Acquisire dati con il componente aggiuntivo PowerPivot

Nota:  Riteniamo importante fornire il contenuto della Guida più recente non appena possibile, nella lingua dell'utente. Questa pagina è stata tradotta automaticamente e potrebbe contenere errori di grammatica o imprecisioni. L'intento è quello di rendere fruibile il contenuto. Nella parte inferiore della pagina è possibile indicare se le informazioni sono risultate utili. Questo è l' articolo in lingua inglese per riferimento.

In molti casi, l'importazione di dati relazionali tramite il componente aggiuntivo PowerPivot è più veloce ed efficiente rispetto all'utilizzo di una semplice importazione in Excel.

In genere, è facile eseguire:

  1. Rivolgersi a un amministratore di database per ottenere le informazioni per la connessione al database e verificare di avere le autorizzazioni per accedere ai dati.

  2. Se i dati sono relazionali o dimensionali, quindi, ovvero all'interno di PowerPivot, fare clic su Home > Recupera dati esterni > Da Database.

Facoltativamente, è possibile importare da altre origini dati:

  • Fare clic su Home > Da servizio dati se il sono da Microsoft Azure Marketplace o un di dati OData feed di dati.

  • Fare clic su Home > Recupera dati esterni > Da altre origini per scegliere tra l'intero elenco di origini dati.

Nella pagina Scegliere come importare i dati, scegliere se eseguire tutti i dati nell'origine dati o per filtrare i dati. Scegliere tabelle e viste da un elenco o scrivere una query che specifica i dati da importare.

Vantaggi di un'importazione PowerPivot figurano la possibilità di:

  • Escludere i dati non necessari per importare solo un subset.

  • Rinominare tabelle e colonne durante l'importazione dei dati.

  • Incollare in una query predefinita per selezionare i dati restituiti.

  • I provider OLE DB offrono talvolta prestazioni migliori in termini di velocità per dati in larga scala. Quando si sceglie tra provider diversi per la stessa origine dati, provare innanzitutto il provider OLE DB.

  • L'importazione di tabelle dai database relazionali consente di risparmiare alcuni passaggi perché le relazioni di chiave esterne vengono utilizzate durante l'importazione per creare relazioni tra i fogli di lavoro nella finestra di PowerPivot.

  • È possibile risparmiare alcuni passaggi importando più tabelle e quindi eliminando quelle non necessarie. Se si importano le tabelle una alla volta, potrebbe essere ancora necessario creare manualmente le relazioni tra le tabelle.

  • Le colonne in cui sono contenuti dati simili in origini dati diverse costituiscono la base per la creazione di relazioni all'interno della finestra di PowerPivot . Quando si usano origini dati eterogenee, scegliere tabelle con colonne che possono essere mappate alle tabelle in altre origini dati in cui sono contenuti dati identici o simili.

  • Per supportare l'aggiornamento dei dati per una cartella di lavoro pubblicata in SharePoint, scegliere origini dati a cui sia possibile accedere sia da workstation che da server. Dopo avere pubblicato la cartella di lavoro, è possibile configurare una pianificazione dell'aggiornamento dei dati per consentire l'aggiornamento automatico delle informazioni nella cartella di lavoro. L'uso di origini dati disponibili nei server di rete rende possibile l'aggiornamento dei dati.

In Excel fare clic su Dati > Connessioni > Aggiorna tutto per riconnettersi a un database e aggiornare i dati nella cartella di lavoro.

Aggiorna Aggiorna singole celle e aggiungere le righe che sono aggiornati nel database esterno dal momento dell'ultima importazione. L'aggiornamento solo nuove righe e colonne esistenti. Se è necessario aggiungere una nuova colonna nel modello, è necessario eseguire l'importazione tramite i passaggi descritti sopra.

Un aggiornamento è sufficiente ripetuta la stessa query consente di importare i dati. Se l'origine dati non è più nella stessa posizione oppure se vengono rimossi o rinominate tabelle o colonne, non viene eseguito l'aggiornamento. Naturalmente, è comunque mantenere i dati importati in precedenza. Per visualizzare la query usata durante l'aggiornamento dei dati, fare clic su PowerPivot > Gestisci per aprire la finestra PowerPivot. Fare clic su Progettazione > Proprietà tabella per visualizzare la query.

In genere, le autorizzazioni sono necessarie per aggiornare i dati. Se si condivide la cartella di lavoro con altri utenti che vogliono aggiornare i dati, richiedono autorizzazioni almeno di sola lettura per il database.

Il metodo di calcolo in base al quale si condivide una cartella di lavoro consente di verificare se l'aggiornamento dei dati può verificarsi. Per Office 365, è possibile aggiornare dati in una cartella di lavoro viene salvato in Office 365. In SharePoint Server 2013, è possibile pianificare l'aggiornamento automatico dei dati nel server, ma è necessario che PowerPivot per SharePoint 2013 è stato installato e configurato nel proprio ambiente di SharePoint. Contattare l'amministratore di SharePoint per verificare se è disponibile un aggiornamento pianificato dei dati.

