2. Gli strumenti di migrazione copieranno i file dall'ambiente di origine e li inseriranno nell'ambiente di destinazione.

  3. Abilitare IRM nell'elenco di origine e di destinazione.

Importante : Qualsiasi sito configurato come "Nessun accesso" (bloccato) in SharePoint verrà ignorato. Per visualizzare un elenco di raccolte siti bloccate, vedere l'output di analisi Siti bloccati.

Preparazione per la migrazione

  1. IRM dovrà essere configurato per SharePoint Online.

  2. IRM dovrà essere disabilitato nell'elenco di origine prima dell'evento di migrazione per la raccolta siti.

Post-migrazione

  1. Attivare l'elenco contenuto migrato IRM.

  2. Eseguire i passaggi seguenti per assicurare la protezione dei documenti nelle raccolte protette da IRM.

    • Scaricare un documento da un elenco di protetti tramite IRM.

    • Aprire il documento nel computer client.

    • Se il documento è protetto, si verificherà uno stato visualizzato sotto la barra multifunzione.

Report dei risultati dell'analisi

Nella tabella seguente descrive le colonne nel report IRMEnabledLibrary detail.csv . Il report di analisi contiene elenchi e raccolte che utilizzano IRM abilitato. Se IRM è disattivato nella farm, non è possibile eseguire l'analisi e il file di output indica seguente.

Colonna

Descrizione

SiteId

Identificatore univoco della raccolta siti interessata.

SiteURL

URL della raccolta siti interessata.

SiteOwner

Proprietario della raccolta siti.

SiteAdmins

Elenco di utenti elencati come amministratori raccolta siti.

SiteSizeInMB

Dimensioni dell'insieme di dimensioni in megabyte [MB]

NumOfWebs

Numero di siti Web presenti nella raccolta siti.

ContentDBName

Nome del database del contenuto che ospita la raccolta siti.

ContentDBServerName

SQL Server che ospita i database del contenuto.

ContentDBSizeInMB

Dimensioni del database del contenuto che ospita la raccolta siti.

ListTitle

Titolo dell'elenco o della raccolta con IRM abilitato.

URL

URL della visualizzazione elenco predefinita.

ItemCount

Numero di voci dell'elenco.

ScanID

Identificatore univoco assegnato a una specifica esecuzione dello strumento di valutazione di migrazione di SharePoint.

Nota : Dichiarazione di non responsabilità per la traduzione automatica: Il presente articolo è stato tradotto tramite un software di traduzione automatica e non da una persona. Microsoft offre le traduzioni automatiche per consentire a coloro che non conoscono la lingua inglese di leggere gli articoli sui prodotti, sui servizi e sulle tecnologie Microsoft. Dal momento che l'articolo è stato tradotto automaticamente, potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli.

Amplia le tue competenze
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per i tuoi commenti e suggerimenti

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×