È possibile importare dati da una delle numerose origini dati indicate nella tabella riportata di seguito.

PowerPivot in Microsoft Excel 2013 non viene installato il provider di servizi per ogni origine dati. Mentre alcuni provider potrebbe essere già presente nel computer in uso, potrebbe essere necessario scaricare e installare il provider che è necessario.

È anche possibile collegarsi alle tabelle in Excel e copiare e incollare i dati dalle applicazioni, ad esempio Excel e Word che utilizzano un formato HTML per gli Appunti. Per ulteriori informazioni, vedere Aggiunta di dati tramite tabelle collegate Excel utilizzando e copiare e incollare dati in PowerPivot.

Tenere presente quanto segue per quanto riguarda i provider di dati:

  • È anche possibile utilizzare il Provider OLE DB per ODBC.

  • In alcuni casi, mediante il provider OLE DB MSDAORA possono causare errori di connessione, in particolare con le versioni più recenti di Oracle. Se si riscontrano errori, è consigliabile utilizzare uno dei provider elencati per Oracle.

Origine

Versioni

Tipo file

Provider di servizi

Database di Access

Microsoft Access 2003 o versione successiva.

Con estensione accdb o mdb

Provider OLE DB per ACE 14

Database relazionali di SQL Server

Microsoft SQL Server 2005 o versione successiva. Database SQL di Microsoft Azure

(non applicabile)

Provider OLE DB per SQL Server

Provider OLE DB per SQL Server Native Client

Provider OLE DB per SQL Server Native Client 10.0

Provider di dati .NET Framework per SQL Client

SQL Server Parallel Data Warehouse (PDW)

SQL Server 2008 o versione successiva

(non applicabile)

Provider OLE DB per SQL Server PDW

Database relazionali Oracle

Oracle 9i, 10g, 11g.

(non applicabile)

Provider OLE DB Oracle

Provider di dati .NET Framework per il client Oracle

Provider di dati .NET Framework per SQL Server

Provider OLE DB MSDAORA (provider 2)

OraOLEDB

MSDASQL

Database relazionali di Teradata

Teradata V2R6 e V12

(non applicabile)

Provider OLE DB TDOLEDB

Provider di dati .NET per Teradata

Database relazionali di Informix

(non applicabile)

Provider OLE DB per Informix

Database relazionali di IBM DB2

8.1

(non applicabile)

DB2OLEDB

Database relazionali di Sybase

(non applicabile)

Provider OLE DB per Sybase

Altri database relazionali

(non applicabile)

(non applicabile)

Provider OLE DB o driver ODBC

File di testo
connettersi a un File Flat

(non applicabile)

Con estensione txt, tab, csv

Provider OLE DB per ACE 14 per Microsoft Access

File di Microsoft Excel

Excel 97-2003 o versioni successive

Con estensione xlsx, xlsm, xlsb, xltx, xltm

Provider OLE DB per ACE 14

cartella di lavoro PowerPivot
Importare dati da Analysis Services o PowerPivot

Microsoft SQL Server 2008 R2 o versioni successive

Con estensione xlsx, xlsm, xlsb, xltx, xltm

ASOLEDB 10.5

(usato solo con le cartelle di lavoro di PowerPivot pubblicate nelle farm di SharePoint con installato PowerPivot per SharePoint)

Cubo di Analysis Services
Importare dati da Analysis Services o PowerPivot

Microsoft SQL Server 2005 o versione successiva

(non applicabile)

ASOLEDB 10

Feed di dati
Importare dati da un Feed di dati

(utilizzato per importare dati da un report di Reporting Services, documenti di servizio Atom e singoli feed di dati)

Formato Atom 1.0

Qualsiasi database o documento esposto come Windows Communication Foundation (WCF) Data Service (precedentemente ADO.NET Data Services).

Con estensione atomsvc per un documento di servizio che consente di definire uno o più feed

Con estensione atom per un documento di feed Web Atom

Provider di feed di dati Microsoft per PowerPivot

Provider di dati del feed di dati .NET Framework per PowerPivot

Report di Reporting Services
Importare dati da un Report di Reporting Services

Microsoft SQL Server 2005 o versione successiva

Con estensione rdl

File Office Database Connection

Con estensione odc

Documenti server pubblicati, ad esempio i database di Access già pubblicati in SharePoint, ovvero non possono essere importati.

Servono altre informazioni?

È sempre possibile rivolgersi a un esperto nella Tech Community di Excel, ottenere supporto nella community Microsoft o suggerire una nuova caratteristica o un miglioramento in Excel UserVoice.

Amplia le tue competenze su Office
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per il feedback!

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×